Fiat Chrysler: la Panda non sarà più italiana

L’Ad Sergio Marchionne ha comunicato durante la conferenza stampa tenutasi al Salone dell’auto di Ginevra, che il gruppo Fiat Chrysler non produrrà più la nuova Panda in Italia nel 2019-2020, ma niente paura per i lavoratori, nello stabilimento di Pomigliano verranno prodotti i modelli Alfa o Maserati.

La Panda dunque verrà realizzata altrove, sicuramente stando alle dichiarazioni di Marchionne, oltre i confini italiani anche se al momento non ha indicato nessun luogo ufficiale (si suppone a Tychy in Polonia).

Alfa o Maserati

Altre auto del segmento premium verranno dunque realizzate a Pomigliano, probabilmente o i modelli Alfa o Maserati,  l’Ad ha affermato che “Alfa ha un grande futuro” con risultati che non tarderanno ad arrivare (2018-2019) e “siamo già soddisfatti delle performance ottenute da Giulia e Stelvio, ora completeremo la gamma”.

Di tutt’altro avviso invece per il modello Lancia, Marchionne non ha trovato progetti convincenti per il suo rilancio pertanto ha deciso di accantonarla per evitare di “creare pasticci”.

Jeep Compass

Nel frattempo è stato presentato in anteprima a Ginevra il nuovo modello Jeep Compass, prodotto in Brasile, India, Cina e Messico, ma che potrebbe rappresentare una soluzione per il mercato europeo anche se il responsabile Jeep, Mike Manley, ha dichiarato che al momento non ci sono indicazioni in tal senso, tuttavia vedrebbe il sito di Melfi nel quale sono presenti le linee di montaggio di Jeep Renegade e Fiat 500X.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY