FCA crea 6500 nuovi posti di lavoro negli Usa: le congratulazioni di Trump

La casa automobilistica FCA sta investendo $ 4,5 miliardi per costruire un nuovo impianto di assemblaggio a Detroit e aggiungere la produzione in cinque stabilimenti in Michigan già esistenti. Creando così circa 6.500 nuovi posti di lavoro.

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha confermato di investire un totale di $ 4,5 miliardi in cinque dei suoi Michigan impianti già esistenti. E lavorare con la città di Detroit e lo stato del Michigan sulla costruzione di un nuovo impianto di assemblaggio entro i limiti della città.

La mossa aumenterebbe la capacità di soddisfare la crescente domanda dei suoi marchi Jeep e Ram, compresa la produzione di due nuovi prodotti spaziali a marchio Jeep e di modelli elettrificati. I progetti proposti creerebbero circa 6.500 nuovi posti di lavoro. Le azioni di impianto descritte nell’annuncio di oggi rappresentano i prossimi passi di un riallineamento manifatturiero statunitense che FCA ha avviato nel 2016.

In risposta a un cambiamento nella domanda dei consumatori verso SUV e camion, la società ha interrotto la produzione di auto compatte e la riorganizzazione in Illinois, Ohio e Michigan per sfruttare appieno la capacità disponibile di espandere i marchi Jeep e Ram. Queste azioni hanno portato al recente lancio della pluripremiata Jeep Wrangler e alla nuovissima Ram 1500. Nonché all’introduzione del nuovo membro della famiglia Jeep, il nuovissimo Jlad Gladiator, alla Los Angeles Auto 2018 del Los Angeles Show.

“Tre anni fa, FCA ha creato un corso per accrescere la nostra redditività basata sulla forza dei marchi Jeep e Ram, riallineando le nostre operazioni di produzione negli Stati Uniti”, ha dichiarato Mike Manley, CEO di FCA NV.

“L’annuncio di oggi rappresenta il prossimo passo verso questa strategia. Permette a Jeep di inserire due segmenti di spazio bianco che offrono importanti opportunità di margine e consentirà nuovi prodotti elettrificati Jeep. Tra cui almeno quattro veicoli ibridi plug-in e la flessibilità per produrre veicoli completamente elettrici a batteria.”

La città di Detroit ha 60 giorni per soddisfare i termini di un Memorandum of Understanding (MOU), che richiede l’acquisizione di proprietà critiche per l’esecuzione del progetto Mack. Gli investimenti aggiuntivi sono soggetti al negoziato di successo e all’approvazione finale dei pacchetti di sviluppo con lo stato e altri governi locali.

Piattaforme per investire sul titolo FCA

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Quali saranno gli investimenti di FCA negli Usa

FCA prevede di investire 1,6 miliardi di dollari per convertire i due impianti che compongono il Mack Avenue Engine Complex nel futuro sito di assemblaggio per la prossima generazione di Jeep Grand Cherokee. Oltre a un nuovissimo SUV Jeep full-size a tre file e modelli ibridi plug-in (PHEV), aggiungendo 3.850 nuovi posti di lavoro a supporto della produzione.

La società ha annunciato l’intenzione di avviare la costruzione del nuovo stabilimento di Detroit entro la fine del secondo trimestre del 2019 con i primi veicoli a tre file che dovrebbero uscire dalla linea entro la fine del 2020. Seguiti dal nuovissimo Grand Cherokee in la prima metà del 2021.

Anche in questo annuncio, il Jefferson North Assembly Plant avrebbe ricevuto un investimento di 900 milioni di dollari per riorganizzare e modernizzare la struttura per la costruzione della Dodge Durango e della nuova generazione Jeep Grand Cherokee. FCA prevede di creare 1.100 nuovi posti di lavoro a Jefferson North.

Il rinato impianto di Mack sarà il primo impianto di assemblaggio che verrà costruito nella città di Detroit in quasi tre decenni. Nel 1991, Jefferson North è stato l’ultimo nuovo impianto di assemblaggio costruito nella città. Una volta completato, Mack si unirebbe a Jefferson North come gli unici impianti di assemblaggio automobilistici che si trovassero completamente entro i limiti della città di Detroit.

I motori Pentastar – 3.6, 3.2 e 3.0 litri – attualmente costruiti a Mack I sarebbero stati trasferiti nel Dundee Engine Plant come parte di un investimento di $ 119 milioni. La produzione di Pentastar a Mack I si sarebbe conclusa entro il terzo trimestre del 2019. Mack II è rimasto inattivo da quando ha cessato la produzione del V-6 da 3,7 litri nel settembre 2012. FCA conferma anche l’investimento a Warren Truck per riorganizzarsi per la produzione di tutti -nuovi Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer, annunciati nel 2017, insieme alle sue controparti elettrificate, aumenterebbero a $ 1,5 miliardi.

La produzione è prevista per il lancio all’inizio del 2021. Oltre ai nuovi modelli Jeep, l’impianto continuerà a costruire la Ram 1500 Classic, che verrà ampliata per soddisfare la domanda del mercato. Si prevede che saranno aggiunti 1.400 nuovi posti di lavoro.

Come risultato di questo annuncio di investimento, la produzione del nuovissimo Ram Heavy Duty continuerà nella sua attuale posizione a Saltillo, in Messico. Per supportare la produzione aggiuntiva, gli stabilimenti Warren Stamping e Sterling Stamping della società riceveranno investimenti per $ 245 milioni e $ 160 milioni, rispettivamente, con Sterling Stamping prevede di aggiungere più di 80 nuovi posti di lavoro.

Questo investimento fa parte del piano di spesa in conto capitale presentato nel giugno 2018. In totale, FCA si è impegnata a investire circa $ 14,5 miliardi nelle sue operazioni produttive negli Stati Uniti, creando quasi 30.000 nuovi posti di lavoro da giugno 2009.

Andamento del titolo FCA in Borsa

FCA, i ringraziamenti di Donald Trump

Entusiasta di questo annuncio da parte di FCA è anche il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il quale, in un tweet ha scritto: «Fiat Chrysler aggiungerà oltre 6500 posti di lavoro in Michigan, nell’area di Detroit, raddoppiando la sua forza lavoro oraria nell’ambito di investimento di 4,5 miliardi dollari. Grazie Fiat Chrysler. Stanno tutti tornando negli Stati Uniti, il posto più attivo».

Ma FCA licenzierà anche 1300 posti in Illinois

Tuttavia, c’è anche una notizia che controbilancia. Infatti, FCA licenzierà 1.371 dipendenti nell’impianto di assemblaggio a Belvidere, in Illinois. Dove produce il Jeep Cherokee.«L’azienda farà ogni sforzo» per reinserire le persone licenziate in posizioni a tempo pieno «non appena diventeranno disponibili sulla basse dell’anzianità».

Inoltre, la FIOM si dice preoccupata del fatto che si stia verificando ciò che temevano da tempo: il graduale spostamento della produzione verso il Nord America. Preoccupazioni emerse fin da subito, quando alla segreteria c’era Maurizio Landini e amministratore delegato Sergio Marchionne.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY