Forex, l’importanza delle medie mobili

forex-media-mobili

Esistono tre livelli di analisi nel Forex: tecnica, fondamentale, emotiva. La prima, quella tecnica, è di gran lunga la più complessa ma anche, se realizzata bene, la più redditizia. Si tratta essenzialmente di ricavare alcuni dati, elaborarli e, a partire da queste attività, interpretare l’andamento del mercato.

La materia prima dell’analisi tecnica è composta dagli indicatori. Tra questi figurano le medie mobili. Sono molto diffuse tra i trader perché facili da rintracciare e da utilizzare.

Che cosa si intende per media mobile?

Semplicemente, la media mobile è una linea che attraversa il grafico e si sovrappone alla rappresentazione dei valori di un dato asset (che può essere a barre, a linee o a candele). Questa linea è formata ovviamente da dei punti. Ciascuno di questi è ricavato dalla media – da qui il nome media mobile – dei valori che l’asset ha assunto nel periodo precedente. Quest’ultimo (il periodo) può essere lungo o meno lungo, ma raramente supera i tre mesi.

Esistono vari tipi di media mobile e vari utilizzi, sebbene si assomiglino tutti, almeno per ciò che concerne il principio di base.

La media mobilie può essere veloce o lenta. Una media mobile è veloce, quando si considera un periodo breve, che non deve superare i trenta giorni. Una media mobile, di contro, è lenta quando si considera un periodo lungo, che non deve essere inferiore ai due mesi.

La “velocità” della media mobile è una voce da tenere d’occhio quando si ha a che fare con la media mobile doppia. Questa si ha quando nel grafico si possono apprezzare due linee. Entrambi sono medie mobili, ma una è veloce e una è lenta.

Qual è l’utilizzo delle medie mobili? Sostanzialmente, fungono da segnale. Un segnale che è in grado di suggerire, con un margine di errore dopotutto abbastanza ridotto, il “destino” dell’asset o, nel caso del Forex, di una coppia. Ecco cosa ciò comporta nel dettaglio.

Se si pone a segnale l’andamento di una media mobile, avremo un segnale ribassista quando la media mobile si interseca dall’alto verso il basso con il valore dell’asset di riferimento. Di contro, avremo un segnale rialzista se la media mobile si interseca dal basso verso l’alto con il valore dello stesso asset in questione.

Discorso simile per le medie mobili doppie. L’unica differenza è che l’intersezione non si registra tra media mobile e valore, ma tra le due medie mobili che, ricordiamo, sono una lenta e una veloce.

Quindi, se l’intersezione tra le due medie avviene dal basso verso l’alto, siamo di fronte a un segnale rialzista; se l’intersezione viene dall’alto verso il basso siamo di fronte a un segnale ribassista.

Le medie mobili doppie, se utilizzate come descritto appena sopra, rappresentano un segnale molto affidabile. Più affidabile delle medie mobili “semplice”, che comunque permettono di fare trading con un discreto margine di sicurezza.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY