EUR / USD, quale conseguenza avrà Mid-term sul cambio?

Donald Trump regge l’urto democratico e lo Tsunami non si è verificato. Se è vero che i democratici tornano in possesso della Camera, il Presidente in carica mantiene il Senato e anzi aumenta i propri seggi. Non solo, il ricambio parlamentare vede arrivare una flotta di repubblicani in suo soccorso a lui più vicina, mentre altri moderati non ce l’hanno fatta.

Come ha detto lo stesso Trump a mezzo Twitter, non accadeva da 105 anni che un Presidente in carica aumentasse il proprio consenso al Senato. Certo, è anche aumentata la presenza di ispanici e musulmani. E questa, forse, è la vittoria più significativa per il Partito democratico.

Donald Trump diventa così “un’anatra zoppa”, così come viene chiamato metaforicamente il Presidente in carica che perde una Camera. Ma come sta influendo il risultato del Mid-term sul cambio EUR / USD?

Sommario

Come inciderà il Mid-term sul cambio EUR / USD?

La coppia EUR / USD ha fatto registrare un massimo di due settimane a 1,1471 in Asia e l’ultima volta è stato scambiato a 1,1460. Con un rialzo dello 0,30%. Il dollaro americano è stato offerto in Asia per i timori del Congresso diviso negli Stati Uniti.

Una Camera controllata dai democratici in coppia con un senato controllato dai repubblicani significa che il Presidente Trump e il GOP potrebbero avere difficoltà a mettere in atto nuova legislazione se presente. Ancora più importante, una Camera Democratica può proseguire le indagini sui legami russi di Trump, innescando l’incertezza politica a Washington. Ciò potrebbe complicare le cose per la Fed. Quindi, il biglietto verde potrebbe continuare a perdere quota in Europa.

Inoltre, le difficoltà dello JPY segnalano il rischio su azioni, che è una buona notizia per EUR e materie prime come AUD, NZD e CAD. Tutto sommato, è probabile che la coppia confermi una caduta del cuneo in calo. Un cambiamento di tendenza da ribassista a rialzista su base giornaliera.

EUR / USD, specialisti di UOB restano però neutralisti

Gli strateghi del gruppo UOB rimangono neutrali e noteranno che potrebbe raggiungere la zona 1.1490 nelle prossime settimane.

Previsioni a 24 ore: “L’euro è stato scambiato in maniera relativamente moderata ieri, con un range di 50 pips (tra 1.1388 e 1.1438 ). La spinta verso l’alto sta iniziando a salire e mentre una mossa sopra il picco della 1.1456 della settimana scorsa non sarebbe sorprendente, una mossa sostenuta al di sopra di questo livello sembra improbabile per ora (la prossima resistenza è a 1,1470 seguita da vicino da un altro livello piuttosto forte a 1,1490). Il supporto è a 1.1395, ma solo una rottura di 1.1370 indica che l’attuale leggera pressione al rialzo si è attenuata “.

Successive 1-3 settimane: “Non c’è molto da aggiungere all’aggiornamento dello scorso venerdì (02 nov, spot a 1.1400) in cui lo scorso martedì (31 ottobre) il minimo di 1.1299 è considerato un fondo a breve termine e questo livello dovrebbe durare per un paio di settimane. A breve termine, il bias immediato è per EUR per “sondare” la parte superiore dell’intervallo di consolidamento previsto 1.1330 / 1.1490. In questa fase, la prospettiva di un’interruzione al di sopra dell’intervallo non è elevata, ma le probabilità continuerebbero a migliorare se EUR potesse continuare a contenere oltre 1,1370 nei prossimi giorni”.

Poi aggiungono: “Guardando al futuro, una rottura sopra 1,1490 suggerirebbe che il minimo di 1.1299 potrebbe rivelarsi un fondo significativo”.

EUR / USD, analisti di Commerzbank credono nel rialzo

Secondo l’opinione di Karen Jones, responsabile dell’analisi tecnica della FICC presso Commerzbank, la pressione rialzista della coppia dovrebbe riemergere chiudendo al di sopra dell’area 1.1450. Per Jones: “Il rimbalzo dell’EUR / USD dal minimo recente di 1.1301 ha eroso il trend ribassista di 6 settimane a 1.1430 e il giorno 20 ma a 1,1450. Il mercato dovrà chiudere al di sopra di questa resistenza per alleviare la pressione al ribasso e avviare la ripresa verso la metà di ottobre a 1.1623 “.

“Al di sotto di 1.1300 abbiamo una linea di rotazione posteriore al 2015 che si trova a 1.1261 questa settimana. Mentre ciò mantiene il margine in negativo per il recupero rimane più a lungo termine. Questo protegge il ritracciamento del 61.8% a 1.1185”.

EUR / USD infrangerà 1,13 per Danske Bank

Analista senior presso Danske Bank Morten Helt si aspetta ancora che la coppia infranga l’handle di 1.1300 a breve termine.

“Un evento chiave per i mercati statunitensi oggi sono le elezioni di medio termine, anche se sottolineiamo che questo dovrebbe avere un impatto limitato sul mercato dei risultato atteso di un Congresso diviso. In effetti, è improbabile che questo diventi un punto di svolta per l’USD: con il presidente Trump destinato a diventare un’anatra zoppa, le iniziative fiscali dovrebbero essere limitate alle infrastrutture (cioè nessuna nuova riforma fiscale) e la disputa commerciale limitata alla Cina (cioè non diffondersi ad es. Europa)”.

“Prevediamo un accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti più lontano (EUR / USD positivo non appena la guerra alle tariffe si affievolisce) non imminente. In questo caso base si può vedere una certa forza limitata in USD. Più in generale, sottolineiamo che i tassi di interesse reali spianeranno la strada a pressioni al ribasso in EUR / USD a 0-3M e che cerchiamo una rottura di 1,13 come regola cicliche e di sovraperformance degli Stati Uniti. È probabile che la croce ritorni verso l’1,15 e che i tuffi verso 1,1220 dovrebbero concretizzarsi”.

EUR / USD, gli altri fattori da tener presente

Per quanto riguarda i dati, il PIL tedesco e dei servizi EMU ha superato le aspettative per il mese di ottobre, mentre i prezzi alla produzione nel blocco dell’euro hanno sorpreso al rialzo, con un incremento dello 0,5% tra settembre e il 4,5% rispetto a un anno prima. Tornando agli Stati Uniti, i rilasci di secondo livello includono l’indice IBD-TIPP e le aperture di lavoro JOLT.

Al momento, la coppia è piatta a 1,1408 e un’interruzione inferiore a 1,1372 (minimo Nov.2) targetizzerebbe 1,1334 (minimo ottobre). 26) in rotta verso 1,1316 (200 settimane di SMA). Il rovescio della medaglia, il prossimo ostacolo emerge a 1,1458 (massimo nov. 2) distaccato da 1,1508 (minimo 29 maggio) e infine 1,1550 (massimo ottobre 22).

Al momento della scrittura, il cambio EUR / USD si attesta su 1,15. Occorrerà capire se il mid-term ha rafforzato Trump (come egli vuole far sembrare su Twitter) oppure ha segnato un ritorno dei democratici. Ovviamente, la prima ipotesi è quella che potrebbe segnare un nuovo trend al rialzo del cambio. Ma in Europa a tenere banco è ancora la situazione italiana e non bisogna dimenticare che tra qualche mese importanti elezioni si terranno anche nel vecchio continente, per il rinnovo del Parlamento europeo.

Il rischio Tsunami qui è molto forte, visto che i partiti che da decenni dominano nella massima assise europea – ovvero Ppe, Pse e Alde – rischiano di essere messi alla porta da partiti e movimenti sovranisti.

Mid-term, cosa cambia per Trump dopo risultato

Il presidente Donald Trump ha salutato come una “grande vittoria” le elezioni americane del medio termine, che hanno visto i democratici prendere la Camera dei rappresentanti ma i repubblicani consolidano la presa sul Senato. La maggioranza democratica nella camera bassa sarà in grado di bloccare il programma legislativo del presidente Trump. Ma il controllo del Senato assicura che Trump possa ancora prendere appuntamenti chiave. Il voto è stato visto come un referendum sul presidente, anche se non è pronto per la rielezione fino al 2020.

Il risultato conferma una tendenza storica per il partito che non è alla Casa Bianca di ottenere guadagni a metà. Ma nonostante le perdite in Aula, i Repubblicani potrebbero puntare a una maggiore maggioranza al Senato. Solo mercoledì, Presidente Trump ha twittato di essere stato congratulato dai sostenitori negli Stati Uniti e oltre. La leader democratica Nancy Pelosi ha promesso che il suo partito sarebbe servito da un contrappeso alla Casa Bianca. La Pelosi – che è destinata a diventare speaker, una posizione che ha ricoperto dal 2007 al 2011 – ha detto ai sostenitori: “Oggi più che democratici e repubblicani, si tratta di ripristinare gli equilibri della Costituzione messi in pericolo dalla amministrazione Trump.”

Come cambierà il nuovo Congresso? I democratici hanno guadagnato più dei 23 seggi di cui avevano bisogno per prendere in consegna la camera bassa con 435 seggi. Potrebbero ora avviare indagini sull’amministrazione e gli affari del signor Trump, dalle dichiarazioni dei redditi ai potenziali conflitti di interesse. I democratici potrebbero anche bloccare in modo più efficace i suoi piani legislativi, in particolare la sua promessa di costruire un muro lungo il confine con il Messico.

Nel Senato, i Democratici hanno sempre affrontato una battaglia in salita quest’anno perché stavano difendendo 26 seggi, mentre solo nove seggi repubblicani erano in palio. I repubblicani sono in procinto di aumentare la loro rappresentanza da 51 a 54 nella camera alta del Senato, costituita da 100 seggi. E, come ha ricordato Trump, non accadeva da 105 anni che un Presidente in carica guadagnasse seggi al Senato con le elezioni del Mid-term.

Chiamare solo due anni un “era” può essere un esagerazione, ovviamente, ma nell’età di Trump anche i giorni e le settimane possono sembrare una serie infinita ed in espansione di cicli di notizie. Per tutta la durata della sua presidenza, Trump ha beneficiato di un Congresso amichevole, generalmente favorevole alle sue parole e ai suoi atti, che accetta le sue priorità politiche e deferente quando si tratta di supervisione.

In due mesi, quando la nuova Camera controllata dai democratici arriva a Washington, tutto cambierà. La Camera dei Rappresentanti, che ha abusato in modo affidabile della legislazione sull’immigrazione, l’abrogazione di Obamacare e sui tagli drastici ai programmi sociali sotto il dominio repubblicano – anche se molte delle leggi sono decadute al Senato – inizieranno ad offrire priorità progressiste. In primo posto nell’elenco, secondo il probabile Presidente della Camera (Speaker) Nancy Pelosi, c’è un pacchetto di norme governative sull’etica e sulla riforma elettorale.

Ora è il turno dei democratici di vedere i loro sforzi languire al Senato, ma i liberali hanno finalmente una piattaforma per mostrare cosa farebbero con il pieno controllo del Congresso, e, forse, della presidenza nel 2020. Nel frattempo, l’unica speranza del signor Trump di raggiungere qualsiasi legge sulle firme è di lavorare attraverso il corridoio. Cche potrebbe essere un grande ostacolo per un uomo che ha passato gli ultimi mesi a denigrare i suoi avversari politici nel più duro linguaggio delle manifestazioni in tutto il paese.

La maggiore preoccupazione immediata per il presidente, tuttavia, è che i democratici ora hanno qualche arma in più dietro i loro sforzi per controllare la sua amministrazione. Il Comitato di Intelligence della Camera, che ha condotto le indagini della camera sull’invasione delle indagini russe del 2016, sarà sotto il controllo dell’antagonista di Trump, Adam Schiff, che si è impegnato a guardare più in profondità gli affari finanziari del presidente.

Non ci vorrà molto prima che le dichiarazioni dei redditi del presidente, quel Santo Graal per alcuni antagonisti liberali del presidente, siano rivelate al pubblico. Altro i membri dell’amministrazione Trump possono anche essere aperti al controllo. Il Sottosegretario agli Interni Ryan Zinke potrebbe essere il primo sotto i riflettori dopo le accuse di aver intrapreso azioni ufficiali a vantaggio dei suoi interessi commerciali.

Fino ad ora, i membri della leadership del Congresso Democratico hanno minimizzato la prospettiva di iniziare a fare sul serio riguardo l’empechment. Se il consigliere speciale Robert Mueller presenta il suo rapporto sulla possibile collusione tra la Russia e la campagna presidenziale Trump 2016 nei prossimi giorni (settimane o mesi) e contiene informazioni dannose, tale calcolo potrebbe cambiare rapidamente. Anche se il presidente potrebbe trovarsi in un brusco risveglio da House Democrats, la capacità dei repubblicani di detenere – ed espandere – la loro maggioranza al Senato è inequivocabilmente una buona notizia per Mr Trump.

I democratici hanno avuto momenti per rallegrarsi. Il filo conduttore conservatore del partito repubblicano all’interno della magistratura federale rimane aperto. Il presidente ha già nominato 84 giudici, tra cui due giudici della Corte suprema. I democratici sono rimasti sperando che i quattro membri liberali della panchina rimangano in buona salute per i prossimi due anni. Sarà ora meno difficile per il Senato confermare nuovi funzionari governativi di alto livello di Trump che potrebbero essere stati bloccati o significativamente ritardati se i democratici avessero preso il sopravvento.

Ciò rende più facile, per esempio, che il presidente licenzi e sostituisca il procuratore generale “assediato” Jeff Sessions con qualcuno che disinnescherebbe la “bomba” russa che il sig. Mueller vuole lanciare.

Piattaforme per fare trading sul cambio EUR / USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY