FXCM Broker, è fallito? Come stanno le cose e migliori alternative

Cos’è il Broker FXCM? Come funziona il Broker FXCM? Il Broker è fallito? Cosa succede ora al Broker FXCM? Quali sono le alternative migliori al Broker FXCM?

In questo articolo chiariamo la situazione di questo Broker che sta facendo parlare molto di sé soprattutto per i suoi guai finanziari. Vediamo qual è la sua situazione e cosa rischiano trader iscritti.

Faremo poi il confronto piattaforme affidabili e certificate che conviene usare. Ad esempio pensiamo alla piattaforma col servizio di segnali migliore che è quella di 24option. Si tratta di un broker regolato e di un servizio ottimo che funziona. Per saperne di più vi rimando al sito ufficiale qui.

Broker FXCM cos’è

Fondata originariamente a New York nel 1999, FXCM con sede a Londra è cresciuta rapidamente su entrambe le sponde dell’Atlantico, diventando uno dei più grandi broker Forex in seguito all’acquisizione nel 2010 del gruppo ODL con sede nel Regno Unito.

Le questioni normative sono iniziate un anno dopo, a partire dalle multe innescate dalle accuse di negligenza nello slittamento e finendo con un divieto permanente delle operazioni statunitensi nell’ambito di un accordo di febbraio 2017 con Commodity Futures Trading Commission (CFTC).

Jefferies Financial Group, precedentemente Leucadia National Corp, è entrato come principale proprietario dopo il fallimento del fondatore di FXCM più tardi nello stesso anno, e detiene ancora una partecipazione di maggioranza.

FXCM Broker è una truffa?

Non si può dire che questo Broker sia una truffa. Il broker risulta autorizzato nel Regno Unito, in Australia, in Sudafrica e in diversi paesi dell’UE, fornendo una gamma limitata di cross valutari forex e CFD a clienti retail, professionali e istituzionali.

Attualmente gestisce 10 uffici vendite in 5 continenti, sfruttando le relationship di Jefferies per ripristinare la sua reputazione danneggiata.

Il Broker aderisce ai requisiti della Direttiva sui mercati europei degli strumenti finanziari (MiFID), rivisti ai sensi della MiFID II e della MiFIR nel gennaio 2018 ed è conforme alle normative ESMA che sono entrate in vigore nell’agosto 2018. Tali norme limitano fortemente la leva sulle coppie di forex e CFD durante il mandato protezione del saldo negativo e altre garanzie dei consumatori.

Le impressionanti scelte della piattaforma supportano tutti i tipi di stili di trading e livelli di account. Mentre una solida sezione formativa si concentra principalmente su clienti con competenze inferiori. La sezione di ricerca è meno completa, priva di webinar, video e ricerche di analisti fondamentali.

Certo, occorre anche dire che i costi di trading sono difficili da stimare dalla documentazione del sito, generando problemi di trasparenza sia per i conti trader standard che per quelli attivi. Questa mancanza di divulgazione completa trarrebbe grande vantaggio da molteplici esempi reali e da raffronti dettagliati dei costi chiamati in gergo side-by-side.

FXCM Broker è fallito?

Anche qui non possiamo rispondere con un Sì. Infatti, in realtà ad essere fallita è la holding che controlla il broker: la Global Brokerage Inc. FXCM Inc, ha annunciato che presenterà una richiesta di protezione secondo la normativa del “Chapter 11” ai sensi del Codice Fallimentare degli Stati Uniti, Ciò significa che Global Brokerage ammette pubblicamente che non può far più fronte ai suoi impegni nei confronti dei creditori.

Più precisamente, Global Brokerage detiene il 50,1% di FXCM Group LLC, marchio che a sua volta gestisce un altro marchio: FXCM Retail FX.

In effetti, la mossa era nell’aria da tempo: Global Brokerage ha dovuto affrontare il delisting delle sue azioni dal NASDAQ. Ciò dovrebbe tradursi nel fatto che Global Brokerage dovrebbe riacquistare in contanti obbligazioni per $ 172 milioni. Visto che non possono essere obbligazioni riconvertite in azioni.

Il tutto è il culmine di una situazione di gravi difficoltà per Global Brokerage, le cui azioni hanno subito continui crolli fino alla fine della quotazione del titolo il 30 ottobre. Global Brokerage aveva dinanzi a sé 2 strade: ristrutturare il debito o dichiarare bancarotta. Hanno scelto la prima.

Cosa accade ora? La riorganizzazione di Global Brokerage vedrà il suo debito di $ 172 milioni di titoli convertibili in circolazione scambiati con obbligazioni non convertibili. Inoltre, la società punterà anche a ridurre le spese complessive.

La Global Brokerage prevede di continuare a pagare in toto tutte le richieste di spese amministrative, i crediti fiscali prioritari e le richieste prioritarie, nonché tutti gli obblighi commerciali in atto.

Riepiloghiamo le condizioni del fallimento Global Brokerage (che controlla la maggioranza delle azioni FXCM):

I titoli convertibili saranno scambiati con titoli “regolari” non convertibili a cinque anni, con un tasso di interesse più elevato, il 7% invece del 2,25%. Un modo per convincere gli obbligazionisti ad accettare l’accordo.

FXCM Broker, cosa rischiano trader

Ora, cosa rischiano i trader che hanno un conto sul Broker FXCM? In effetti, fino ad ora abbiamo visto quali siano le beghe finanziarie di Global Brokerage. Ossia, la holding che controlla FXCM.

Purtroppo, occorre ammette che questo Broker versa in guai finanziari già nel gennaio 2015 fu salvato mediante un mega prestito di 300 milioni di dollari.

Eppure stiamo parlando di un Broker tra i più grandi a livello mondiale. Con un volume mensile di transazioni forex pari a $200 miliardi. Inoltre, ha anche regolare licenza in più paesi, quindi non è la solita truffa.

Broker affidabili

Comunque, se state cercando delle valide alternative al Broker FXCM, ne potete trovare certamente. La regola principale resta quella di affidarsi a Broker con regolare licenza, che offrano una serie di servizi utili per il trader:

• Conto demo, che consente agli utenti neofiti di fare pratica senza incassare perdite per la loro poca dimestichezza e agli utenti più esperti di provare in tutta sicurezza nuove strategie

• eBook, libri digitali scaricabili dal Broker stesso per la formazione teorica

• Webinar, seminari virtuali seguibili da remoto

• Grafici, che mostrano l’andamento degli asset in un preciso lasso temporale selezionabile

• Pluralità di asset su cui investire

• Assistenza clienti, facilmente e sempre raggiungibile

• App per fare trading da tablet o smartphone

• Segnali di trading, suggerimenti inviati gratuitamente o a pagamento

• Take profit e stop loss, per impostare una cifra oltre la quale non siete disposti ad andare andare

• CFD, acronimo di Contract for difference, per investire in tutta sicurezza e comodità su tutti i tipi di asset

Di seguito vediamo tre Broker che vale la pena provare come alternativa a FXCM

eToro

Non possiamo non cominciare da eToro, che conta quasi 11 milioni di utenti. Oltre ai servizi prima enunciati, ne troviamo 3 che offre solo questo Broker:

a) Social trading

Una Community che riunisce gli utenti di eToro per ottenere consigli e scambiarsi opinioni.

b) Copy trading

Consente al trader neofita di copiare in maniera automatica i trader migliori. Chiamati non a caso Popular investor. Così da guadagnare pur conoscendo poco o nulla di trading online. I Popolar Trader guadagnano a loro volta una commissione.

c) CopyPortfolio

Rispetto al precedente consente di copiare interi panieri di asset.

Per saperne di più su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Plus500

Plus500 è un altro Broker molto affidabile. E’ anche sponsor dell’Atletico Madrid. Plus500 offre un servizio peculiare: il Centro formazione e conoscenza, dove vengono poste agli utenti alcune domande riguardanti la conoscenza sul trading. Ma anche sulla negoziazione dei CFD.

Plus500 ricorda altresì agli utenti le Avvertenze sui Rischi annessi alla negoziazione dei CFD.

Per saperne di più su Plus500 clicca qui e visita il sito.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

24option

24option è attivo dal 2010 ed è sponsor a sua volta della Juventus. Si lascia apprezzare per 2 servizi in particolare: i segnali di trading e gli ebook.

I primi sono erogati da una società specializzata in materia: Trading Central. Che vanta sedi a Parigi, New York e Hong Kong. Trading Central ha vinto per 9 anni consecutivi il premio come miglior società del settore. Il tutto, pure gratuitamente (per scaricarli vai qui).

Gli ebooks interattivi si distinguono dai tradizionali in quanto sono fruibili tramite il sito stesso.

24Option mette a disposizione sovente dei Webinar, mediante i quali discente e docente possono anche interagire da remoto.

Per provare i servizi di 24option clicca qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY