Fondi obbligazionari: cosa sono, come funzionano, se conviene investire

obbligazioni

Cosa sono i fondi obbligazionari? Come funzionano i fondi obbligazionari? I fondi obbligazionari sono una truffa? A chi convengono i fondi obbligazionari? Quali sono i rischi di investire in un fondo obbligazionario? Quali sono i vantaggi di investire in un fondo obbligazionario? Quali sono gli svantaggi di investire in un fondo obbligazionario?

In questo articolo vediamo cosa sono questa particolare forma di fondi comuni di investimento. I quali investono solo in obbligazioni o titoli di Stato. Pertanto, essi possono investire sui bond emessi da società private, ma anche sulle obbligazioni rilasciate da uno Stato sovrano.

La loro scadenza è sempre superiore ai 3 anni. I quali vanno computati a partire dall’acquisto del bond. In virtù di ciò, si escludono le obbligazioni a brevissimo termine. Intendendo per essi quelli con durata sotto appunto i 3 anni.

Sommario

Fondi obbligazionari cosa sono

Cosa sono i fondi obbligazionari? Un fondo obbligazionario è un fondo investito principalmente in obbligazioni e altri strumenti di debito. L’esatto tipo di debito investito dal fondo dipenderà dalla sua attenzione. Ma gli investimenti possono includere obbligazioni governative, societarie, municipali e convertibili, oltre ad altri titoli di debito come i titoli garantiti da ipoteca (MBS).

Un fondo obbligazionario è anche riferito come un fondo di debito.

Fondi obbligazionari come funzionano?

Come funzionano i fondi obbligazionari? Un fondo obbligazionario è semplicemente un fondo comune che investe esclusivamente in obbligazioni. Per molti investitori, un fondo obbligazionario è un modo più efficiente di investire in obbligazioni rispetto all’acquisto di singoli titoli obbligazionari.

A differenza dei singoli titoli obbligazionari, i fondi obbligazionari non hanno una data di scadenza per il rimborso del capitale, pertanto l’importo principale investito può variare di volta in volta. Inoltre, gli investitori partecipano indirettamente agli interessi pagati dai titoli obbligazionari sottostanti detenuti nel fondo comune di investimento. I pagamenti degli interessi sono effettuati mensilmente e riflettono il mix di tutte le diverse obbligazioni del fondo, il che significa che la distribuzione del reddito da interessi varierà mensilmente.

Un investitore che investe in un fondo obbligazionario sta mettendo i suoi soldi in un pool gestito da un gestore di portafoglio. Tipicamente, un gestore di fondi obbligazionari compra e vende in base alle condizioni di mercato e raramente detiene titoli fino alla scadenza. La maggior parte dei fondi obbligazionari comprende un certo tipo di obbligazioni, come obbligazioni societarie o governative, e sono ulteriormente definiti da un periodo temporale a scadenza. come a breve termine, a medio termine ea lungo termine.

Alcuni fondi obbligazionari comprendono solo obbligazioni sicure, come i titoli di stato. Gli investitori devono tenere presente che i titoli di stato statunitensi sono considerati di alta qualità creditizia e non sono soggetti a rating.

I fondi obbligazionari sicuri, come quelli emessi dal Tesoro, hanno lo svantaggio di offrire rendimenti bassissimi. Altri fondi investono solo nella categoria più rischiosa delle obbligazioni, cioè obbligazioni ad alto rendimento o spazzatura. I fondi obbligazionari che investono in tipi più volatili di obbligazioni tendono ad offrire maggiori rendimenti potenziali.

Tuttavia, altri fondi obbligazionari hanno un mix di diversi tipi di obbligazioni al fine di creare opzioni di classe multi-asset. P

Investendo in un fondo obbligazionario, un investitore deve solo pagare il rapporto di spesa annuale che copre le spese di gestione marketing, amministrative e professionali, rispetto all’acquisto di più obbligazioni separatamente e la gestione dei costi di transazione associati a ciascuna. I fondi obbligazionari offrono una diversificazione immediata per gli investitori per un investimento minimo richiesto. Ciò in quanto un fondo di solito ha un pool di diverse obbligazioni con scadenze diverse, l’impatto delle prestazioni di un singolo titolo è ridotto se tale emittente non dovesse pagare interessi o capitale.

Un altro vantaggio di un fondo obbligazionario è che fornisce accesso a gestori di portafogli professionali che hanno l’esperienza per ricercare e analizzare il merito di credito degli emittenti di obbligazioni e le condizioni di mercato prima di acquistare o vendere dal fondo.

Ad esempio, un gestore di fondi può sostituire obbligazioni quando il credito dell’emittente viene declassato o quando l’emittente “chiama” o paga l’obbligazione prima della data di scadenza.

Fondi obbligazionari, cos’è il NAV

I fondi possono essere venduti in qualsiasi momento per il loro valore patrimoniale netto corrente del mercato (NAV ), che può comportare un guadagno o una perdita in conto capitale.

Le obbligazioni individuali possono essere più difficili da scaricare. Da un punto di vista fiscale, alcuni investitori in aliquote fiscali più elevate potrebbero scoprire di avere un rendimento al netto delle imposte più elevato da un investimento in fondi obbligazionari municipali invece di un investimento in fondi obbligazionari tassabili.

A causa della relazione inversa tra tassi di interesse e prezzi delle obbligazioni , un titolo obbligazionario a lungo termine ha un maggior rischio di tasso d’interesse rispetto a un prestito a breve termine. Pertanto, il NAV dei fondi obbligazionari con scadenze a lungo termine avrà un forte impatto dalle variazioni dei tassi di interesse. Questo, a sua volta, influirà sulla quantità di reddito da interessi che il fondo può distribuire ai suoi partecipanti mensilmente.

NAV sta per Net Asset Value ed è dato dalla somma algebrica del valore di tutte le attività presenti al netto di eventuali passività. Per poterlo calcolare, è quindi necessario essere a conoscenza della quantità e dei prezzi di mercato di ciascuno strumento finanziario e di ciascuna attività in cui risulta investito il patrimonio.

La SGR può effettuare la valutazione del NAV in maniera autonoma. O conferire questo compito alla banca depositaria. La frequenza con cui viene effettuata tale valutazione è indicata nel Regolamento del fondo, ma per la maggior parte dei fondi comuni di investimento essa avviene con cadenza giornaliera.

Se nel patrimonio del fondo sono presenti strumenti finanziari quotati su un mercato regolamentato, la valutazione potrà far riferimento ai prezzi di mercato. In caso contrario, la SGR o la banca depositaria hanno l’obbligo di definire tecniche e procedure di valutazione appropriate in funzione delle tipologie di beni in cui risulta investito il patrimonio.

Suddividendo il NAV di un fondo così calcolato per il numero di quote in circolazione si ottiene il valore unitario di ciascuna quota. Il valore della quota deve essere comunicato al pubblico con la periodicità indicata nel Regolamento del fondo che, per la maggior parte dei fondi comuni, è quella giornaliera.

Ciò diventa importante per l’investitore che così è in grado capire il valore effettivo del suo investimento.

Occorre però sapere che esiste un ritardo temporale tra quando il SGR o, la banca depositaria, effettuano la valutazione del NAV e della quota, in confronto a quando viene comunicata tale informazione all’investitore. Non a caso, i quotidiani che si occupano di riportare questo valore, riportano anche la relativa data della valutazione.

Fondi obbligazionari rischi

Quali sono i rischi di investire in fondi obbligazionari? Per molti investitori, un fondo obbligazionario è un modo più efficiente di investire in obbligazioni rispetto all’acquisto di singoli titoli. I fondi comuni di investimento obbligazionario sono proprio come i fondi comuni di investimento azionario in quanto si mettono i soldi in un pool con altri investitori, e un professionista investe quel pool di denaro in base a ciò che ritiene essere le migliori opportunità.

Alcuni fondi obbligazionari mirano a imitare l’ampio mercato, investendo in obbligazioni a breve ea lungo termine da una varietà di emittenti, come il governo degli Stati Uniti, le agenzie governative, le società e altri titoli più specializzati. Gli altri fondi obbligazionari si concentrano su una fetta più ristretta del mercato obbligazionario, come un fondo del Tesoro a breve termine o un fondo corporate high yield.

Se il mandato del fondo è ampio o ristretto, i fondi obbligazionari investono in molti titoli diversi, spesso comprando e vendendo in base alle condizioni del mercato e raramente detiene obbligazioni fino alla scadenza, quindi è un modo più semplice per ottenere la diversificazione anche con un piccolo investimento.

I pagamenti del reddito sono effettuati mensilmente e riflettono il mix di tutte le diverse obbligazioni del fondo e il programma di pagamento di ciascuno. In quanto tale, la distribuzione può variare da un mese all’altro. Tutti i fondi comuni di investimento hanno spese operative che comprendono i costi di gestione di un fondo.

Alcuni hanno costi di vendita, o carichi, che vengono detratti dall’importo dell’investimento iniziale. Alcuni fondi possono addebitare una commissione di rimborso per le azioni vendute entro un determinato periodo di tempo. Altri possono richiedere una piccola quota annuale del conto. Assicurati di essere a conoscenza di tutte le spese prima di investire.

Ogni fondo di investimento non deve possedere nel proprio portafoglio più del 10% di uno stesso bond. Così da praticare il solito consiglio della diversificazione degli investimenti. Il fondo obbligazionario è quindi costretto a diversificare ed inserire diversi titoli all’interno del proprio portafoglio.

Un altro rischio è legato alla valuta del fondo obbligazionario. Nel caso di obbligazioni in euro per esempio è necessario stare attenti ad eventuali rialzi dei tassi di interesse della BCE, dato che questi potrebbero incidere sul valore della moneta unica europea. Infine vi è il rischio legato ai tassi di cambio.

Fondi obbligazionari vantaggi

Quali sono i vantaggi dei fondi obbligazionari? Ecco i principali:

  • Gestione: I gestori di fondi forniscono una gestione dedicata e risparmiano il singolo investitore dalla ricerca sull’affidabilità creditizia dell’emittente, sulla scadenza, sul prezzo, sul valore nominale, sulla cedola, sul rendimento e su innumerevoli altri fattori che influenzano l’investimento obbligazionario.
  • Diversificazione: i fondi obbligazionari investono in molte obbligazioni individuali, cosicché anche un investimento relativamente piccolo è diversificato, e quando un’obbligazione sottoperformante è solo una delle molte obbligazioni di un fondo, il suo impatto negativo sul portafoglio complessivo di un investitore viene ridotto.
  • Reinvestimento automatico del reddito: in un fondo, i proventi di tutte le obbligazioni possono essere reinvestiti automaticamente e costantemente aggiunti al valore del fondo.
  • Liquidità: è possibile vendere azioni in un fondo obbligazionario in qualsiasi momento senza tener conto delle scadenze delle obbligazioni.

Fondi obbligazionari svantaggi

Quali sono gli svantaggi di investire in Fondi obbligazionari? I seguenti:

  • Commissioni: i fondi obbligazionari in genere applicano una commissione, spesso come percentuale dell’importo totale dell’investimento. Questa commissione non è applicabile alle obbligazioni detenute singolarmente.
  • Dividendi variabili: i pagamenti di dividendi su fondi obbligazionari non possono essere fissati come nel caso di pagamenti di interessi di obbligazioni detenute singolarmente, il che porta a potenziali fluttuazioni del valore dei pagamenti di dividendi.
  • NAV variabile: il Valore patrimoniale netto (NAV) di un fondo obbligazionario può variare nel tempo, a differenza di un singolo prestito obbligazionario in cui il prezzo totale di emissione verrà restituito alla scadenza (a condizione che l’emittente dell’obbligazione non sia inadempiente).

Conviene investire in Fondi obbligazionari?

Per rispondere a questa domanda, occorre dapprima sapere che ogni fondo di investimento ha un indice di mercato, che misura l’andamento del “sottostante” dove il fondo stesso investe. Tale dato è possibile trovarlo nel prospetto del fondo e viene definito benchmark. Esso è il termine di paragone con cui confrontare il rendimento che effettivamente si è ottenuto.

Quindi, per capire se davvero conviene investire in fondi, non bisogna limitarsi a valutare quanto essi hanno reso in valore assoluto, ma occorre rapportare il rendimento del fondo a quello del proprio benchmark.

Possono così emergere tre situazioni diverse legate alla performance del fondo:

  • è maggiore rispetto a quella del benchmark
  • è uguale a quella del benchmark
  • è inferiore a quella del benchmark

Il terzo caso significa che il fondo è inefficiente e va sostituito con un prodotto migliore, che costa meno. Inoltre, non bisogna aspettare che il mercato recuperi prima di cambiare un fondo inefficiente. Infatti, esso

offrirà sempre performance inferiori del mercato in cui investe a prescindere dalla direzione presa da quest’ultimo.

Pertanto, anche nel caso in cui il mercato risalga, il fondo finirà sempre per guadagnare di meno. Inutile poi dire cosa accade se il mercato è in perdita.

In tanti si chiedono, dunque, se investire in fondi obbligazionari nel 2019 convenga ancora. Per rispondere a questa domanda, si può citare uno studio eseguito da Jack Bogle sul mercato Usa su un lunghissimo periodo: 117 anni, che vanno dal 1900 al 2017.

In tale lasso di tempo, le obbligazioni hanno superato le azioni in 42 anni (il 36% delle volte, ossia in media un anno ogni 3). Nei 112 quinquenni le obbligazioni hanno “battuto” le azioni 29 volte (il 26% del tempo ossia un quinquennio ogni 5). Nei 103 periodi di 15 anni le obbligazioni hanno superato le azioni per 13 volte (il 12% delle volte ossia un quindicennio su 10 circa).

Da ciò si evince che su periodi brevi come un anno, c’è una alternanza più frequente sul podio. A causa della erraticità dei rendimenti azionari, le obbligazioni possono essere un investimento addirittura migliore, soprattutto quando il mercato azionario storna.

Siamo al solito discorso. Se si scelgono investimenti sicuri, allora è chiaro che il rendimento si riduce. Viceversa, se puntiamo su investimenti “audaci”, rischieremo di più ma avremo rendimenti migliori.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY