Forex, consigli tecnici e comportamentali

forex-consiglio

Il Forex è uno strumento finanziario che sta riscuotendo un certo successo anche in Italia. Merito dei guadagni che, a determinate condizioni, possono essere facili, dell’accessibilità e dell’adrenalina che sono capaci di dare.

Il Forex è però anche uno strumento pericoloso, che può bruciare anni di sacrifici in poco tempo. Ci sono alcune derive, ad esempio, che i neofiti spesso non sono capaci di evitare, come il prendere il Forex Exchange Market a mo’ di gioco d’azzardo.

Se non siamo di fronte a una scienza, poco ci manca. Si tratta comunque di una pratica che ha le sue tecniche, i suoi manuali, le sue strategie. Sono tanti, ovviamente, i consigli che possono essere dati a un trader che ha da poco iniziato a fare trading di valute. Eccone qualcuno di natura tecnica e comportamentale.

Usate lo stop loss. Si tratta di una sorta di barriera che lo stesso trader imposta. Al di là di questa, non è possibile spendere. E’ un buon modo per precludersi, a mente fredda, la possibilità di dilapidare le proprie risorse. Spesso, infatti, la frenesia “da rilancio” fa perdere lucidità al principiante.

Non esagerate con la leva. Questa è uno strumento potentissimo ma, al contempo, anche fatale. Non utilizzate la leva massima e soprattutto non abbinatela a una base tale da impegnare buona parte del capitale. Si può guadagnare molto, certo, ma anche perdere moltissimo.

Non impegnate un capitale eccessivo. Una delle regole d’oro, accettata in maniera unanime da tutti i trader di buon senso, è quella del 2%, che impone di non impegnare una quota di capitale superiore a quella percentuale.

Non aprite posizioni opposte al trend principale. Se il cambio eur-usd viaggia al rialzo, non “giocate” per il ribasso. In genere, nell’arco di una giornata, i cambi di rotta sono veramente rari. Dunque, rischiereste di perdere.

Seguite i grafici, trascurate le news. I grafici sono chiari e non possono essere fraintesi. Le news, invece, richiedono una certa capacità di interpretazione che, sicuramente, almeno all’inizio in pochi possiedono. Leggete comunque le notizie, in modo da creare in voi quell’abilità interpretazione che fungerà un domani da integrazione.

Non aprite posizioni a ridosso di eventi importanti. Alcuni eventi possono esercitare un impatto fortissimo sul mercato delle valute. Impatti eccezionali e, soprattutto, imprevedibili. Per eventi, sia chiaro, si intendono anche le dichiarazioni di personalità importanti. Ricordiamo solo l’effetto ribassista – sempre dell’eur-usd – che ha avuto l’annuncio del taglio del tasso di riferimento allo 0,25%. Certo, era prevedibile che una manovra del genere avrebbe portato a una leggera svalutazione dell’euro, ma assolutamente imprevedibile era il “quanto”.

Studiate. Sembra un consiglio da vecchia professoressa, ma è un consiglio da seguire. Il Forex richiede una profonda conoscenza nell’interpretazione dei segnali e dei grafici. Solo la dedizione, la conoscenza e l’esperienza permettono a un trader di guadagnare molto.

Imponetevi una ferrea disciplina. Molti trader sono ex marines. Questo la dice lunga sulla necessità della disciplina quando si fa Forex. Disciplina nello stop loss, disciplina nell’utilizzo della leva, calma e sangue freddo quando si cominciano a gestire grossi capitali.

  • Fabrizio Leone

    Buongiorno, un libro di testo utile per studiare sul forex?