Evasione fiscale, gap tax di 12,4 miliardi dovuti ad errore

evasione fiscale

Dalla manovra del 2017 di cui abbiamo parlato, si è doverosamente specificato come 88,1 miliardi non siano entrati nelle casse del Governo nel periodo che va dal 2010 al 2014. Qual è la causa? L’evasione fiscale. Pensate che i miliardi stanziati invece per la nuova legge di stabilità sono “appena” 27!

Da dove deriva questa stima sull’evasione fiscale?

Questo buco nelle finanze statali che si è venuto a creare nasce da entrati non dichiarate da “lavoro autonomo”, dove per autonomo si intende da imprese, Ires, Iva e Irap. Di tutta questa esorbitante cifra di circa 88,1 miliardi, sembra però che 12,4 di questi miliardi mancanti, siano dovuti ad errori o a tasse dichiarate ma poi non versate. Questo “Gap Tax” si espanso via via in più settori. Nel 2014 è arrivato a contagiare anche il ramo immobiliare, con un aumento del 27,2%. evasione fiscale

Qual è però l’imposta più “evasa”? L’Iva. Qui l’evasione fiscale è arrivata a toccare addirittura i 40,5 miliardi nel 2012.

Quale risulta invece essere l’imposta più “odiata” dagli italiani?

L’Imu ovviamente, la tassa sulla casa. Veder tassato il proprio immobile, la propria residenza, è sempre stato qualcosa che non è mai andato giù agli italiani. D’altra parte, togliere la tassa sulla casa è stata anche una mossa vincente per far vincere le elezioni ad alcuni politici del passato!

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY