EUR / USD continua al rialzo, preoccupa nuova minaccia dazi di Trump

EUR / USD continua a mostrare segni di ripresa dal recente minimo di 1.1176, e ora sta spingendo forte verso il 20° giorno a 1.1277. stando a quanto dice Karen Jones, analista di Commerbank: “Sospettiamo che stia cercando di stabilizzarsi, ma deve fare più lavoro. Una volta sopra il 200 giorno MA a 1.1453, il cross dovrebbe puntare al massimo di 1.1570 di gennaio, insieme alla settimana 55 ma a 1.1568.” Poi aggiunge: “Sotto 1.1185 / 75 (ritracciamento 61.8%) si trova il 1.1110, il minimo di maggio 2017 e il ritracciamento di 1.0814 / 78.6%.”

Gli analisti della Danske Bank non si aspettano grandi novità dalla BCE, che a sua volta dovrebbe mantenere EUR / USD nel range ristretto recente.

Questa la loro analisi: “Con la stretta della BCE spinta lontano all’orizzonte, a breve termine il mercato sarà vigile sul QE e / o ai segnali di tagliare il tasso della BCE. Che hanno il potenziale per abbassare EUR / USD a 1,10 a breve termine.”

La coppia EUR / USD si è ritirata durante la sessione asiatica ed è scesa verso 1,1260, dopo aver toccato quota 1,1283, il livello più alto in quasi due settimane.

Ad oggi, la fascia di prezzo è stata di 30 pips, riflettendo un ambiente a bassa volatilità. Una giornata tranquilla, in vista del vertice UE, della BCE, dell’US CPI e del FOMC.

Il dollaro USA è caduto su tutta la linea durante la sessione europea a fronte di un miglioramento del sentiment del mercato, ma poi è cambiato e ha recuperato terreno dal momento che i prezzi azionari sono passati al ribasso.

Al momento della scrittura, EUR / USD scambia a 1.1263, in rialzo per la giornata, verso la chiusura più alta dal 25 marzo.

Un tono cauto sembra dominare mentre continuano i colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti e tra le nuove minacce del presidente degli Stati Uniti Trump di imporre tariffe sui beni europei. Mercoledì 10 aprile, si terrà il vertice UE per discutere della Brexit. Inoltre, la Banca centrale europea si incontrerà.

La maggior parte degli analisti non si aspetta cambiamenti nella sua politica. Gli analisti di Wells Fargo avvertono che potremmo ottenere alcuni dettagli aggiuntivi sulla prossima fase delle operazioni di raffinazione a lungo termine mirate (TLTRO).

“Alcune economie dell’Eurozona come l’Italia sono o vicine alle recessioni e l’inflazione core dei prezzi al consumo è stata inferiore all’1,5% da agosto 2012. A meno che le condizioni economiche non migliorino significativamente, pensiamo che il primo rialzo dei tassi dalla BCE non si verificherà almeno fino al 1 ° trimestre del 2020.”

Sempre mercoledì, i dati sull’IPC degli Stati Uniti sono dovuti e più tardi durante il giorno, la Federal Reserve pubblicherà i verbali della sua ultima riunione. Gli strateghi dell’ANZ sottolineano che i verbali della recente “riunione molto accomodante del FOMC” e dell’incontro della BCE “dovrebbero ribadire la natura accomodante dell’orientamento politico, che ha il potenziale per supportare sia obbligazioni che azioni”.

EUR / USD trova resistenza a 1.1285, ancora sopra 1.1250 L’euro continua a muoversi con una tendenza al ribasso, ma il rialzo è stato limitato dall’area di resistenza di 1.1280 / 85, anche attorno alla media mobile a 20 giorni. Un’interruzione sopra probabilmente manderebbe la coppia a testare 1.1300 e se continua a salire la resistenza chiave potrebbe essere localizzata a 1.1325.

Recentemente la coppia si è consolidata al di sotto della media mobile a 20 ore per la prima volta in più di 24 ore segnalando debolezza per le prossime ore che probabilmente rimarranno in vigore fino a quando avrà un valore inferiore a 1.1270. Il supporto critico a breve termine potrebbe trovarsi a 1.1250 / 55 (minimo 3 aprile / minimo 9 aprile) seguito da 1.1235.

Piattaforme affidabili per fare trading su EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

EUR / USD, cosa aspettarsi questa settimana?

Il rapporto mensile sugli ordini di fabbrica ha mostrato un calo dello 0,5% sulle stime di corrispondenza del mese. Il calo di febbraio segna un quarto calo consecutivo negli ordini di fabbrica. Di conseguenza, l’USD ha registrato un andamento più debole nel corso della giornata. Il rapporto mensile sugli ordini di beni durevoli è stato confermato per mostrare un calo dell’1,6% sul titolo secondo le stime iniziali.

Il biglietto verde ha invertito i guadagni dello scorso venerdì. Questa settimana il Tesoro americano metterà all’asta le obbligazioni a 3, 10 e 30 anni.

La fiducia degli investitori Sentix migliora. La valuta comune è aumentata dello 0,3% rispetto al lunedì, sostenuta dalla domanda più debole per il biglietto verde. I rapporti economici della zona euro hanno visto la fiducia degli investitori Sentix salire a -0,3 per aprile. Questo è stato migliore delle stime mediane che prevedono un calo a -1,7 e da -2,2 rispetto al mese precedente.

EUR / USD manterrà il momentum rialzista? Dopo il consolidamento del prezzo breve, abbiamo visto un breakout dal livello di resistenza a breve termine vicino a 1.1246. L’euro ha registrato guadagni infragiornalieri per raggiungere i massimi di 1.1273 prima di ritirarsi modestamente.

Nel breve periodo, ci aspettiamo che il pullback si fermi vicino al livello di resistenza di 1.1246. Un rimbalzo su questo livello potrebbe indicare il momentum rialzista per continuare con il targeting di prezzo 1.1275.

EUR / USD, occhio alla guerra sui dazi in arrivo

Dopo il fronte asiatico, Donald Trump ne sta aprendo un altro contro l’Unione europea. Il quale in realtà sarebbe il secondo, dopo quello contro carbone e acciaio importati dal vecchio continente.

Infatti, il Tycoon alla Casa Bianca vuole imporre nuovi dazi, questa volta ai prodotti legati al settore agro-alimentare e del trasporto aereo. In risposta, come ha detto mediante il suo convenzionale mezzo qual è Twitter, agli aiuti pubblici che l’Ue ha concesso ad Airbus. Concorrente mondiale dell’americana Boeing.

Gli Stati Uniti hanno detto che due categorie di tariffe sono state prese in considerazione in risposta ai sussidi Airbus. Il primo ha coinvolto nuovi elicotteri, nuovi aeromobili e parti di aeromobili provenienti da Francia, Spagna, Germania e Regno Unito. In pratica, i quattro paesi in cui Airbus ha impianti di produzione.

La seconda riguarda una gamma più ampia di prodotti provenienti da tutti gli stati membri dell’UE. Tra questi, quindi, tanti prodotti italiani. Come già denuncia preoccupata Coldiretti. Tra cui prosecco, pecorino, bevande alla frutta, perfino l’acqua.

Occorrerà capire questo nuovo fronte dei dazi doganali se e in che misura penalizzerà il cambio EUR / USD.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY