Fondo americano lancia Opa su Recordati a 28 euro per azione, il prezzo del titolo si allinea

Azioni Recordati ancora in caduta libera (-3,99%) a quota 28,63 euro, ma ancora sopra il prezzo, pari a 28 euro, dell’OPA proposta dal fondo d’investimento americano CVC Capital Partners.

È di Lunedì 2 Luglio la notizia che gli azionisti di maggioranza di Fimei SPA ed un consorzio di fondi controllato da Capital Partners hanno raggiunto un accordo per la cessione di circa il 51,8% del gruppo farmaceutico italiano. L’ammontare dell’operazione prevede un esborso di circa 3 miliardi di euro, di cui 2,3 miliardi di euro al momento del closing ed i rimanenti 750 milioni verranno pagato attraverso strumenti finanziari di debito subordinati di lungo termine.

La legge italiana, prevede che una volta concluso il passaggio di mano del pacchetto di maggioranza venga lanciata un’Offerta Pubblica di Acquisto rivolta agli azionisti di minoranza. Dalle indiscrezioni dell’ultima ora si è appreso che l’Amministratore Delegato, Andrea Recordati, sarebbe restio a vendere, mentre sembra che il fondo CVC sia disposto a consentire che la famiglia Recordati possa reinvestire nella società con delle partecipazioni di minoranza e che agli stessi sia concesso di ricoprire dei ruoli operativi all’interno dell’azienda.

Molti analisti, tuttavia, ritengono che il prezzo offerto dalla cordata di fondi americani non sia congruo con il reale valore della società. Con molte probabilità non tutti i piccoli azionisti consegneranno le azioni in loro possesso. La partita, quindi, potrebbe anche non chiudersi definitivamente con un prezzo di OPA a 28 euro.

Il prezzo obiettivo del titolo Recordati, sulla parte alta del consensus, si aggira intorno ai 37 euro, per cui, oltre che ai fondamentali, d’ora in poi si dovrà guardare anche alla componente speculativa, nel caso in cui si assista ad un ritocco al rialzo del prezzo dell’Offerta Pubblica di Acquisto.

Andamento azioni Recordati sul breve-medio periodo


Come anticipato tra le righe del paragrafo precedente, il titolo Recordati si sta nuovamente riallineando al prezzo proposto dall’OPA, in area 28 euro. Tuttavia le componente speculativa, come accaduto in altre occasioni di Offerta Pubblica di Acquisto, continuerà a giocare un ruolo determinante per il prezzo delle azioni, finché non si arriverà al closing dell’operazione.

Al ribasso, pericolosa una discesa sotto la soglia dell’OPA, quindi, area 28 euro, poiché potrebbe verificarsi una nuova accelerazione ribassista in area 27 euro, con possibili affondi in area 26 euro.

Al rialzo, invece, la prima resistenza di brevissimo passa in area 28,90-29 euro, la cui rottura potrebbe favorire un ritorno in area 30 euro. Sentiment di breve-medio periodo che invece rimarrà improntato al ribasso finché le quotazioni si troveranno al di sotto delle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni che, come visibile sul grafico giornaliero, in alto, convergono tra i 32,05 euro dell’EMA a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico) ed i 32,40 euro dell’EMA a25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico).

Pattern di trading titolo Recordati (REC.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di allungo oltre 28,92€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 29,10 e 29,38 euro; stop loss in caso di discesa sotto 28,18€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 29,38€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 29,57€ e successivamente a 29,82€; stop loss in caso di ritorno sotto 28,92€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 29,82€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 30,01 e 30,47 euro, estesi a 30,65€; stop loss in caso di ritorno sotto 29,57€ in close orario o giornaliero.Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 26,91€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 27,08€ ed in seconda battuta a 27,27€, esteso a 27,56€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 26,65€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 28,18€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 28 e 27,73euro; stop loss in caso di ritorno oltre 28,92€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 27,73€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 27,56€ e successivamente a 27,27€; stop loss in caso di ritorno sopra 28,18€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 27,27€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 27,13 e 27,08 euro, estesa a 26,91€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 27,56€ in close orario o daily. Ed ancora, short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 30,65€, per sfruttare eventuali correzioni prima a 30,47€ e successivamente a 30,01€,estese a 29,57€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 31€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY