Evasione fiscale, in Italia vale 180 miliardi. Ecco i veri colpevoli

Galeotto non fu lo scontrino: la mancata emissione di scontrini e fatture incide per appena il 3,5% sul totale della mostruosa evasione fiscale in Italia, stimata nel 2015 in 177,2 miliardi di euro.
A leggere le cifre dell’evasione fiscale che stanno dietro ai Panama Papers, l’indagine sui capitali occultati nelle società offshore dei paradisi fiscali da vip e potenti, si scopre che le somme sottratte al fisco dalle piccole imprese e dai lavoratori autonomi, spesso rimproverati di eludere l’emissione di scontrini e fatture, sono minime rispetto a quanto sparisce a causa dell’evasione di altri soggetti economici.
Chi sono i colpevoli dell’evasione fiscale in Italia? Una ricerca Krls Network of Business Ethics, effettuata per conto dell’Associazione Contribuenti Italiani, mette al primo posto tra gli evasori gli industriali (34,2%) seguiti da bancari e assicurativi (31,7%), commercianti (11,8%), artigiani (9,4%), professionisti (6,5%) e lavoratori dipendenti (6,4%).
Queste percentuali, tuttavia, non dicono ancora tutto rispetto alle origini e alle responsabilità del buco nero che grava sul nostro fisco. Il grosso dell’evasione viene dall’economia criminale: la mafia e la malavita organizzata sottraggono alle casse dello Stato una somma oltre dodici volte superiore a quella imputabile a lavoratori autonomi e piccole imprese, così come sono ben più alti gli ammanchi derivanti dall’economia sommersa, dalle grandi aziende e dalle società di capitali. Ecco quanto si evade in Italia categoria per categoria.

Economia criminale: evasione fiscale per 78,2 miliardiMafia criminalità organizzata

Dei quasi 180 miliardi sottratti al fisco, la fetta più sostanziosa è dovuta al peso delle mafie sull’economia del Paese. Si stima, sulla base del presunto giro d’affari, che le grandi organizzazioni criminali italiane e straniere abbiano prodotto, per il solo 2015, un’evasione d’imposta pari a 78,2 miliardi di euro. Un fenomeno che colpisce ormai non più solo il Sud del Paese: le mafie, comprese quelle di origine russa o cinese, si spostano laddove circolano maggiori capitali, e nel Nord Italia l’economia criminale è cresciuta in un anno del 18,7 per cento. Segno di un sempre più esteso controllo del territorio.

Grandi compagnie: evasione fiscale per 40,2 miliardi

Il secondo fardello in ordine di peso sui bilanci dello Stato è rappresentato dalle grandi aziende, che sottraggono al fisco italiano 40,2 miliardi di euro l’anno. Ufficialmente, le big company sono in crisi come il resto del Paese, e nel 2015 una su tre ha chiuso il bilancio in perdita. Le cento maggiori compagnie operanti in Italia hanno complessivamente ridotto del 17,3% le imposte dovute all’erario rispetto all’anno precedente.

Paradisi fiscali nel mondo. Credits: thetaxhaven, flickr
L’evasione fiscale vola in paradiso

In realtà, molti capitali vengono sottratti al fisco attraverso sofisticate manovre elusive. La quasi totalità delle grandi compagnie – il 94% – abusa di pratiche di transfer pricing internazionale e sposta i capitali verso società off-shore e facendo ricadere la tassazione nei paesi con minori o nulli controlli fiscali. I soldi volano all’estero ancora prima di essere annoverati tra le entrate delle casse pubbliche, approdando spesso in conti protetti nelle banche dei paradisi fiscali in giro per il mondo, difficilmente accessibili al fisco.

Gli Italiani e il doppio lavoro. Credits: Rookuzz, flickr
Gli Italiani tra lavoro in nero e doppio lavoro

Economia sommersa: evasione fiscale per 34,3 miliardi

L’economia sommersa è il terzo buco della finanza pubblica, in grado di risucchiare ogni anno una somma pari a circa 34,3 miliardi di euro. In Italia esiste un esercito di lavoratori in nero, composto da quasi tre milioni di persone. Di questi, 850 mila hanno anche una regolare occupazione per la quale versano le tasse dovute, ma arrotondano lo stipendio con un secondo o terzo lavoro non dichiarato.

Società di capitali: evasione fiscale per 18,3 miliardi

Le società di capitali, con un’evasione fiscale nel 2015 stimata intorno ai 18,3 miliardi di euro, sono la quarta area ad incidere sugli ammanchi nelle casse dello Stato. Incrociano i dati delle circa 800 mila società di capitali attive in Italia, escluse le grandi compagnie, emerge che oltre tre su quattro (il 78%) dichiara redditi negativi o miserrimi (meno di dieci mila euro l’anno) e almeno la metà (51%) non versa le imposte dovute. Per evitare accertamenti fiscali, molte chiudono ogni cinque anni, o utilizzano prestanome fittizi per eludere il fisco.

Artigiani e commercianti: evasione per 6,2 miliardi

evasione fiscale da scontrini

La Guardia di Finanza ha accertato che in Italia non viene emesso uno scontrino su tre. I controlli fuori dai negozi, tuttavia, rischiano di essere solo uno specchio per le allodole, se si considera che i lavoratori autonomi e le piccole imprese rappresentano l’ultima ruota del carro in fatto di evasione fiscale. A conti fatti, la mancata emissione di fatture da parte degli artigiani e di scontrini da parte dei negozianti ci costa ogni anno 6,2 miliardi di euro, ossia il 3,5% dell’evasione fiscale totale del Paese.
L’indagine commissionata dall’Associazione Contribuenti Italiani propone anche una mappatura dell’evasione fiscale in Italia. Ne emerge una maggiore diffusione dei fenomeni di evasione nel Nord Ovest del Paese (31,4 %) con un picco in Lombardia, dovuto anche alla maggiore mole di denaro movimentato in quella regione. Nel Nord Est si evade il 27,1% del totale dell’evasione fiscale nazionale, nel Centro Italia il 22,2% e nel Sud il 19,3% del totale.