Fisco: in arrivo la Flat Tax per gli stranieri ricchi

Approfittando del clima di incertezza a seguito della Brexit, l’Italia punta ad attirare i “Paperoni” stranieri con la Flat Tax, ossia convincerli a stabilire la residenza entro i confini nazionali usufruendo di un’agevolazione fiscale.

L’imposta fissa è stata introdotta nell’ultima Legge di Bilancio ed è attiva sin da subito e prevede per i ricchi stranieri che verranno a vivere nel nostro paese, il pagamento di un importo forfettario pari a 100.000 euro all’anno, nel caso in cui avessero un coniuge e dei figli (con redditi separati), quest’ultimi potranno beneficiare della stessa agevolazioni, versando 25.000 euro, per entrambi i soggetti il periodo garantito è 15 anni.

Migrazione post-Brexit

L’operazione “attira-paperoni” non è una strategia nuova, da anni altri paesi sono impegnati ad attirare le attività finanziare degli stranieri benestanti, Regno Unito, Portogallo, Spagna sono solo alcuni esempi. L’obbiettivo è che oltre alle persone nel nostro paese arrivino anche le loro attività economiche, tuttavia per evitare il rischio che se ne abusi, i nuovi residenti devono essere in possesso di determinati requisiti: la super-agevolazione verrà concessa solo a coloro i quali abbiano pagato, entro i 10 anni precedenti, almeno 9 anni le tasse all’estero.

Gli stranieri ricchi vogliono venire in Italia?

Secondo il fondatore di ImmobilSarda e sostenitore della nuova legge fiscale, Giancarlo Bracco, i nuovi ricchi asiatici, sudamericani ed est-europei, sarebbero spinti dalla voglia di trasferirsi in Occidente perché rispetto ai paesi natii la qualità della vita è migliore e l’Italia ha raggiunto il terzo posto tra le mete ideali. Non bisogna dimenticare che il nostro paese è già stato scelto da personaggi ricchi sia inglesi che americani, come ad esempio Sting nonché intellettuali e scrittori di fama mondiale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY