EUR / USD, ecco chi beneficerà di più della ripresa cinese

Secondo gli analisti di Morgan Stanley, la coppia EUR / USD dovrebbe salire più in alto questa settimana. Tuttavia, l’unico rischio al ribasso rimane nel caso in cui i dati di aprile sull’Eurozona deludano i mercati.

Ecco cosa sostengono: “Ci piace comprare EUR / USD al mercato con un obiettivo di 1.1800 e stop di 1.1170. L’ottimismo sulla crescita nel resto del mondo rimbalzi dovrebbe indebolire l’USD e aiutare EURO. I dati rimbalzanti della Cina dovrebbero filtrare per migliorare i dati dell’Eurozona nei prossimi mesi. Questo potrebbe accadere nel sondaggio ZEW di aprile tedesco di questa settimana e nel PMI di aprile dell’Eurozona, aiutati ulteriormente dall’allentamento delle preoccupazioni sulla Brexit e dai mercati azionari generalmente più forti”.

Poi aggiungono:

Mentre l’EUR offre bassi costi di finanziamento, sono le posizioni corte relative al finanziamento EUR che potrebbero spingere l’euro più in alto man mano che i dati migliorano. Negli ultimi giorni, i tassi di pareggio tedeschi a 5 anni hanno colto l’aumento dei tassi di pareggio negli Stati Uniti e gli spread dei titoli di stato degli EMU sono arrivati. Questo incontra un mercato che ha un EUR molto corto e un USD molto lungo. Il rischio per questo commercio è una sorpresa negativa nei dati di aprile della zona euro”.

Secondo Karen Jones, analista presso Commerzbank, EUR / USD sta lentamente avanzando verso l’alto con il minimo recente di 1.1176, considerato un minimo provvisorio e sospettano che stia cercando di basarsi, ma deve fare più lavoro.

Queste le parole di Jones: “La resistenza iniziale è il 100 giorni ma a 1.1349 e la linea di resistenza a 1.1394 prima dei 200 giorni ma a 1.1444. Il cross dovrebbe puntare al massimo a 1,1570 di gennaio, insieme al 55 a Ma settimana a 1,1551. Notiamo che il TD è impostato sul grafico giornaliero e ciò potrebbe provocare un consolidamento a breve termine. Abbiamo anche introiti incrociati di ondate di Elliott intraday e quindi restringeremo i nostri arresti “.

Poi conclude: “Al di sotto di 1.1185 / 75 (ritracciamento del 61,8%) si colloca il 1.1110, il minimo di maggio 2017 e il ritracciamento di 1,0814 / 78,6%.”

Piattaforme per fare trading su EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

EUR / USD, preoccupano titoli stato greci

La lotta della valuta comune per una mossa convincente sopra l’1,13 continua per il terzo giorno, nonostante il calo del bondyield greco a 10 anni e il restringimento dei rendimenti dei titoli greco-tedeschi.

I rendimenti dei titoli di stato greci sono scesi ai livelli quasi record di ieri, in risposta ai commenti di un alto funzionario che è imminente un accordo per rimborsare il prestito del Fondo monetario internazionale.

In particolare, il rendimento a 10 anni è sceso al 3,39%, il minimo da settembre 2005 e lo spread con la controparte tedesca a 232 punti base, il più basso dal febbraio 2018. È noto che l’inasprimento del differenziale di rendimento tra Grecia e Germania offerta sotto la moneta comune.

Questa volta, tuttavia, il restringimento del differenziale di rendimento greco-tedesco non è riuscito a sollevare la valuta condivisa. In effetti, ieri la coppia ha creato una candela doji con uno stoppino longupper, stabilendo il massimo del venerdì di 1,1324 come livello da battere per i tori. Una chiusura sopra 1.1324 invaliderebbe la candela doji e segnalerebbe una continuazione del rally dal recente minimo di 1.1184.

Ciò sembra probabile nel caso in cui le indagini tedesche sullo Zew superino le aspettative con un ampio margine, alleggerendo le preoccupazioni di un più profondo rallentamento economico nella più grande economia dell’Eurozona.

Il caso rialzista potrebbe rafforzarsi se il rendimento greco a 10 anni raggiunge il minimo storico sotto il 3.203 percento. D’altra parte, una chiusura al di sotto di 1.1298 (minimo di doji) implicherebbe una fine del rimbalzo dai minimi vicino a 1.1180. Un dato Zew tedesco più debole del previsto potrebbe spingere la valuta comune ben al di sotto di 1.1298.

EUR / USD, cosa dobbiamo aspettarci

EUR / USD sta spingendo forte per entrare in zona 1,13 e trafiggere la sua media mobile semplice di 50 giorni (SMA) dopo una settimana rialzista.

Tecnicamente, il rischio sembra essere inclinato al rialzo poiché l’RSI ha una pendenza positiva sopra il suo 50 segno neutro e il MACD continua a distanziarsi al di sopra della sua linea di segnale rossa. Con gli stocastici che fluttuano comunque vicino al territorio di ipercomprato, i guadagni potrebbero venire limitati.

Se la coppia supera il 23,6% di Fibonacci di 1,1326 del downleg da 1,1814 a 1,1775, la messa a fuoco passerà direttamente alla superficie superiore della nube di Ichimoku, vicino a 1,1370. Eliminando il cloud, i tori punterebbero alla SMA da 200 giorni attualmente a 1,1440 ma il 38,2% di Fibonacci di 1,1420 potrebbe rivelarsi un ostacolo come nelle sessioni precedenti. Sul lato negativo, il supporto potrebbe apparire immediatamente vicino a 1.1268 che in caso di rottura potrebbe inviare il prezzo fino alla zona restrittiva 1.1200-1.1175.

Al di sotto di quest’ultimo, il sell-off potrebbe accelerare verso 1,1060, un livello spesso testato nel 2016. A medio termine, EURUSD è in ribasso dall’inizio di gennaio e solo una chiusura decisiva al di sopra della SMA a 200 giorni potrebbe aumentare le speranze per un mercato toro.

EUR / USD, chi beneficerà di più della ripresa cinese

È probabile che l’euro sia un maggiore beneficiario di una nascente ripresa economica in Asia rispetto al dollaro USA, secondo gli analisti di Nordea Markets, che hanno affermato per questo motivo che i clienti della banca nordica dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di scommettere su un rialzo dell’euro- tasso del dollaro.

Le indagini IHS Markit e China Federation of Logistics e Purchasing manufacturing PMI hanno suggerito all’inizio di aprile che il settore manifatturiero cinese è uscito dalla recessione a marzo, con uno sforzo governativo durato mesi per stimolare l’economia alla fine, come se portasse frutto. I dati di Bank of China hanno rivelato la scorsa settimana che l’emissione di prestiti cinesi è quasi raddoppiata a marzo, dopo essere calata bruscamente a febbraio, mentre il surplus commerciale è anch’esso rimbalzato rispetto ai livelli depressi.

Non tutti sono convinti che siano comunque buone notizie. “Quindi c’è da meravigliarsi che le azioni cinesi siano cresciute così tanto quest’anno e che un mercato immobiliare affollato da 65 milioni di case vuote si stia preparando per un’altra ondata pericolosa più alta nei prezzi e nella costruzione?”

Ma la cosa più spaventosa è che le importazioni cinesi erano ancora in calo 7.6 % a / a marzo, anche se le esportazioni sembrano rimbalzare del 14,2% e il rialzo complessivo nella crescita del PIL reale è stato alquanto modesto “, si lamenta Michael Every, uno stratega di Rabobank.

Tutti e alcuni altri analisti sembrano essere dell’opinione che la decisione del governo di tagliare i requisiti patrimoniali bancari e pompare più denaro a buon mercato nel sistema finanziario finirà per tornare a morderlo e l’economia mondiale, ma il team valutario di Nordea dice che il presente il recupero potrebbe essere positivo per l’euro a breve termine almeno. Essi sostengono nella loro prospettiva di mercato settimanale che il differenziale di crescita economica tra gli Stati Uniti e il resto del mondo è uno dei driver più importanti dei tassi di cambio e che ciò spiega la sovraperformance del dollaro USA negli ultimi 12 mesi o più.

Un’economia cinese in ripresa ridurrà il differenziale di crescita e minerà il grande dollaro, afferma Nordea, consentendo all’Euro di uscire dal sottosuolo.

“È importante come si chiude il gap di sovraperformance degli Stati Uniti, se la crescita degli Stati Uniti crolla, potrebbe ancora essere buone notizie per l’USD a causa del sorriso del dollaro, ma gli Stati Uniti sono rimasti resilienti – e forse la deregolamentazione di Trump lo manterrà così. La narrativa del film verde è quindi probabilmente anche a sostegno di un rimbalzo in EUR / USD, ma finora abbiamo ha scelto di evidenziare questo scenario “, afferma Martin Enlund, chief FX strategist di Nordea.

Il quale poi conclude: “Ad un certo punto uno deve mettere i soldi dove è la bocca e quindi andiamo a lungo EUR / USD.”

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY