Ferrari: in arrivo il nuovo SUV e obiettivo raddoppio utili

Il sì di Marchionne al futuro progetto di produrre e realizzare il progetto di un SUV a marchio Ferrari.

A Maranello, in occasione della presentazione dei risultati finanziari conseguiti nel secondo trimestre del 2017, il Presidente Sergio Marchionne ha confermato la news, vociferata nei giorni scorsi, in merito alla possibile ed alla futura produzione di un SUV a quattro posti a marchio Ferrari.

Ferrari: ecco la conferma del progetto del SUV

Marchionne ha confermato, nonostante avesse smentito nei mesi scorsi, la possibilità per la casa di Maranello di mettere in produzione un SUV.

In effetti il noto brand con il “cavallino rampante” sarebbe già attualmente al lavoro sul prototipo di un nuovo modello che non sarà però il “classico” SUV che richiama quelli già presenti sul mercato.

Il Presidente ha commentato che “La vettura ancora non esiste e non è stata ancora presa una decisione per costruirla. Il punto è se gli ingegneri Ferrari possono trovare una chiave Ferrari per produrre un utility vehicle con le caratteristiche proprie di una Ferrari, nello stile Ferrari”.

Ci tratta di una nuova strategia commerciale per casa Ferrari: la casa di Maranello potrà soddisfare le esigenze dei guidatori che amano circolare con un SUV, piuttosto che a bordo di un’auto dalla linea sportiva e grintosa, come una “classica” Ferrari rampante.

Con il nuovo modello di SUV a marchio Ferrari, anche coloro che non amano le auto sportive, potranno guidare una Ferrari, distante dalle sportive a cui siamo abituati.

Si parla di una Ferrari “meno estrema” e dalle conferme di Marchionne, si immagina un modello con un’altezza media, anche se gli ingegneri sono a lavoro per progettare il primo prototipo.

Per quando si attende il debutto del nuovo Suv Ferrari? Ancora nulla di certo ma, secondo rumors, si attende il debutto per il 2021/2022. Si dovrà attendere il prossimo Investor Day previsto per 2018, in occasione della presentazione del Piano Industriale.

Secondo le indiscrezioni, per i prossimi esercizi contabili, Casa Ferrari vorrebbe (e potrebbe!) raddoppiare gli utili. Per raggiungere tale obiettivo target, la casa automobilistica di Maranello potrebbe puntare a segmenti di clientela nuovi.

Secondo Bloomberg, la nota multinazionale operativa nel settore dei mass media con il suo quartier generale nella Grande Mela, le vendite di casa Ferrari potrebbero raggiungere le 15.000 unità annuali entro il 2021.

Per quanto concerne le ipotesi di vendita sul nuovo progetto del SUV a marchio Ferrari, potrebbe raggiungere un quantitativo di ordinativi davvero interessante, si stima una cifra di 2.500 unità all’anno. In effetti, il brand del “cavallino rampante” ha chiuso il primo semestre 2017 all’insegna di una performance davvero brillante, quindi le stime e gli obiettivi futuri che auspica a raggiungere la casa automobilistica di Maranello sono davvero promettenti.

Performance brillante in casa Ferrari: l’utile “corre”

Il 2 agosto 2017, Ferrari ha pubblicato i risultati contabili brillanti e straordinari relativi a primo semestre chiuso il 30 giugno 2017: si prospetta “un altro grande anno”.

Ecco gli highlights pubblicati:

  • consegne totali pari a 2.332 unità, in aumento di 118 unità (+5,3%)
  • ricavi netti cresciuti a Euro 920 milioni, in aumento del 13,5% (+12,8% a cambi costanti
  • EBITDA (Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation and Amortization) o Margine Operativo Lordo pari a Euro 270 milioni, con un margine che attualmente si colloca al 29,4%
  • EBIT (Earnings Before Interest and Taxes) pari a Euro 202 milioni, incremento del margine che si colloca al 21,9%
  • utile netto in aumento del 30% pari a Euro 136 milioni
  • indebitamento industriale netto si è ridotto a Euro 627 milioni dal 31 dicembre 2016, «grazie alla generazione di un forte free cash flow industriale, nonostante la distribuzione ai possessori di azioni ordinarie pari a 120 milioni di euro».

Il Presidente Marchionne commenta «Sono soddisfatto di questi risultati, continuiamo a fare progressi».

E’ il momento di fare trading sul titolo Ferrari ?

Possiamo vedere le quotazioni al rialzo attuali del titolo FERRARI qui sotto:

Ferrari V12 e V8: i modelli che “corrono” sul mercato delle vendite

La casa automobilistica di Maranello spiega che «Questo risultato è stato trainato da un aumento del 36% delle vendite dei modelli a 12 cilindri (V12), mentre quelle dei modelli a 8 cilindri (V8) sono state sostanzialmente in linea con l’anno precedente. La forte performance dei modelli V12 è stata guidata dalla GTC4Lusso e da LaFerrari Aperta, andamento in parte compensato dalla performance della F12berlinetta e della F12tdf, che sta concludendo il suo ciclo di produzione limitato”.

Inoltre, Ferrari ha annunciato che deve essere lanciata sul mercato la nuova 812 Superfast e si prevede una lista d’attesa che va oltre il 2018. Insomma, per il futuro di Ferrari altro che “rosso”!

Per il corrente esercito fiscale, Ferrari prevede e conferma il seguente outlook prospettico: 8.400 consegne, incluse le hypercar, ricavi netti oltre 3,3 miliardi di euro, EBIT superiore ai 950 milioni di euro. L’indebitamento industriale netto è previsto in calo a 500 milioni, «inclusa una distribuzione ai possessori di azioni ordinarie ed esclusi potenziali riacquisti di azioni».

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY