FCA: bonus di 1.320 euro ai dipendenti

autoNella busta paga di fine febbraio, i dipendenti di FCA riceveranno un bonus medio di circa 1.320 euro previsto dal contratto specifico di lavoro per il raggiungimento di obbiettivi ed efficienza produttiva.

I risultati di ogni singola unità produttiva sono stati misurati grazie al sistema World Class Manufactuirng – Wcm dai quali è emerso che in alcuni stabilimenti come ad esempio quelli di Sevel, Cassino e Melfi le performance sono migliorate rispetto al 2015 e pertanto verranno corrisposti circa 1.320 euro in più, mentre a Verrone e Pomigliano le performance sono state nettamente superiori per cui verrà corrisposto ai dipendenti un bonus superiore.

autoPomigliano e Verrone

Dallo stabilimento di Pomigliano escono i modelli Panda, mentre a Verrone vengono prodotte le trasmissioni di numerosi modelli FCA tra i quali la Jeep Renegade e la Fiat 500x, mentre a Cassino vengono realizzati il suv Stelvio e l’Alfa Romeo Giulia.

FCA ha introdotto la nuova politica retributiva nel 2015 per coinvolgere tutti i dipendenti ai risultati di produttività, redditività e qualità e pare abbia seguito le intuizioni corrette, infatti, il 2016 è stato concluso con ottimi risultati e superando gli obbiettivi previsti.

L’accordo ha permesso di dare incrementi oltre il tasso di inflazione, accordi che stanno conducendo l’azienda al traguardo degli obbiettivi fissati per il 2018.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY