GBP / EUR: a tenere banco ancora Brexit, ma anche dati commerciali britannici

La sterlina è scambiata in un range ristretto contro l’euro oggi, con nuove incertezze sul backstop della Brexit e sul confine irlandese che porta a un tasso di € 1,144. Nonostante il movimento limitato, la sterlina rimane vicino al suo miglior tasso di cambio da metà giugno, essendo stata spinta più in alto nei confronti dell’euro dai dati della zona euro deludenti.

I guadagni del tasso di cambio GBP / EUR odierni sono stati limitati dall’ultimo sviluppo del processo Brexit, che ha messo in dubbio l’idea di un accordo di sostegno alla stessa. Per il contesto, il backstop è una misura di emergenza che sarebbe attivata se il Regno Unito se ne andasse l’UE senza un accordo sulla Brexit. È progettato per garantire che non vi siano confini duri tra Irlanda e Irlanda del Nord, anche se l’elaborazione delle condizioni esatte di questo accordo è stata finora problematica.

Il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha contestato i piani attuali per il backstop, in particolare se si tratta di un accordo con un periodo di tempo limitato: “Come governo stiamo lavorando molto duramente per ottenere un accordo, idealmente entro la fine dell’anno, ma una cosa che non possiamo sopportare è l’idea che ci sarebbe un limite di tre mesi sul backstop”.

La sterlina è rimasta nei pressi di un massimo di due settimane contro l’euro oggi, scambiando nella regione di € 1,178. L’apprezzamento arriva sulla scia della riunione della Bank of England (BoE) di giovedì, in cui i politici hanno suggerito che potrebbero esserci ulteriori aumenti dei tassi d’interesse nel 2019.

Forse il più grande punto di interesse della riunione di ieri è stata l’ammissione del Governatore Mark Carney che i tassi di interesse potrebbero essere aumentati se ci fosse un accordo senza Brexit. Dr Carney ha detto: “[I tassi di interesse] potrebbero aver bisogno di essere rafforzati in caso di nessun accordo sulla Brexit.”

Questo suggerimento, insieme alle previsioni per un massimo di tre tassi di interesse del 2019 in caso di un accordo sulla Brexit, ha contribuito ad aumentare la fiducia dei commercianti e ha spinto la sterlina al livello attuale contro l’euro. Vale la pena ricordare che non tutti i responsabili politici hanno preso in considerazione il “rialzo dei tassi se non si concluderà alcun affare”. ING Economist James Smith dice a tal proposito: “In uno scenario di “non-affare “, la BoE ha suggerito che i tassi potrebbero andare in entrambe le direzioni”.

GBP / EUR, l’influenza del crollo dei dati commerciali britannici e della boutade di Di Maio

Oggi la sterlina si sta scambiando intorno allo 0,3 percento rispetto all’euro ad un tasso di € 1,143, in quanto gli investitori digeriscono la notizia che lo slancio nel settore dei servizi del Regno Unito ha rallentato a ottobre. I dati rilasciati questa mattina dalla società di statistiche Markit hanno rivelato che la crescita nel settore dei servizi nel Regno Unito è scesa a un minimo di sette mesi in ottobre, con la ragione principale citata come incertezza intorno alla Brexit.

Sebbene l’attività commerciale nel settore sia aumentata, lo ha fatto al suo ritmo più lento in oltre mezzo anno, con alberghi, ristoranti e servizi per il tempo libero che segnalano il più grande rallentamento. I numeri faranno ben poco per rassicurare gli investitori Sterling e arrivano poco dopo che è stato rivelato che le vendite di auto hanno rallentato di nuovo nel mese. Anche se le vendite di auto di ottobre hanno registrato un calo del 2,9 percento, non è stato niente male come il “carmageddon” del mese precedente che ha mostrato un calo del 20 percento, ed era stato accusato di test europei più severi sulle emissioni introdotte durante l’estate.

Nonostante i dati più deboli riguardo servizi e vendita auto, i mercati non sembrano particolarmente turbati dai dati e la sterlina è aumentata di circa lo 0,3 per cento rispetto all’euro da allora. Invece, i trader della coppia GBP / EUR hanno scelto di concentrarsi sul dramma che circonda l’impasse del bilancio italiano, con il vicepresidente italiano Luigi Di Maio che ha fatto scalpore dicendo che i suoi piani per aumentare le spese e tagliare le tasse potrebbero essere copiati da altri paesi in Europa.

GBP / EUR, si attende anche piano fiscale di Philip Hammond

Il cancelliere britannico Philip Hammond rivelerà i suoi piani fiscali e di spesa per il resto del 2018 e per il 2019, il che rende questo un budget Brexit definitivo. Tra i regali attesi ci sono la continuazione del congelamento dei carburanti, alcuni sgravi fiscali per le piccole imprese e un ampio pacchetto di riparazione stradale. Oltre a essere definito dalla continua saga Brexit, questo bilancio dovrà anche tenere conto della dichiarazione del primo ministro Theresa May secondo cui “l’austerità è finita”. Il PM ha aumentato la pressione da spendere, ma l’incertezza sulla Brexit potrebbe finiscono per rimanere la mano di Mr Hammond.

I servizi pubblici come l’NHS sono visti come particolarmente bisognosi di maggiori finanziamenti, anche se in questo momento resta da vedere se l’onorevole Hammond si impegnerà ad allentare le corde della borsa. Il processo di uscita dall’UE continua si susseguono senza chiari segni di progresso, nonostante la precedente affermazione del Primo Ministro secondo cui i colloqui sono completi al 95%.

Chi è Philip Hammond? E’ un politico conservatore britannico che ricopre il ruolo di Cancelliere dello Scacchiere dal 2016 e Membro del Parlamento (MP) per Runnymede e Weybridge dal 1997. Hammond è nato a Epping, Essex, e ha studiato Filosofia, Politica ed Economia all’University College di Oxford.

Ha lavorato dal 1984 come direttore della società presso Castlemead Ltd – una società di assistenza sanitaria e infermieristica. Dal 1995 al 1997 è stato consigliere del governo del Malawi prima della sua elezione in Parlamento. Nel 2005 è stato promosso sShadow Secretary of State for Work and Pensions, rimanendo in questa posizione fino a un rimpasto del 2007 quando è diventato Segretario Capo dell’Ombra al Tesoro. Dopo la formazione del Governo della Coalizione nel maggio 2010 , è stato nominato Segretario di Stato per i Trasporti e ha prestato giuramento al Consiglio Privato.

Dopo le dimissioni di Liam Fox per uno scandalo dell’ottobre 2011, Hammond è stato promosso a sostituirlo come Segretario di Stato per la Difesa, prima di essere ulteriormente promosso a luglio 2014 per diventare Segretario di Stato per gli affari esteri e del Commonwealth. A luglio 2016, dopo che Theresa May è succeduta a Cameron come Primo Ministro, Hammond è stato nominato Cancelliere dello Scacchiere. Come cancelliere, Hammond ha suggerito che il governo possa iniziare una riduzione delle misure di austerità.

Piattaforme per fare trading sul cambio GBP/EUR

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY