Europee 2014: le proposte Economiche dei tre poli

europee

Le elezioni europee del 2014 si avvicinano. Si tratta di un appuntamento doppiamente importante. Importante perché, ovviamente, il Parlamento Europeo è l’unico organo dell’UE eletto dai cittadini ma è importante perché l’Europa, specie dal punto di vista economico, assume oggi una valenza straordinaria. Nel bene e nel male.

Nel bene, l’Unione Europea è il faro che guida, saggiamente, i singoli paesi europei, sebbene questa sia un’interpretazione che appartiene a uno sparuto manipolo di ultra-europeisti – e a molte élite governative.

Nel male, l’Unione Europea è l’origine di tutti mali, l’istituto che ha imposto l’austerity e quindi disoccupazione, povertà e quant’altro.

Ovviamente sono due estremi. Tra – e attraverso – questi si muovono i programmi dei partiti circa l’economia dell’Unione Europea. In Italia, attualmente, abbiamo tre poli: il centrodestra, il centrosinistra, il Movimento 5 Stelle. Le loro posizioni e, soprattutto, le loro promesse sono abbastanza disomogenee. Ecco cosa propongono in vista delle elezioni europee.

Centrodestra. Questo schieramento comprende Forza Italia, Lega, Nuovo Centrodestra. Riguardo a quest’ultimo partito le posizioni europee non sono ben chiare. E’ nato per essere filo-governativo, dunque non dovrebbe allontanarsi troppo dal mainstream imposto da Bruxelles. Discorso a parte per il partito di Berlusconi e per quello di Salvini. La loro posizione è di netta critica nei confronti dell’impianto europeo. Peccato, però, che a muovere le loro azioni e le loro parole sia una spinta decisamente populista. Si conoscono, ad oggi, solo gli slogan ma nessuna proposta concreta. In genere si va dalla fine dell’euro a una semplice rivisitazione dei trattati europei.

Centrosinistra. Pd e poco altro. Sel, infatti, ha deciso di porsi tra le sinistre radicali (Tsipras e soci). Per conoscere le proposte del Partito Democratico è sufficiente andare a leggere l’ultimo programma di colui che oggi è il segretario: Renzi. Il programma delle primarie conteneva molta “Europa”. Anche qui – è un vizio dell’Italia o solamente mancanza di idee – tutto appare molto generico, ma qualcosa di concreto c’è. Nella fattispecie, nel testo presentato al Congressi Pd di qualche mese fa si legge “allargamento del mandato della Bce”. Renzi, in estrema sintesi, vorrebbe trasformare la Bce in un qualcosa di molto simile alla Fed, dunque dotarla di strumenti di politica monetaria non solo accomodante (come già è) ma anche espansiva.

Movimento Cinque Stelle. Paradossalmente, è l’unico partito – o formazione politica – la cui proposta sull’Europa è chiara. Certo, magari non condivisibile, ma chiara. Il paradosso sta nel fatto che in genere i grillini vengono tacciato di nullafacenza o di populismo.

Cosa vuole Grillo per l’Europa? La risposta è: “tante cose”. Innanzitutto, vuole eliminare il Fiscal Compact, considerato (non certo a torto) un vero e proprio strumento di morte. In secondo luogo, vuole scompattare l’euro in almeno due monete; una che sia attiva nei paesi “forti” e un’altra, più debole, che sia attiva nei paesi più “deboli”, come l’Italia, la Spagna, la Grecia e il Portogallo. Tutto ciò per ridare ai singoli Stati una sovranità monetaria che certo oggi non hanno. Propone, dunque, a mo’ di corollario, una sorta di intesa tra i paesi del Sud Europa, in modo da creare politiche monetarie condivise e autonome dalla Germania.

Grillo chiede anche la modifica dei trattati, soprattutto per quanto riguarda la regola del 3% del deficit e il congelato del debito.

Vuole la Luna? Per ora sì, ma è sicuro che se il Movimento 5 Stelle riuscisse a conquistare un risultato incredibile allora la Luna apparirebbe molto più vicina

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here