FCA, Peugeot interessata ad un ingresso: i particolari

La Borsa, si sa, è molto sensibile. E non a caso il titolo Fiat Chrysler Automobiles è scattato in avanti subito a Piazza Affari sull’ipotesi di un interesse da parte del gruppo francese Psa. Che ricordiamo controlla i marchi Peugeot, Citroen, DS, Opel e Vauxhall.

In particolare, a parlare di questa ipotesi è stato Robert Peugeot. Il suo gruppo, mediante le finanziarie di famiglia Ffp e Epf, detiene una quota del 12,2% del capitale del gruppo.

A fargli eco nelle scorse settimane, al Salone di Ginevra, è stato il Ceo di Pegeout Carlo Tavares. Sebbene abbia al contempo precisato che Psa non è alla ricerca spasmodica di un partner.

A quanto pare, il gruppo francese punta ad un ingresso in FCA per puntare sul mercato americano.

Psa ha concluso il 2018 con un utile netto “record” pari a 2,83 miliardi di euro, in rialzo del 47% rispetto al 2017. Anche i ricavi sono aumentati del 18,9% a 74,03 miliardi di euro. E ciò lo si deve a vendite boom spinte dall’integrazione dei marchi Opel e Vauxhall acquistati entrambi nel corso dell’estate di due anni fa.

Il gruppo ha immatricolato nel mondo 3,88 milioni di veicoli, abbandonando però l’Iran dopo l’embargo imposto dagli Stati Uniti. Inoltre, occorre tener presente anche il forte calo di vendite del settore auto che si sta consumando in Cina. Quindi, malgrado la chiusura di questi mercati, le vendite sono andate comunque bene.

Nel 2018, inoltre, Fsa ha vantato un rendimento operativo tra i migliori del comparto auto. Mentre l’anno prima aveva rilevato marchi in perdita.

A beneficiarne anche la casa tedesca Opel, da 19 mesi sotto la gestione francese. Infatti, nel 2018 ha fatto registrare un utile operativo di 859 milioni di euro. Cosa che non accadeva da inizio 2000.

Come detto, la famiglia Peugeot, mediante le holding Ffp e Epf, detiene il 12,23% di Psa. La medesima quota detenuta dal gruppo cinese Dongfeng e dalla banca pubblica francese Bpifrance.

I tre soci sono legati da un accordo che scade nel 2024. Che impedisce a ciascuno di essi di salire nel capitale di Psa senza l’accordo degli altri e della stessa casa auto.

Piattaforme per fare trading su FCA e PSA

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Psa sta dunque vivendo una nuova vita, dopo il terribile biennio 2012-14.

Il 29 febbraio 2012,PSA ha annunciato la creazione di una grande alleanza con General Motors (GM), in quanto GM è diventato il secondo azionista della PSA, dopo la famiglia Peugeot, con una partecipazione del 7%. L’alleanza aveva lo scopo di consentire un risparmio di $ 2 miliardi all’anno attraverso la condivisione di piattaforme, acquisti comuni e altre economie di scala.

Nel luglio 2012, un funzionario del sindacato ha affermato che PSA Peugeot Citroën avrebbe tagliato il 10% (8.000- 10.000) della forza lavoro francese di 100.356 dipendenti con contratto a tempo indeterminato e temporaneo.

Il 24 ottobre, il PSA ha detto che era vicino a un accordo con le banche creditrici per 11,5 miliardi di euro (14,9 miliardi di dollari) di rifinanziamento e aveva ottenuto garanzie statali per 7 miliardi di euro in

Il CEO Philippe Varin afferma che “Citroën e Peugeot sono troppo vicine”, quindi ha in programma di posizionare i modelli Citroën C-line inferiori a Peugeot con i modelli DS sopra Peugeot. Il 12 dicembre Nel 2013, General Motors annunciò che vendeva la sua partecipazione del 7% in PSA Peugeot Citroën al gruppo multimilionario Padmapriya Automobile Investment Group.

Nel 2014, Dongfeng Motor Group, il partner cinese che costruiva automobili PSA in Cina, e il governo francese presero ciascuno un 13% di partecipazione in PSA, in un’operazione di salvataggio finanziario, riducendo la quota della famiglia Peugeot dal 25% al 14%

Psa chi è

Groupe PSA (conosciuto legalmente come Peugeot SA, noto come PSA Group in inglese, precedentemente noto come PSA Peugeot Citroën dal 1991 al 2016) è un produttore francese multinazionale di automobili e motocicli venduti con i marchi Peugeot, Citroën, DS, Opel e Vauxhall.

Peugeot è il più grande marchio di PSA in Europa e nel mondo. Il PSA è quotato alla Borsa di Parigi Euronext ed è di nuovo un componente dell’indice CAC 40 (2015) dopo essere stato rimosso nel 2012.

A partire dal 2016, PSA ha iniziato a delineare una strategia che comportava la rapida espansione dell’azienda, attraverso l’espansione geografica e le acquisizioni di altre società automobilistiche. PSA ha annunciato l’intenzione di entrare nei mercati indiano, americano, canadese, ASEAN e in altri mercati nei prossimi anni.

Avviato a Rueil-Malmaison, il PSA, con vendite di 3,78 milioni di unità, nel 2018 è stato il secondo produttore automobilistico in Europa.

PSA storia

Nel dicembre 1974, Peugeot S.A. acquisì una quota del 38,2% di Citroën. Il 9 aprile 1976 hanno aumentato la loro quota della società in bancarotta all’89,95%, creando così il Gruppo PSA (dove PSA è l’abbreviazione di Peugeot Société Anonyme), diventando PSA Peugeot Citroën.

Dal momento che Citroën aveva due nuovi progetti di successo sul mercato in quel momento (GS e CX) e Peugeot era tipicamente prudente nelle proprie finanze, l’impresa PSA fu un successo finanziario dal 1976 al 1979.

Verso la fine del 1978, PSA acquistò la fallimentare Chrysler Europa (che era stata Rootes e Simca) dalla confusa società madre statunitense per un valore nominale di US $ 1,00, più l’assunzione di debito in sospeso, portando a perdite per il consorzio dal 1980 al 1985.

Sono stati necessari ulteriori investimenti perché PSA ha deciso di creare un nuovo marchio per l’entità per i disparati modelli francesi e britannici, basato sull’ultima auto sportiva Talbot vista negli anni ’50. Da allora in poi, l’intera gamma Chrysler / Simca fu venduta con il marchio Talbot fino alla produzione di autovetture con marchio Talbot nel 1987 e su veicoli commerciali nel 1992.

Tutto questo investimento causò seri problemi finanziari all’intero PSA gruppo; PSA ha perso denaro dal 1980 al 1985. Nel 1987, la società ha abbandonato il marchio Talbot per le autovetture quando ha cessato la produzione della Horizon sviluppata da Simca; la Samba e la Alpine / Solara erano state sospese un anno prima. Quello che sarebbe stato il Talbot Arizona divenne la Peugeot 309, con l’ex stabilimento Rootes nello stabilimento Ryton e Simca a Poissy che fu consegnato all’assemblea Peugeot dall’ottobre 1985.

La produzione di Peugeot a Ryton fu significativa, poiché segnalò la prima volta che PSA costruiva auto nel Regno Unito (l’assemblaggio di auto a Ryton si fermò nel 2006 e l’impianto fu chiuso). Il nome Talbot sopravvisse per un po ‘di più sui veicoli commerciali fino al 1992, prima di essere completamente accantonato. Dal 1987 al 1995, lo stabilimento di Ryton produsse anche la berlina Peugeot 405.

Andamento FCA in Borsa

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY