EUR / USD, parità sempre più vicina

Nel momento in cui scriviamo, il cambio EUR / USD è scambiato a 1,15375. Avendo consolidato brevemente intorno alla regione 1.1575 all’apertura del mercato asiatico, la coppia EUR / USD è stata sottoposta a nuove pressioni di vendita, poiché la ripresa del dollaro USA ha riguadagnato la trazione a fronte di una migliore propensione al rischio.

La valuta comune estende la sua debolezza oggi contro il suo rivale americano, spingendo la coppia EUR / USD verso il punto medio dell’handicap 1.15. Una pausa al di sotto dell’ultimo aprirà i piani per un test dell’ultima zona di domanda vicino alla regione 1.1530. L’ultima tappa in loco può essere principalmente attribuita alla ripresa della domanda USD su tutta la linea, poiché i mercati preferiscono detenere la valuta statunitense in mezzo incombenti preoccupazioni commerciali USA-Cina e prospettive di politica monetaria divergenti tra la Fed e le banche centrali mondiali.

Sul versante EUR, il jawboning di ieri da parte del membro del Consiglio direttivo della BCE Nowotny, continua a pesare negativamente sull’EUR mentre il problema della migrazione tedesca rimane anche un trascinamento sul posto. Nowotny ha notato che vede l’Euro deprezzarsi rispetto al dollaro USA. Nella giornata a venire, la coppia continuerà ad essere influenzata dalle dinamiche e dalle tendenze del rischio in assenza di nuovi driver fondamentali in Europa.

Tuttavia, i mercati possono tenere d’occhio la decisione sui tassi d’interesse della BOE per qualsiasi effetto negativo sull’euro.

Lo chief analyst di WebEconomia Giuseppe Greco osserva: “L’immagine a breve termine è neutrale, poiché la coppia non è in grado di avanzare oltre un SMA senza direzione nel grafico a 4 ore, mentre l’indicatore Momentum si ritira dalla linea centrale come RSI avanza lentamente, attualmente a 44. La menzionata SMA 20 fornisce una resistenza dinamica intorno a 1,1595, anche se il rialzo sembrerà più costruttivo su una rottura sopra 1.1644, finora il massimo settimanale. Sotto 1,1550, d’altra parte, il rischio si volgerà verso il lato negativo, esponendo il minimo annuale di 1.1509.

  • Livelli di supporto: 1.1550 1.1510 1.1460
  • Livelli di resistenza: 1.1595 1.1645 1.1680

Il dollaro americano (tramite indice DXY) non è riuscito a superare i massimi settimanali stabiliti ieri, stabilendo lo sviluppo di un modello di candela al giorno. Con sorpresa, l’EUR / USD, come il 57,6% dell’indice DXY, sta anche ritagliando un candelabro al giorno. Un rapido richiamo alla recente azione sui prezzi aiuta a mettere queste barre interne nel giusto contesto. I giorni interni sono generalmente considerati come pause o potenziali punti di svolta nelle tendenze, il che significa che la recente corsa rialzista del dollaro USA – e lo slittamento ribassista dell’euro – sta entrando in una fase critica.

L’indice DXY continua a contendersi con il 95.17: il massimo dal 20 luglio 2017 al ribasso fuori dalla barra di inghiottimento, così come i massimi di ottobre e novembre 2017. Ma fino a quando si raggiunge una chiusura giornaliera fino al 95.17, i trader potrebbero essere più adatti ad essere un po’ più pazienti ad avvicinarsi alle nuove lunghe negoziazioni della coppia USD. La barra interna che si sta formando suggerisce che i recenti segnali di acquisto emessi da MACD e Slow Stochastics potrebbero essere “false partenze”.

Da qualche parte, alla luce di un calendario economico piuttosto assente per il terzo giorno consecutivo, gli operatori dovrebbero continuare a mantenere la loro attenzione calibrata sul filo delle notizie (quando non stanno guardando la Coppa del Mondo). Più tardi oggi, la sterlina britannica sarà sotto i riflettori mentre la Camera dei Comuni del Regno Unito voterà una proposta di legge per stabilire se il Parlamento abbia o meno il diritto di esprimersi nei negoziati sulla Brexit.

Simile al voto della scorsa settimana, sono preoccupati che il passaggio dell’emendamento vincolerebbe le mani del Primo Ministro del Regno Unito Theresa May in merito ai negoziati, aumentando la possibilità di un esito negativo o difficile. L’incertezza attorno ai negoziati sulla Brexit ha come sbalzo le probabilità di rialzo dei tassi di agosto BOE, che oggi sono scese al 45% dal loro picco del 62% nella prima settimana di giugno.

EUR / USD, gli avvertimenti di Karen Jones

Al portale FXStreet, Karen Jones, Capo della FICC Technical Analysis presso Commerzbank, ha datto che la coppia mantiene il pregiudizio negativo per il momento.

“L’EUR / USD ha subito una pressione al ribasso crescente ieri, mantenendo il nostro pregiudizio negativo radicato. Di recente abbiamo visto la correzione al rialzo dei mercati terminata al ritracciamento di Fibonacci del 38.8% a 1.1855 e il collasso del mercato al ribasso. L’attenzione è tornata al minimo recente a 1,1510 e alla settimana 200 a 1,1407, ci aspettiamo che questo mantenga il test iniziale. Un livello inferiore a 1.1400 introdurrebbe la portata al ritracciamento del 61.8% a 1.1186. I rallies ora troveranno il ventesimo giorno ma a 1.1680 offre una resistenza iniziale e ci aspetteremmo 1.1855 per un bias negativo per rimanere trincerati”.

“Sopra 1.1855 cerchiamo un ritracciamento più profondo nella banda 1.1960 / 90”.

EUR / USD, per UOB si prospetta una posizione neutrale

Gli FX Strategist del Gruppo UOB rimangono neutrali sulla coppia e non escludono un test di 1.1505 nelle prossime settimane. Nella visione a 24 sostengono che: “L’euro è sceso bruscamente per toccare un minimo di 1,1528 ieri, ma ha rimbalzato rapidamente. Lo slancio verso il basso è alquanto irregolare e non è escluso un calo a 1,1550, una rottura del supporto a 1,1525 / 30 sembra improbabile. Detto questo, qualsiasi ripresa è probabilmente limitata a un test della forte resistenza a 1.1645 (la prossima resistenza è a 1.1685).

Nelle prossime 1-3 settimane: “Nonostante il forte calo iniziato la scorsa settimana, non siamo convinti che l’EUR stia rientrato in una fase ribassista. Tuttavia, non è escluso un calo al di sotto del minimo da inizio anno di 1.1505, ma in questa fase non ci aspettiamo alcuna debolezza (1,1450 è il prossimo forte sostegno). EUR è probabile che rimanga sotto pressione per i prossimi giorni e solo una rottura al di sopra di 1,1710 indicherebbe che l’attuale debolezza si è stabilizzata “.

EUR / USD, l’analisi con il Techcnical Confluences

L’EUR / USD ha consolidato le sue precedenti perdite e si è stabilizzato sotto 1.1600. Qual’è il prossimo? L’aumento potrebbe essere più difficile della caduta. L’indicatore Technical Confluences mostra che la coppia affronta un denso gruppo di linee di resistenza a 1.1580 che è la confluenza del Simple Moving Average 100-15m, il 61,8% di Fibonacci un giorno, il Simple Moving Average 50-15m, lo SMA 200 -15m, SMA 5-4h, SMA 50-1h e SMA 10-4h. Se la coppia dovesse superare questo livello, ci sono alcune linee di resistenza con il livello di 1.1645 che si distingue come convergenza di livelli significativi: il 161,8% di Fibonacci di un giorno, il Fibonacci del 23,6% a un mese e anche il punto di articolazione Resistenza di un giorno 2.

Ancora più in alto, un potente berretto attende a 1,1670 che è la confluenza della resistenza di un giorno Pivot Point 3, la SMA 50-4h, la Fibonacci 38,2% a settimana e la SMA 200-1h. Al rovescio della medaglia, la coppia ha supporto intorno a 1,1538 che è il punto di incontro del massimo di un giorno, il supporto di un giorno Pivot Point 1 e il minimo di una settimana. Più in basso, 1.1510 è il minimo di un mese, la fascia di Bolinger di un giorno inferiore, il supporto di un giorno di punto pivot 2. Il successivo livello significativo al ribasso è solo a 1.1442 che è il supporto di un mese di Pivot Point 1.

Il Confluence Detector trova eccitanti opportunità usando il Technical Confluences. Il TC è uno strumento per individuare e indicare quei livelli di prezzo in cui vi è una congestione di indicatori, medie mobili, livelli di Fibonacci, punti di rotazione, ecc. Sapere dove si trovano questi punti di congestione è molto utile per il trader e può essere usato come base per diverse strategie. Questo strumento assegna una certa quantità di “peso” a ciascun indicatore, e questo “peso” può influenzare i livelli di prezzo degli adiacenti.

Queste ponderazioni significano che un livello di prezzo senza alcun indicatore o media mobile ma sotto l’influenza di due livelli “fortemente ponderati” accumulano più resistenza rispetto ai loro vicini. In questi casi, lo strumento segnala resistenza in aree apparentemente vuote.

EUR / USD, il peso dell’ECB Forum

L’EUR / USD ha registrato leggere perdite nella sessione di mercoledì, continuando la tendenza al ribasso vista martedì. Attualmente la coppia è scambiata a 1,1569, in calo dello 0,17% il giorno. Sul fronte del rilascio, l’indice PPI tedesco è rimasto stabile allo 0,5%, superando la stima dello 0,4%. Il forum della BCE prosegue mercoledì, con il capo della BCE Mario Draghi e la presidente della Fed e Jerome Powell che partecipano a una tavola rotonda. Gli Stati Uniti rilasceranno i dati sulle vendite domestiche esistenti, che dovrebbero aumentare a 5,52 milioni. Oggi, giovedì 21 giugno, l’eurozona rilascia i dati sulla fiducia dei consumatori e l’U.S pubblica i rapporti riguardo la produzione e l’occupazione.

Pazienza, pazienza. Questo è stato il messaggio di martedì scorso di Mario Draghi in merito alla politica dei tassi d’interesse. La scorsa settimana, la BCE ha annunciato che stava liquidando il suo piano di acquisto di attività entro la fine dell’anno, ma ha aggiunto che non aumenterebbe i tassi di interesse prima della prossima estate. Questo messaggio accomodante ha inviato l’euro in netto calo.

Draghi ha detto che la BCE sarà “paziente nel determinare i tempi del primo aumento dei tassi”. Draghi ha anche fatto riferimento all’inflazione, affermando che “le aspettative di inflazione rimangono ben ancorate”. Tuttavia, gli analisti si sono affrettati a notare che l’inflazione dell’eurozona non è riuscita a raggiungere l’obiettivo della banca appena sotto il 2% per cinque anni. Draghi ha riconosciuto che c’erano fattori esterni che potrebbero pesare sull’inflazione, compresa la minaccia del protezionismo globale e l’aumento dei prezzi del petrolio.

C’è anche il fastidioso problema che i salari più alti non sono riusciti a tradursi in un aumento dell’inflazione. Draghi vorrebbe passare attraverso il Forum europeo senza scuotere l’euro, e finora ci è riuscito. Ci stiamo dirigendo verso una guerra commerciale globale? Gli investitori sono nervosi e questo sentimento ha rafforzato il dollaro degli Stati Uniti. L’euro sta vivendo una settimana difficile ed è attualmente scambiato al livello più basso dall’inizio di novembre. Il round più recente dello scambio tra Cina e Stati Uniti è iniziato venerdì, quando gli Stati Uniti hanno annunciato una tariffa del 25% su 50 miliardi di dollari in prodotti cinesi.

Dopo che la Cina ha risposto con una identica mossa sulle importazioni statunitensi, il presidente Trump ha ora minacciato di imporre il 10% di dazi su circa 200 miliardi di dollari in prodotti cinesi. Non sorprende che la Cina abbia minacciato di vendicarsi di questa ultima mossa. Trump ha promesso di intervenire sul deficit commerciale di $ 375 miliardi che gli Stati Uniti hanno con la Cina, sostenendo che quest’ultimo è colpevole di pratiche commerciali sleali. Con la prima delle tariffe U.S in programma a partire dal 6 luglio e nessun segno che prima o poi le due parti batteranno prima, l’euro potrebbe affrontare alcuni ostacoli significativi.

EUR / USD si va verso la parità?

I trader stagionali vi diranno che le campane non suonano nella parte superiore o inferiore di una mossa di mercato, e in nessun luogo è più evidente che nelle macchinazioni della valuta principale dell’Europa. L’euro ha attraversato vari momenti difficili, e non c’è dubbio. Dopo aver provato la parità con il dollaro almeno tre volte negli ultimi tre anni, i trader e gli investitori europei devono essere stati incoraggiati dalla rottura della resistenza di testa a livello di 1,14 USD nel giugno 2017. Questo breakout ha portato a un rally sostenuto dove l’euro ha toccato un massimo di 1,25 a metà febbraio del 2018.

Ma il rialzo potrebbe essere mantenuto? Al di sotto dei massimi di 1,25, l’euro ha nuovamente perso valore per toccare 1.169 alla fine di maggio. Qualche entusiasmo poco entusiasta ha visto l’Euro spingere un po ‘più in alto, ma sembra che questa mossa sia priva di spirito. Con la media mobile esponenziale di 13 giorni anche girando più in basso, il recente rally sembra vacillare. Aggiungete a ciò la conferma della debolezza degli indicatori RSI e Momentum, quindi sembra che l’Euro si diriga verso sud e che i livelli di supporto da 1,103 a 1,169 vengano presto testati. Il mancato supporto a quei livelli probabilmente vedrà la spinta dell’Euro ancora più bassa.

Come gli osservatori tecnici esperti sapranno, una rottura di un recente supporto (nel caso dell’Euro a 1,23 a metà maggio 2018), può essere spesso seguita da una prova di quel supporto dal basso, come una nuova resistenza. Questo livello si trova attualmente a 1,24, e una violazione infruttuosa di tale sostegno preannuncerà un significativo spostamento verso il basso. Detto questo, nulla è scritto nella pietra del trading tecnico e, se, per qualsiasi ragione, l’euro dovesse passare attraverso quella resistenza e la corsa al toro si ristabilisse, allora questa sarebbe una mossa molto positiva. Un rialzo del mercato al rialzo potrebbe facilmente vedere il livello di 1,35 raggiunto.

Nonostante questo potenziale rialzo, il quadro a lungo termine per la valuta Euro rimane su una ulteriore debolezza. Dopo i massimi del 2008 in cui il mercato ha effettivamente raggiunto 1,58 per un breve periodo di tempo, la tendenza a lungo termine è stata al ribasso. Con le resistenze ambientali testate a 1,49 nel 2009, 1,42 nel 2011 e 1,38 nel 2014, la tendenza è stata chiaramente verso l’ulteriore debolezza dell’euro. Per vedere un’inversione significativa di tale tendenza, dovrebbe essere raggiunta una spinta sostenuta al di sopra del segno 1,25 / 1,30.

In sintesi, il recente rally nell’euro ha incoraggiato sia i trader che gli investitori a comprare in movimento, ma il conseguente ritracciamento ha lasciato molte sopracciglia corrugate. Era una falsa rottura? L’ulteriore debolezza e un’ulteriore prova di parità con il dollaro USA sono dietro l’angolo? Il mercato è in una fascia critica. Un rialzo continuo al di sopra del livello di 1,25 sarà molto positivo per la valuta europea, ma un ripiego al di sotto di 1,15 preannuncerà sicuramente l’ulteriore debolezza futura.

Migliori broker per fare trading sul cross EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

EUR / USD, il quantitative easing potrebbe continuare

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha sottolineato il messaggio accomodante della banca centrale sulla politica monetaria, indicando che potrebbe estendere il suo programma di acquisto di obbligazioni, se necessario. “La conclusione anticipata degli acquisti di attività della BCE a dicembre di quest’anno è soggetta ai dati in arrivo che confermano le prospettive di inflazione a medio termine”, ha detto Draghi nel discorso alla conferenza economica annuale della banca a Sintra, in Portogallo.

“Inoltre, il [programma di acquisto di asset] può sempre essere utilizzato nel caso in cui le contingenze si materializzino che non prevediamo attualmente”, ha affermato. La scorsa settimana la BCE ha annunciato di voler acquistare 30 miliardi di euro (34,6 miliardi di dollari) al mese di obbligazioni entro la fine di settembre, e se i dati raggiungessero le prospettive di inflazione a medio termine ridurrebbe gli acquisti a 15 miliardi di euro al mese Dicembre, quindi terminarli. I tassi di interesse rimarrebbero ai loro livelli estremamente bassi almeno per l’estate del 2019, ha detto la BCE la scorsa settimana. L’euro EURUSD, -0,1641%, ha esteso le perdite dopo le osservazioni di Draghi di martedì, scambiate a $ 1,1546 rispetto a $ 1,1624 di lunedì a New York.

Cos’è il quantitative easing? Il Quantitative Easing (QE), noto anche come acquisti di attività su larga scala, è una politica monetaria espansiva in base alla quale una banca centrale acquista quantità predeterminate di titoli di stato o altre attività finanziarie al fine di stimolare l’economia e aumentare la liquidità.

Una forma non convenzionale di politica monetaria, viene solitamente utilizzata quando l’inflazione è molto bassa o negativa e la politica monetaria espansiva standard è diventata inefficace. Una banca centrale attua un quantitative easing acquistando determinati importi di attività finanziarie da banche commerciali e altre istituzioni finanziarie, aumentando così i prezzi di tali attività finanziarie e abbassando il loro rendimento, aumentando contemporaneamente l’offerta di moneta. Ciò differisce dalla politica più usuale di acquistare o vendere obbligazioni governative a breve termine per mantenere i tassi di interesse interbancari a un determinato valore obiettivo.

La politica monetaria espansiva per stimolare l’economia in genere coinvolge la centrale banca che compra titoli di Stato a breve termine per abbassare i tassi d’interesse di mercato a breve termine. Tuttavia, quando i tassi di interesse a breve termine raggiungono o si avvicinano a zero, questo metodo non può più funzionare. In tali circostanze, le autorità monetarie possono quindi utilizzare il quantitative easing per stimolare ulteriormente l’economia, acquistando attività più rischiose o di maggiore durata rispetto alle obbligazioni governative a breve termine, riducendo così i tassi di interesse ulteriormente sulla curva dei rendimenti.

Il quantitative easing può contribuire a garantire che l’inflazione non scenda al di sotto di un obiettivo. I rischi comprendono che la politica è più efficace del previsto nell’agire contro la deflazione (portando a un’inflazione più elevata a lungo termine, a causa dell’aumento dell’offerta di moneta), o non essendo abbastanza efficace se le banche restano riluttanti a prestare e potenziali mutuatari non sono disposti a prendere in prestito.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, il Sistema di Riserva Federale degli Stati Uniti e vari economisti, il quantitative easing intrapreso dalla crisi finanziaria globale del 2007-08 ha mitigato alcuni dei problemi economici dalla crisi.

Le politiche monetarie standard della banca centrale vengono di solito attuate acquistando o vendendo titoli di stato sul mercato aperto per raggiungere l’obiettivo desiderato per il tasso di interesse interbancario. Tuttavia, se una recessione o una depressione continua anche quando una banca centrale ha abbassato i tassi di interesse quasi a zero, la banca centrale non può più abbassare i tassi di interesse, una situazione nota come trappola della liquidità.

La banca centrale può quindi attuare un quantitative easing acquistando attività finanziarie senza fare riferimento ai tassi di interesse. Questa politica viene talvolta descritta come l’ultima risorsa per stimolare l’economia. Una banca centrale promuove l’allentamento quantitativo mediante acquisti, indipendentemente dai tassi di interesse, una quantità predeterminata di obbligazioni o altre attività finanziarie sui mercati finanziari da parte di istituti finanziari privati. Questa azione aumenta le riserve in eccesso detenute dalle banche. L’obiettivo di questa politica è facilitare l’espansione dei prestiti bancari privati; se le banche private aumentassero i prestiti, aumenterebbe l’offerta di moneta, sebbene il QE aumenti direttamente l’offerta di moneta ampia anche senza ulteriori prestiti bancari.

Inoltre, se la banca centrale acquista anche strumenti finanziari più rischiosi delle obbligazioni governative, può anche ridurre il rendimento degli interessi di tali attività (poiché tali attività sono più scarse sul mercato, e quindi i loro prezzi aumentano di conseguenza). Il quantitative easing, e la politica monetaria in generale, può essere effettuata solo se la banca centrale controlla la valuta utilizzata nel paese.

Le banche centrali dei paesi dell’Eurozona, ad esempio, non possono decidere unilateralmente di utilizzare un quantitative easing. Devono invece affidarsi al consiglio direttivo della Banca centrale europea (composto da tutti i governatori delle banche centrali nazionali) per concordare una politica monetaria comune, che essi (le banche centrali nazionali) attuano.

EUR / USD, Trump crea caos sull’immigrazione

Il più grande capovolgimento del presidente Donald Trump sta scatenando un nuovo caos politico e legale e nuove accuse di disumanità nei confronti di bambini migranti privi di documenti si dividono dai loro genitori al confine meridionale. La giornata di mercoledì è stata caratterizzata da pressioni incalcolabili negli Stati Uniti e in tutto il mondo, al punto da costringere il Presidente a firmare un nuovo esecutivo secondo il quale le famiglie che entrano illegalmente negli Stati Uniti dovrebbero stare insieme. “Farà molte persone felici”, ha detto Trump firmando l’ordine, definendolo come la mossa presidenziale più significativa sull’immigrazione in mezzo secolo, anche se stava risolvendo un problema causato dalla sua stessa amministrazione.

Perché ha ceduto: la rara inversione di tendenza di Trump, dato che difficilmente ritorna sui suoi passi, potrebbe causare una lunga lista di nuove complicazioni. E la credibilità della Casa Bianca è stata indebolita perché aveva passato giorni a insistere sul fatto che la mossa di mercoledì non fosse possibile e accusare i Democratici per il caos. Nel frattempo intanto il Congresso potrebbe porre fine all’ultima crisi al confine meridionale con voti. Le divisioni tra i legislatori sulla questione è forse più controversa della politica moderna. La mancanza più evidente dell’ordinanza esecutiva del Presidente è che non ha fatto nulla per oltre 2.300 bambini già separati dai loro genitori, alcuni dei quali sono stati tenuti in condizioni simili a gabbie o sono stati inviati a strutture in tutto il paese.

Tal Kopan della CNN, citando un alto funzionario governativo, ha riferito mercoledì scorso che l’ordine non conteneva alcuna procedura su come riunire i bambini ora affidati alle cure del governo federale con i loro genitori. L’agenzia ha poi ritirato la dichiarazione ma ha detto che ulteriori piani per riunire le famiglie erano ancora in fase di sviluppo. “Penso che l’intenzione fosse di cambiare le cose (ma) penso che ci sia molta confusione. Il cambiamento non è eseguibile.” John Sandweg, ex direttore dell’immigrazione e delle dogane degli Stati Uniti, ha dichiarato alla Anderson Cooper della CNN: “Sono rimasto davvero scioccato nel vedere che non uniranno i bambini. Pensavo che il punto fondamentale fosse riunificare i bambini “, ha detto.

La realtà imporrà un’estrema pressione sull’amministrazione per trovare rapidamente una soluzione per garantire che le polemiche politicamente dannose non peggiorino ulteriormente. Il Presidente ha menzionato l’inversione di marcia solo nel corso di una campagna elettorale nel Minnesota di mercoledì notte. “Oggi ho firmato un ordine esecutivo”, ha detto. “Manterremo le famiglie insieme, ma il confine sarà duro come lo è stato”.

L’immigrazione (specie quella proveniente dal confinante Messico e dai paesi arabi) è stata il problema fondamentale della campagna di Trump nel 2016 e costituisce il collegamento essenziale tra il Presidente e i suoi seguaci. Quindi, mentre la sua ritirata è imbarazzante, è improbabile che segnali di attenuare la sua posizione più ampia sugli immigrati privi di documenti. Mentre il presidente stava facendo una campagna mercoledì sera, i suoi critici lo accusarono di risolvere il problema delle separazioni semplicemente ordinando il blocco di intere famiglie indefinitamente.

“Quando hai la nazione più potente sulla Terra che dice che è accettabile detenere famiglie a tempo indeterminato, stai inviando un segnale ai paesi di tutto il mondo che è così che possono trattare gli immigrati e le minoranze”, ha detto il senatore Bernie Sanders, un indipendente dal Vermont. Il Congresso potrebbe cambiare il giovedì dinamico quando la Camera voterà su diversi progetti di legge che includeranno definitivamente le separazioni familiari. Ma anche se una delle misure dovesse passare, la sua inclusione di elementi della linea dura di Trump nella politica legale sull’immigrazione sembra quasi certa che non passerà al Senato.

Il repubblicano Markwayne Mullin dell’Oklahoma ha detto ai giornalisti che il segretario alla sicurezza nazionale Kirs tjen Nielsen ha sostenuto che l’ordine esecutivo del presidente aveva solo concesso tempo al Congresso di cambiare la legge dopo un briefing di Capitol Hill mercoledì sera. Sostanzialmente disse: “Guarda, il Presidente sta cercando di dare al Congresso un po ‘di flessibilità su questo, ma non c’è bisogno che il Congresso agisca “, ha detto Mullin. Mentre la situazione politica è torbida, le sfide legali all’ordine esecutivo potrebbero essere ancora più complesse.

Secondo la nuova politica dell’amministrazione Trump adottata all’inizio di quest’anno, molte persone sono incanalate nel sistema della giustizia criminale quando attraversano la frontiera illegalmente – e le linee guida statunitensi impongono a quel punto che i minori siano separati dai loro genitori. L’ordine esecutivo stabilisce nuove linee guida, obbligando le famiglie ad essere tenute insieme nella custodia del Dipartimento della Sicurezza Nazionale.

Ma che la posizione è quasi certa di essere contestata in tribunale a causa di un accordo di consenso del 1997 che stabilisce che i minori possano essere trattenuti in carcere solo per 20 giorni. “È assolutamente una possibilità”, ha detto alla CNN Jonathan Turley, professore di giurisprudenza della George Washington University, esponendo due possibilità se l’amministrazione non riuscisse a modificare l’accordo di consenso, uno scenario da lui giudicato dubbioso. “Riunisci la famiglia; un orologio sta ticchettando. Se va oltre i 20 giorni, puoi rilasciare l’intera famiglia, che è simile alla politica di Obama che il Presidente vuole cambiare”, ha detto Turley. “O ancora una volta separi la famiglia e mandi il bambino in un tipo di custodia cautelare”.

Insomma, in un modo o nell’altro Trump fa discutere il mondo. Questa volta però ci sono di mezzo dei bambini e l’opinione pubblica si è indignata più del solito. Fino a far esporre la moglie Melania per la prima volta, dopo settimane di silenzio.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY