Fisco: reddito medio italiano in aumento dell’1,3%

Da quanto è emerso dal consueto rapporto prodotto dal Tesoro relativo alle dichiarazioni Irpef del 2016, i redditi medi degli italiani hanno avuto un incremento dell’1,3% salendo a quota 20.690.

Dall’analisi delle buste paga del 2015 su cui si concentra il resoconto, il bonus di 80 euro attivato proprio nel 2015, spetta a 11,2 milioni di cittadini per un totale di 9 miliardi di spesa con un’assegnazione media di 800 euro.

Del bonus ne usufruiscono pienamente coloro che arrivano ai 24mila euro di reddito e diminuisce fino ad azzerarsi nei redditi che superano i 26mila, in sede di dichiarazione infatti chi ha cumulato dei redditi supplementari ha dovuto provvedere alla restituzione integrale mentre in 765mila casi si è provveduto ad un rimborso parziale.

Sommario

Fasce salariali

Il rapporto del Fisco i contribuenti sotto la soglia dei 15mila euro di reddito annuo è del 45%, dai quali viene prodotto il 4,5% dell’Irpef per un ammontare di 155,2 miliardi. Il 49% dei contribuenti compone la fascia di reddito tra i 15 e 50mila euro, dalla quale arriva il 57% dell’Irpef, solo il 5,2% quindi dichiara più di 50.000 mila euro per il 38% del totale Irpef. Infine è presente una piccola fascia che guadagna più di 300mila euro all’anno e alla quale spetta di versare il contributo di solidarietà del 3%, per un ammontare complessivo di 294milioni.

Lavoratori autonomi: reddito medio più alto

Per quanto riguarda la tipologia di lavoratori, gli autonomi producono il reddito medio più elevato ovvero pari a 38.290 euro, i lavoratori dipendenti invece arrivano a coprire la fascia intermedia con 20.660 euro, i pensionati superano di poco la soglia più bassa con un reddito di 16.870 euro. In leggero calo i redditi medi dei lavoratori dipendenti con un -0,2%.

I risultati regionali posizionano la Lombardia al primo posto con 24.520 di reddito complessivo, a seguire la Provincia Autonoma di Bolzano con 22.860 euro, infine la Calabria con il redditto più basso 14.780 euro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY