EUR USD, frena corsa dollaro ma Euro resta debole per incertezza Italia

L’USD si è notevolmente apprezzato da metà marzo e ha sovraperformato le aspettative dei tori USD più forti. Ciò solleva la questione se la forza recente dell’USD sia sostenibile e quanto grande sia l’ulteriore rafforzamento del potenziale rispetto all’euro. Le condizioni di mercato e i recenti cambiamenti fondamentali hanno aperto la finestra per un ulteriore apprezzamento del dollaro con il rischio fortemente concentrato nei prossimi due mesi.

Ci sono quattro ragioni principali per cui aspettarsi un ulteriore rafforzamento dell’USD rispetto all’euro a breve termine.

Sottoperformance dell’economia dell’Eurozona

La recente sottoperformance dell’economia della zona Euro sta mettendo un enorme punto interrogativo sotto le aspettative della BCE che i più forti tassi di crescita finiranno per esercitare pressione sull’inflazione. In effetti, gli ultimi indicatori economici mostrano che la crescita della zona euro si è moderata nel primo trimestre dell’anno e gli indicatori di sentimento per il secondo trimestre suggeriscono che il rallentamento potrebbe non essere solo temporaneo.

Gli ordini in arrivo dalle manifatturiere tedesche hanno deluso negli ultimi mesi, con la debolezza proveniente soprattutto dall’estero, in quanto si sono materializzati gli effetti di significativi apprezzamenti dell’euro dalla primavera 2017. Dall’aprile 2017, l’euro è aumentato di quasi il 9% rispetto alle valute dei 38 principali partner commerciali.

L’ultima versione di Eurostat ha mostrato che la spesa per investimenti nella zona euro non è ancora tornata ai livelli precedenti alla crisi. Germania e Austria sono gli unici due paesi della zona euro ad aver aumentato la spesa per investimenti come percentuale del prodotto interno lordo nel 2017 rispetto al 2007.

Il tasso di disoccupazione della zona euro è ancora circa 1pp al di sopra del livello pre-crisi e la situazione è particolarmente preoccupante alla periferia della zona euro che si sta occupando dell’altissimo tasso di disoccupazione delle persone sotto i 30 anni. La zona euro è scesa all’1,3%, mentre il tasso di inflazione di base è ancora più preoccupante dello 0,7% ed è quindi significativamente al di sotto dell’obiettivo a medio termine della BCE del 2%.

Differenze crescenti dei tassi di interesse tra l’Eurozona e gli Stati Uniti

L’ultimo resoconto della politica monetaria del Consiglio della BCE ha dichiarato: “Il Consiglio direttivo ha confermato che gli acquisti di attività nette, al ritmo attuale di 30 miliardi di euro, erano destinati a durare fino alla fine di settembre 2018, o oltre, se necessario, e in ogni caso fino a quando non ha visto un costante aggiustamento nel percorso dell’inflazione coerente con il suo obiettivo di inflazione.”

Alla domanda se il Consiglio abbia discusso ulteriori passi nell’ultima riunione di maggio, Draghi ha dichiarato: “Bene, la ragione per cui non abbiamo discusso la politica monetaria in sé è che la lettura degli sviluppi attuali dall’inizio dell’anno è davvero molto importante nel decidere i prossimi passi. Una attenta valutazione, il monitoraggio, l’uso di maggiori informazioni, sono tutte componenti importanti nelle prossime decisioni. Se è qualcosa che è solo l’inizio di un declino più significativo o è semplicemente la normalizzazione dopo un periodo prolungato di crescita molto forte. “

Il basso tasso di inflazione e il rallentamento dell’attività economica nell’area dell’euro suggeriscono che la BCE non ha fretta di aumentare i tassi. Allo stesso tempo, l’economia statunitense mostra segni di accelerazione della crescita nel secondo trimestre, il mercato del lavoro si è ulteriormente irrigidito e l’inflazione si è aggirata intorno al 2%. Tutto ciò suggerisce che la Fed realizzerà almeno altri due rialzi dei tassi quest’anno come previsto, mentre non sarei sorpreso se la Fed optasse per un rafforzamento più forte.

I rischi politici legati all’Italia

Il movimento cinque stelle e la Lega Nord in Italia hanno firmato un accordo di coalizione la scorsa settimana. Molte delle misure previste porteranno un enorme onere sul bilancio pubblico e aumenteranno il debito. In dettaglio, l’ampia spesa aggiuntiva programmata e le riduzioni fiscali aumenteranno il deficit di bilancio poiché è probabile che l’autofinanziamento pianificato attraverso una crescita economica più forte avrà nel migliore dei casi solo un impatto moderato. L’Italia ha già un debito pubblico superiore al 130% del PIL.

Data la situazione demografica sfavorevole in Italia, il ritiro della riforma delle pensioni eserciterà ulteriore pressione sulle finanze pubbliche e porrà l’Italia in posizione di principale candidato alla crisi una volta che i tassi di interesse saliranno. Tutto ciò aumenta il premio al rischio in euro che è diminuito in modo significativo dopo che Macron ha vinto le elezioni presidenziali francesi lo scorso anno.

Lo sgravio fiscale degli Stati Uniti probabilmente aumenterà il rimpatrio di profitti stranieri, che è stimato a 2,6 trilioni di dollari

Indipendentemente dal paese di origine, la conversione dei profitti aumenterà la domanda USD e causerà pressioni sulla valutazione.

EUR / USD, un nuovo pericolo incombe: i dazi americani sulle auto

Donald Trump non smette mai di sorprendere. E ora si appresta a varare un nuovo provvedimento commerciale che sta già inquietando i mercati. Il presidente Donald Trump ha ordinato una sonda di sicurezza nazionale sulle importazioni di veicoli, che potrebbe portare a nuovi dazi doganali. Trump ha detto che l’industria automobilistica statunitense è “fondamentale per la nostra forza nazionale” e ha ordinato al Dipartimento del commercio di indagare.

La sonda si basa su una legge degli anni ‘60 che consente al presidente di limitare le importazioni se minacciano la sicurezza nazionale. È l’ultima mossa nell’agenda commerciale americana “America First” di Trump. Il presidente ha twittato mercoledì su “grandi novità” per i lavoratori del paese. Questo il tweet: “Ci saranno grandi novità in arrivo per i nostri grandi operai automobilistici americani. Dopo molti decenni di fuga del lavoro in altri paesi, hai aspettato anche troppo!”

In fondo, in questo quasi anno e mezzo di amministrazione, Trump ci ha abituato ad annunciare un nuovo provvedimento ma prima via tweet.

Il Dipartimento del Commercio esaminerà l’effetto delle importazioni di veicoli ai sensi dell’articolo 232 del Trade Expansion Act del 1962, che consente al presidente di limitare il commercio in nome della sicurezza nazionale. L’articolo 232 è lo stesso statuto che è stato invocato per consentire le tariffe dell’amministrazione sulle importazioni di acciaio e alluminio.

Il segretario Wilbur Ross ha promesso “un’indagine approfondita, equa e trasparente”. I dati del dipartimento riferiscono che le importazioni sono passate da un terzo a quasi la metà di tutte le auto vendute negli Stati Uniti negli ultimi 20 anni.

Secondo le statistiche del governo, nel 2017 gli Stati Uniti hanno importato 8,3 milioni di veicoli del valore di 192 miliardi di dollari (144 miliardi di sterline) e hanno esportato quasi 2 milioni di veicoli per 57 miliardi di dollari.

Se sulle auto importate, 2,4 milioni arrivano dal Messico e 1,8 milioni dal Canada, entrambi i paesi fanno parte dell’accordo di libero scambio nordamericano (Nafta), che l’amministrazione Trump vuole rinegoziare nel tentativo di rilanciare il settore manifatturiero degli Stati Uniti.

Il presidente Trump ha anche minacciato di imporre tariffe alle auto importate dall’UE. L’approccio aggressivo al commercio di Trump lo ha anche visto minacciare prelievi fino a $ 60 miliardi (£ 42,5 miliardi) su beni cinesi come ritorsione per presunte violazioni della proprietà intellettuale.

EUR / USD verso il nuovo minimo 2018

L’EUR / USD si colloca vicino al nuovo minimo del 2018 (1.1676) a seguito della limitata reazione al verbale del Federal Open Market Committee (FOMC), e il tasso di cambio potrebbe continuare verso il minimo novembre (1.1554) se la Banca centrale europea (BCE) ha lanciato una guida accomodante per la politica monetaria.

Il verbale del FOMC suggerisce che la banca centrale continuerà ad attuare maggiori costi di indebitamento nei prossimi mesi poiché “probabilmente sarebbe opportuno che la commissione faccia un altro passo avanti nel rimuovere gli alloggi politici”, ma la banca centrale sembra non aver fretta per alterare la prospettiva della politica monetaria come “è prematuro concludere che l’inflazione rimarrebbe ai livelli intorno al 2 per cento”.Detto questo, sembra che la Federal Reserve tollererà una crescita dei prezzi superiore al previsto nel prossimo futuro, in quanto “un periodo temporaneo di inflazione leggermente al di sopra del 2% sarebbe coerente con l’obiettivo di inflazione simmetrica del Comitato e potrebbe essere utile per ancorare più a lungo”. gestire le aspettative di inflazione a un livello coerente con tale obiettivo, “e il presidente Jerome Powell and Co. potrebbe continuare a domare le scommesse per un ciclo di escursioni prolungato poiché” il tasso sui fondi federali rimarrà probabilmente per qualche tempo al di sotto dei livelli previsti a lungo termine.”

Nel frattempo, il resoconto della riunione della BCE potrebbe rivelare l’intenzione della banca centrale di acquistare più tempo in quanto le misure dell’inflazione sottostante rimangono deboli e devono ancora mostrare segni convincenti di una tendenza al rialzo sostenuta. Il Consiglio può semplicemente attenersi alla sceneggiatura corrente poiché “rimane un ampio grado di stimolo monetario necessario per le pressioni inflazionistiche sottostanti a continuare a crescere e sostenere gli sviluppi dell’inflazione a medio termine,” e più del Presidente Mario Draghi e Co. potrebbero mantenere l’euro sotto pressione mentre la banca centrale rimane riluttante a concludere il suo ciclo di allentamento.

  • L’azione dei prezzi recente in EUR / USD mantiene gli obiettivi al ribasso sul radar mentre lotta per spingere verso nuovi minimi annuali, con la coppia a rischio di un ulteriore declino finché il Relative Strength Index (RSI) detiene meno di 70 e spinge più in profondità territorio oversold
  • Anche una pausa / chiusura sotto la 1.1670 (78.6% di espansione) a 1.1680 (50% retracement) regione per aprire il minimo di novembre (1.1554), con la prossima area di interesse che si aggira attorno a 1.1390 (retracement 61.8%)

EUR / USD, perché dollaro ha perso slancio

Il dollaro ha perso slancio giovedì dopo che i verbali dell’ultimo incontro politico della Federal Reserve sono stati visti come colossali e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha proposto di esaminare l’ipotesi di imporre nuove tariffe alle auto importate.

L’euro è stato ostacolato dalle preoccupazioni per il rallentamento economico del blocco valutario e dei rischi politici in Italia, rimanendo vicino a un minimo di sei mesi rispetto al dollaro e a un minimo di nove mesi rispetto allo yen. L’indice del dollaro nei confronti di un paniere di sei principali valute .DXY = L’USD è tornato a 98,897 dal massimo di cinque mesi di 94,195 dopo i verbali della Fed. Mentre i verbali mostravano che la maggior parte dei politici riteneva probabile un altro aumento dei tassi d’interesse sarebbe giustificato – in linea con le aspettative del mercato – essi ha rivelato che la Fed avrebbe tollerato che l’inflazione salisse al di sopra del suo obiettivo per un certo periodo.

“I verbali hanno suggerito che la Fed non ha fretta di alzare i tassi di interesse. Sembra che i mercati azionari statunitensi non fossero troppo aggressivi “, ha detto Ayako Sera, economista di mercato presso la banca Sumitomo Mitsui Trust. La caduta del dollaro ha accelerato quando Trump sembrava aver aperto un nuovo fronte nella guerra commerciale considerando nuove tariffe, questa volta sulle auto, pochi giorni dopo che Washington ha concordato con la Cina di mettere “in sospeso” il suo piano di imporre tariffe per 150 miliardi di dollari di merci cinesi.

Contro lo yen, il dollaro perde lo 0,3% a 109,73 yen 110,03 JPY = all’inizio del commercio asiatico, un giorno dopo che era sceso dello 0,73%, il suo più grande calo in quasi tre mesi. Il franco svizzero sicuro valeva anche lo 0,15% a 0,9943 franchi al dollaro. Mercoledi ha toccato un massimo di tre settimane di 0,9894 per dollaro. L’euro è tornato leggermente a $ 1,1704 EUR, dopo aver toccato un minimo di sei mesi di $ 1,1676 mercoledì, ma la moneta comune è stata frenata dalle preoccupazioni economiche e politiche in Europa.

L’indice Markit’s Composite Flash Purchasing Managers ‘Index (PMI), considerato una buona guida per la salute economica della zona euro, è sceso a maggio ad un minimo di 18 mesi, suggerendo che la forte crescita del continente lo scorso anno ha perso terreno.

Gli investitori sono snervati dagli sviluppi in Italia, dove il governo di coalizione proposto da Lega-M5S potrebbe proporre l’economista euroscettico Paolo Savona come ministro dell’Economia. La valuta comune era debole rispetto allo yen, toccando un minimo di nove mesi di 128,24 yen EUR / JPY mercoledì. La sterlina britannica GBP = D4 ha leccato le sue ferite a $ 1,3374, dopo aver toccato un minimo di cinque mesi di $ 1,3305 in seguito ai dati sull’inflazione del Regno Unito.

Non ha invece avuto peso il possibile mancato summit tra Trump e Kim-Jong Un, così come il rallentamento del miglioramento dei rapporti tra Usa e Cina. E’ come se gli investitori non fossero rimasti sorpresi da questi due aspetti, quasi se li aspettassero.

EUR / USD, domina incertezza che confonde investitori

Il sentiment di mercato ha trascorso gran parte delle ultime due settimane a controllare avanti e indietro in un intervallo che confonde gli investitori che vogliono rassicurazione sulla loro esposizione stile buy-and-hold o quelli che sono in attesa della loro opportunità di cavalcare il deleveraging sistemico che probabilmente seguirà anni di afflusso speculativo discutibile che ha espressamente rincorso il rendimento a spese della valutazione tipica del rischio-ricompensa.

Fino a mercoledì, sembrava che le tendenze speculative sarebbero tornate a lavorare con un ampio svantaggio nei mercati orientati al rischio. Le azioni hanno offerto un chiaro riflesso della scivolata e avrebbero anche fornito un chiaro raffronto di quanto fosse intensa la pressione durante il giorno. Un ampio arretramento dagli indici asiatici è stato guidato dal giapponese Nikkei 225 che ha autorizzato il supporto a un crescente aumento di diversi mesi.

L’intensità è stata aumentata di un livello in Europa con il DAX e il FTSE 100 che hanno subito la più grande perdita di un giorno in pochi mesi, anche se il ritiro è stato proporzionato ai rally che l’hanno preceduto. I mercati statunitensi si sono aperti al divario previsto inferiore, ma la mancanza di follow-through come liquidità riempito suggerito l’incendio non si stava diffondendo. E, alla fine degli scambi di New York, benchmark come la S&P e Dow era verde mentre i leader del FAANG hanno vinto un nuovo record. Questo entusiasmo si diffonderà in maniera più produttiva in tutto il mondo rispetto all’avversione al rischio che l’ha preceduta?

Un’altra mossa produttiva che non offre esattamente un intento chiaro è stata la salita del greenback fino a mercoledì. Il DXY Dollar Index ponderato sul commercio ha registrato un progresso più sostanziale rispetto alla sua lotta in questi ultimi giorni di negoziazione, ma deve ancora affrontare una resistenza imminente che potrebbe causare problemi se non ci fosse un costo fondamentale più tangibile per mantenere più alto il rialzo valutario.

Detto questo, il dollaro ha guadagnato progressi tecnologici più significativi tra i suoi cross, dove molta più liquidità è effettivamente incanalata in scambi pratici rispetto all’indice basato sui futures. L’EUR / USD è riuscito a scivolare verso 1.1725, che è la relativa confluenza di due principali livelli di Fibonacci (il 38,2% del trend orso 2014-2017 e del 2017-2018) e un livello frequentato nella seconda metà del 2017. Da Cable, una scivolata attraverso un supporto tecnico denso negli ultimi giorni è stata resa definitiva dalla chiusura del mercoledì.

Le guerre commerciali e la stabilità politica hanno offerto poche basi per questa mossa, mentre i verbali di maggio PMI e FOMC rappresentano un dubbio sostegno per una vera e propria tendenza al rialzo. Si dice che l’USD / JPY si è ribassato nel corso della giornata, suggerendo che l’avversione al rischio era più influente rispetto all’avanzata del dollaro.

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a periodi in cui la debolezza collettiva o la forza per le controparti più liquide del dollaro hanno fatto leva su una forte mossa dal Greenback stesso. Questo potrebbe essere stato un fattore che ha contribuito alla sua performance mercoledì. La sterlina è inciampata nella sessione precedente dal rilascio delle statistiche sull’inflazione di aprile. Mentre c’era una gamma di indicatori di prezzo, era la misura del consumatore (CPI) che i commercianti rapidamente hanno seguito, seguendo la pressione dovish che ha guadagnato attraverso la testimonianza del Governatore Carney di ieri.

Mentre la cifra è scesa solo in basso, non è stata all’altezza delle aspettative e offre una chiara indicazione all’autorità di mantenere la sua moderazione sulla Brexit. Altre coppie da prendere in considerazione con questo ulteriore progresso includono GBP / JPY, GBP / CHF e GBP / AUD.

Nel frattempo, l’euro sta finalmente mostrando progressi tangibili nella sua slide. Su una base ugualmente ponderata, l’euro è stato in ritirata per alcune settimane, ma non è mai arrivato a quel tipo di ritmo così evidente. Il dispiegarsi della situazione politica italiana e le deludenti PMI di ieri hanno fatto sì che questo passaggio al pilota automatico resti da vedere. Ciononostante, la ritirata dell’euro ha fatto registrare progressi significativi a favore di EUR / USD e EUR / CHF.

Nello spettro di rischio ci sono attività che possono oscillare da rifugio ad alto rendimento a seconda dell’ambiente. Tuttavia, ci sono anche quei mercati che avranno quasi sempre una collocazione estrema specifica. Le attività dei mercati emergenti rientrano tra questi.

I flussi di capitale in queste aree sono ad alto rendimento quando il PIL globale è robusto e l’appetito per il rendimento è forte. O almeno i timori di autocompiacimento temono la volatilità e forniscono confidenza abbastanza meritata per alimentare una copertura speculativa.

Dall’ETF dei mercati emergenti di EEM, non abbiamo registrato guasti critici oltre a quelli che abbiamo visto attraverso la volatilità e il progresso dei principali indici azionari globali. Tuttavia, abbiamo assistito a sviluppi particolarmente preoccupanti in particolari paesi emergenti e in generale nelle valute delle categorie.

Il caso più evidente della scorsa sessione per il puro movimento del mercato è stata l’incredibile inversione della lira turca. Il tasso di cambio USD / TRY si è accelerato fino a raggiungere livelli record fino a quando la banca centrale turca ha annunciato questa sessione passata dopo una riunione di emergenza che stava portando uno dei tassi chiave sui 300 punti base. Durerà? Una mossa così mirata può impedire quello che potrebbe essere un cambiamento globale?

EUR / USD analisi tecnica

A livello giornaliero, i rimbalzi dell’ampio livello di ritracciamento del 38,2% a 1,1710 non sono convincenti finora e richiedono una rottura sopra 1,1850-80 per suggerire un periodo di consolidamento.

Lo slancio settimanale non mostra alcun segno di svolta, in effetti gli indicatori settimanali sono più indicativi di una tendenza (verso il basso) in estensione per EUR / USD.

Importante per il potenziale di una mossa che si estende sarà quanto siano contenuti i rimbalzi. Una diapositiva sotto 1.1700 potrebbe vedere un’estensione rapida a 1.1450 (50%).

Gli RSI hanno guidato una svolta relativamente convincente negli indicatori mensili che, sebbene ancora da confermare, dovrebbero portare a profondi ritracciamenti del rally poiché i primi rimbalzi dell’Interim non cambieranno probabilmente la tendenza nei modelli che si sono sviluppati nei grafici mensili.

Ciò dovrebbe portare a uno scivolamento verso l’area 1,12 fino al 2018, anche se questo dovrebbe essere ancora visto nel contesto di un ampio consolidamento.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY