Fed: la Yellen conferma il rialzo graduale dei tassi, ok dal mercato

Janet Yallen, numero uno della Fed, conferma l’attuale politica dei tassi di riferimento e fornisce alcune indicazioni sul futuro della politica monetaria americana. Lo ha fatto durante la conferenza post FOMC, appuntamento tradizionalmente utile per fare il punto della situazione. Il governatore della Federal Reserve ha dichiarato che, di fronte ai rischi per l’outlook, i quali suggeriscono una crescita globale più lenta del previsto, si rende necessario un aumento graduale dei tassi di riferimento.

Parallelamente, ha lanciato un avvertimento importante: nel caso in cui le condizioni diventassero favorevoli, la Fed sarebbe in grado di cambiare rotta in modo repentino, sfruttando al massimo la nuova congiuntura economica. Per adesso, a pesare è soprattutto l’inflazione, ancora ben al di sotto del 2%, la crisi delle economie emergenti, la debolezza dell’Europa (che sta rispondendo con una politica monetaria molto aggressiva).

Yellen Fed

Fed Tassi: la reazione dei mercati

Il mercato ha reagito molto bene ai toni da “colomba” del presidente della Fed. Evidentemente, un aumento graduale dei tassi, e non sostenuto, viene ritenuta la risposta più adatta per contrastare una congiuntura economica poco favorevole a livello globale.

L’euro-dollaro, per esempio, nella giornata del 29 marzo ha fatto segnare un rialzo, con un massimo intraday di 1,1271. Segno più anche per gli indici Dow Jones e S&P 500 (rispettivamente +0,22% e +0,31%). Scendono i rendimenti dei bond biennali e decennali, che fanno segnare uno 0,81% e un 1,81%. Le indicazioni sono quindi positive. A queste condizioni, è difficile che Janet Yallen cambi idea sulla politica monetaria.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here