EUR / USD, Euro indebolito dalla crisi interna tedesca

L’euro ha faticato a trovare una direzione contro il suo omologo statunitense da quando è iniziato il mese di giugno. Il consolidamento ha seguito un’aggressiva tendenza al ribasso che ha avuto luogo tra la fine di aprile e maggio in cui è scesa al di sotto di una linea di tendenza rialzista di lungo termine da aprile 2017.

Lungo la strada, i modelli di inversione rialzista sono andati e venuti, ma mancavano di follow-through. Esempi degni di nota sono stati una stella mattutina agli inizi di maggio e un avvallamento rialzista alla fine di esso. Interessante, il supporto derivato dalle opzioni e i livelli di resistenza durante il consolidamento hanno tenuto sotto controllo EUR / USD, non riuscendo a superare i confini esterni. Il più recente annuncio del tasso di interesse della Banca centrale europea il 14 giugno scorso la coppia è crollata di più in un solo giorno da ottobre 2015.

Da qui, l’euro sta affrontando un punto potenziale che potrebbe portare a una ripresa della sua tendenza al ribasso. Sotto, EUR / USD rimane appena sopra i minimi attuali del 2018 fissati a fine maggio. Per coincidenza, quest’area si allinea strettamente con il livello di estensione Fibonacci del 38,2% a 1,1507. La coppia ha anche testato di recente questo supporto orizzontale il 21 giugno, ma non è riuscito a ottenere un breakout. Nel frattempo, i minimi risalenti a novembre e dicembre 2017 intorno a 1,1718 hanno agito come supporto ex resistenza ora.

Una spinta al di sotto del supporto immediato apre la porta per EUR / USD per riprendere la sua tendenza al ribasso. Di fatto, un tale risultato compromette ulteriormente la sua ascesa nel 2017 e le prospettive a lungo termine potrebbero diventare ancora più ribassiste. Tale caso posiziona il 50% del punto medio dell’estensione come primo obiettivo a 1.1400. D’altra parte, una salita sopra la resistenza immediata espone il massimo del 14 giugno a 1.1852.

EUR / USD, si attende il summit Ue

La moneta unica sta alternando guadagni con perdite nella seconda metà della settimana, prendendo EUR / USD a metà degli 1.1500 in vista della campana di apertura in Eurolandia.

Dopo due ritracciamenti giornalieri consecutivi, la coppia sta ora cercando la direzione tra un verdetto più forte e prudenza in vista del prossimo vertice UE. In effetti, il vertice UE prende il via oggi, con l’obiettivo principale della questione migratoria, Brexit, sicurezza e riforme nel regione. Secondo gli analisti della Danske Bank: “La migrazione sarà uno dei temi più caldi, specialmente dopo la pressione su Merkel dal suo partner della coalizione CSU per trovare una soluzione a livello europeo per i problemi migratori”.

Inoltre, gli operatori di mercato restano vigili sugli Stati Uniti. Il fronte commerciale Cina-UE, che rimane il driver quasi esclusivo per la direzione dei mercati globali. Guardando avanti, i dati sull’inflazione avanzata di Spagna, Italia e Germania per il mese di giugno sono prossimi, distaccati da diversi indicatori di fiducia / sentimento in Eurolandia e il già citato Vertice dell’UE. Attraverso lo stagno, è prevista la terza revisione dei dati sul PIL degli Stati Uniti del 1 ° trimestre, unitamente ai crediti iniziali.EUR / USD da osservare

Al momento, la coppia perde lo 0,03% a 1,1549 e un’interruzione inferiore a 1,1530 (minimo Jun.19) target 1.1508 (2018 basso 29 maggio) in rotta verso 1,1479 (minimo 20 luglio 2017). D’altra parte, la resistenza immediata si allinea a 1.1720 (massimo giugno 26) distaccata da 1.1722 (23.6% Fibo della caduta di aprile-maggio) e poi 1.1853 (alta giu.14).

Per Commerzbank EUR / USD rischia ulteriori battute d’arresto

Karen Jones, responsabile dell’analisi tecnica della FICC presso Commerzbank, ha osservato che la coppia rischia ulteriori battute d’arresto mentre va sotto 1.1720.

“L’EUR / USD ha visto un rifiuto iniziale dal precedente ritracciamento del 23,6% a 1,1723. Attualmente sembra essere sulla difensiva mentre è sotto la linea di resistenza 1.1720. Dovrà recuperare qui sopra per un altro tiro al recente massimo a 1.1853 / 55. I rischi attuali sono al ribasso”.

“A medio-lungo termine – prosegue Jones – continuiamo a indirizzare il 200 settimane ma a 1.1400. Ci aspettiamo che questo sostenga il test iniziale e provochi qualche presa di profitto. Inferiore a 1.1400 introdurrebbe portata al ritracciamento del 61.8% a 1.1186”.

Lo schedario economico americano di giovedì evidenzia la terza uscita dei dati sulla crescita del PIL del primo trimestre, prevista per il 1230 GMT. Si prevede che la stampa finale confermerà il tasso di crescita annualizzato del 2,2% riportato nella versione preliminare, ma potrebbe comunque produrre alcune opportunità di trading significative. L’impatto del rischio sulle redattori EUR / USD può trovare la mappa dell’impatto proprietario di deviazione di FX Street. Come osservato, la reazione sulla coppia è probabilmente compresa nell’intervallo tra 25 e 30 pips nei primi 15 minuti, ma potrebbe estendersi fino a 75-85 pips nelle successive 4 ore in caso di una deviazione compresa tra 0,68 e -0,89.

Yohay Elam, l’analista di FXStreet, spiega: la linea di supporto significativa da guardare è il 15 giugno, e il 19 ° minimo di 1,1540 e il supporto più forte è a 1,1510 che è il livello più basso da luglio 2017. Ancora più basso, 1,1480 è notevole per servire come linea essenziale la scorsa estate. Aggiunge inoltre: 1.1650 ha chiuso la coppia in diverse occasioni nel mese di giugno. 1.1730 ha fornito supporto quando la coppia EUR / USD è stata scambiata su terreno più elevato. 1.1850 che è stato il punto più alto del 14 giugno.

Il Prodotto Interno Lordo annualizzato (GDP) rilasciato dall’Ufficio di Analisi Economica degli Stati Uniti mostra il valore monetario di tutti i beni, servizi e strutture prodotti all’interno di un paese in un determinato periodo di tempo. Il PIL annualizzato è una misura lorda dell’attività di mercato perché indica il ritmo al quale l’economia di un paese sta crescendo o diminuendo. In generale, una lettura elevata o un numero migliore del previsto è considerata positiva per l’USD, mentre una lettura bassa è negativa.

EUR / USD, pesa la crisi politica tedesca

La coppia EUR / USD è scesa sotto la linea di tendenza ascendente a lungo termine (dovuta al minimo di marzo 2015 e aprile 2017), probabilmente a causa dell’instabilità politica in Germania. Il cancelliere tedesco Merkel è caduto sotto il fuoco amico, mentre il suo alleato bavarese minacciava l’ammutinamento sulla crisi dei migranti.

I leader europei si incontreranno oggi a Bruxelles per risolvere le loro divergenze sulla crisi migratoria triennale del blocco. Se il Vertice fallisse, allora il governo di coalizione della Merkel potrebbe crollare, portando a una grande svendita nella valuta comune. Inoltre, l’EUR sarà probabilmente offerto se l’IPC preliminare tedesco di giugno stamperà sotto stime. Nel frattempo, USD potrebbe trovare offerte se il PIL Q1 degli Stati Uniti è rivisto al ribasso. Al momento della scrittura, la coppia di valute è scambiata a 1,1555.

Cosa sta succedendo in Germania? Angela Merkel ha detto al parlamento tedesco che la questione potrebbe essere un momento decisivo per l’UE. L’invito arriva in vista di un vertice UE incentrato su come affrontare i molti migranti privi di documenti – principalmente africani – che continuano a rischiare la vita per attraversare il Mediterraneo. La signora Merkel è sotto pressione per trovare un accordo per prevenire nuovi arrivi.

Il ministro Horst Seehofer, del suo partner della coalizione bavarese CSU, le ha dato fino a questo fine settimana. Altrimenti ha detto che comincerà a mandare via i migranti dalla frontiera nel suo stato di origine. I flussi migratori comprendono anche rifugiati in fuga dalla guerra siriana e altri conflitti, con urgenza in cerca di asilo. Non è una crisi sulla scala del 2015, quando migliaia erano arrivando a terra ogni giorno sulle isole greche. Il Consiglio europeo – la leadership strategica dell’UE – afferma che i numeri che entrano illegalmente nell’UE hanno perso il 96% dal loro picco nell’ottobre 2015.

Ma le tensioni di questo mese sulle navi di salvataggio migranti alle quali è impedito l’ingresso nei porti italiani – recentemente anche proprio la nave di beneficenza tedesca Lifeline – hanno rimesso saldamente la questione sotto i riflettori dell’UE. La Lifeline è stato autorizzato ad attraccare a Malta dopo una intensa diplomazia tra diversi stati dell’UE , ognuno dei quali ha accettato di prendere in carico una quota dei migranti. Malta ha dichiarato che la Norvegia ha ora accettato di prendere alcuni migranti a bordo di Lifeline.

Il principio di Dublino – che i richiedenti asilo dovrebbero rimanere nel paese in cui entrano nell’UE – è fallito. L’Italia e la Grecia, che ricevono di più, chiedono che i loro vicini condividano il fardello.

E’ bastato un no ad una nave, poi finita in Spagna, per far sì che l’Italia sia maggiormente ascoltata in seno all’Ue. E che gli altri Paesi siano responsabilizzati sulla questione migranti. Se è vero che non esiste una emergenza apocalittica, è anche vero che solo Italia e Grecia accolgono continuamente i migranti. Il che sta portando ad una guerra tra poveri e ad una accoglienza improvvisata con accampamenti di fortuna posti qua e là nelle città, centri di accoglienza approssimativi, oltre che uno squallido business sui migranti.

L’atteggiamento del Governo italiano Lega-M5S ha posto fine al riporre la polvere sotto il tappeto da parte dell’Ue. E rischia di mettere in crisi una salda allenza tra due partiti centristi: l’Unione Cristiano democratici (CDU) e l’Unione Cristiano-Sociale in Baviera (CSU). Che va avanti fin dal 1949. I due partiti democristiani costituiscono un gruppo parlamentare unico nel Bundestag, chiamato “gruppo parlamentare CDU/CSU” (CDU/CSU-Fraktion) o “gruppo parlamentare dell’Unione” (Unionsfraktion). Ciò secondo il regolamento del Bundestag è possibile in quanto non competono tra loro nelle elezioni, essendo la CSU attiva solo in Baviera e la CDU in tutti gli altri 15 Länder eccetto la Baviera.

I due partiti inoltre scelgono un candidato comune in occasione delle elezioni federali e hanno sempre governato in coalizione a livello federale. Al di sotto del livello federale tuttavia le due organizzazioni sono completamente separate,eccezion fatta per la Junge Union, l’organizzazione giovanile comune ai due partiti. I membri di entrambi i partiti vengono anche chiamati Unionschrist (letteralmente, “Cristiano dell’Unione”).

L’unico precedente di una crisi tra Cdu e Csu si è consumata nel 1976, quando il 19 novembre, dopo la sconfitta nelle elezioni federali del 1976, il Landesgruppe della CSU, riunito a Wildbad Kreuth, prese la decisione di non rinnovare il gruppo unitario con la CDU per l’VIII legislatura. La minaccia di separazione rientrò il 12 dicembre dello stesso anno, dopo che la CDU da un lato minacciò di costituirsi anche in Baviera e dall’altro fece alcune concessioni al partito gemello bavarese. In realtà la vera motivazione della crisi fu la lotta di potere tra i presidenti dei due partiti, Helmut Kohl della CDU e Franz Josef Strauß della CSU, che verteva essenzialmente sul rapporto da tenere nei confronti dell’FDP e sulla fondazione del cosiddetto “quarto partito” (Vierten Partei), ossia sull’estensione dell’attività della CSU al di fuori dei confini bavaresi.

Una Germania debole e internamente divisa, ovviamente riflette negativamente anche sulla forza dell’Euro. Che di fatto sta perdendo ulteriore terreno nei confronti del Dollaro. Già ci sono voluti 6 mesi per formare un nuovo governo tra i centristi e i socialisti, dato che anche la Merkel ha perso molti consensi. Con l’avanzata anche in Germania degli euroscettici.

Come va per Oro e Dollaro

Mentre è troppo presto per dire che il rally correttivo dal minimo recente di 1.1508 è terminato, i tori dell’EUR sono avvisati di essere troppo ambiziosi per il rapido declino dell’oro. Il metallo giallo, anch’esso una moneta forte con scorte limitate, sta prendendo piede contro il biglietto verde nonostante i timori di guerra commerciale e l’avversione al rischio.

Inoltre, l’oro non può essere stampato dal nulla (QE) come le altre valute di carta. Tuttavia, il metallo è sulla difensiva contro l’USD. Così, l’euro e altre valute cartacee hanno probabilmente un margine di manovra limitato contro il biglietto verde.

L’USD può trovare nuove offerte se gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti (dovuti alle 12.30 GMT) migliorano le aspettative del mercato. La bilancia commerciale delle merci negli Stati Uniti e la cifra delle vendite di case in sospeso potrebbero anche influenzare la domanda dell’USD.

EUR / USD: Trump vedrà Putin il 16 luglio, intanto scherza su Ronaldo

Il presidente americano Donald Trump e il presidente russo Vladimir Putin si incontreranno il 16 luglio a Helsinki. Il Cremlino e la Casa Bianca hanno ufficializzato oggi un primo summit ufficiale che sarà seguito da nervosismi da parte degli alleati degli Stati Uniti in Europa e dai critici della Russia in America. I paesi hanno annunciato i dettagli simultaneamente un giorno dopo aver raggiunto un accordo per tenere la riunione dopo una visita a Mosca del consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton.

“I due leader discuteranno le relazioni tra gli Stati Uniti e la Russia e una serie di questioni di sicurezza nazionale” la Casa Bianca ha detto in una dichiarazione. Trump e Putin si sono incontrati due volte prima a margine di raduni internazionali. Il loro vertice potrebbe irritare gli alleati degli Stati Uniti che vogliono isolare Putin, come la Gran Bretagna, o che sono preoccupati per ciò che vedono come un atteggiamento di Trump eccessivamente amichevole nei confronti del leader russo.

È anche probabile che vada male tra i critici che mettono in dubbio l’impegno di Trump nei confronti dell’alleanza NATO e che h ero preoccupato per le sue frizioni con alleati di lunga data come il Canada e la Germania per gli scambi commerciali. Trump ha da tempo espresso il desiderio di migliori relazioni con Mosca, anche se Washington restringe le sanzioni. Impegnarsi sulle relazioni con la Russia da quando Trump è entrato in carica nel gennaio dello scorso anno è il conclusione della comunità di intelligence degli Stati Uniti che Mosca ha cercato di interferire nella campagna presidenziale del 2016 per inclinare le elezioni a favore di Trump.

Mosca ha negato a lungo ogni ingerenza. Un consulente speciale sta indagando sulla possibile collusione della campagna Trump con la Russia, che Trump ha negato. Bolton ha detto ai giornalisti a Mosca che si aspettava che l’intromissione russa nella politica degli Stati Uniti sia discussa al vertice.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha proposto Cristiano Ronaldo come potenziale futuro capo di stato per il Portogallo, e ha anche suggerito di poter unirsi a Vladimir Putin alla finale dei Mondiali a Mosca il prossimo mese. In una visita ufficiale negli Stati Uniti, il presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa ha incontrato Trump nello Studio Ovale per discutere i soliti seri affari di stato e di Ronaldo, informazioni che furono rivelate dalla trascrizione ufficiale della Casa Bianca della conversazione. Che riportiamo di seguito:

  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: Ma comunque, non dimenticare che il Portogallo ha il miglior giocatore del mondo che si chiama Cristiano Ronaldo.
  • PRESIDENTE TRUMP: Oh, OK.
  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: sono sicuro che tuo figlio lo sa e TRUMP: Lui sa tutto di lui.
  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: E così. E quindi, non dimenticare che se andrai in Russia durante il campionato, il Portogallo è ancora lì e che vuole vincere il campionato.
  • TRUMP: Esatto. Stanno facendo molto bene.
  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: Sì
  • TRUMP: Questo è molto buono. E allora dimmi, quanto è bravo il giocatore? Sei impressionato?
  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: Sono molto impressionato. È il miglior giocatore del mondo, Cristiano Ronaldo. Quindi in un certo senso, beh, penso, è stato un successo. Sono d’accordo con te sul campionato. Yeah.
  • PRESIDENTE TRUMP: Sì, fantastico.
  • RAPPRESENTANTE REBELO DE SOUSA: Non ci sono dubbi per il mondo.
  • TRUMP: Quindi Cristiano correrà come Presidente contro di te? (Risate). Non vincerebbe.
  • REBELO DE SOUSA: Presidente, lo sai, il Portogallo non è come gli Stati Uniti.
  • PRESIDENTE TRUMP: Questo è vero.
  • PRESIDENTE REBELO DE SOUSA: E’ una piccola differenza

Trump infine ha anche detto la sua sul Mondiale: alla domanda “a chi sta sostenendo nella Coppa del Mondo?”: “No, ti dirò, abbiamo lottato molto duramente per arrivare qui. Penso che stiano facendo un fantastico lavoro con la Coppa del Mondo in questo momento. e ti dirò che è emozionante, mio figlio ama il calcio e adora guardare la Coppa del Mondo e hanno fatto davvero un fantastico lavoro con la Coppa del Mondo. È eccitante anche se non sei un fan del calcio, ma solo un po’. Non ho molto tempo”.

EUR / USD, occorre rimpiazzare il giudice Anthony Kennedy

Il Presidente Trump ha fatto esplodere il senatore democratico Heidi Heitkamp e ha reclamato il rappresentante Kevin Cramer in un Fargo, nel Dakota del Nord, durante il rally di mercoledì sera, quando ha sostenuto la causa per l’elezione di altri repubblicani al Senato degli Stati Uniti.

Il ritiro del giudice della Corte Suprema Anthony Kennedy, ha detto Trump, mette in luce la necessità per coloro che si trovano nel North Dakota e altrove di votare repubblicano a novembre. Cramer è in lizza per sostituire Heitkamp, che potrebbe essere vulnerabile in uno stato nel quale Trump ha vinto per 36 punti. “Dobbiamo eleggere più repubblicani, dobbiamo farlo”, ha detto il presidente mercoledì sera.

Il presidente non ha espresso i suoi migliori contendenti per sostituire Kennedy dall’annuncio del ritiro, ma a novembre la Casa Bianca ha pubblicato una lista di 25 possibili nomi nel caso di un posto vacante. “Dobbiamo sceglierne uno fantastico”, ha detto Trump mercoledì sera. “Dobbiamo sceglierne uno che sarà lì per 40 anni, 45 anni”.

Il presidente ha detto che Heitkamp avrebbe semplicemente votato come le è stato detto, a meno che, forse, la pressione politica non la costringa a votare per il candidato del Sig. Trump. Heitkamp ha votato per sostenere il giudice nominato a Trump, Neil Gorsuch, l’anno scorso. Dopo la manifestazione, Heitkamp ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere “sempre stata desiderosa di lavorare attraverso il corridoio” per il Nord Dakota.

“Ogni volta che il presidente arriva in North Dakota, è un buona cosa per il nostro stato, anche se oggi abbiamo visto la politica delle elezioni, sono sempre disposto a collaborare con il presidente se lui sta aiutando il Nord Dakota. E se non lo è, parlerò “, ha detto Heitkamp.

“Non rispondo a un partito politico o a un presidente, rispondo solo ai cittadini del Nord Dakota che meritano una voce indipendente al Senato. Ecco perché sono sempre stato ansioso di lavorare attraverso il corridoio – anche con il presidente – per ottenere risultati per il nostro stato, e il rally di oggi non ha cambiato ciò” ha concluso Heitkamp.

Trump distingue questione cinese con quella coreana

Malgrado il sostegno e l’assistenza della Cina alla questione della Corea del Nord in vista del vertice di Singapore, per Trump, le dispute commerciali, l’impegno multilaterale e la denuclearizzazione della penisola coreana sembrano essere questioni distinte e non correlate. Nel suo mondo unilaterale, c’è poca connessione tra geoeconomia e geopolitica. Il presidente cinese Xi Jinping ha adottato un approccio completamente diverso alla politica e all’economia globale, che sembra stia pagando con ogni azione unilaterale che Trump intraprende sulla scena internazionale. Questo sembra essere il caso anche dell’impegno USA della Corea del Nord.

Sebbene la Cina non sia stata invitata al summit di Singapore, ha accolto favorevolmente il suo risultato. Poco dopo, la Cina ha chiesto che le sanzioni sulla Corea del Nord siano alleviate e che venga istituito un “meccanismo di pace”. Sul fronte delle sanzioni, la leadership cinese ha già impegnato la Russia, che ha espresso approvazione per la mossa. E per istituire un meccanismo di pace, intende raggiungere le varie parti interessate per creare una struttura multinazionale in cui Pechino si ponga al centro.

La centralità della Cina nel processo futuro di denuclearizzare della Corea del Nord è stato confermato dal fatto che Kim Jong-un si è recata per un’altra visita a Pechino subito dopo il summit di Singapore (la sua terza visita in Cina in meno di 100 giorni). La visita smaschera la narrazione di un’angoscia preoccupata per Pechino essere emarginati dopo il vertice di Singapore. I media statali cinesi e nordcoreani sono stati elogiativi per il summit.

In effetti, i media statali cinesi hanno fatto di tutto per difendere i suoi risultati, con il tabloid di solito nazionalista, il Global Times, che sollecita i critici dei media statunitensi a “cogliere il quadro completo”. Ancora più importante, i resoconti dei media statali indicano che Pechino e Pyongyang hanno superato le differenze degli ultimi anni. Xinhua ha riferito che Kim si riferiva alla relazione bilaterale come familiare, mentre Xi offriva “affetto e sostegno” per la popolazione nordcoreana.

Il presidente cinese ha anche accennato a quella che ha definito “una decisione importante” di Kim “spostare l’attenzione sulla costruzione economica”. Nel frattempo, l’agenzia di stampa centrale coreana ha riferito che Kim ha promesso di rafforzare la cooperazione “strategica e tattica” per garantire ” vera pace “nella penisola coreana. Questo tipo di retorica ufficiale implica che Pechino comprenda i limiti del cameratismo ideologico del passato nell’attuale ambiente internazionale instabile. Pertanto, sta posizionando la Cina come un modello evolutivo – governo monopartitico, accompagnato da un capitalismo guidato dallo stato – per un’aspirante Kim da seguire.

Dalla creazione di zone economiche all’edilizia, estrazione mineraria, energia, agricoltura, trasporti e finanza, lì è una gamma di settori per la possibile cooperazione tra Cina e Corea del Nord. In questo senso, Xi sta rubando una marcia su Trump, che ha deciso di “illustrare” quale potrebbe essere la Corea del Nord con un video amatoriale che ha mostrato a Kim al summit. La Cina sembra in procinto di raggiungere il suo obiettivo primario sulla Penisola coreana: la denuclearizzazione senza perdere la leva su Pyongyang. Non è chiaro cosa ne trarrà l’amministrazione Trump, se non una bandiera della “vittoria” della politica estera prima delle elezioni di medio termine.

Inoltre, l’approccio di Xi promuove anche la più ampia narrativa di una Cina aperta a un coinvolgimento multilaterale più profondo e che offre un modello di governance alternativo a quello che gli USA transazionali e sempre più protezionisti stanno spingendo con il loro ritiro dalle istituzioni e dagli accordi multilaterali.

Più specificamente nell’Asia orientale, la decisione di Trump di fermare le esercitazioni militari USA-Corea del Sud in cambio dell’impegno di Kim a lavorare per la denuclearizzazione rafforza anche la mano di Pechino. La mossa sembra riflettere la proposta originale della “doppia sospensione” della Cina. Infatti, secondo un rapporto di The Asahi Shimbun, la sospensione delle esercitazioni militari era una richiesta specifica che Xi aveva chiesto a Kim di piazzare prima di Trump durante l’incontro del 7 maggio tra i due.

Inoltre, Trump ha detto che le esercitazioni USA-Corea del Sud sono state “provocatorie” e “costose” funziona anche bene per Pechino. Segnala agli stati dell’Asia orientale che l’affidabilità di Washington come alleata dovrebbe essere seriamente messa in discussione. Gli alleati regionali degli Stati Uniti ora si stanno probabilmente chiedendo se gli Stati Uniti sono davvero disposti a giocare il lungo gioco e si assumono i costi reali di contrastare l’influenza della Cina nella regione. Questa è la contraddizione fondamentale al centro della strategia di sicurezza statunitense sotto Trump. Da un lato, l’amministrazione Trump identifica la Cina come un potere revisionista e promette di approfondire le collaborazioni con gli alleati. Dall’altro, lamenta ripetutamente i costi e parla di una maggiore condivisione degli oneri. Un indebolimento del sistema di alleanze USA in Asia orientale e l’imposizione di tariffe, che colpiscono paesi come la Corea del Sud e il Giappone, aprono nuove opportunità per la Cina. Pechino si sta già muovendo per capitalizzare su questo. Sta mettendo gli sforzi per normalizzare le sue relazioni con la Corea del Sud dopo il disaccordo dello scorso anno sul dispiegamento del sistema missilistico THAAD e la riparazione delle recinzioni con il Giappone dopo sei anni di amarezza sulla disputa delle isole Senkaku / Diaoyu.

A maggio, il premier Li Keqiang ha anche visitato il Giappone per riavviare il dialogo trilaterale Cina-Giappone-Corea del Sud, sospeso dal 2015. Inoltre, questa settimana Pechino ha anche annunciato l’abbassamento delle tariffe sulle importazioni da un certo numero di paesi, tra cui la Corea del Sud. La Cina sembra vincere a ogni mossa che Trump fa in Asia orientale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY