EUR / USD si consolida intorno a 1,14

La coppia EUR / USD ha avuto un inizio noioso della settimana, limitato a un intervallo di 30 pips questo lunedì intorno alla zona di prezzo 1,1460. Il sentiment del mercato è peggiorato dopo l’uscita dei dati della bilancia commerciale cinese, con lo stato d’animo triste che si è esteso per tutto il giorno.

Secondo la versione ufficiale, il surplus commerciale della Cina è stato di $ 57,06 miliardi a dicembre, superando in gran parte il precedente e le aspettative del mercato, anche se a causa di un forte calo delle importazioni, che sono diminuite del 7,6%.

Anche le esportazioni diminuiscono, sebbene in misura minore, del 4,4%. Osservando la situazione USA-Cina, l’eccedenza cinese è cresciuta del 17% su base annua, raggiungendo 323,32 miliardi di dollari nel 2018, il più alto mai registrato, mentre le esportazioni sono aumentate dell’11,3% mentre le importazioni sono aumentate dello 0,7% nello stesso periodo.

In effetti, Trump è lontano dal vincere la guerra commerciale. L’UE ha rilasciato la produzione industriale di novembre, in calo dell’1,7% su base mensile e del 3,3% su base annua, più che raddoppiando le previsioni del mercato di un calo annuale dell’1,4%.

Non ci sono state cifre provenienti dagli Stati Uniti, dato che la parziale chiusura del governo continua, senza alcuna luce prevedibile alla fine del tunnel. Il calendario macroeconomico sarà un po ‘più attivo questo martedì, dato che l’UE pubblicherà la bilancia commerciale di novembre, mentre la BCE capo Draghi testimonierà dinanzi al Parlamento europeo, a Strasburgo, sulla relazione annuale della Banca centrale.

Negli Stati Uniti, la versione più rilevante sarà l’IPP di dicembre, difficilmente un motore del mercato con rapporti minori programmati per la maggior parte forniti da organismi non governativi. La coppia EUR / USD scambia vicino a un massimo giornaliero di 1,1481 prima della chiusura, come gli Stati Uniti le azioni hanno ridotto il loro sanguinamento precoce e ridotto una buona parte delle loro perdite infragiornaliere, attenuando l’umore del mercato negativo.

Tuttavia, e secondo il grafico a 4 ore, il potenziale al rialzo è ben limitato poiché il prezzo è scambiato ben al di sotto di una SMA senza direzione, anche al di sotto del ritracciamento chiave del 23,6% della diapositiva 2018 a circa 1,1530, mentre gli indicatori tecnici sono rimbalzati in negativo i livelli, il Momentum che si dirige verso l’alto ma l’RSI avanza solo modestamente.

La zona di prezzo 1,1420 / 30 è un forte supporto statico che, se si arrende, favorirà un crollo fino alla fascia di prezzo a 1,1360. Il caso rialzista rimarrà fuori dal tavolo finché la coppia rimarrà sotto 1.1530.

Gli analisti suppongono che i livelli di supporto siano 1.1425, 1.1390 e 1.1360

I livelli di resistenza suggeriti, invece, sono questi: 1.1490, 1.1530 e 1.1565.

EUR / USD, le previsioni di Commerzbank

Secondo Karen Jones, analista di Commerzbank, EUR / USD non ha sostenuto la rottura al di sopra della resistenza a 1.1500, e si sta consolidando a breve termine.

“Riteniamo che ci sarà una ripresa verso il massimo di 1,1623 di ottobre e il 1,11616 / 23 200 giorno ma a metà ottobre e un po ‘più a lungo termine ci rivolgiamo a 1,1786, la settimana 55 ma. Si prevede che i picchi in calo rimarranno ben supportati dai 55 giorni ma a 1,1385 e dovrebbero essere contenuti dal trend rialzista a breve termine a 1,1320.”

“Il fallimento a 1,1267 provocherà perdite al minimo recente di 1,11216 e il ritracciamento di Fibonacci al 61,8% del 2017- 18 anticipo a 1.1186. Si prega di notare che continuiamo a considerare il minimo recente di 1.1216 come un minimo provvisorio per il mercato”.

EUR / USD, le indicazioni dei dati interbancari

Ecco come il sentiment interbancario si confrontava con i dati tecnici alle 8 AM GMT di martedì 15 gennaio. Euro / Dollaro ha la maggior parte dei dati tecnici che mostrano segnali neutri. I modelli quotidiani mostrano risultati misti.

Il sentiment interbancario è fortemente rialzista per quasi il 38%. Cable ha 6 segnali neutri nella tabella oraria. Nel medio termine non si formano schemi chiari e la maggior parte dei modelli sono di colore verde nell’intervallo giornaliero. La posizione interbancaria è neutrale, in linea con i modelli orari.

Entrambi i segnali 1 e 24 ore sono miscelati per Dollaro / Yen. 5 modelli sono rivolti verso l’alto nel grafico a 4 ore, ma l’interbancario corto del 20% è ribassista. Pound / Yen ha 4 segnali neutri nella tabella oraria. 6 modelli puntano verso l’alto nella scala a 4 ore e ci sono 4 neutri nel grafico a lungo termine.

Il sentiment interbancario è neutrale, proprio come i segnali a 1 e 24 ore. I modelli a breve e lungo termine di Euro / Yen sono per lo più neutrali. Gli studi a medio termine mostrano risultati misti. La posizione interbancaria è ribassista a quasi il 26% in meno.

Brexit tiene indietro le major al momento. EUR / USD ha ancora la migliore configurazione tecnica

EUR / USD, l’analisi di Rabobank

“È abbastanza facile mettere insieme una discussione che suggerisca che i fondamentali attorno all’USD siano peggiorati negli ultimi mesi”, osservano gli analisti di Rabobank. I quali aggiungono: “Il problema sta nel fatto che i fondamentali di molte altre valute del G10, Anche l’EUR è peggiorato.

I dati CFTC dimostrano che, verso la fine dello scorso anno, il mercato era posizionato a lungo di USD e meno di EUR. Chiaramente questo ha reso l’USD più vulnerabile rispetto all’Euro alle cattive notizie.

Nelle ultime settimane dello scorso anno c’è stata una brusca inversione di tendenza delle aspettative di mercato per quanto riguarda le prospettive di crescita dell’economia statunitense e le probabili reazioni della Fed.

Le aspettative del mercato della stretta della Fed sono state drammaticamente ridotte e questo ha portato a un’ondata di ribilanciamento Posizioni in USD. Quanto più l’USD diminuirà rispetto all’EUR dipende fortemente da quanto il mercato vuole ricostruire le posizioni in EUR.

“Nel 2019, l’EUR si trova di fronte a diversi ostacoli. i dati nomici si sono inaspriti. Dopo il rilascio dei deboli dati sulla produzione industriale di novembre tedesco all’inizio di questa settimana, il mercato sta discutendo le possibilità che la più grande economia europea possa essere caduta in recessione tecnica in H2 l’anno scorso. Supponendo che la BCE aumenti i tassi intorno a settembre di quest’anno, il mercato sta speculando sul fatto che l’impatto sarebbe compensato dalla svalutazione delle OMRLT.”

“Per l’EUR, la probabilità che il ritiro dello stimolo della politica della BCE quest’anno sia estremamente prudente dovrebbe temperare il potenziale al rialzo. Inoltre, la prospettiva che le prossime elezioni parlamentari europee si concentrino sul populismo potrebbe pesare sull’euro in primavera”.

Gli analisti di Rabobank poi concludono: “Vediamo quindi il potenziale per la recente ripresa dell’EUR / USD di fermarsi nelle prossime settimane e di vedere la possibilità che la coppia valutaria torni indietro nel suo intervallo recente”.

Piattaforme affidabili per fare trading sul cambio Euro-Dollaro (EUR-USD)

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY