EUR USD resta in lieve calo, ma preoccupa nuovo fronte Iran

EUR / USD è leggermente inferiore nella sessione di giovedì. Attualmente, la coppia è scambiata a 1,1712, in calo dello 0,13% giornaliero. Sul fronte delle pubblicazioni, il GfK Consumer Climate tedesco è sceso a 10,6, stimato su 10,7 punti. Nel corso della giornata, la BCE imposterà il suo tasso di offerta minimo. Gli Stati Uniti rilasceranno resoconti di beni durevoli e dati sulla disoccupazione.

Dopo settimane di guerra commerciale lancinante, l’UE e gli USA hanno concordato di adottare misure per ridurre le tensioni. Mercoledì, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juckner ha incontrato il presidente Trump, ei colloqui sembrano avere avuto più successo del previsto. Le parti hanno concordato di sospendere ulteriori tariffe mentre i colloqui sono in corso. Questa è un’importante concessione di Trump, che aveva minacciato di imporre tariffe alle importazioni di auto europee. Le tariffe degli Stati Uniti sull’alluminio e sull’acciaio europei rimarranno in vigore, ma Juckner ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno accettato di rivedere queste misure.

L’accordo a sorpresa allevia i timori di una vera e propria guerra commerciale transatlantica. La buona volontà mostrata da Trump si estenderà anche ad una sorta di accordo con la Cina? Tutti gli occhi sono puntati sulla BCE, che fisserà i tassi di interesse più tardi. I mercati non si aspettano nulla di drastico dai responsabili delle politiche, con tassi che dovrebbero rimanere allo 0,00%. A giugno, la BCE ha deciso di chiudere il suo imponente piano di acquisti obbligazionari entro la fine dell’anno, che ammonta a circa 2,6 trilioni di euro. Tuttavia, la BCE sta giocando con molta cautela per quanto riguarda eventuali aumenti dei tassi d’interesse, con la BCE dicendo che manterrà tassi record-bassi “durante l’estate” del 2019.

Le tensioni commerciali tra UE e USA hanno attenuato le previsioni di crescita per la zona euro, sebbene la riunione di Juckner-Trump ha notevolmente migliorato l’opinione del mercato. La BCE potrebbe modificare le sue linee guida, ma è improbabile che apporti modifiche all’attuale politica monetaria.

L’incontro in programma tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente della UE Jean-Claude Juncker ha portato il potenziale per determinare un portamento e una convinzione definitiva nelle tendenze globali al rischio. Tuttavia, solo perché ha offerto la capacità di definire una tendenza non significa che sia stato garantito farlo in caso di risultati ambigui. Le relazioni economiche e commerciali tra le due maggiori economie aggregate nel mondo sono probabilmente molto più importanti per la salute della crescita globale e della stabilità finanziaria rispetto alla tensione più drammatica tra Stati Uniti e Cina.

Erigere barriere tra le economie dominanti del mondo sviluppato creerebbe molto più disordine nel flusso di capitali di quanto non sia a rischio con un sistema semichiuso come quello cinese. Tenendo conto di una rapida crisi finanziaria e / o di una recessione in mente, i mercati stavano aspettando di vedere se la pressione si sarebbe ribollita. Al livello della posta in gioco, tuttavia, la pressione si è attenuata. Se dovessimo prendere la valutazione dei politici, si tratta di una cascata di sollievo. Eppure, per l’investitore o il cittadino più attento, gran parte dell’accordo era di facciata. L’Unione europea si è impegnata ad acquistare più soia e gas naturale negli Stati Uniti, anche se costringere i paesi membri ad acquistare questi beni è sospetto.

Si sono impegnati a riformare insieme l’OMC e a ridurre le barriere commerciali verso lo zero. E su ciò è intrinsecamente difficile fare progressi. Il risultato più importante è stato il voto di evitare l’implementazione di nuove tariffe fintantoché i negoziati sono in corso, anche se le tariffe dei metalli non verrebbero invertite e le tasse automobilistiche non sono ancora state discusse.

EUR USD, cambio risente ancora della guerra commerciale Usa-Ue

A seguito sia della prima fuga di progressi – che ha suscitato più entusiasmo a causa della sua ambiguità – sia delle dichiarazioni ufficiali, EUR USD ha mostrato una risposta limitata agli aggiornamenti della guerra commerciale UE-USA. Potremmo aggrapparci a questa mancanza di impegno per contestare se gli Stati Uniti o l’Unione europea stessero guadagnando di più dalle relazioni scongelate. Tuttavia, quando guardiamo all’euro o al dollaro in rilievo (indici ugualmente ponderati o osservazione di più incroci), scopriamo che nessuna delle due monete ha avuto un progresso significativo.

C’è scetticismo a seguito di questo evento che ha rappresentato qualcosa di significativo sul futuro delle tendenze delle valute di riferimento. Questo risultato intermedio non è particolarmente sorprendente per quanto riguarda i fondamentali – sia per quanto riguarda l’evento o il tema, ma spesso gli scenari di tali eventi si collocano all’interno degli estremi – ma questo crea un’altra situazione carica per la coppia di riferimento.

Indipendentemente dal fatto che il tuo interesse sia in EUR USD o in qualsiasi altro cross europeo, la decisione sul tasso della BCE al giovedì successivo può emettere un verdetto più chiaro e stimolare una speculazione più attiva. Dal dollaro, l’elenco degli eventi più materiale è il rilascio del PIL del 2 ° trimestre di venerdì. La politica monetaria e la crescita sono i loro temi chiave, ma si aspettano entrambi di essere interpretati in termini di guerre commerciali.

Guardando alle attività orientate al rischio che erano ancora attive quando i titoli delle trattative commerciali UE-USA hanno iniziato ad attraversare i fili, c’è stata una risposta distinta alle voci che sono passate mezz’ora prima dell’inizio previsto del pressore ufficiale – e in particolare mezz’ora prima della chiusura del mercato. S&P 500, Nasdaq 100 e Dow hanno tutti avuto un vantaggio durante la sessione di chiusura. Altre attività attive durante le ore statunitensi come l’ETF dei mercati emergenti EEM e l’ETF con obbligazioni spazzatura HYG finirebbero anch’esse su una solida base.

Tuttavia, quando i dettagli iniziarono ad attraversare i fili e divenne chiaro che la situazione delle relazioni commerciali era più ambigua delle manche speculative, il commercio regolare era già stato chiuso. Vedremo come si sentono i sentimenti quando i mercati asiatici assumono il testimone del rischio e poi nelle sedute europee e statunitensi da quel momento in poi. Se le discussioni di Juncker-Trump erano un graffio, i guadagni offrivano una visione più definitiva della sessione precedente, una prospettiva decisamente negativa. In seguito al forte andamento di Google all’inizio della settimana, il prossimo membro FANG da segnalare (Facebook) ha espresso una delusione abbondante.

Nel commercio afterhours, le azioni della società sono calate di oltre il 15%. Questi giganti del mercato tecnologico sono i leader simbolici della carica speculativa lunga anni. Se perdono la trazione, incoraggerà una scossa sistemica nelle azioni statunitensi? Amazon è per molti il più critico tra i membri della FANG e il suo numero è previsto per giovedì. Nel frattempo, le guerre commerciali si sono insinuate negli aggiornamenti dei guadagni delle aziende blue-chip. I produttori di automobili GM e Ford hanno entrambi deluso, in parte a causa dei maggiori costi dei materiali, come effetto collaterale delle tariffe dei metalli e anche le azioni di Boeing sarebbero affondate nonostante il numero costante.

Mentre le guerre commerciali continueranno a rubare i riflettori fondamentali tutte le volte che compaiono nei titoli e le prossime 48 ore produrranno eventi chiave nella decisione sui tassi della BCE e il rapporto sul PIL degli Stati Uniti, questi non sono gli unici aspetti influenti. Forse notando lo spirito di compromesso – o almeno il punteggio politico – i funzionari canadesi e messicani che partecipavano alle conversazioni commerciali nei colloqui NAFTA a tre vie stavano creando un ottimismo offensivo.

Hanno offerto valutazioni entusiastiche degli sviluppi e strette relazioni bilaterali con un sottile scavo negli Stati Uniti che è ancora in pieno impegno. In particolare, sia USDCAD che USDMXN hanno fatto mosse più basse ultimamente. Forse questa è la prova che il mercato riconosce che gli Stati Uniti non sono immuni dal rigetto dalla sua carica nei confronti delle guerre commerciali. Una valutazione interessante in questi tempi è quella di tenere sotto controllo CADMXN, una coppia insolita ma sempre più rilevante.

Nel frattempo, il dollaro australiano ha registrato un moderato miglioramento nella cifra del 2 ° CPI, ma non è stato sufficientemente favorevole per suscitare la speculazione che la valuta possa recuperare il suo status di valuta di trasporto tra le major. I dati sull’inflazione a livello di produttore e di importazione sono ancora in attesa.

Un altro mercato fondamentalmente accusato ma tecnicamente deludente era il petrolio greggio. La commodity avrebbe potuto registrare un entusiasmo economico sui titoli del trade rispondendo direttamente al calo di 6,15 milioni di barili negli inventari statunitensi e alla notizia che l’Arabia Saudita aveva fermato le spedizioni attraverso un importante canale di rifornimento dal Mar Rosso al Mar Arabico a causa di un attacco terroristico. Invece, ha continuato a salire.

EUR USD, la coppia opererà in una fascia più alta secondo UOB

La coppia Eur Usd rimane neutrale anche se si prevede che opererà in una fascia più alta nelle prossime settimane. E’ quanto suggerisce l’FX Strategist di UOB Group.

Secondo il gruppo bancario, nelle prossime 24 ore “L’euro è stato scambiato per lo più lateralmente ieri fino alla fine della sessione di New York, dove è salito e ha eliminato la resistenza a 1,1710 (massimo di 1,1738). La stretta chiusura giornaliera successiva suggerisce un’ulteriore pressione al rialzo, anche se 1.1760 è un livello importante e si prevede che offra una solida resistenza. In vista della prospettiva positiva, una mossa intraday al di sopra di questo livello non è governata, ma una chiara rottura della resistenza successiva a 1,1990 sarebbe una sorpresa. Il supporto è a 1.1700 seguito da 1.1665 “.

Prossime 1-3 settimane: “L’azione dei prezzi in euro negli ultimi due giorni è stata relativamente attenuata e non vi sono ulteriori indizi. Da una prospettiva a più lungo termine, la fase neutrale che è iniziata agli inizi di giugno è ancora intatta e ci aspettiamo che rimanga intatta a meno che l’EUR non possa uscire chiaramente dalla fascia di giugno di 1.1507 / 1.1851. Alla luce della recente debolezza dei prezzi, è improbabile che ciò accada in tempi brevi. Da una prospettiva di 1-3 settimane, c’è un leggero pregiudizio al rialzo, anche se qualsiasi forza in euro è vista come parte di un più alto intervallo di consolidamento a 1,1640 / 1,1050 e una rottura sostenuta sopra 1,1850 sembra improbabile”.

EUR USD, resta pregiudizio al ribasso per Commerzbank

Karen Jones, responsabile dell’analisi tecnica della FICC presso Commerzbank, ha notato che la coppia mantiene intatto il pregiudizio al ribasso sotto 1.1790.

“L’EUR / USD è attualmente messo da parte, ma finora rimane limitato dalla linea di resistenza a breve termine a 1.1742. Per ora assumeremo che, al di sotto di 1.1790, permanga un pregiudizio al ribasso, tuttavia il mercato al momento è abbastanza neutrale. L’attenzione rimane sui minimi recenti di 1.1510 / 08 e qui sotto si trova il 200 settimane ma a 1.1379”.

“Un recupero sopra 1.1790 avrà come target 1.1855. Sopra 1.1855 cerchiamo un ritracciamento più profondo al 1.1937 in 55 settimane ma, con lo scopo del livello 1.1981 a 200 giorni è dove sospettiamo che fallirà”.

EUR USD, ScotiaBank punta l’attenzione sui colloqui commerciali tra il presidente Trump e il presidente della BCE Juncker

Gli analisti di Scotiabank hanno spiegato l’attuale ambiente circostante EUR / USD.

“I dati del PECO dell’eurozona sono risultati leggermente migliori delle tendenze manifatturiere attese, ma un po’ più deboli delle attese nei servizi e di conseguenza un leggero rallentamento dell’indice PMI composito.”

“I dati tedeschi erano generalmente positivi o migliori delle attese mentre i numeri francesi sono stati moderatamente deludenti”. “Nel complesso, i dati rimangono comodamente nel territorio di espansione a seguito del più ampio rallentamento dell’attività all’inizio dell’anno”. “Il sentimento più ampio potrebbe essere modellato dall’esito dei colloqui commerciali USA-UE a Washington questa settimana tra il Presidente Trump e il presidente della CE Juncker.” “EUR USD ha raccolto un discreto ostacolo nei primi scambi europei, guadagnando relativamente bruscamente dalla zona 1.1660.” “Il supporto è 1.1650 / 60” conclude Scotiabank.

EUR USD, tendenza al ribasso EUR / USD persiste sotto 1.1790 per Danske Bank

EUR USD, l’attenzione di Trump è ora verso Iran

Dopo Messico, Cina e Corea del Nord, il nuovo obiettivo di Donald Trumo è l’Iran. E’ notizia di oggi che un alto generale iraniano ha affermato che le sue forze sono “pronte a confrontarsi” con gli Stati Uniti se il presidente Donald Trump seguirà il suo avvertimento che l’Iran “subirà conseguenze” dal minacciare il generale americano Qassem Soleimani, a capo dell’élite Quds Force della Guardia Rivoluzionaria paramilitare iraniana. Chiamando Trump “giocatore d’azzardo”, ha detto: “Inizierai la guerra, ma la finiremo noi”. I suoi commenti sono stati portati dal sito yjc.ir affiliato allo stato e dall’agenzia semi-ufficiale Tasnim dopo un discorso nella città di Hamedan, nel centro dell’Iran.

Trump ha aumentato le tensioni con l’Iran domenica sera tardi con un rigido tweet scritto con tutte le lettere maiuscole:

“NEVER EVER THREATEN THE UNITED STATES AGAIN OR YOU WILL SUFFER CONSEQUENCES THE LIKE OF WHICH FEW THROUGHOUT HISTORY HAVE EVER SUFFERED BEFORE”

Trump stava rispondendo al presidente iraniano Hassan Rouhani, che in precedenza aveva detto che “Americano / i deve capire bene che la pace con l’Iran è la madre di ogni pace e la guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre”. Rouhani aveva ammonito Trump di smettere di “giocare con la coda di leone, altrimenti te ne pentirai”. I suoi commenti arrivano mentre Washington si prepara a reimporre le sanzioni economiche contro l’Iran il 6 agosto dopo il suo ritiro dall’accordo nucleare del 2015.

La reazione di giovedì da Soleimani arriva dopo che Rouhani ha detto mercoledì che non c’è bisogno che lui “risponda a qualche assurdità” di Trump. Soleimani disse che era suo dovere di soldato rispondere alla retorica di Trump. “Siamo vicini a te, dove non puoi nemmeno immaginare. Siamo pronti”, ha detto Soleimani nel suo discorso.

Fin dal suo insediamento, Trump ha sviluppato una reputazione per sparare tweets riscaldati che sembrano intensificare le dispute con i leader mondiali in contrasto con gli Stati Uniti. Tuttavia, dopo l’avvertimento di domenica, Trump ha suggerito che i colloqui fossero un’opzione. “Siamo pronti a fare un vero accordo”, ha detto. Sulla scia dei commenti di Trump sull’Iran, gli analisti di politica estera hanno affermato di non essere sicuri se il presidente stia deliberatamente cercando uno scontro con l’Iran o semplicemente cercando di cambiare argomento politicamente in seguito al fallout dell’incontro della scorsa settimana con il presidente russo Vladimir Putin.

Trump è stato ampiamente criticato in patria e all’estero per non essere riuscito a resistere al leader russo per le accuse di ingerenza del suo paese nelle elezioni americane.

EUR USD, Trump usa stessa strategia della Corea con Iran?

Per alcuni commentatori, però, Trump starebbe utilizzando con l’Iran la stessa strategia utilizzata con la Corea del Nord. Ossia, inizialmente sparare toni accesi per poi aprire al dialogo e infine ad un incontro. Certo, i due contesti sono molto diversi. La Corea del Nord è guidata da un leader giovane ed inesperto, che stava utilizzando il suo potere come fosse un videogame. Per poi forse iniziare ad avere paura e comprendere di starsi pericolosamente isolando dal resto del Mondo. Anche dagli storici alleati Cina e Russia.

Il contesto in Iran è diverso. Il paese è guidato da leader religiosi anziani, esperti di politica internazionale, orgogliosamente e saldamente al proprio posto di comando. Quindi non si lascerebbero certo sopraffare da giochetti e sarebbero pronti anche domani alla guerra.

Comunque, l’acceso scambio di minacce del Presidente Donald Trump con i leader iraniani questa settimana solleva dubbi sul fatto che il mondo abbia mai visto questo spettacolo prima e se si concluderà allo stesso modo. È possibile, come ha fatto con la Corea del Nord, che Trump aumenterà sanzioni e pressioni retoriche su Teheran, solo per poi arretrare, raggiungere un accordo di poca sostanza con i leader del paese e dichiarare, inverosimilmente, che ha risolto un problema vecchio di decenni?

Mentre è ancora troppo presto per giudicare l’esito del vertice storico di Trump con Kim Jong Un, gli analisti dicono che ci sono segnali che l’approccio di Trump all’Iran potrebbe far eco al suo approccio alla Corea del Nord. Dopotutto, Trump ha già cercato di incontrare funzionari iraniani, e i suoi consiglieri non escludono il futuro accordo. È desideroso di stringere accordi sul palcoscenico mondiale. E l’Iran ha un’importante leva nei luoghi in cui Trump vorrebbe ritirare le truppe americane, come la Siria.

“Se fossi un attivista dell’opposizione iraniana, mi chiederei: “Quanto è impegnato questo presidente americano in questa strategia?”. Ha detto Alex Vatanka, uno specialista dell’Iran con il Medio Oriente Institute. “La carta vincente per Trump è che potrebbe ottenere un accordo migliore dal regime iraniano, e ciò significa che l’opposizione che ha seguito Trump in questo processo diventa un danno collaterale”.

Per ora, Trump sembra felice di continuare a punzecchiare la leadership iraniana. Lo scambio di battute tra i due presidenti ricordava così tanto l’avvertimento di Trump lo scorso agosto che avrebbe risposto alle minacce nordcoreane “fuoco e furia” che i giornalisti hanno chiesto alla Casa Bianca lunedì se il presidente era disposto a sedersi con gli iraniani, come ha fatto con Kim. Ma la segretaria stampa Sarah Huckabee Sanders ha deviato la domanda. Alla domanda se avesse qualche preoccupazione per il suo tweet che provoca tensioni con l’Iran, lo stesso Trump ha detto “Assolutamente no”.

Il presidente ha esibito una spavalderia simile verso la Corea del Nord l’anno scorso. Chiamò Kim “ a Little Rocket Man” e che avrebbe castigato il governo di Pyongyang per la sua documentazione sui diritti umani. Kim ha risposto che Trump era un “vecchio rimbambito” e il suo governo ha minacciato uno scontro nucleare. La squadra di Trump ha lavorato in concerto con altri paesi per aumentare le sanzioni economiche sulla Corea del Nord, una campagna chiamata “massima pressione”.

Il presidente ha anche usato il suo discorso davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre per distruggere sia l’Iran che la Corea del Nord. Per la maggior parte di quest’anno Trump ha adottato un approccio radicalmente diverso rispetto alla Corea del Nord. Dopo un invito della Corea del Nord, Trump e Kim hanno tenuto un summit a Singapore per discutere del programma nucleare di Pyongyang. Trump ha anche interrotto drammaticamente le sue lamentele sulla situazione dei diritti umani della Corea del Nord e, dopo il summit di giugno, ha elogiato Kim ripetutamente e messo in pausa gli esercizi militari degli Stati Uniti sudcoreani.

Le sanzioni, tecnicamente, rimangono in vigore. Il summit ha portato a una vaga dichiarazione Trump-Kim che ha impegnato la Corea del Nord a “completare la denuclearizzazione”, ma non ha dato tempo e nessuna specificità. Era lontano dalla “completa, verificabile, irreversibile denuclearizzazione” che la squadra di Trump aveva richiesto a lungo prima del summit. Eppure, con sorpresa di gran parte del mondo, Trump ha presto affermato su Twitter: “Non c’è più una minaccia nucleare dalla Corea del Nord”.

Nelle scorse settimane, gli aiutanti di Trump hanno faticato a inchiodare i nordcoreani nei prossimi passi, riferendo che stanno aggiornando alcuni impianti nucleari. L’Iran, nel frattempo, è bloccato sulla cattiva lista di Trump. A maggio, il presidente ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano negoziato a livello internazionale, reintroducendo le sanzioni che erano state revocate in cambio di freno a Teheran programma nucleare. L’amministrazione ha anche presentato 12 richieste all’Iran così vaste che alcuni analisti affermano di essere una richiesta di cambiamento di regime.

Trump chiede a tutti gli altri paesi di ridurre le importazioni di petrolio dall’Iran a zero entro il 4 novembre, una grande minaccia per l’economia traballante dell’Iran. Gli Stati Uniti stanno anche perseguendo la guerra dell’informazione contro l’Iran, usando i social media e altri mezzi per evidenziare le violazioni dei diritti umani e gli errori economici della leadership islamista.

Domenica, il segretario di Stato Mike Pompeo ha tenuto un discorso in California a cui hanno partecipato molti iraniani-americani. In esso, ha accusato il governo di Teheran di corruzione e crudeltà e ha assicurato agli iraniani che gli Stati Uniti stanno con loro nei loro sforzi per resistere al governo dei chierici. Ma quando gli è stato chiesto se l’amministrazione Trump potesse riconciliarsi con la leadership iraniana, Pompeo, da lungo tempo hard-liner sull’Iran, non lo ha escluso. In realtà, ha tracciato un parallelo con la Corea del Nord, notando che aveva visitato Pyongyang tre volte come parte degli sforzi di un accordo.

“Il presidente ha detto se possiamo ottenere questo cambiamento, se possiamo ottenere la leadership [iraniana] per fare un decisione strategica su come garantire il suo benessere e il benessere dei suoi popoli, che siamo pronti ad avere una conversazione e discutere su come ciò potrebbe procedere “, ha detto Pompeo. “Il presidente ha dichiarato almeno una volta, forse più di una volta, che è pronto a farlo con la leadership in Iran, ma non prima che ci siano cambiamenti dimostrabili, tangibili e irreversibili nel regime iraniano che io non vedo accadere oggi. Ma vivo nella speranza”. Durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite dello scorso settembre, il gruppo di Trump si è rivolto alla delegazione iraniana, attraverso i francesi, in cerca di un incontro, possibilmente tra Trump e Rouhani.

Gli iraniani hanno scelto di non impegnarsi, in parte a causa dell’ostilità che Trump ha espresso nei confronti dell’Iran nel suo discorso all’assemblea. I contatti si sono fatti più limitati in seguito e ora sono sostanzialmente privi di nulla, ha detto Ali Vaez dell’International Crisis Group. Secondo Vaez, l’Iran ha persino interrotto i cosiddetti colloqui di Track 2, che di solito sono conversazioni tra rappresentanti non ufficiali di entrambi i paesi, come analisti ed ex funzionari, che esplorano la diplomazia. Gli iraniani si rendono conto di aver lasciato un vuoto che i loro avversari, in particolare Israele e l’Arabia Saudita, si sono riempiti allegramente.

Ma temono anche che se chiedono un incontro, alla Kim, potrebbe segnalare a Trump che la sua strategia sull’Iran – che Pompeo descrive anche come “massima pressione” – sta funzionando e dovrebbe essere mantenuta. “Penso che la leadership iraniana sia giunta alla conclusione che l’opzione migliore è aspettare l’amministrazione Trump “, ha detto Vaez, aggiungendo che la strategia potrebbe cambiare se Trump viene rieletto.

Ma Suzanne DiMaggio, un’analista con il think tank New America, che è un esperta sia sull’Iran che sulla Corea del Nord, ha detto che è possibile che gli iraniani non abbiano escluso di proseguire i colloqui a livelli inferiori a Trump. “Gli iraniani non sono rimasti colpiti dalle capacità negoziali del team di Trump nei colloqui con Pyongyang e probabilmente vedono l’opportunità di superare Trump”.

Gli osservatori sull’Iran riconoscono che Trump sia una figura “mercuriale” che spesso cambia idea e il suo tono, con pochi avvertimenti o suggerimenti da parte di aiutanti. Ma alcuni hanno affermato che le dinamiche che coinvolgono l’Iran sono diverse da quelle che coinvolgono la Corea del Nord, rendendo meno probabile che Trump insegua presto la diplomazia con Teheran. A differenza dell’Iran, la Corea del Nord ha già armi nucleari, dandole più leva. È anche economicamente molto più isolato dell’Iran e ha resistito per anni a sanzioni internazionali senza un crollo del suo governo. Un attacco militare statunitense sulla Corea del Nord corre il rischio di una reazione che potrebbe portare a un numero catastrofico di morti.

Tutti questi fattori hanno reso la diplomazia con la Corea del Nord apparentemente attraente per molte persone nell’orbita di Trump e, a quanto pare, il presidente stesso. Ci sono poche, se non nessuna, voci attorno a Trump ora che stanno sostenendo che sta per sedersi con gli iraniani. Questo in parte perché, nonostante la mancanza di armi nucleari, l’Iran è visto come causa di problemi su così tanti fronti che cercano di raggiungere qualsiasi sistemazione con il paese farebbe infuriare i principali alleati degli Stati Uniti come Israele e Arabia Saudita.

Attraverso le milizie delegate, la sponsorizzazione di gruppi terroristici e altri mezzi, l’Iran sta proiettando un livello di influenza in tutto il Medio Oriente che gli alleati statunitensi trovano inaccettabile. Ciò include avere una presenza militare importante in Siria e armare i ribelli nello Yemen. Gli Stati Uniti hanno un coinvolgimento militare in entrambi i paesi in gran parte a causa delle preoccupazioni per l’Iran. L’Iran è anche più vulnerabile alle sanzioni rispetto alla Corea del Nord a causa della sua maggiore dipendenza economica dalla comunità internazionale. Di conseguenza, c’è un forte interesse nell’amministrazione Trump nel vedere se la pressione economica potrebbe alla fine portare il popolo iraniano a forzare la leadership islamista, che ha preso il sopravvento sulla scia di una rivoluzione circa 40 anni fa.

Una persona che ha consigliato l’amministrazione Trump sull’Iran ha sottolineato che mentre le frustrazioni dell’America con la Corea del Nord erano quasi singolarmente riguardo al suo programma di armi nucleari, la sua inimicizia con l’Iran copre una serie di questioni, comprese le sue potenziali attività nucleari, rendendo più difficile stringere un patto eccezionale con Teheran.

La fonte ha notato un altro fattore che potrebbe trattenere Trump dal coinvolgimento con l’Iran: il forte desiderio all’interno della sua base politica repubblicana – molti dei quali sono ferventi sostenitori di Israele – per rimanere duro su Teheran. “Quando si tratta della Repubblica islamica, a differenza di altre questioni, la base di Trump non avrebbe tollerato uno stupido accordo”, dice tale fonte. Ancora, altri erano meno certi, se non altro per l’imprevedibilità di Trump.

Vatanka, per esempio, ha sottolineato che Trump aveva ripetutamente segnalato che voleva che le truppe americane uscissero dalla Siria. Se l’Iran offrisse a Trump una sorta di accordo che comporta il suo stesso svantaggio da parte della Siria, Trump potrebbe saltare, dettagli e alleati essere dannati. Gli attivisti dell’opposizione iraniana, nel frattempo, probabilmente faranno pressioni. “Potrebbero farlo al loro ritmo, con i loro strumenti “, ha detto Vatanka,” ma probabilmente avranno dei ripensamenti sul fare affidamento sull’amministrazione Trump”.

LEAVE A REPLY