EUR USD, pesa rallentamento crescita Eurozona e vittorie Trump in Asia

I dati finali riguardanti la Zona Euro relativi al mese di aprile, hanno confermato il fatto che la crescita dell’Eurozona ha continuato a rallentare. Il PMI dei servizi è sceso a 54,7 rispetto alla previsione di 55, mentre il PMI composito ha visto anche un calo a 55,1 da 55,2 di previsione. Nessuna risposta significativa nell’euro visto che si tratta di letture finali, tuttavia questo è un altro fattore ribassista che dovrà essere affrontato dalla BCE nella prossima riunione di politica monetaria che si terrà il 14 giugno.

Eurozona rallenta crescita

Tuttavia, il raffreddamento della crescita dell’Eurozona proviene da livelli elevati, che erano stati rilevati da IHS Markit, secondo cui il sondaggio rimane indicativo di un’economia dell’Eurozona che cresce con un robusto tasso trimestrale di circa lo 0,5-0,6%.

Come tale, questo potrebbe essere visto come temporaneo dalla BCE che rimane fiduciosa che la crescita della zona euro possa restare evidente e che i rischi sono approssimativamente in equilibrio. Inoltre, il leggero allentamento della crescita difficilmente porrà uno stallo nel processo da parte delle banche centrali di continuare il proprio stimolo all’economia.

Il calo dell’inflazione nell’area euro continua a essere un problema per la BCE. La lettura di ieri 3 maggio ha visto scendere il tasso primario dall’1,3% all’1,2%, mentre la misura di base è scesa allo 0,7% (minimo da marzo 2017).

Di conseguenza, ciò potrebbe indurre la BCE a posticipare i prossimi provvedimenti da giugno a luglio, mentre l’attuale programma di acquisto di obbligazioni verrà probabilmente esteso fino alla fine dell’anno. A sua volta, dato che la BCE preferisce una valuta più morbida e con una tendenza al rialzo dell’inflazione ancora da vedere, la debolezza della coppia EUR / USD potrebbe essere destinata a continuare.

EUR USD analisi tecnica

La situazione EUR/USD nel momento in cui scriviamo vede:

  • Supporto: 1,1936 (ritracciamento 61,8% dell’innalzo 1.1553-1,2556) – 1,1915 (minimo dal 9 gennaio)
  • Resistenza – 1,2050 (200DMA) – 1,2093 (massimo 2017)

Quali sono i livelli da tenere in considerazione nella coppia valutaria? Il primo è il livello di figura 1.2000 stesso, in cui presenta una barriera psicologica e uno con grandi scadenze oggi. Ciò può essere vista come la via di mezzo per la coppia. In termini di mosse al ribasso oggi, attenzione per il minimo del 9 gennaio a 1,1916 come prossimo livello di supporto chiave.

Oltre a questo, ci sono anche grandi scadenze a 1.1900 da considerare per l’azione di prezzo post-NFP. Nel frattempo, per le mosse al rialzo il primo sarà l’MA di 100 ore sopra 1.2018. In concomitanza con quello allo stesso livello è il MA di 200 giorni: quella sarà un’area chiave di resistenza per la coppia, in particolare il livello MA di 200 giorni.

Più in alto c’è il MA @ 1.2090 da 200 ore per agire come livello di resistenza per gli acquirenti. Questo sarà un altro livello chiave a cui prestare attenzione più tardi nel corso della giornata se la coppia si rompe verso l’alto. Un’interruzione della MA di 100 ore e di 200 ore presenterà una tendenza rialzista a breve termine nella coppia, e quest’ultima è stata vista l’ultima volta il 19 aprile.

USD in ripresa tra successi di Trump in Asia e crescita economia americana

Come sono cambiate le cose. Solo poche settimane fa, il dollaro era morto. Ora gli analisti si affannano a vicenda per effettuare chiamate più basse: le principali banche statunitensi prevedono 1,16 euro a breve termine. Una crescita più forte e un’inflazione più rapida hanno innalzato i tassi di interesse, generando speculazioni sul fatto che la Fed accelererà la stretta.

Inoltre, i successi del presidente Trump a livello internazionale in Cina e Corea stanno sicuramente aiutando. È probabile che la Federal Reserve statunitense aumenti nuovamente i tassi nel mese di giugno e vedremo la probabilità di ulteriori aumenti superiori all’attuale 2,50%.

Tuttavia, sospettiamo che i differenziali dei rendimenti si siano spostati così tanto da ridefinire i prezzi FX. Prima della rottura del 2,90% nei Treasury statunitensi a 10 anni, la sensibilità valutaria ai cambi di rendimento era inesistente.

Il carry trade era estremamente non redditizio. Ora che gli orsi dell’USD sono stati schiacciati, l’ulteriore solidità dell’USD dipenderà da una maggiore debolezza in Europa e in Asia da un punto di vista di valore relativo. L’evidenza che l’accelerazione economica negli ultimi tempi degli Stati Uniti non accenna a diminuire, sarà il rapporto sui salari USA di oggi. Dopo un marzo morbido, i libri paga non agricoli di aprile rischiano di rimbalzare. Il vero focus sarà sulla crescita dei salari: si prevede che gli utili orari medi aumenteranno dello 0,2%, portando il tasso annuale a un solido 2,7%.

Dollaro trionfa anche su Lira turca

Dato che il cambio USD / TRY continua a deprezzarsi, aumentando del 5,55% dalla scorsa settimana, non vediamo alcun motivo per prospettare un cambio di tendenza. Attualmente al 4.2668, la coppia è diretta a 4.2830 a breve termine. Il dumping delle lire continuerà. La volatilità dei mercati finanziari e le dispute commerciali in corso tra Stati Uniti e Cina non sono gradite alle economie emergenti che soffrono di un continuo deprezzamento valutario.

A fronte di un rallentamento della fiducia economica di aprile dovuto a condizioni di business meno ottimistiche, l’economia turca si è allentata a causa dell’inflazione gonfiata. Il titolo di aprile e gli indici fondamentali dei prezzi al consumo sono stimati al 10,85% e al 12,24% all’anno (precedente: 10,23% e 11,44%), a causa dell’aumento dei trasporti, dell’abbigliamento e dell’arredamento, mentre l’impatto delle importazioni di cibo e olio è rimasto basso. La Banca centrale della Turchia (TCB) deve ancora presentare una liquidità chiara e determinata al mercato.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY