EUR / USD, scongiurata crisi tedesca ma resta problema dazi

La coppia EUR / USD ha subito un rifiuto ancora una volta vicino alla regione 1.1680 e da lì è stata sottoposta a forti pressioni di vendita all’apertura europea, dopo che il dollaro USA ha visto una solida ripresa tra i suoi principali concorrenti. L’attenzione si sposta sui minuti del FOMC 50 pips rapidamente e ora si avvicina ai minimi giornalieri di 1,1637, in quanto la divergenza della politica monetaria tra i due continenti è tornata in gioco a causa della mancanza di nuovi catalizzatori fondamentali e in vista del rilascio dei verbali della riunione del FOMC di giugno.

La Fed rimane sulla buona strada per altri due rialzi dei tassi quest’anno, rafforzando l’economia USA. Tuttavia, resta da vedere se il major riuscirà a mantenere l’handle di 1.16 nella giornata a venire, così come i dati del PMI dei servizi di giugno e della zona euro meglio del previsto di giugno.

Nel frattempo, i mercati continuano a digerire il rapporto del Financial Times (FT) secondo cui l’Unione europea (UE) sta prendendo in considerazione i colloqui su un accordo di riduzione tariffaria tra gli esportatori mondiali di automobili per prevenire una guerra commerciale a tutto campo con gli Stati Uniti. Con i dati Euroland fuori mano, non ci sono notizie macro sulle carte mentre gli Stati Uniti osservano la festa del Giorno dell’Indipendenza. Quindi, la coppia continuerà ad essere influenzata dall’azione sul prezzo in dollari USA.

Nenad Kerkez, Head of Technical Analysis e Trading di Elite CurrenSea, spiega: “L’EUR / USD è stato contenuto in un triangolo di consolidamento e possiamo vedere che il prezzo è vicino al vortice ora. Tuttavia, una resistenza di tre colpi è stata individuata e finché la coppia EUR / USD è sotto 1.1687, c’è una possibilità di una caduta verso 1.1644. Sotto 1.1644 obiettivi sono 1.1629 e 1.1605. Solo sopra 1.1687, la coppia dovrebbe essere rialzista alla fine raggiungendo 1.1711 e 1.1735”.

EUR / USD, il cambio chiuso in un triangolo simmetrico

EUR / USD ha recuperato la resistenza agli scambi europei martedì, poiché il dollaro USA si è ampiamente indebolito nei confronti delle sue controparti principali. La volatilità è diminuita nella coppia dal forte calo che è stato ispirato dall’ultima riunione della Banca centrale europea (BCE) che si è svolta a metà maggio. Da allora, il tasso di cambio si è consolidato in un intervallo ristretto, che sembra assumere la forma di un triangolo simmetrico. Gli intervalli di tempo più ampi indicano prospettive tecniche simili, in quanto EUR / USD ha chiuso il mese di giugno relativamente invariato rispetto al segnale esaurimento dalla precedente tendenza al ribasso.

Nonostante l’azione sui prezzi del mese scorso, la coppia ha registrato una perdita del 5,25% nel secondo trimestre. A livello orizzontale a 1.1641 era responsabile di mantenere la coppia più alta su base mensile. Il livello in precedenza fungeva da resistenza nel 2015 e 2016 e il supporto alla fine del 2017. Su un grafico giornaliero, gli acquirenti hanno difeso con fermezza il manico 1.1500 in due test e un rimbalzo significativo si è concretizzato in ogni occasione.

Anche i turni di posizionamento suggeriscono che gli orsi dell’euro possano ancora lottare per dominare ancora una volta. Il rapporto Commitment of Traders mostra una copertura significativa delle posizioni ribassiste in dollari nella seconda metà di giugno, mentre la posizione netta sull’euro è stata drasticamente ridotta. L’ultimo rapporto ha indicato una rete lunga di circa 34 mila contratti, in calo rispetto ai 152 mila contratti registrati a fine aprile.

Su base aggregata, il biglietto verde è detenuto a lungo nel mercato dei futures per la prima volta in un anno. La volatilità dovrebbe rimanere contenuta all’inizio della settimana poiché i mercati statunitensi saranno chiusi mercoledì in osservanza del Giorno dell’Indipendenza. Più avanti nella settimana, si prevede un aumento della volatilità in quanto le cifre del libro paga non agricolo di giugno verranno pubblicate venerdì. Gli analisti si aspettano che il tasso di disoccupazione rimanga invariato al 3,8% e il guadagno orario medio si mantenga allo 0,3%.

All’inizio della scorsa settimana, la coppia EUR / USD si è abbassata da una confluenza di resistenza che includeva la media mobile a 20 giorni, la media mobile a 200 periodi su un grafico a quattro ore, un livello orizzontale e una certa resistenza a Fibonacci. La coppia è attualmente vista testare ancora una volta la media mobile a 20 giorni e scambia appena al di sotto della media mobile a 200 periodi su un grafico di quattro ore.

Un modello di triangolo potenziale può essere visto collegando gli alti dall’inizio della scorsa settimana e alla fine della scorsa settimana. Al ribasso, si può tracciare una linea di tendenza dal minimo di quest’anno di 1.1508. Nel caso di una rottura del triangolo al rialzo, il primo livello di resistenza si trova a 1.1714, che ha tenuto la coppia di valute più bassa la scorsa settimana. Il livello orizzontale confluisce con il ritracciamento di Fibonacci del 61,8% misurato dall’elevato stampato durante la riunione della BCE di giugno.

Sopra di esso, il livello successivo di resistenza si trova a 1.1741, in quanto il livello ha funto da supporto a diversi test a giugno. Il supporto al ribasso cade a 1.1616, che ha dimostrato di essere significativo su un grafico mensile. Ulteriore supporto si trova al limite inferiore del pattern a triangolo. L’indice del dollaro USA (DXY) inversamente correlato ha combattuto la resistenza al sovraccarico, e la recente azione sui prezzi sottolinea la sua importanza.

Su un grafico settimanale, sono entrati in gioco i media mobile a 200 e 100 periodi. Quest’ultima è stata testata due volte nelle ultime due settimane, mentre non c’è stata una stretta sopra la prima da quando è stata inizialmente testata a fine maggio. Gli stoppini lunghi delle ultime due candele settimanali segnalano una forte pressione di vendita. Su un grafico mensile, la media mobile a 20 periodi sta creando resistenza a 94,91. Prima del test corrente, l’indicatore non era stato in gioco per circa un anno.

EUR / USD, possibile rialzo a fine settimana?

Il guadagno atteso dell’Euro a 1.1673 ieri suggerisce che il ritiro anticipato da 1.1697 (lunedì) è terminato a 1.1591 (lunedì) e il consolidamento con rialzo è visto per guadagno verso il massimo della settimana scorsa a 1.1720, l’intervallo dovrebbe estendersi dal minimo di giugno a 1.1509 verso 1.1750 più tardi. Sul lato discendente, solo al di sotto di 1.1621 si prolunga l’oscillazione laterale. Tuttavia, calcolare il valore di 1.1591 dovrebbe rimanere intatto e produrre un ulteriore rialzo alla fine di questa settimana.

I dati attesi del 4 luglio 2017: i dati sulle vendite al dettaglio britanniche BRC, servizi Markit PMI, Italia Servizi Markit PMI, Francia Servizi Markit PMI, Germania Servizi Markit PMI e EU Markit services PMI.U.S. mercato.

Broker per fare trading sul cambio EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

EUR / USD, cosa aspettarsi dopo la pausa del 4 luglio

La coppia EUR / USD è scambiata a metà dell’1.16, non molto diversa dai livelli osservati nei giorni precedenti. Dopo che la crisi politica della Germania è finita, l’attenzione si è concentrata sulle guerre commerciali. La Cina ha bloccato le attività di Micron, una società americana, in quello che potrebbe essere considerato un colpo di basso livello negli Stati Uniti. D’altra parte, la caduta dello Yuan cinese si è stabilizzata, segno che la seconda economia mondiale non cerca di intensificare lo scontro. I mercati sono stati relativamente calmi e questo ha permesso alla coppia di stabilizzarsi.

Un altro fattore stabilizzante è l’American Independence Day. I mercati statunitensi hanno chiuso presto il 3 luglio e sono completamente chiusi il 4 luglio. Una minore liquidità significa che se otteniamo uno sviluppo significativo, la volatilità potrebbe essere elevata. Tuttavia, le grandi mosse attenderanno probabilmente le uscite degli Stati Uniti di alto livello di giovedì. I libri paga non agricoli ADP e il PMI non manifatturiero ISM servono come suggerimenti per la relazione sull’occupazione di venerdì. Inoltre, il verbale della riunione del FOMC può rivelare le opinioni dei membri sul commercio e su altri argomenti.

Nel frattempo, il PMI dei servizi finali dell’area euro è risultato leggermente superiore alle aspettative in media, con il provvedimento finale della zona euro che è stato aggiornato da 55 a 55,2 punti, in gran parte spinti dalla Germania.

La linea nera più spessa mostra che la coppia EUR / USD sta vivendo minimi più bassi che ammontano a un sostegno al rialzo. La seconda riga mostra che la coppia è limitata da una resistenza al ribasso, che è iniziata in anticipo. Il libro di testo dice che quando la coppia sceglie una direzione, la mossa sarà abbastanza consistente. Dove andrà? Altri indicatori sono neutri. L’indice di forza relativa è intorno al 50 e Momentum non si vede da nessuna parte. La coppia scambia anche tra le 50 e le 200 medie mobili semplici su questo grafico di quattro ore. Il supporto attende a 1,1615 che ha impedito alla coppia di cadere il 29 giugno.

La prossima linea di supporto è 1.1590, un punto basso indietro il 2 luglio. Più in basso, 1.1540 è l’ultimo cuscino prima di 1.1508, il punto più basso nel 2018. Sul lato superiore, 1.1695 ha chiuso la coppia il 2 luglio. La resistenza più significativa è a 1.1720, il picco il 26 giugno. Molto più in alto, il 14 giugno oscilla alto di 1.1850 telai.

EUR / USD, cos’è Independence Day?

Il Giorno dell’Indipendenza, indicato anche come il 4 luglio o il 4 luglio, è una festa federale negli Stati Uniti che commemora l’adozione della Dichiarazione d’indipendenza il 4 luglio 1776. Il Congresso continentale dichiarò che le tredici colonie americane si consideravano un nuova nazione, gli Stati Uniti d’America, e non facevano più parte dell’Impero britannico. Il Congresso ha effettivamente votato per dichiarare l’indipendenza due giorni prima, il 2 luglio.

Il Giorno dell’Indipendenza è comunemente associato a fuochi d’artificio, parate, barbecue, carnevali, fiere, picnic, concerti, partite di baseball, riunioni familiari e discorsi politici e cerimonie, oltre a vari altri eventi pubblici e privati che celebrano la storia, il governo e le tradizioni degli Stati Uniti. Independence Day è il National Day degli Stati Uniti.

L’Independence Day è una festa nazionale contrassegnata da esposizioni patriottiche. Simile ad altri eventi a tema estivo, le celebrazioni del Giorno dell’Indipendenza si svolgono spesso all’aperto. Secondo 5 U.S.C. § 6103, il Giorno dell’Indipendenza è una festa federale, quindi tutte le istituzioni federali non essenziali (come il servizio postale e le corti federali) sono chiuse quel giorno. Molti politici rendono un punto questo giorno per apparire in un evento pubblico per lodare il patrimonio, le leggi, la storia, la società e le persone della nazione.

Le famiglie celebrano spesso il Giorno dell’Indipendenza organizzando o frequentando un picnic o un barbecue; molti approfittano del giorno libero e, in alcuni anni, un lungo weekend per riunirsi con parenti o amici. Le decorazioni (ad es. Stelle filanti, palloncini e vestiti) sono generalmente di colore rosso, bianco e blu, i colori della bandiera americana. Le sfilate si svolgono spesso al mattino, prima delle riunioni di famiglia, mentre i fuochi artificiali si svolgono di sera al calar della notte in luoghi come parchi, aree fieristiche o piazze cittadine.

La notte prima della Quarta era una volta il punto focale di celebrazioni, segnate da rauche assemblee che spesso incorporano falò come il loro fulcro. Nel New England, le città gareggiarono per costruire piramidi imponenti, assemblate da barili e botti. Erano illuminati al calar della notte per inaugurare la celebrazione. I più alti erano a Salem, nel Massachusetts, con piramidi composte da ben quaranta file di barili. Questi hanno fatto registrare i falò più alti mai registrati. La tradizione fiorì nei secoli XIX e XX ed è ancora praticata in alcune città del New England.

I fuochi d’artificio dell’Indipendence Day sono spesso accompagnati da canzoni patriottiche come l’inno nazionale, “The Star-Spangled Banner”; “Dio benedica l’America”; “America the Beautiful”; “My Country, ‘Tis of Thee”; “Questa terra è la tua terra”; “Stars and Stripes Forever”; e, regionalmente, “Yankee Doodle” negli stati nord-orientali e “Dixie” negli stati meridionali. Alcuni dei testi richiamano le immagini della guerra rivoluzionaria o della guerra del 1812.

Spettacoli sono tenuti in molti stati, e molti fuochi d’artificio sono venduti per uso personale o in alternativa a un pubblico mostrare. I problemi di sicurezza hanno portato alcuni stati a vietare i fuochi d’artificio oa limitare le dimensioni e i tipi consentiti. Inoltre, le condizioni meteorologiche locali e regionali possono determinare se sarà consentita la vendita o l’uso di fuochi d’artificio in un’area. Alcune vendite di fuochi d’artificio locali o regionali sono limitate o vietate a causa del clima secco o di altre preoccupazioni specifiche. In tali occasioni al pubblico può essere vietato l’acquisto o lo scarico di fuochi d’artificio, ma le esposizioni professionali (come quelle negli eventi sportivi) possono ancora aver luogo, se sono state prese alcune precauzioni di sicurezza.

Un saluto di una pistola per ogni stato negli Stati Uniti, chiamato “saluto all’unione”, è sparato il giorno dell’Indipendenza a mezzogiorno da qualsiasi base militare capace. New York City ha il più grande spettacolo pirotecnico nel paese, con più di 22 tonnellate di articoli pirotecnici esplosi nel 2009. In genere tiene espositori nell’East River. Altre esposizioni importanti sono a Seattle on Lake Union; a San Diego oltre Mission Bay; a Boston sul fiume Charles; a Filadelfia sul Philadelphia Museum of Art; a San Francisco sulla baia di San Francisco; e al National Mall di Washington, DC.

Durante l’annuale Festival internazionale della libertà di Windsor-Detroit, Detroit, Michigan ospita uno dei più grandi fuochi d’artificio del Nord America, sul fiume Detroit, per celebrare l’Independence Day in collaborazione con Windsor, Celebrazione dell’Ontario del Canada Day. La prima settimana di luglio è in genere uno dei periodi di viaggio negli Stati Uniti più affollati dell’anno, poiché molte persone usano quello che è spesso un fine settimana di vacanza di tre giorni per lunghi viaggi di vacanza.

Anche Wall Street è chiusa come detto per l’occasione.

EUR / USD, rientra la crisi politica tedesca

L’Euro aveva perso la propria forza in questi giorni complice la crisi politica interna al governo tedesco. Che aveva visto una spaccatura nella storica alleanza tra i Cristiano democratici (Cdu) e i Cristiano sociali (Csu), alleati in Parlamento dal 1949. A tenere banco era stato anche in Germania il tema immigrazione, con il Ministro degli interni Horst Seehofer, leader della Csu. A suo dire, infatti, i risultati del vertice europeo della scorsa settimana “non erano equivalenti” ai respingimenti ai confini che lui minaccia da tempo. Il ministro dell’Interno avrebbe definito “inutile” il faccia a faccia con Angela Merkel e “insoddisfacenti” le proposte più recenti della cancelliera, arrivando addirittura a dimettersi sia dal governo che dal partito.

Le dimissioni sono state rifiutate per ora come inaccettabili dal capogruppo del partito nel Bundestag, Alexander Dobrindt. Seehofer, già ribattezzato il “Salvini tedesco”, continuerebbe a ritenere utili soltanto i respingimenti direttamente alle frontiere tedesche. Il Ministro ha ottenuto ciò che voleva lunedì, ossia una più severa stretta dei confini tedeschi. Facendo rientrare la crisi.

L’Euro in questi mesi ha anche risentito della precaria situazione politica italiana, dove si è arrivati alla formazione di un governo a quasi 2 mesi dalle elezioni. E per di più, un governo considerato euro-scettico e pericoloso agli occhi dell’Ue. Guidato com’è dal M5S e dalla Lega. Infatti, i primi atteggiamenti da parte dell’Italia, molto diversi da quelli imposi dal Pd, nei confronti del tema immigrazione, hanno già creato dissapori come visto in Germania ma anche in Francia. Con Macron che aveva parlato di un atteggiamento “vomitevole”. Proprio lui il cui Paese, dopo aver voluto la destituzione di Gheddafi per interessi personali di Sarkozy (la questione finanziamenti illeciti) nel 2011, ha poi chiuso le frontiere con Ventimiglia.

EUR / USD, Cina non svaluterà Yuan nella guerra commerciale con Usa

I principali funzionari della banca centrale cinese hanno promesso martedì di mantenere stabile la valuta nazionale, contribuendo a invertire i ribassi e promettendo che la svalutazione dello yuan non sarebbe stata usata come arma nel conflitto commerciale con gli USA.

Il governatore della Banca di Cina di Yi Gang ha detto che la Cina “manterrà il tasso di cambio dello yuan sostanzialmente stabile a un livello ragionevole ed equilibrato”, una ripetizione del linguaggio standard che ha contribuito ad alimentare la speculazione, i responsabili politici sono pronti a intraprendere azioni più severe per arrestare il crollo della valuta.

Sun Guofeng, capo della banca centrale istituto di ricerca, ha detto che il declino della valuta non è dovuto alla Cina che l’ha indebolito deliberatamente per ottenere un vantaggio rispetto agli Stati Uniti. “Recentemente il tasso di cambio dello yuan ha mostrato qualche debolezza, dovuto interamente ai cambiamenti nelle aspettative del mercato a causa dell’aumento delle incertezze esterne piuttosto che” Sun ha detto. “La Cina sostiene il multilateralismo, la globalizzazione, il libero scambio e la gui internazionale basata sulle regole delines, e non renderà il tasso di cambio dello yuan uno strumento per far fronte ai conflitti commerciali. “Lo yuan è la valuta peggiore in Asia nelle ultime tre settimane, perdendo il 3,7% rispetto al dollaro mentre l’economia domestica rallenta e la nazione scivola più vicino a una guerra commerciale con gli Stati Uniti. Un fallimento nel contenere la caduta alimenterà la speculazione secondo cui i funzionari stanno effettivamente deprezzando la valuta per difendersi dagli effetti delle tariffe commerciali. Lo yuan ha cancellato le perdite per avanzare nei mercati onshore e oltreoceano dopo i commenti di Yi.”

La banca centrale sta inviando un avvertimento verbale e un intervento che il recente crollo dello yuan è stato troppo rapido, ha detto Zhou Hao, economista presso Commerzbank a Singapore . “A breve termine, lo yuan potrebbe rafforzarsi mentre i trader traggono profitto dalla recente scivolata, ma se il mercato ignora la [banca] e continua a spingere lo yuan più rapidamente velocemente, la banca centrale può condurre un intervento pesante per inviare un segnale più forte”.

Mentre non ci sono state azioni pesanti sul mercato, ci sono stati alcuni segnali di lieve, sospetto intervento nel commercio mattutino di martedì. Alcune importanti banche cinesi hanno venduto il dollaro dopo che lo yuan ha superato i 6,7 yuan / $, una mossa che ha rafforzato la valuta al di sopra di quel livello, i commercianti che hanno chiesto di non essere nominati hanno detto. “Il sentimento del mercato è molto unilaterale. i flussi commerciali stanno tutti puntando ad un ulteriore indebolimento dello yuan “, ha dichiarato Ryan Lam, responsabile della ricerca presso la Shanghai Commercial Bank.

“Lo yuan sta attraversando un ciclo molto brutto ora”. I fondamentali economici della Cina erano solidi e i rischi finanziari sono controllabili, ha detto Yi, aggiungendo che la nazione dovrebbe attenersi alla sua politica di cambio di “gestione di un meccanismo di cambio variabile, che è basato sull’offerta e sulla domanda del mercato e con riferimento al paniere di valute “. La banca centrale manterrà una posizione politica prudente e neutrale, ha detto.

I responsabili della politica erano “fiduciosi” che lo yuan possa essere mantenuto sostanzialmente stabile, ha detto il governatore della banca Pan Gongsheng. La bilancia dei pagamenti della nazione è stata generalmente equilibrata, e ha molte riserve estere, ricca esperienza e molti strumenti politici, ha aggiunto. Lo yuan a terra si è radunato dello 0,24% a 6,65 / $ nel tardo pomeriggio a Shanghai, dopo aver registrato il suo peggiore crollo mensile dal 1994 a giugno. La valuta scambiata all’estero è stata dello 0,39% più forte.

La replica Bloomberg del CFETS RMB Index, che replica lo yuan contro 24 pari, è scesa per il decimo giorno consecutivo, a 95,1. “La banca centrale è pronta a utilizzare misure più forti per trasformare la tendenza del mercato, come ulteriore forte deprezzamento dello yuan spingerebbe il mercato al panico, mentre il sentiment azionario è già stato povero”, ha detto Tommy Xie, economista dell’Oversea-Chinese Banking. “Ulteriore debolezza sarà limitata dal momento che il mercato è preoccupato per un potenziale interventobancario.”

EUR / USD, Canada impone dazi su prodotti esportati in Usa

La guerra dei dazi prosegue spedita. E ora anche il Canada si prende la sua rivincita contro i vicini Stati Uniti. Il Canada si è rivalutato contro le tariffe statunitensi di acciaio e alluminio schiacciando le proprie pene sulle esportazioni americane. Il governo canadese ha confermato domenica di aver imposto dazi sulle esportazioni statunitensi per 16,6 miliardi di dollari canadesi (12,5 miliardi di dollari). Più di 40 prodotti siderurgici statunitensi attraggono tariffe del 25%.

È stata applicata una tassa del 10% su oltre 80 altri articoli americani tra cui caramello, sciroppo d’acero, caffè in grani e marmellata di fragole. La risposta dal Canada è stata progettata per essere proporzionale, con le nuove tasse basate sulla quantità di acciaio e alluminio spedito l’anno scorso dal Canada agli Stati Uniti. Le tariffe in acciaio USA, che sono entrate in vigore il 1 ° giugno, dovrebbero essere particolarmente dolorose per il Canada. È stato il più grande esportatore di acciaio negli Stati Uniti di valore l’anno scorso, secondo Wood Mackenzie.

Il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che è necessario che il Canada tenga conto degli Stati Uniti. “Ho chiarito al presidente che non è qualcosa che ci piace fare, ma è qualcosa che assolutamente faremo”, ha detto in Giugno. “Noi Canadesi, siamo educati, siamo ragionevoli, ma non saremo nemmeno presi in giro.” Trump ha avuto la possibilità di tagliare le tariffe del latte in Canada. Se n’è andato via. Anche le tariffe in acciaio e alluminio sono state applicate nei confronti di Messico, Cina, Turchia, India e Unione Europea. L’amministrazione Trump ha fatto arrabbiare gli alleati chiave giustificando le tariffe dei servizi di sicurezza nazionale.

Alcuni hanno già avviato misure di ritorsione e presentato istanze legali all’Organizzazione mondiale del commercio. La scorsa settimana, l’Unione europea ha imposto tariffe addizionali del 25% sui prodotti statunitensi come le motociclette, il succo d’arancia, bourbon, burro d’arachidi, sigarette e denim. Il Messico ha anche imposto nuove tariffe agli Stati Uniti.

Il Canada e il Messico da un lato hanno l’ulteriore sfida di rispondere alle tariffe americane; ma dall’altro tentano di rinegoziare il NAFTA, un importante accordo di libero scambio, con gli Stati Uniti.

EUR / USD, guerra dei dazi provocherà nuova recessione?

Sebbene l’economia sia forte in questo momento, le imprese e gli investitori sono sempre più preoccupati per la repressione commerciale del Presidente Trump. Le tensioni si stanno intensificando, aumentando le possibilità che il commercio esploderà in una vera e propria guerra commerciale.

“La probabilità di una guerra commerciale conclusa è bassa ma i rischi aumentano”, ha scritto ai suoi clienti l’economista statunitense Bank of America Merrill Lynch, Michelle Meyer. Meyer ha avvertito che “un importante confronto commerciale globale probabilmente spingerebbe gli Stati Uniti e il resto del mondo sull’orlo della recessione”. Ecco come potrebbero cadere i domino: in primo luogo, le imprese sarebbero colpite da maggiori costi innescati dalle tariffe.

Quindi, le aziende non saranno in grado di capire come ottenere i materiali di cui hanno bisogno. Alla fine, la fiducia tra dirigenti e famiglie diminuirà. Le aziende risponderebbero drasticamente ridimensionando le spese. Trump ha già imposto tariffe a Canada, Messico e Unione Europea, e questi alleati reagirono rapidamente. Il primo round di tariffe sulla Cina entrerà in vigore il 6 luglio e Trump ha minacciato di più.

L’amministrazione sta anche valutando le tariffe di importazione automatica e le restrizioni sugli investimenti cinesi nella tecnologia degli Stati Uniti. I timori di una guerra commerciale stanno sbattendo Wall Street. Il Dow è caduto più di 300 punti lunedì, affondando per il nono giorno degli ultimi 10.

Certo, c’è un’enorme differenza tra un litigio commerciale e una guerra commerciale vera e propria. I passi compiuti finora dall’amministrazione riguardano solo una piccola parte dell’economia statunitense. Bank of America stima che siano stati presi di mira solo beni per un valore di oltre $ 100 miliardi, o circa il 4,2% delle importazioni totali di beni. “Siamo ancora a molti passi da una guerra commerciale in piena regola”, ha scritto Meyer. le tensioni potrebbero peggiorare prima di migliorare. “Il problema è che l’incertezza sulla politica commerciale potrebbe congelare le decisioni di investimento delle grandi compagnie e costare caro agli altri. La fiducia sta già calando tra i dirigenti aziendali in Germania, che fa molto affidamento sulle esportazioni.

L’indice del clima imprenditoriale IFO è sceso a giugno, guidato da un forte calo tra le società coinvolte nel commercio globale. Negli Stati Uniti, Harley-Davidson (HOG) ha avvertito lunedì che le ritorsioni dall’Unione europea potrebbero costare all’azienda ben 100 milioni di dollari un anno. La compagnia sta spostando la produzione di motociclette dagli Stati Uniti. Il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha dichiarato la scorsa settimana che le aziende stanno ponendo l’asticella per investire in nuovi progetti “piuttosto alti”.

Ha detto che “l’ottimismo” sul taglio delle imposte societarie “è quasi completamente svanito tra i miei contatti.” Meyer ha detto che un’ondata di tariffe danneggerebbe il sentimento dei consumatori e danneggerebbe le catene di approvvigionamento aziendale causando “colli di bottiglia” e interruzioni. E le interruzioni della supply chain potrebbero amplificare lo shock del commercio, portando a una vera e propria recessione”, ha scritto.

La crescita economica degli Stati Uniti ha accelerato di recente e le prospettive sono state brillanti grazie in gran parte alle riduzioni delle imposte sulle società e all’aumento delle spese governative. Greg Valliere, capo stratega globale di Horizon Investments, ha scritto in una nota ai clienti che parlano di una recessione: “Gli altri sono d’accordo – almeno per ora.” Il rischio di recessione è ancora molto basso a causa del “potente stimolo” derivante da riduzioni delle tasse e spese governative, ha dichiarato David Kelly, capo stratega globale di JPMorgan Funds.

Ma ha ammesso che l’incertezza causata dalle tariffe rischia di rallentare l’economia e compensare i benefici dei tagli fiscali. Secondo la Meyer, “un’ulteriore escalation”, incluse le tariffe auto, farebbe sì che la Bank of America “rivalutasse” le prospettive per l’economia degli Stati Uniti.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY