Fujitsu lascia l’Italia: quali ripercussioni per occupazione

Brutte notizie, le ennesime, per il nostro Paese riguardo l’occupazione. Lo storico marchio Giapponese Fujitsu ha deciso di andarsene dall’Italia. E non solo. Queste le motivazioni della sua scelta: “Allineare il business alle attuali tendenze di mercato che vanno verso i servizi e le soluzioni a valore aggiunto”.

Italia e non solo, quindi. La fuga di Fujitsu riguarda infatti anche Arabia Saudita, Repubblica Ceca, Grecia, Israele, Sudafrica e Turchia. Quindi le aree Europa, Medio Oriente, India e Africa.

Cosa intendono fare i nipponici? Trasformarsi in una “services-oriented company” e concentrarsi in particolare sulla crescita del business.

Il colosso del Sol Levante manterrà la propria presenza diretta in molti altri paesi europei: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Russia, Spagna, Svezia e Svizzera.

Sebbene c’è da esultare fino ad un certo punto, visto che in questi Stati, Fujitsu ridurrà il personale. La divisione Global Service Delivery non sarà coinvolta dalla riorganizzazione ed è attraverso questa che Fujitsu intende seguire i clienti internazionali.

Quindi, Fujitsu abbandonerà anche in Italia la presenza diretta e veicolerà i suoi prodotti solo attraverso il canale. Sebbene, come specifica la società giapponese, nelle zone interessate già l’80 percento dei prodotti venduti transita attraverso il canale dei partner.

Ma quali saranno, nel concreto, le ripercussioni per l’occupazione nel nostro Paese? Secondo fonti sindacali, la riorganizzazione dovrebbe portare alla chiusura delle sedi italiane di Milano e Roma con il conseguente licenziamento di tutti i dipendenti. Nella sola sede di Milano, i posti a rischio sono circa 190. Mentre nel complesso, sommando tutti i paesi coinvolti, i dipendenti licenziati dovrebbero essere circa 1100.

Il processo di riorganizzazione di Fujitsu inizierà nel mese in corso. Speriamo che torni sui propri passi.

Fujitsu chi è

Fujitsu Ltd. è una società multinazionale giapponese di apparecchiature e servizi di tecnologia dell’informazione con sede a Tokyo, in Giappone. Nel 2015, è stato il quarto fornitore di servizi IT al mondo misurato dai ricavi dei servizi IT (dopo IBM, HP e Accenture). Fortune ha chiamato Fujitsu come una delle aziende più ammirate al mondo e una società Global 500.

Fujitsu produce principalmente prodotti informatici, ma la società e le sue filiali offrono anche una varietà di prodotti e servizi nei settori dell’informatica personale, elaborazione aziendale, compresi prodotti server x86, SPARC e mainframe, nonché prodotti di archiviazione, telecomunicazioni, microelettronica avanzata e climatizzazione.

Ha circa 140.000 dipendenti e i suoi prodotti e servizi sono disponibili in oltre 100 paesi. Fujitsu è quotata alla Borsa di Tokyo ed è un componente degli indici Nikkei 225 e TOPIX.

Fujitsu origini

Fujitsu è la seconda società IT più antica dopo IBM e prima di Hewlett Packard, fondata il 20 giugno 1935, con il nome Fuji Telecommunications Equipment Manufacturing, come spin-off di Fuji Electric Company, a sua volta una joint venture tra la Furukawa Electric Company e il conglomerato tedesco Siemens che era stato fondato nel 1923.

Nonostante i suoi collegamenti con lo zaibatsu Furukawa, Fujitsu sfuggì per lo più dall’occupazione alleata del Giappone dopo la seconda guerra mondiale.

Fujitsu storia

Nel 1954, Fujitsu fabbricò il primo computer del Giappone, il mainframe FACOM 100, e nel 1961 lanciò i suoi computer di seconda generazione (transitati) sul mainframe FACOM 222. La serie FACOM230 “5” del 1968 segna l’inizio dei suoi computer di terza generazione. Fujitsu offriva computer mainframe dal 1955 fino almeno al 2002, i prodotti informatici di Fujitsu includevano minicomputer, computer aziendali, server e personal computer.

Nel 1955, Fujitsu fondò la Kawasaki Frontale come società di calcio; La Kawasaki Frontale è stata una squadra di calcio della J. League dal 1999. Nel 1967, il nome della compagnia è stato ufficialmente cambiato in Fujitsū. Dal 1985, la società schiera anche una squadra americana di football americano, la Fujitsu Frontiers, che gioca nella X-League aziendale, è apparsa in 7 Japan X Bowls, vincendone due e vincendo due Rice Bowls.

Nel 1971, Fujitsu firmò un accordo OEM con la società canadese Consolidated Computers Limited (CCL) per distribuire il prodotto di immissione dati di CCL, Key-Edit. Fujitsu è entrato a far parte di ICL, che in precedenza aveva iniziato a commercializzare Key-Edit nel Commonwealth britannico, oltre che nell’Europa occidentale e orientale; e lo staff di direct marketing di CCL in Canada, USA, Londra (Regno Unito) e Francoforte.

Mers Kutt, inventore di Key-Edit e fondatore di CCL, è stato il filo conduttore che ha portato alla successiva associazione di Fujitsu con ICL e Gene Amdahl.

Nel 1986, Fujitsu e l’unità di incubazione aziendale The Queen’s University of Belfast (QUBIS Ltd) hanno costituito una joint venture chiamata Kainos, una società di software privata con sede a Belfast, nell’Irlanda del Nord.

Nel 1990, Fujitsu ha acquisito l’80% della società di computer con sede nel Regno Unito International Computers Limited (ICL) per $ 1,29 miliardi (ICL è stata ribattezzata Fujitsu Services nel 2002).

Nel settembre 1990, Fujitsu annunciò il lancio di una nuova serie di computer mainframe che all’epoca erano i più veloci al mondo. Nel luglio del 1991, Fujitsu acquisì più della metà della società russa KME-CS (Kazan Manufacturing Enterprise of Computer Systems).

Nel 1992, Fujitsu ha presentato il primo display al plasma a colori da 21 pollici del mondo. Era un ibrido, basato sullo schermo al plasma creato presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign e NHK STRL, ottenendo una luminosità superiore.

Nel 1993, Fujitsu ha costituito una joint venture per la produzione di memorie flash con AMD, Spansion. Come parte della transazione, AMD ha contribuito con il suo gruppo di memorie flash, Fab 25 in Texas, le sue strutture di ricerca e sviluppo e impianti di assemblaggio in Tailandia, Malesia e Cina; Fujitsu ha fornito la divisione aziendale sulla memoria Flash e il montaggio finale e le operazioni di collaudo della Fujitsu Microelectronics della Malesia.

Da febbraio 1989 a metà del 1997, Fujitsu ha creato la variante PC FM Towns. È iniziato come una variante di PC proprietario destinata alle applicazioni multimediali e ai giochi per computer, ma in seguito è diventata più compatibile con i normali PC. Nel 1993 è stata rilasciata la FM Towns Marty, una console di gioco compatibile con i giochi FM Towns.

Fujitsu ha accettato di acquisire il 58% di Amdahl Corporation (incluso il gruppo di consulenza DMR con sede in Canada) che non possedeva già per circa $ 850 milioni nel luglio 1997.

Nell’aprile del 1997, la società ha acquisito una quota del 30 percento in GLOVIA International, Inc., un fornitore di software ERP manifatturiero El Segundo, California, il cui software aveva iniziato a integrarsi nei suoi impianti elettronici a partire dal 1994.

Nel giugno del 1999 la connessione storica di Fujitsu con Siemens è stata ripresa, quando le due società hanno accettato di unire le loro operazioni informatiche europee in una nuova joint venture 50:50 chiamata Fujitsu Siemens Computers, che è diventata la quinta azienda produttrice di computer al mondo.

Nell’aprile del 2000, Fujitsu ha acquisito il restante 70% di GLOVIA International.

Nell’aprile 2002 ICL si è rinominata Fujitsu. Il 2 marzo 2004, Fujitsu Computer Products of America ha perso un’azione legale collettiva su hard disk con chip e firmware difettosi. Nell’ottobre 2004 Fujitsu ha acquisito la consociata australiana di Atos Origin, un’impresa di implementazione di sistemi con circa 140 dipendenti specializzati in SAP.

Nell’ottobre 2007 Fujitsu, la consociata australiana e neozelandese, ha acquisito Infinity Solutions Ltd, un’azienda informatica, servizi e società di consulenza informatica con sede in Nuova Zelanda, per un importo non divulgato.

Nel gennaio 2009, Fujitsu ha raggiunto un accordo per vendere il suo business HDD a Toshiba. Il trasferimento dell’attività è stato completato l’1 ottobre 2009.

Nel marzo 2009, Fujitsu ha annunciato di aver deciso di convertire FDK Corporation, all’epoca affiliato al metodo equity, in una filiale consolidata dal 1° maggio 2009 (programma provvisorio) sottoscrivendo un collocamento privato per aumentare il capitale di FDK.

Il 1 aprile 2009, Fujitsu ha accettato di acquisire la partecipazione di Siemens in Fujitsu Siemens Computers per circa EUR 450 milioni. Fujitsu Siemens Computers è stata successivamente ribattezzata Fujitsu Technology Solutions.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY