EUR / USD, prosegue trend rialzista ma resta scetticismo

L’euro sta lottando per sostenere lo slancio rialzista dopo la rottura della scorsa settimana al di sopra della resistenza, guidando la mossa più bassa rispetto al dollaro USA dall’inizio di giugno. I prezzi sono ora in cima a questa barriera – rifondati come supporto – e in attesa di segnali di direzione nuovi, con due tentativi consecutivi di sfidare la cifra 1.18 che termina in fallimento.

La resistenza della gamma si allinea nella zona 1.1840-52, con una rottura superiore a quella della chiusura giornaliera che apre la porta per una sfida della zona 1.1930-56. In alternativa, un ritorno al di sotto della precedente barriera al rialzo e l’aumento del supporto della linea di tendenza a 1.1664 apre la strada per rivedere la regione 1.1510-54. Tornando al grafico a quattro ore, la comparsa della divergenza RSI negativa suggerisce lo slancio al rialzo sta svanendo, il che potrebbe precedere una crisi. Tuttavia, la serie immediata di massimi e minimi è rimasta intatta, facendo sembrare prematuro scommettere sulla ripresa al ribasso.

In effetti, la traiettoria dominante rivelata sul grafico mensile è decisamente ribassista, con EUR / USD confinato entro i limiti ben definiti di un declino decennale. Sarebbe necessaria una mossa sopra 1,2670 per sfidare questa presunzione, facendo sembrare la ripresa recente un’opportunità di vendere piuttosto che una ragione per acquistare.

Tuttavia, a questo punto è assente un’impostazione di trading a breve termine. Aspettare che emerga sembra prudente prima di ristabilire l’esposizione dopo che il profitto è stato prenotato la scorsa settimana. Ciò potrebbe dover attendere il passaggio del rischio di eventi critici attraverso l’imminente annuncio della politica monetaria del FOMC.

I segnali di giovedì scorso non sono stati attivati, in quanto non vi è stata alcuna azione di prezzo al ribasso quando il prezzo ha raggiunto 1,1732 quel giorno.

EUR / USD, per UOB c’è ancora spazio per la coppia per testare 1.1800 nell’orizzonte a breve termine

Queste le previsioni dello FX Strategists di UOB Group:

24 ore: “L’EUR ha toccato brevemente un massimo di 3-1 / 2 mesi di 1,1815 prima di lasciare la maggior parte del suo guadagno per chiudere la giornata in gran parte invariata (chiusura di New York di 1,1746, -0,03%). Gli indicatori sono per lo più a livelli “neutri” e l’euro dovrebbe scambiare lateralmente per oggi, probabilmente tra 1.1715 e 1.1795 “.

1-3 settimane: “Come evidenziato, la forza recente in EUR ha lo scopo di estendere verso la prossima resistenza a 1.1850. L’EUR ha toccato brevemente un massimo di 1,1815 durante le ore di New York di ieri e, nonostante il ritiro relativamente rapido e netto dall’alto, il tono di fondo positivo rimane intatto. Tuttavia, gli indicatori a breve termine si stanno ritirando dalle condizioni di ipercomprato e questo potrebbe portare prima a un paio di giorni di consolidamento. Finché il “supporto chiave” a 1.1690 è intatto (il livello rimane invariato come in precedenza), continuiamo a vedere la possibilità per EUR di passare a 1.1850″.

EUR / USD, Scotiabank vede mercati rialzisti

Gli analisti di Scotiabank hanno spiegato che l’EUR si alza leggermente rispetto all’USD e sovraperforma la maggior parte del G10 insieme alle sue controparti valutarie europee GBP, NOK e SEK.

“I rilasci di base sono stati limitati a dati di fiducia tedeschi IFO più forti del previsto dalla Germania.” “Il posizionamento a termine speculativo (CFTC) rimane neutrale e le inversioni di rischio suggeriscono una continua erosione del premio per la protezione contro la debolezza dell’euro vs. USD e JPY e un aumento del premio per la protezione contro la forza dell’euro rispetto alla sterlina.” Poi concludono: “Sembra che non ci siano livelli di resistenza maggiori prima del punto mediano del 2018 (1.1928) e del MA di 200 giorni intorno a 1.1950.”

EUR / USD, pressione al rialzo alleviata sotto 1.1508

Analista Senior presso Commerzbank Axel Rudolph ha notato che la pressione al rialzo della coppia dovrebbe essere mitigata con un calo al di sotto di 1.1508.

“L’EUR / USD ha spinto brevemente fino a 1,1815 prima di rientrare sotto il massimo di luglio a 1,1990. L’area di resistenza 1.1790 / 1.1803 è quella di oggi. Una chiusura sopra 1,1803 innescherebbe una mossa verso il massimo di 1.1853 a metà giugno e la settimana su 5590 a 5590 m. Direttamente qui sopra si trova il 200 MA giornaliero a 1.1947 e noi permetteremmo di prendere alcuni guadagni là. Continuiamo a vedere il minimo di agosto a 1,1301 come una svolta significativa per il mercato”. “Il supporto minore arriva ai massimi 1,1750 / 34 di fine luglio e agosto. Il mercato rimane al di sopra della linea di supporto a breve termine 1.1637”.

“Il cross dovrà scendere sotto il 1.1508 per alleviare la pressione al rialzo immediata”.

EUR / USD, trend rialzista chiamato alla dura prova di superare 1,1760 secondo Confluences Detector

L’EUR / USD è tornato alla gamma ben nota dopo aver provato il rialzo. Il prossimo tentativo potrebbe affrontare un muro duro. L’indicatore Confluences Detector mostra che la coppia è impantanata intorno a 1,1760 in un ammasso denso che include il Fibonacci 23,6% a settimana, la Banda Bolinger 15m-Upper, la Media mobile semplice 50-one- ora, SMA 5-4h, SMA 200-15m, Bolinger Band di un’ora centrale e Fibonacci 61.8% di un giorno. Se la coppia si fa strada verso l’alto, potrebbe rimanere bloccata intorno a 1,1810 o prima.

Vediamo una congestione tra cui la più alta in una settimana, la più alta in un mese, la Bolinger Band 4h-Upper, il Pivot Point un giorno Resistenza, e altro ancora. Una rottura sopra la linea aprirà la porta al lato superiore. Guardando verso il basso, un supporto attende a 1,1735 che consiste nel BB 15m-Lower, il 4h-Low e il Fibonacci 38,2% a una settimana. Più in basso, ci sono abbastanza poche righe ma l’unico livello di supporto significativo è a 1.1620 che è la convergenza del potente supporto di un giorno in PP 3 e il minimo della scorsa settimana.

The Confluence Detector trova interessanti opportunità utilizzando la tecnica della Confluenza. Il TC è uno strumento per individuare e indicare quei livelli di prezzo in cui vi è una congestione di indicatori, medie mobili, livelli di Fibonacci, punti di rotazione, ecc. Sapere dove si trovano questi punti di congestione è molto utile per il trader e può essere usato come base per diverse strategie. Questo strumento assegna una certa quantità di “peso” a ciascun indicatore, e questo “peso” può influenzare i livelli di prezzo degli adiacenti. Queste ponderazioni significano che un livello di prezzo senza alcun indicatore o media mobile ma sotto l’influenza di due livelli “fortemente ponderati” accumulano più resistenza rispetto ai loro vicini. In questi casi, lo strumento segnala resistenza in aree apparentemente vuote.

EUR / USD, decisivo lo scoglio 1,1815

Il rimbalzo dell’euro nell’ultima ora ha poco a che fare con i fondamentali, ma l’ondata arriva quando anche la sterlina si sposta più in alto nella giornata. La chiave qui ancora una volta è guardare le coppie di yen mentre i rendimenti del Tesoro sono in movimento, dando ulteriore sostegno agli acquirenti in EUR / JPY.

La coppia ha toccato un massimo di 132,97 e questo segue anche con EUR / USD in rialzo a un massimo di 1,1790 il giorno. Da un punto di vista tecnico, mostra anche il pregiudizio nella coppia in questo momento. Dopo il tentativo di Praet di eliminare i commenti da falco di Draghi prima, EUR / USD è caduto per testare il MA di 100 ore (linea rossa), ma l’azione sui prezzi si è bloccata lì prima di tornare nuovamente in alto. Ciò dimostra che gli acquirenti sono ancora pronti e desiderosi di offrire nuova linfa ancora la coppia.

Come accennato in precedenza, la coppia si trova ancora in una gamma ben definita prima dell’incontro FOMC di domani con le due medie mobili delle ore chiave mantenendo il prezzo in-check al ribasso mentre offerte e resistenza giornaliera della regione di oscillazione tra 1.1800-10 contribuiscono a limitare qualsiasi rialzo. A questo punto, gli acquirenti hanno bisogno di una rottura stabile sopra il massimo durante la notte a 1,1815 per giustificare un’ulteriore tappa nella mossa al rialzo. Ma prima della riunione del FOMC di domani, è difficile vedere gli operatori diventare troppo ammaliati da ciò.

EUR /USD, guerra commerciale Cina-Usa prosegue: la cronistoria

Naturalmente, la guerra commerciale tra Cina e Usa continua ad influenzare il cambio EUR / USD. Walmart, il più grande rivenditore americano, sta dando l’allarme sulla guerra commerciale del presidente Donald Trump, dicendo che è “molto preoccupato” per gli impatti che le nuove tariffe potrebbero avere sui consumatori americani. In una lettera al rappresentante commerciale americano Robert Lighthizer intervistato da Business Insider, l’azienda – che impiega 2,3 milioni di persone in tutto il mondo, tra cui 1,5 milioni negli Stati Uniti – ha detto che l’impatto immediato delle nuove tariffe sarà quello di aumentare i prezzi sui consumatori e tassare le imprese e i produttori americani.

“Come il più grande rivenditore negli Stati Uniti e un importante acquirente di beni manufatti statunitensi, siamo molto preoccupati per gli impatti che queste tariffe avrebbero sul nostro business, i nostri clienti, i nostri fornitori e l’economia americana nel suo insieme “, ha scritto Walmart. Tramite questa lettera – inviata circa due settimane fa – Walmart ha chiesto a Lighthizer e all’amministrazione Trump di riconsiderare l’introduzione di tariffe per beni di consumo di produzione cinese tra cui luci natalizie, shampoo, cibo per cani, bagagli, materassi, borsette, backpacks, aspirapolvere, biciclette, griglie di cottura, cavi per cavi e condizionatori d’aria.

La lettera non ha raggiunto questo obiettivo, con l’amministrazione che anticipa all’inizio di questa settimana l’imposizione di dazi doganali per $ 200 miliardi di beni cinesi, con un impatto su oltre 5.000 prodotti. Quando queste tariffe saranno applicate, le tariffe, che funzionano come tasse, saranno imposte a circa metà delle importazioni statunitensi dalla Cina come parte dell’azione dell’amministrazione Trump per spingere la Cina a cambiare alcune delle sue pratiche commerciali.

“Per mesi, abbiamo sollecitato La Cina cambierà queste pratiche sleali e darà un trattamento equo e reciproco alle società americane “, ha detto Trump in una dichiarazione di lunedì.” Siamo stati molto chiari sul tipo di cambiamenti che devono essere apportati e abbiamo dato alla Cina ogni opportunità per trattarci in modo più equo, ma finora la Cina non ha voluto cambiare le sue pratiche “. Ha aggiunto: “Come presidente, è mio dovere proteggere gli interessi di uomini e donne che lavorano, agricoltori, allevatori, imprese e paese stesso.”

Nella sua lettera, Walmart ha anche avvertito dei modi in cui le aziende potrebbero gestire le tariffe. In effetti, è una scelta tra l’aumento dei prezzi per i clienti o l’impatto sui loro profitti assorbendo i maggiori costi stessi.

Ripercorriamo le tappe della guerra commerciale tra Usa e Cina:

1 marzo: il presidente Donald Trump annuncia tariffe su tutte le importazioni di acciaio e alluminio, compresi i metalli dalla Cina.

22 marzo: Trump annuncia i piani per imporre una tariffa del 25% su beni cinesi per 50 miliardi di dollari. La Cina annuncia tariffe in rappresaglia per i dazi di acciaio e alluminio e promette una risposta al più recente annuncio americano.

3 aprile: il rappresentante commerciale degli Stati Uniti annuncia un elenco di merci cinesi soggette alle tariffe. Esiste un periodo obbligatorio di 60 giorni per le industrie per chiedere esenzioni dalle tariffe.

4 aprile: la Cina presenta una lista di oltre 100 beni degli Stati Uniti per un valore di circa $ 50 miliardi soggetti a tariffe di ritorsione. 21 maggio: dopo un incontro , i due paesi annunciano la bozza di un accordo commerciale per evitare le tariffe.

29 maggio: la Casa Bianca annuncia che le tariffe di beni cinesi per 50 miliardi di dollari andranno avanti, con l’elenco definitivo delle merci pubblicato il 15 giugno. La mossa appare per distruggere il nascente accordo commerciale.

15 giugno: Trump lancia l’elenco definitivo delle merci soggette a nuove tariffe. Le importazioni cinesi del valore di $ 34 miliardi sarebbero soggette alla nuova tariffa del 25% a partire dal 6 luglio, con altre $ 16 miliardi di importazioni soggette alla tariffa in un secondo momento. La Cina si vendica con una serie di tariffe equivalenti.

18 giugno: Trump minaccia una tariffa del 10% su altri beni cinesi da $ 200 miliardi.

6 luglio: la prima tranche di tariffe su beni cinesi da $ 34 miliardi entra in vigore; La Cina risponde in forma.

10 luglio: gli Stati Uniti pubblicano un elenco iniziale di ulteriori $ 200 miliardi di beni cinesi che potrebbero essere soggetti a una tariffa del 10%.

1 agosto: Washington raddoppia il valore delle sue minacce tariffarie contro Pechino, annunciando prevede di aumentare la dimensione dei dazi proposti per un valore di $ 200 miliardi di beni cinesi al 25% dal 10%.

3 agosto: la Cina dice che imporrà tariffe di vari tassi su altri $ 60 miliardi di beni statunitensi se Trump avanza con la sua ultima minaccia.

7 agosto: Gli Stati Uniti annunciano che la seconda tranche di tariffe, che inciderà sui beni cinesi per 16 miliardi di dollari, entrerà in vigore il 23 agosto.

23 agosto: gli Stati Uniti impongono tariffe su altri beni cinesi per 16 miliardi di dollari, e Pechino risponde con tariffe per $ 16 miliardi di beni statunitensi.

7 settembre: Trump dice che la tranche di dazi su beni cinesi da 200 miliardi di dollari arriverà “presto” e minaccia di imporre tariffe per altri 267 miliardi di dollari di beni cinesi. 1

7 settembre: Trump annuncia il 10% di dazi doganali per $ 200 miliardi di beni cinesi, dicendo che la Cina “non è disposta a cambiare le sue pratiche”.

18 settembre: la Cina afferma di non avere “scelta” ma di vendicarsi alle nuove tariffe “per salvaguardare i suoi legittimi diritti e interessi”. Annuncia tariffe su $ 60 miliardi di beni statunitensi inviati in Cina.

24 settembre: “La Cina non ha altra scelta che contrattaccare di fronte ai dazi Usa sull’import di beni “made in China”: Wang Shouwen, vice ministro del Commercio e vice rappresentante sul Commercio internazionale, ha assicurato che l’export americano sarà colpito e che un ritorno al tavolo negoziale “dipende solo dagli Stati Uniti”. Wang è uno dei sette funzionari governativi schierati oggi per commentare il “libro bianco sui fatti e la posizione della Cina sugli attriti commerciali tra Cina e Usa”, diffuso ieri.

Migliori broker per fare trading su EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY