Fiat Chrysler all’attacco: 7 milioni di auto entro il 2018

accordo-fiat-chrysler-2014

I successi in Italia e all’estero del gruppo Fiat Chrysler si concretizzeranno con l’obbiettivo lanciato dall’azienda per conquistare fette ancora più grandi di mercato: produrre 7 milioni di vetture entro il 2018. I mercati da conquistare sono quello americano e quello pacifico, Cina in testa dove ieri è partita la produzione della nuova Jeep Cherokee, con lo stabilimento di Changsha che riuscirà a fornire in 275 mila vetture l’anno. Lo stesso stabilimento produce la Fiat Ottimo e Fiat Viaggio, tutti modelli offerti sul mercato del drago asiatico.

Gli Stati Uniti invece avranno le Jeep, le Chrysler e le Dodge, marchi che riescono a fatturare volumi alti nel paese delle stelle e strisce anche se i brand italiani trovano i loro estimatori nelle fasce alte, dove l’estetica del Bel paese colpisce la fantasia con le Maserati, le Alfa e anche le Fiat.

Le novità

Allora le novità si annunciano su tutti i marchi per ampliare il mercato, magari approfittando dei recenti sviluppi del Dieselgate.

Saranno 4 i nuovi modelli del tutto nuovi da lanciare: la Grand Wagooner, un nuovo modello della Wrangler, una nuova Jeep Subcompact e una nuova Compass.

Nelle gamme già esistenti debutterà la Grand Cherokee Trackhawk con motore 6.2 Hellcat da 707 Cv già montato sulla SRT.

Per quel che riguarda la Dodge il gruppo vuole proporre una versione sportiva della Dart, con il turbo da 300 Cv. La Challenger Drag Car nota anche come ADR avrà una sua versione stradale, mentre la Barracuda si vestirà della versione coupé. Infine nuova Durango SRT con motore 6.2 Hemi.

Sul fronte Chrysler il gruppo propone la versione americana della Lancia Voyager, la monovolume Town & Country anche in versione ibrida. Ancora di ispirazione Fiat la Chrysler 100, una piccolina per il mercato americano sullo stile europeo e poi l’Aspen, anche se il nome è provvisorio, un nuovo SUV realizzato grazie al progetto della Jeep Grand Wagoneer.
Il gruppo farà inoltre affidamento sugli immancabili (per il mercato americano) pick-up Ram.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY