EUR/USD, timida reazione dell’Euro

L’EUR / USD è caduto sotto pressione nei primi scambi nordamericani martedì dopo aver toccato brevemente un massimo di tre settimane. La coppia ha rinunciato ai guadagni dei primi giorni dopo aver fallito ancora una volta sopra la maniglia 1.1700 su base sostenuta. L’azione dei prezzi nella coppia di valute nel corso della settimana potrebbe essere importante in quanto IL modello tecnico suggerisce un’inversione rispetto al forte trend ribassista osservato all’inizio dell’anno.

L’inversione inferiore in EUR / USD oggi segue un test di una confluenza di resistenza che include un livello di Fibonacci e un livello orizzontale, nonché un livello da un modello tecnico. Il ritracciamento di Fibonacci del 76,4% è originato dai massimi di giugno e si trova a 1,1722, solo pochi punti sotto il massimo di oggi. La resistenza orizzontale arriva a 1.17140 e riflette il massimo del 2015. Il modello tecnico che si è formato nel tasso di cambio è un modello invertito di testa e spalle, e la scollatura ha raddoppiato i rally due volte.

Il modello ha iniziato a svilupparsi a luglio e una rottura prolungata della resistenza sopra menzionata punta a un obiettivo di mossa misurata di 1.2150.

Venerdì, la coppia si è abbassata dalla scollatura e si è abbassata verso il supporto trovato vicino a 1.1616. Il declino probabilmente ha sorpreso i partecipanti al mercato, dato il momentum dietro di esso, invitando alcuni a riconsiderare il commercio rialzista del dollaro. Il breve rally di oggi sopra il massimo di venerdì sembra aver preso qualche debole posizione corta a partire da venerdì. Il forte calo che seguì rafforza l’idea che la forte pressione di vendita rimane appena sopra 1.1700, almeno nel breve periodo.

Mentre EUR / USD rimane tecnicamente entro un intervallo, l’azione dei prezzi tecnici in altri tassi incrociati sta fornendo un segnale più chiaro. Le valute antipodiche potrebbero fornire un segnale, poiché AUD / USD e NZD / USD hanno rafforzato la loro correlazione inversa con l’indice del dollaro USA (DXY) dalla scorsa settimana. Entrambe le coppie si erano scambiate pesantemente da metà agosto, nonostante la regressione del DXY decisamente più bassa. La divergenza e la successiva convergenza potrebbero indicare che un fondo a breve termine è in gioco per entrambe le coppie. Anche la coppia GBP / USD, sebbene colpita dai titoli in corso sulla Brexit, si sta spostando decisamente più in alto.

Martedì, la coppia si è scambiata ai massimi livelli dalla fine di luglio, recuperando circa il 4% dai minimi registrati ad agosto. Simile alla coppia EUR / USD, la coppia sta affrontando anche la resistenza mentre il limite superiore di un canale è entrato in gioco. Il canale di tendenza ha compreso l’azione dei prezzi nel rally di ripresa che ha avuto luogo dai minimi di metà agosto.

L’USD / JPY è visto combattere contro il grano mentre la coppia viene sollevata da una forte ripresa nei mercati azionari globali di martedì. La coppia vale la pena tenere d’occhio considerando la recente rottura rialzista del Nikkei sopra un livello orizzontale che lo ha tenuto più basso in quattro tentativi da maggio. Inoltre, è in gioco un modello di bandiera orso di 19 mesi sul grafico settimanale dei futures sullo yen giapponese. Nella prima settimana, lo yen giapponese è il più debole e l’unica valuta principale che non ha guadagnato contro il biglietto verde. Il supporto a breve termine per EUR / USD si trova a 1,1616.

Il livello orizzontale ha funzionato come supporto e resistenza da giugno ed è considerato forte, in quanto confluisce con la media mobile a 20 giorni. Una gamma è stata in gioco tra questo livello e la resistenza al rialzo appena sopra 1.1700 nelle ultime quattro sessioni. Una rottura rialzista mostra il prossimo livello di interesse in rialzo a 1.1838, un livello che ha tenuto la coppia più bassa in due tentativi nella prima metà di giugno. La chiusura di questa settimana sarà importante quando entrerà in gioco la media mobile settimanale di 20 periodi, che attualmente risiede a 1.1650.

EUR / USD, la denuncia della Cina all’Omc non scuote i mercati

La coppia EUR / USD è stata scambiata fino a 1,1717, in quanto la domanda del dollaro è rimasta modesta dopo i titoli di guerra commerciale. Gli Stati Uniti hanno annunciato che colpiranno la Cina con tariffe fino a $ 200 miliardi sulle merci a partire dal 24 settembre, ma con un tasso del 10%, in qualche modo inferiore al timore. La Cina ha detto che reagirà e, prima dell’apertura di Wall Street, il gigante asiatico ha presentato una denuncia all’Organizzazione mondiale del commercio sulle ultime misure tariffarie statunitensi, il che non è qualcosa che potrebbe sorprendere gli operatori del mercato, ma ancora giocare contro il biglietto verde contro l’alto rendimento della valuta europea. La coppia EUR / USD si è ritirata da un livello così alto, ma è scambiata intorno alla cifra di 1.1700 in attesa di trader statunitensi.

Le borse sono salite e Wall Street è pronta ad aprire più in alto dopo il tuffo di lunedì, anche se gli indici europei hanno parato il loro anticipato anticipo, comunque aggrappandosi ai guadagni. Il calendario macroeconomico europeo non ha avuto nulla da offrire e gli Stati Uniti pubblicheranno alcune cifre minori che di solito non influenzano i prezzi. Il sentimento continua a guidare.

Il grafico a 4 ore per la coppia mostra che una posizione positiva prevale, poiché, nonostante alcuni intraday avanti e indietro, la coppia ha tenuto sopra un 20 SMA rialzista, offrendo ora un supporto dinamico intorno a 1,1670. Nel grafico menzionato, gli indicatori tecnici mancano di forza direzionale, il Momentum si è attestato sui 100 livelli e l’RSI intorno ai 60. Gli alti nella regione 1.1720 del mese scorso e quello attuale ostacolano ulteriori guadagni. Un’accelerazione attraverso 1,1725 dovrebbe favorire un rally di continuazione che potrebbe avvicinarsi alla cifra 1.1800.

  • Livelli di supporto: 1.1670 1.1630 1.1590
  • Livelli di resistenza: 1.1725 1.1750 1.1785

EUR/USD, la prospettiva resta interessante

La scorsa settimana, abbiamo messo in evidenza il modello ribassista “testa a spalle” che si sta formando sull’indice del dollaro americano. Con l’euro che rappresenta quasi il 60% dell’indice del dollaro, non sorprende che un modello simile di testa e spalle invertite si stia formando su EUR / USD, come vedremo in seguito. Detto questo, il contesto a lungo termine dell’impostazione EUR / USD lo rende particolarmente interessante. In particolare, l’attuale schema invertito di testa e spalle sul grafico giornaliero EUR / USD, se confermato, segnerà un fallimento della tradizionale testa ben definita.

La coppia si è rotta al di sotto della scollatura in una zona chiave a lungo termine di resistenza precedente trasformata attorno a 1,1500 lo scorso mese, ma si è rapidamente ripresa sopra quella zona chiave. Con l’RSI settimanale che si espande al suo massimo livello in mesi, il rischio di un forte rally dopo il fallout fallito è in crescita.

Come abbiamo accennato sopra, la falsa ripartizione sul grafico settimanale corrisponde a un modello testa-e-spalle invertito sul grafico giornaliero. Questo modello, che è ugualmente ben definito, potrebbe segnare la fine della tendenza ribassista a breve termine. Se confermato da una rottura al di sopra della scollatura vicino a 1.1700, questo modello suggerirebbe un obiettivo di “movimento misurato” di 400 pips, ovvero circa 1.2100.

Ci sono pochi dati economici tradizionali sul calendario degli Stati Uniti o dell’Europa questa settimana, anche se i trader prenderanno la parola sul discorso del presidente della BCE Mario Draghi sul futuro della politica economica nell’area dell’euro domani, così come sulle letture del Flash PMI dall’Eurozona venerdì.

EUR/USD, domina ancora la calma malgrado le ultime mosse di Trump contro Cina

EUR / USD è invariato nella sessione di martedì. Attualmente la coppia è scambiata a 1.1683, in rialzo dello 0,01% il giorno. È un’altra giornata tranquilla sul fronte dei dati, senza indicatori della zona euro. Negli Stati Uniti, ci sono due eventi minori che non influiranno sull’EUR / USD. Mercoledì, gli Stati Uniti rilasciano permessi edilizi e iniziano a fabbricare le abitazioni. C’è stata la speculazione dilagante che un altro giro di tariffe nella guerra commerciale U.S-Cina era in vista, e il presidente Trump ha consegnato le merci. Lunedì Trump ha imposto tariffe del 10% su beni per un valore di circa 200 miliardi di dollari e ha minacciato ulteriori azioni qualora la Cina si vendicasse.

Perché i mercati valutari non hanno reagito? Gli investitori sono stati rinforzati per una mossa di Trump, e può essere un sospiro di sollievo che la tariffa è stata fissata al 10% anziché al 25%. Un economista senior ha riassunto il più recente episodio di Trump come “cattivo ma gestibile”. Tuttavia, se i cinesi ritorsero e gli Stati Uniti adottassero ulteriori misure, ciò probabilmente sconvolgerebbe i mercati valutari e aumenterebbe il dollaro degli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, la spesa per la spesa della scorsa settimana e i dati sull’inflazione sono stati una delusione. Le vendite al dettaglio in agosto sono scese allo 0,1%, in calo rispetto allo 0,5% del mese precedente. Ciò ha mancato la stima dello 0,4%. Le vendite al dettaglio core hanno seguito un andamento simile, passando dallo 0,6% allo 0,3%. Ha mancato la previsione dello 0,5%.

Questi numeri chiave di spesa dei consumatori arrivano dopo l’IPC, che è arrivato a solo lo 0,2% e ha perso la stima dello 0,3%. Ci sono state notizie migliori da UoM Consumer Sentiment a settembre, che è salito a 100,8, sopra la stima di 96,7 punti. Questo ha segnato la prima volta che l’indicatore ha rotto il livello 100 da marzo.

EUR/USD, cosa è successo nell’ultimo periodo

In EUR/USD, i prezzi sono tornati alla grande zona di resistenza che abbiamo seguito a partire dal 1.1709-1.1750. I tori non sembrano presto lasciarsi andare, quindi in questa fase si sta iniziando a sentire una rottura della resistenza più probabile. Nel dollaro USA, d’altra parte, i prezzi si sono accumulati in una formazione a triangolo discendente mentre il dollaro continua a sedersi su supporto.

Abbiamo seguito l’area di resistenza in EUR / USD che va dal 1.1709-1.1750. Questa zona ha contribuito a mantenere i massimi nella seconda parte di luglio, ma contiene anche più livelli nella stessa gamma. Questa è un’area confluente in quanto vi sono molteplici ragioni per cui i venditori devono intervenire e rispondere, e questo è in gran parte di ciò che abbiamo visto nelle ultime settimane.

Ma a seguito di ogni risposta, abbiamo visto una risposta sempre più forte da parte dei tori mentre i compratori hanno iniziato a entrare a livelli più alti. L’EUR / USD è rimasto forte nel secondo trimestre dell’anno in corso, a quel punto una brutale inversione ha iniziato a mostrare come il culmine di fattori che hanno spinto la moneta unica in ribasso. Alla fine, i prezzi hanno trovato supporto intorno al livello di 1,1530 a fine maggio, e ciò si è protratto per la prima parte dell’estate attraverso molteplici test downside. Ma all’inizio di agosto ha portato più avversione al rischio nell’equazione mentre le preoccupazioni hanno iniziato a crescere intorno alle banche europee esposte alla Turchia. Questo finalmente ha permesso che il supporto a 1.1530 cedesse, e che la corsa a terra fosse durata circa una settimana. Ma dopo che il supporto è arrivato al di fuori del limite di 1.1300, la tonalità è molto cambiata e solo due settimane dopo i prezzi sono tornati a questa zona di resistenza chiave che va da 1.1709-1.1750.

Quella resistenza ha limitato l’anticipo nelle tre settimane da allora, ma i tori non mostrano segni di allentamento. Una rottura al di sopra di questa zona confluente non solo ci darebbe nuovi massimi di due mesi, ma la porta sembrerebbe aperta per una mossa di prosecuzione rialzista verso il ritracciamento del 23,6% della mossa principale dello scorso anno, appena sopra l’1,2000; e questo porterebbe probabilmente l’impatto nel dollaro USA, come si vede qui sotto.

In una congiuntura chiave della tabella di resistenza degli schemi preparata da USD Dollar Dithers ai minimi Mentre, le ultime 22 ore sono state piuttosto tranquille. Mentre ci avvicinavamo alla chiusura della scorsa settimana, trovando finalmente resistenza sul lato inferiore del livello di 95,00, che in precedenza aveva contribuito a offrire supporto. Ma come abbiamo aperto questa settimana, la stessa pressione di vendita che era comune nelle ultime settimane ha preso il sopravvento e ha spinto il dollaro USA a minimi mensili. Ma dal capitale azionario USA di ieri aperto, siamo stati in gran parte seduti su quel supporto, in attesa della prossima spinta in entrambe le direzioni per avere un indizio su quale tendenza potrebbe prendere il sopravvento in USD mentre finiamo Q3.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY