Forex broker con spread bassi: ecco la nostra classifica

Quali sono i Broker Forex con lo spread più basso? Cos’è lo spread dei Broker? Come scegliere i Broker Forex con lo spread più basso? Come funziona il Forex?

Prima di rispondere a queste domande, partiamo col dire cosa sia il Forex. Si tratta di un abbreviativo di Foreign exchange market, traducibile in Scambio di valuta estera. Viene anche chiamato in modo ancora più abbreviato FX o mercato valutario.

A chi legge questi termini per la prima volta, può sembrare un mondo complesso, basato su chissà quale artifizi. In realtà, nient’altro è che il mercato dove si incontrano le varie valute dei singoli Stati e vengono scambiate. Dai loro diversi prezzi, che nasce il guadagno dei trader.

Nato nel 1971, per dare una risposta al sempre crescente scambio tra valute sorto dal Dopoguerra e in sostituzione dell’ormai anacronistico Bretton Woods, è il più grande mercato del Mondo dal punto di vista delle transazioni.

Il motivo è presto detto: ingloba gli scambi che intercorrono tra importanti istituzioni bancarie, banche centrali, speculatori valutari, imprese multinazionali, stati centrali e altri mercati finanziari ed istituzioni. Mentre i trader retails costituiscono solo una parte molto marginale.

Grazie ai dispositivi mobili, il Forex è cresciuto esponenzialmente negli ultimi 10 anni. Se già a fine anni 2000, il Wall Street Journal stimò il volume quotidiano del Forex in oltre i mille miliardi di dollari, oggi quella cifra è quadruplicata. Ciò dovuto proprio all’accesso di massa nel Forex, da parte dei succitati trader retails.

Ciò ha però anche aumentato esponenzialmente il rischio di incappare in truffe. Messe a punto da truffatori sotto forma di piattaforme fasulle che promettono guadagni veloci e lauti basati su fantomatici algoritmi automatici.

Per poi scoprire che in realtà questi guadagni non sono realizzati ed è difficile pure rientrare in possesso dei propri capitali immessi. In quanto queste piattaforme sono gestite da società con sede nei cosiddetti Paradisi fiscali, chiamati tali in quanto offrono protezione fiscale e giudiziaria a chi vi porta i propri capitali e la propria residenza.

Una volta subita la truffa, l’unica carta da giocarsi è quella di chiedere uno storno da parte della società emittente della carta con cui si è caricato il conto. O del circuito con cui si è effettuata la transazione, come PayPal o Skryll.

Tuttavia, bisogna sempre denunciare il maltolto subito, perché solitamente la società creditizia vuole una copia della denuncia esposta.

Per ovviare a ciò, occorre affidarsi a Broker con regolare licenza Consob, l’autorità italiana preposta al controllo dei mercati finanziari. Fondata due anni dopo il Forex. O di altre autorità, come la cipriota CySEC, la britannica FCA, l’americana SEC, l’australiana ASIC, e così via.

Oltre alla questione sicurezza, però, è importante anche affidarsi a Broker Forex con basti costi di commissione e Spread. Di seguito vediamo quali sono.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading forex è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker etoro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Forex Broker, perché è importante Spread basso

Perché è importante uno Spread basso nel Forex? In quanto questa è una voce inevitabile di spesa, essendo il guadagno principale di un Broker. Si tratta di una percentuale sottratta da una vincita.

Certo, un Broker può applicare anche delle commissioni, come sui prelievi, sulle lunghe giacenze, sui segnali di trading e altri servizi che offre. E per scegliere un Broker occorre valutare tutte le voci che vanno a gravare sul nostro conto. In genere sono sintetizzati in tabelle molto chiare. O, almeno, così dovrebbe fare una piattaforma che si dice trasparente.

Uno Spread basso è importante in quanto i Broker sanno bene che sono sempre più i trader retails, che si avvicinano al Forex tramite app per smartphone o tablet. E sanno anche bene che molti tra loro iniziano con capitali molto limitati. In genere poche centinaia di euro. Quindi imporre costi elevati rischia di lasciare fuori quanti si informano bene sui costi di trading.

Spread nel Forex cos’è

Cos’è lo Spread applicato da un Broker? La parola Spread è entrata a far parte della vulgata popolare a partire dalla seconda metà 2011, quando impennava giorno per giorno e i Tg ci bombardavano di continue notizie a dir poco apocalittiche sui nostri risparmi. A Napoli, ad esempio, crearono anche un botto con quel nome. Mantenendo la tradizione di affibbiare un nome ad un botto dedicato ad un fenomeno del moemnto.

Se però quello Spread si riferiva alla differenza tra il titolo tedesco (il Bundt) e il titolo italiano (Btp), lo spread di un Broker Forex è la differenza tra il prezzo bid e il prezzo ask di una coppia di valute scambiata sul mercato forex.

Cos’è il prezzo bid e il prezzo ask? Il prezzo bid è il prezzo al quale il dealer è disposto ad acquistare uno strumento finanziario. Il prezzo ask è quello al quale il dealer è disposto a vendere uno strumento finanziario.

L’addebito avviene o nella fase di acquisto o in quella di vendita della diade valutaria.

Forex Broker coppie con Spread più bassi

Quali sono le coppie con Spread più bassi? Non esiste una regola fissa sui costi da applicare allo Spread di ogni cambio. I Broker hanno facoltà di scegliere le proprie, sebbene, essendo un mercato altamente concorrenziale con tanti players in campo, in genere cercano di mantenere i prezzi più competitivi possibili.

Comunque, solitamente i due valori estremi entro i quali rientrano gli spreads dei Broker vanno da 2 a 10.

in linea di massima, comunque, se proprio vogliamo rispondere alla domanda di cui sopra, generalmente le coppie maggiormente oggetto di transazioni, sono quelle con gli Spread più bassi. Si pensi a EUR/USD a GBP/USD. Parliamo delle tre valute considerate più importanti al Mondo: Euro, Dollaro e Sterlina. Anche se è facile notare che il Dollaro statunitense ci sia sempre.

Gli spread, inoltre, possono variare a seconda della tipologia di conto che viene aperto dall’utente. Infatti, molti Broker prevedono diversi tipi di account, in base ai capitali immessi inizialmente sul conto. I quali, più sono alti, più danno diritto ad investimenti maggiori.

Ci sono Broker che però offrono un solo account, così come Broker che offrono fino a 5 accounts diversi.

Detto ciò, vediamo di seguito tre Broker che per il rapporto Spread-servizi offerti, sono molto validi.

Broker con spread bassi: eToro

Quali sono i migliori Forex Broker con gli spread più bassi? Partiamo da eToro (clicca qui per il sito ufficiale). Partiamo col dire che il Broker eToro non addebita alcuna commissione di deposito o di trading, a parte lo spread.

Questo Broker, che vanta circa 11 milioni di iscritti, addebita $25 di commissione per i prelievi e l’importo minimo per il prelievo è $50. Le posizioni long (ACQUISTA) senza leva di criptovaluta, azioni e ETF non vengono eseguite come CFD e non comportano alcuna commissione.

Per vedere nel dettaglio la tabella completa degli spreads applicati da eToro, invitiamo a recarvi sulla pagina ufficiale del Broker.

eToro si lascia apprezzare per alcuni servizi unici. Come il Social trading, autentico Social dove i trader iscritti possono confrontarsi e scambiarsi opinioni e suggerimenti.

Il Copy trading consente ai trader neofiti di copiare i trader più esperti e quindi già guadagnare. I trader esperti ci guadagnano a loro volta, chiamati Popular trader.

Infine, offre il Copyportfolios, servizio che permette di copiare interi panieri di asset collegati alla stessa categoria. Gestiti da algoritmi automatici raffinati supervisionati da tecnici esperti.

Per aprire un account gratis su eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Broker con spread bassi: 24option

Il secondo Broker che citiamo è 24option (clicca qui per il sito ufficiale), noto forse a molti calciofili essendo sponsor da alcuni anni della Juventus.

Come si può notare, ogni account premette il deposito di un certo importo e comporta vincite più alte, ma, ovviamente anche spreads e commissioni più alte.

Per visionarle, vi rimandiamo alla pagina ufficiale di 24option.

24option, da parte sua, offre due servizi molto interessanti. I segnali di trading della società premiata per 9 anni di seguito, Trading Central. E gli ebooks interattivi, fruibili sulla piattaforma stessa.

Per ricevere gratuitamente i segnali di trading clicca qui.

Forex Broker con Spread bassi: Plu500

Chiudiamo questa carrellata di Broker CFD con spread bassi con Plus500 (clicca qui per saperne di più). Anch’esso forse riconosciuto dai calciofili essendo sponsor da alcuni anni dell’Atletico Madrid.

Da parte sua, Plus500 è molto attento alla sicurezza dei propri trader. Tanto da sottoporli ad un test sul trading e sui CFD in sede di registrazione.

Lo spread è incluso nei tassi della quotazione di Plus500 e non è un addebito o costo ulteriore che paghi al di là dei tassi quotati.

Per vedere lo spread applicato da questo Broker (che opera esclusivamente con i CFD) per uno strumento specifico, devi eseguire i seguenti passaggi:

  • Accedi al conto
  • Cerca uno strumento specifico
  • Clicca sull’icona Dettagli (i) e scorri verso il basso nella sezione Informazioni

Per aprire un account gratuito su Plus500.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.