Facebook: via libera dalla Banca Centrale Irlandese per operare nell’E-Banking

Dopo due anni di attesa, Facebook, ha ottenuto dalla Banca Centrale Europea l’autorizzazione ad operare in tutta europa come emittente di moneta elettronica, così come già avviene da qualche anno negli Stati Uniti. L’idea di Mark Zuckerberg consiste nell’offrire agli utenti di Facebook la possibilità di trasferire soldi elettronici nei paesi dell’Unione Europea, con tanto di conto corrente e senza la necessità di ottenere le varie autorizzazioni dai singoli paesi, in sostanza agirà come una sorta di banca virtuale. Il via libera è stato comunicato da un portavoce dell’autorità all’Agi che ha riportato in una nota:”Facebook Payments International – Fbpil – è stata autorizzata dalla Banca Centrale d’Irlanda a diventare un istituto di moneta elettronica e potrà utilizzare la licenza per abilitare donazioni su Facebook o pagamenti perr-to-peer via Messenger.”

facebook

Donazioni

Facebook potrà autorizzare l’emissione di donazione da parte degli utenti di Facebook solamente verso organizzazioni no-profit registrate nel medesimo spazio europeo, così come i pagamenti peer-to-peer. Come poc’anzi accennato, Facebook, non è nuovo al mondo dei pagamenti elettronici, negli Stati Uniti ha ottenuto già da qualche anno l’autorizzazione ad effettuare micropagamenti attraverso l’app di Messenger per i giochi online quali ad esempio Candy Crush e Farmiville di cui incassa una percentuale del 30%, tuttavia l’autorizzazione Europea consentirà al famoso Social Network di ampliare il suo campo d’azione nel mondo dell’e-banking.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY