Fabbisogno statale in calo ad aprile 2014

fabisogno-statale

Secondo quanto ribadiscono le ultime dichiarazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, nel corso del primo quadrimestre dell’anno il fabbisogno del settore statale avrebbe subito un calo di 6,2 miliardi di euro. Alla fine del mese di aprile 2014 il dato parla quindi di 10.100 milioni di euro, contro gli 11.333 milioni di euro conseguiti nel mese di aprile dell’anno scorso. Complessivamente, nel primo quadrimestre il fabbisogno è di 41.800 milioni di euro.

Il commento del Ministero

Stando a quanto sottolineava il comunicato stampa ministeriale, “il miglioramento del fabbisogno ad aprile 2014, nel confronto con lo stesso mese dell’anno precedente, è ascrivibile da un lato, ad un aumento degli incassi fiscali, tra i quali gli introiti dell’imposta di bollo sugli strumenti finanziari, dell’IVA e delle accise; dall’altro, ad una flessione dei pagamenti per interessi sul debito pubblico e delle spese delle amministrazioni statali. Fra le poste peggiorative del saldo si segnalano maggiori prelevamenti dai conti di Tesoreria intestati alle amministrazioni locali legati presumibilmente al pagamento di debiti pregressi“.

Considerato invece il primo quadrimestre dell’anno nei suoi termini complessivi, “gli incassi fiscali sono risultati sostanzialmente in linea con quelli registrati nello stesso periodo dell’anno precedente, nonostante lo slittamento del versamento dei premi INAIL da febbraio a maggio per un importo pari a circa 3 miliardi. Il gettito dell’IVA sugli scambi interni si conferma positivo, in aumento del 6,2% rispetto ai primi quattro mesi del 2013. Nello stesso periodo si è registrata una flessione dei pagamenti delle amministrazioni statali e degli interessi sul debito pubblico“.

Cosa è il fabbisogno del settore statale

Il fabbisogno del settore statale è il saldo complessivo tra le entrate e le uscite, considerando in tale ambito anche il rimborso o la concessione dei crediti. Gli strumenti che sono utilizzati per poter coprire il fabbisogno del settore statale sono numerosi: principalmente, si procede all’emissione di titoli a medio lungo termine o all’emissione di buoni ordinari del tesoro (Bot). Altri mezzi possono essere il ricorso all’indebitamento dall’estero, o la copertura da parte del Tesoro mediante altre vie.