FTX dona 25$ ai titolari di account Ucraini, ecco come le cripto combattono la guerra Russia – Ucraina

La guerra intrapresa dalla Russia nei confronti dell’Ucraina sta generando paura anche sui mercati internazionali. Le sanzioni economiche annunciate dai paesi e gli alleati NATO avranno ripercussioni anche sulla popolazione.

Anche i futures azionari negli USA sono calati nella giornata di ieri dopo una leggera ripresa. La stessa ripresa è avvenuta nel settore crypto con Bitcoin che è ritornato sulla quota dei 39.000 dollari.

Mentre continuano le lotte militari tra Russia e Ucraina il mondo crypto si sta muovendo per aiutare in modo concreto le popolazioni. un aspetto che deve far riflettere sull’importanza che ha questo settore per l’indipendenza finanziaria ed economica sopratutto nei momenti di crisi.

L’ultima iniziativa è stata lanciata dall’Exchange FTX, uno dei più importanti del settore che sta regalando 25$ agli Ucraini iscritti sulla piattaforma.

Dunque FTX si sta muovendo in concreto con una somma simbolica ma comunque importante in un contesto in cui molti player sono immobili. Dalle notizie che arrivano infatti sembra che la popolazione non possa ritirare soldi dagli ATM. In più si discute dell’esclusione della Russia dal circuito SWIFT, una mossa che potrebbe creare molti problemi ai russi.

Per chi non lo conoscesse FTX è uno dei siti più importanti che consente di negoziare sulle principali criptovalute.

Per saperne di più su FTX potete visitare qui il sito ufficiale.

Cos’è FTX?

L’Exchange FTX è stato creato da un fisico del MIT, Sam Bankman-Fried, nel 2018. Lanciando ufficialmente nel 2019, servendosi dei verdoni di un colosso della finanza: Alameda Research.

Sta riscontrando un grande successo e ha raggiunto volumi di trading davvero elevati. Sebbene sia ancora abbastanza distante dalla diretta concorrenza, come Binance almeno in Italia.

Tuttavia, vanta comunque un colume di scambi di quasi due miliardi di dollari al giorno, e, come detto, proprio una delle dirette concorrenze ha volto il suo sguardo interessato su di essa: Binance. Il che lascia presagire una crescita futura.

👍 ExchangeFTX
✅ TipologiaExchange di criptovalute
👍 TecnologiaPiattaforma Web e App mobile
💻 CaratteristicheCommissioni basse / Usabilità / Strumenti professionali
🥇Come iniziareApri il tuo account gratuito su FTX

Per saperne di più potete consultare la nostra guida su come funziona FTX.

Le donazioni di Bitcoin arrivano a 1 milione

Il fondatore di FTX, Sam Bankman-Fried, ha espresso tutta la sua solidarietà verso il popolo ucraino con il suo sostegno ai titolari di conto dopo l’invasione Russa.

Ecco il tweet ufficiale con cui è stato annunciato l’aiuto:

Il tweet ha ricevuto numerose condivisioni e likes. Ci sono state, inoltre, donazioni di Bitcoin all’esercito russo che sono arrivate quasi a 1 milione di dollari. Lo stesso fondatore di FTX aveva posto l’accento sul conflitto e sui suoi effetti nel settore finanziario.

La guerra potrebbe destabilizzare anche le valute tradizionali portando le persone a porsi il problema nei casi di crisi e a pensare a soluzioni di pagamento alternativo, come ad esempio le criptovalute.

Anche il fondatore di Ethereum, Vitalik Buteri, si era espresso nei giorni precedenti in modo contrario alla guerra criticando tutte le mosse di Putin. Vedremo come si evolverà la situazione nelle prossime settimane e quali ripercussioni avrà sui mercati.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti con le previsioni sul prezzo. Naturalmente seguiremo in prima linea lo sviluppo del conflitto Russia – Ucraina e le implicazioni che potranno avere nel settore crypto.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.