Fake News: Facebook chiude pagine con milioni di followers

Cosa sta succedendo al colosso dei social? Semplicemente Facebook fa rispettare le regole. Come? Oscurando le fake news.

In base alle previsione delle elezioni europee 2019, Facebook ha deciso di porre fine alle false storie di miti  di legende sostenute dai paladini della Giustizia del nuovo millennio.

In pratica Facebook ha chiuso 23 pagine italiane con oltre 2.5 milioni di follower che hanno condiviso delle informazioni false e divisive su tematiche calde come lo sono il tela dei migranti e quello dei vaccini. La metà dei profili chiusi erano a favore del Governo attale, molti sostenevano la Lega, altri il Movimento 5 Stelle.

Questa decisione è scaturita a seguito dell’indagine avanzata da Avaaz, l’ONG che ha avuto per prima il coraggio di segnalarlo. Si tratta di violazioni delle Condizioni d’Uso della piattaforma, dove cambi di nome hanno portato alla trasformazione di pagine non politiche in pagine politiche o di partito.

Anche l’utilizzo di falsi profili, contenuti d’odio (hate speech), ecc. ha fatto scatenare l’ira del patrono di Facebook il quale tramite un portavoce del social network si è detto pronto a far rispettare la legge, come anche a mantenere l’integrità delle elezioni nell’Ue e in tutto il mondo.

Fake News – Facebook: quali sono le pagine chiuse?

Una delle pagine chiuse è stata: Vogliamo il movimento 5 stelle al governo.

Questa parla di false notizie, per altro attribuendole a Roberto Saviano ed affermando:

<<Meglio salvare i migranti che le vittime dei terremoti!>>

Parole abbastanza pesanti che non sono state dette da Saviano e per altro smentite da questo pubblicamente.

Altro esempio di pagina Fake News Facebook chiusa è quella del profilo ‘Lega Salvini Premier Santa Teresa di riva.

Questa pagina ha pubblicato tempo fa un video al cui interno vi è la testimonianza su di un gruppo di migranti che vandalizzano e distruggono un’auto dei Carabinieri. Anche in questo caso si trattava di Fake News Facebook ovvero di una di una bufala per altro vecchia. Si notano immagini tratte da una scena di un film e non reali. Nonostante tutto, la pagina lo spacciava per vero.

Fake News Facebook: la decisione di chiudere 23 pagine

Facebook fa sapere di aver rimosso una serie di account falsi e duplicati i quali non erano legali. Si trattava di profili che violavano le policy in tema di autenticità e di policy sulla modifica del nome. Fanno anche sapere di aver intrapreso provvedimenti seri contro alcune pagine che hanno ripetutamente diffuso delle Fake News.

Quali altre pagine sono state chiuse?

Al momento non sono presenti nella lista altre pagine chiuse. E’ stata sempre la ONG Avaaz ad avanzare critiche contro 80 pagine e gruppi che purtroppo sono ancora online. Essa chiede a Facebook che effettui le dovute verifiche anche con una certa urgenza e che prenda dei provvedimenti, ovvero agisca per far rispettare le regole e ridurre la portata della disinformazione di tali gruppi e pagine.

Fake News Facebook: riciclaggio di follower?

Certamente ci sono delle pagine che lo fanno.

Lega Salvini Premier Santa Teresa di Riva è una delle pagine che viola le regole di facebook. Lo fa tramite il cosiddetto riciclaggio di follower in quanto è nata come pagina di un’associazione di allevatori di Messina, ma nel corso del tempo ha cambiato nome e che oggi è divenuta una pagina, un canale di diffusione dei contenuti politici e di disinformazione. Purtroppo gli amici raccolti tra gli allevatori e i follower sono rimasti sempre gli stessi. Quelli che erano, lo sono ancora oggi.

Lo stesso dicasi per la pagina Vogliamo il movimento 5 stelle al governo.

Anche questa pagina in origine aveva un altro nome: Bombe sexy. Come questa tante altre; ad esempi:

  • Noi siamo 5 Stelle era Calcio passione;
  • Lega Salvini Sulmona era Il peggio del Grande Fratello 2018;
  • Beppe Grillo for President era Fai crescere la tua pagina in modo esponenziale;
  • Catena umana era Da quando ti ho conosciuto non faccio altro che pensare a te.

In breve si è trattato di Spam fuori tema e di falsi account che hanno utilizzato dei trucchi che all’apparenza mostrano contenuti di vita generica, ma se si effettua un esame completo e approfondito si scopre che in realtà condivide in modo coordinato e programmato dei contenuti legati ad altri siti. In questo caso si tratta di “I valori della vita” con oltre 1,5 milioni di follower che ha l’ideologia di estrema destra derivante da leggilo.org.

Le 23 pagine oscurate che sono state bandite da Facebook sono solo la punta di un iceberg, quando in realtà il rapporto completo di Avaaz è molto più ampio per un totale di 104 pagine suddivise in 6 gruppi con oltre 18,26 milioni di follower e oltre 23 milioni di interazioni negli ultimi tre mesi.

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY