EUR / USD, a trascinare giù Euro dopo Italia è anche situazione politica tedesca

L’euro ha ceduto ulteriore terreno al dollaro martedì, dato che i mercati restano sbigottiti dagli ultimi sviluppi della saga del governo italiano, ma un altro grattacapo politico attende la moneta unica una volta nella prossima settimana.

I tedeschi torneranno alle urne di domenica per determinare quale partito politico guiderà la legislatura della Baviera, lo stato più popoloso della più grande economia europea, che è diventato un campo di battaglia chiave per le forze di stabilimento e anti-establishment in Germania. Il voto viene valutato dagli analisti come uno che darà il tono della politica tedesca per gli anni a venire. Potrebbe anche avere un impatto a livello europeo. I mercati si sveglieranno lunedì per digerire il risultato nello stesso momento in cui l’Italia presenta la sua proposta di bilancio 2019 alla Commissione europea.

Il dramma economico in corso in Italia ha già costretto l’Euro a tornare ai livelli del 2017 sotto la soglia dell’1.15, a causa dei timori sull’impegno della nazione mediterranea nei confronti dell’Euro e delle relazioni con l’Unione europea. Anche quella saga arriverà lunedì. Il tasso euro-dollaro è stato quotato dello 0,11% in ribasso a 1,1480 martedì e ora è in calo del 4,2% per il 2018 da inizio anno. “Preparatevi a una frana politica con un impatto a lungo termine sulla politica nazionale tedesca.

La sconfitta della CSU porterebbe prima a un terremoto in Baviera, prefigurando futuri sviluppi politici e cambiamenti strutturali a livello nazionale. Un ritorno inaspettato della CSU potrebbe probabilmente provocare una frana politica a Berlino “, afferma Carsten Brzeski, economista del Gruppo ING L’elezione della domenica punterà il socio della coalizione Angela Merkel, la Christian Social Union (CSU), contro una serie di rivali non di coalizione tra cui il Partito dei Verdi, l’alternativa anti-establishment per la Germania (AFD) e gli euroterroristi. I sondaggi di opinione forniscono vari livelli di supporto per la CSU, ma quasi tutti mostrano che manca il 40% richiesto per guidare l’assemblea regionale bavarese.

Brzeski nota un sostegno insufficiente per la CSU e segnala la fetta del 18% dell’elettorato che probabilmente sosterrà i Verdi come una minaccia significativa per gli incumbent. La CSU ha vinto in Baviera per gran parte del periodo post-bellico. “La CSU ha cercato di mettere a segno i guai a livello federale”, scrive l’economista, in una nota ai clienti martedì. “La strategia della CSU di prendere le distanze dalla Merkel per evitare un aumento dell’AFD in Baviera sembra essere stata un doppio fallimento: con meno del 40% dei voti, la CSU è sulla buona strada per ottenere il risultato peggiore da quando 1954.

“Alternative für Deutschland, che si oppone alle politiche migratorie del cancelliere Merkel e ha invitato la Germania a lasciare l’UE, ha il 10% di sostegno nei sondaggi secondo Brzeski. Un altro partito euroscettico, gli Freie Wähler Bayern, ha anche circa il 10% del voto probabile se si vuole credere ai sondaggi. Questi numeri sono significativi per il loro merito, ma ancora di più dopo aver considerato che i sondaggi hanno drasticamente esagerato il sostegno del Partito Verde prima delle elezioni federali del 2017, mentre sottovalutando la quota dei seggi federali che l’AFD alla fine avrebbe continuato a vincere.

L’Unione democratica cristiana del Cancelliere Merkel e la coalizione Christian Social Union della Baviera hanno conquistato il 34,7% dei seggi nelle elezioni del settembre 2017, il peggior risultato nella storia del dopoguerra, mentre la tradizionale forza di opposizione che è il Partito socialdemocratico ha raggiunto anche un minimo di soli 20%.”

La Baviera conta: le elezioni bavaresi non sono importanti solo a causa delle dimensioni dello stato, con circa il 16% della popolazione totale tedesca e oltre il 18% del PIL tedesco, ma anche per il predominio della CSU – 12 maggioranze assolute in le ultime 13 elezioni – è stata parte integrante del successo del blocco CDU / CSU nelle elezioni federali. Attualmente, circa il 20% dei seggi CDU / CSU del parlamento tedesco provengono dalla Baviera, “spiega Brzeski.

Il voto di domenica potrebbe significare un altro mal di testa per il cancelliere Angela Merkel e per l’euro, che è stato zoppicante negli ultimi tempi da un’escalation di guerra tra il governo anti-establishment in Italia e i falchi del bilancio dell’UE a Bruxelles, indipendentemente dal suo esito. Questo perché il messaggio sul tedesco la politica che invierà certamente, a prescindere dal voto, metterà prima o poi le schiene dello schieramento contro il muro.

“La CSU sarebbe incoraggiata nelle sue critiche alla Merkel, continuando ad essere una spina permanente nella sua parte e spingendo la coalizione del governo federale più vicino al bordo della scogliera. Come l’SPD è anche in una sorta di crisi esistenziale, le possibilità che la coalizione del governo federale crolli prima delle elezioni del 2021, aumenterebbero chiaramente”, dice Brzeski, in caso di una vittoria a sorpresa della CSU di domenica.

Se i sondaggi di opinione hanno ragione e la CSU patirà una storica sconfitta nelle elezioni di domenica, Merkel potrebbe essere vista come la vincitrice a breve termine perché si potrebbe quindi affermare che i suoi partner della coalizione avranno pagato un prezzo per la loro recente decisione politica di prendere le distanze da lei. Tuttavia, un tale risultato servirebbe solo a rafforzare l’alternativa per la posizione di AFD come partito di opposizione. Ciò potrebbe avere implicazioni significative nelle prossime elezioni federali, che si terranno nel 2021, in particolare quando si parlerà di coalizione sulla scia del voto.

EUR / USD, per analisti UOB rimane neutrale e continua a mirare a 1.1390

Gli strateghi del Forex presso il Gruppo UOB rimangono neutrali sulla coppia, aggiungendo che una violazione di 1,1450 dovrebbe consentire un test di 1,1390 nel breve termine.

Visione 24 ore: “Le aspettative sull’euro di scambiare lateralmente ieri sono state sbagliate, in quanto sono scese sotto il minimo della 1.1462 della scorsa settimana e hanno toccato 1.1457 prima di rimbalzare forte. Mentre lo slancio non favorevole suggerisce un basso rischio di una rottura del livello di supporto maggiore di 1,1450, è troppo presto per prevedere un periodo prolungato di forza dell’euro. È più probabile che l’EUR si consolidi e si scambi lateralmente per oggi; probabile tra 1,1460 e 1,1530. In caso di interruzione del principale supporto di 1,1450, l’euro potrebbe scendere bruscamente e rapidamente al prossimo supporto a 1,1420 “.

1-3 settimane: ” Abbiamo tenuto la stessa opinione da giovedì scorso (04 ottobre, spot a 1.1480) in cui una “rottura di 1.1450 sposterebbe la messa a fuoco a 1.1390”. EUR ha successivamente toccato 1.1462, ma non è stato in grado di fare molti progressi al ribasso. Abbiamo indicato ieri (8 ottobre, spot a 1.1525) che, mentre le prospettive per l’EUR sono ancora “negative”, la “prospettiva di un passaggio a 1.1450 è diminuita” e ha avvertito che l’EUR “dovrebbe scendere presto o il rischio di un corto termine inferiore aumenterebbe rapidamente”.

L’euro è sceso sotto la settimana scorsa di 1,1462 e ha toccato 1,1457 durante le ultime ore di Londra, ma il declino è stato di breve durata. L’azione sui prezzi suggerisce che 1,1450 agisce come un solido sostegno e non può cedere così facilmente. Detto questo, solo una rottura della “resistenza chiave” 1.1580 (nessun cambiamento di livello) indicherebbe che è in atto un fondo a breve termine. Fino ad allora, c’è ancora la possibilità che l’euro possa rompere 1.1450 ma il tempo non è ancora maturo per una mossa a 1.1390″.

EUR / USD, per Commerzbank potrebbe tentare di mantenere livello 1,1466/11

Per Karen Jones, responsabile dell’analisi tecnica FICC presso Commerzbank, la coppia EUR / USD dovrebbe tenere e invertire l’area 1.1466 / 11.

“L’EUR / USD ha ceduto e ha iniziato a erodere una linea di pivot di 5 mesi a 1,1466 ieri. Continua a pesare al ribasso. Tra qui e 1.1411, il ritracciamento del 78.6%, vedremo idealmente la tenuta e l’inversione del mercato. Notiamo che il conteggio delle onde di Elliott sta ancora etichettando questo come solo correttivo. I raduni troveranno la resistenza iniziale a 1.1597 / 1.1631, a 20 e 55 giorni ma e solo qui sopra che permetteranno un’altra corsa fino alla regione 1.1790 / 1.1815”.

EUR / USD, per Dansk Bank nostro paese resta principale influencer

Chief Analyst di Danske Bank Jakob Christensen ha notato che l’Italia continua a pesare sulla moneta unica.

“L’attenzione alle major rimane sui tassi statunitensi e sugli sviluppi del budget italiano con gli Stati Uniti tornati da un lungo weekend. L’EUR / USD è stato di nuovo inferiore a 1,15 ieri anche in assenza di manovre del Tesoro in quanto l’UE ha sfidato il governo italiano un po ‘durante il fine settimana “.

“Notiamo che mentre le questioni commerciali sono state contraddistinte dopo l’accordo USMCA, l’attenzione potrebbe spostarsi alla prossima relazione semestrale della FX sulle finanze della settimana dagli Stati Uniti, dopo che ieri il Tesoro degli Stati Uniti ha espresso preoccupazione per la recente deprecazione del CNY”.

EUR / USD, Euro sotto pressione, si sta scrollando di dosso il forte surplus commerciale tedesco

EUR / USD continua a registrare perdite questa settimana. Nella sessione di martedì, la coppia è stata scambiata a 1,1449, in calo di -0,37% giornaliero. Non ci sono eventi chiave dell’eurozona o degli Stati Uniti sul programma. Il surplus commerciale della Germania è salito a 18,3 miliardi di euro, ben al di sopra della stima di 15,9 miliardi di euro.

Mercoledì, la Germania rilascia il rendimento delle obbligazioni a 10 anni. Gli Stati Uniti pubblicheranno PPI e il rapporto sulla valuta del Tesoro degli Stati Uniti, una pubblicazione semestrale. Gli operatori sono in attesa del prossimo rapporto valutario del Tesoro degli Stati Uniti, che è stato pubblicato l’ultima volta ad aprile. In quel rapporto, gli Stati Uniti non nominarono nessuno dei suoi principali partner come manipolatori di valuta, ma criticò la Cina per la direzione “non di mercato” della sua economia.

Da allora, l’amministrazione Trump ha imposto circa $ 200 miliardi di dazi doganali sulle merci cinesi. La Cina si è vendicata con le proprie tariffe sui beni degli Stati Uniti, e si è speculato che la Cina potrebbe rispondere alle tariffe degli Stati Uniti svalutando lo yuan cinese, al fine di sostenere le esportazioni cinesi. Nel 2015 e nel 2016, i mercati hanno subito un brusco calo per timore che la Cina avrebbe attuato una forte svalutazione della sua valuta. Il rapporto dovrebbe essere trattato come un motore di mercato. Con la BCE in procinto di chiudere il suo programma di stimolo alla fine dell’anno, i mercati si stanno concentrando sui tempi di un rialzo dei tassi l’anno prossimo.

La BCE ha dichiarato che non aumenterà i tassi prima dell’inizio dell’estate, che molti analisti hanno interpretato come settembre 2019. Tuttavia, l’inflazione è aumentata significativamente nell’area dell’euro e la BCE potrebbe optare per aumentare i tassi di interesse prima di settembre al fine di frenare l’inflazione. Oltre all’inflazione, i responsabili delle politiche della BCE dovranno valutare altri fattori come la guerra commerciale U.S-Cina nel decidere quando aumentare i tassi di interesse.

L’analisi dell’onda di Elliott presenta modelli di EUR / USD rialzisti emergenti

L’EUR / USD ha raggiunto il nostro obiettivo iniziale identificato in settembre, poiché il modello correttivo sembra essere finito. Negli ultimi mesi abbiamo seguito da vicino il modello di Elliott Wave in DXY e EUR / USD. Dopo aver anticipato un turno e aver chiuso gli shorts il 20 agosto, stiamo aspettando che il modello correttivo rialzista si schiarisca prima di ritornare nelle acque. Come in settembre, il modello ha cominciato a schiarirsi e sembra che l’onda ‘b’ di un motivo a zigzag dell’onda Elliott abc sia finito. Ciò significa che è in corso un anticipo per l’EUR / USD di operare più in alto verso 1,19-1,22 nelle prossime settimane.

Al momento della scrittura, il cambio EUR / USD è scambiato a 1,1492. Con un leggero rialzo a +0,0002, ovvero di un +0,02%.

Piattaforme per fare trading sul cambio Euro Dollaro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY