EUR / USD, Brexit annullata da Corte di giustizia europea?

Le notizie del fine settimana scorso su una tregua di guerra commerciale hanno dominato i consigli finanziari per tutto lunedì, mantenendo la domanda di beni ad alto rendimento alimentati. La coppia EUR / USD, che ha aperto con un divario crescente tra la propensione al rischio, ha toccato un massimo giornaliero di 1,1379 prima di perdere slancio, colmando il divario all’inizio della sessione USA per stabilizzarsi intorno a 1,1350, il suo livello di comfort in questi ultimi giorni.

Il rallentamento economico risiede nell’incapacità della moneta comune di riprendere quota 1,1400, come confermato dal Markit Manufacturing PMI di novembre, che, per l’intera UE, ha segnato 51,8, in rialzo rispetto alla stima iniziale di 51,6, ma in calo rispetto a 52,0 di ottobre, il livello più basso dall’agosto del 2016. Molti agenti della Fed erano per lo più d’accordo sul fatto che l’economia americana è in buona forma, anche in linea con l’essere cauti riguardo al futuro delle manovre.

I titoli legati alla guerra commerciale erano incoraggianti quando il segretario al Tesoro Mnuchin ha detto che Trump e Xi Jinping hanno avuto uno slancio decisivo, anche se un accordo dipenderà dal compromesso della Cina per ridurre il deficit commerciale e smettere di rubare proprietà intellettuale. Negli Stati Uniti, e secondo Markit, la produzione manifatturiera è migliorata, nonostante l’indice sia stato rivisto al ribasso al minimo di 3 mesi di 55,3.

L’ISM Manufacturing PMI ufficiale lo ha confermato, espandendosi a 59,3 a novembre. Il calendario macroeconomico sarà leggero, senza nulla che possa far scoppiare la barca, dato che l’UE pubblicherà l’IPP di ottobre mentre gli Stati Uniti offriranno l’indice delle condizioni economiche ISM e l’indice di ottimismo IBD / TIPP, mentre altri membri della Fed saranno sul fili.

La coppia EUR / USD è in crescita per il giorno ma confinata entro livelli familiari, scambiando, al momento della scrittura, tra il 38.2% e il ritracciamento del 61.2% del rally 1.1215 / 1.1472, rispettivamente a 1.1375 e 1.1310.

Al di là del declino del dollaro in corso, la valuta comune rimane tra le valute più deboli su tutta la linea, e il comportamento di oggi si è dimostrato tale, con probabilità di un trend rialzista piuttosto limitato. Nel grafico a 4 ore, il prezzo ha trascorso la giornata combattendo con le medie mobili, mentre quelle più grandi hanno mantenuto le loro pendenze al ribasso.

Gli indicatori tecnici nella tabella menzionata sono rimbalzati dai minimi, ma hanno ridotto i loro guadagni attorno alla linea mediana, riflettendo la mancanza di interesse per il biglietto verde piuttosto che sostenere ulteriori guadagni in vista.

Piattaforme per fare trading sul cross EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

EUR / USD, cosa prevede Barclays

Barclays prevede che la coppia EUR / USD rimarrà “a vasto raggio” ma delinea i rischi al ribasso in vista questa settimana:

  • un rimbalzo nell’USD
  • la crescita dell’area dell’euro sta moderando e potrebbe essere ulteriormente influenzata negativamente da una potenziale guerra commerciale USA-UE
  • stima che se gli Stati Uniti implementassero la minaccia di una tariffa auto del 25% rispetto alle importazioni di auto europee, la crescita dell’area dell’euro nel 2019 potrebbe arrivare a 0,4 punti percentuali, in calo dall’1,6% all’1,2-1,3%
  • un Brexit no-deal avrebbe comunque un effetto significativo per l’Europa, dato che il Regno Unito è un importante partner commerciale.
  • mentre non ci si aspetta grandi escalation di rischi politici in Italia prima delle elezioni europee, l’attuale equilibrio è molto fragile, soprattutto in un contesto di decelerazione dell’attività economica e fragilità del settore bancario
  • è improbabile che anche i dati siano molto favorevoli

Ricordiamo che Barclays plc è una banca multinazionale britannica e una società di servizi finanziari con sede a Londra. Oltre all’investment banking, Barclays è organizzato in quattro core business: personal banking, corporate banking, wealth management e investment manager.

EUR / USD, UK può annullare Brexit?

Intanto, arrivano interessanti notizie riguardo Brexit. Un fattore molto influente sul cambio.

Il parere non vincolante è stato presentato dall’avvocato generale della Corte di giustizia europea. Un gruppo di politici scozzesi ha chiesto alla corte se il Regno Unito può annullare la Brexit senza il consenso di altri Stati membri. La Corte di giustizia (CGE) consegnerà la sua sentenza definitiva in un secondo momento. Il consiglio dell’avvocato generale Manuel Campos Sanchez-Bordona arriva quando la Camera dei Comuni inizia cinque giorni di dibattiti sul trattato Brexit proposto dal Primo Ministro Theresa May, con una votazione che si terrà martedì prossimo.

Mentre le opinioni del difensore generale non sono vincolanti, la corte tende a seguirle nella maggior parte delle sue decisioni finali. I politici anti-Brexit e gli attivisti che hanno portato il caso sperano che offra ai parlamentari un’opzione in più quando si valuta se approvare la proposta della signora May di accordo o no, perché potrebbe mantenere viva la prospettiva di bandire la Brexit. Potenzialmente attraverso un altro referendum.

La dichiarazione della CGE ha detto che l’avvocato generale aveva proposto alla Corte di “dichiarare che l’articolo 50 consente la revoca unilaterale della notifica di l’intenzione di ritirarsi dall’UE “. Ha aggiunto: “Tale possibilità continua ad esistere fino al momento in cui l’accordo di ritiro è formalmente concluso.”

Il Regno Unito dovrebbe lasciare l’UE il 29 marzo del prossimo anno, ma l’accordo negoziato con il L’UE deve essere sostenuto da un parlamentare maggioritario se deve entrare in vigore.

Il caso è stato portato da un gruppo di politici multipartitici tra cui i Green MSP Andy Wightman e Ross Greer, l’eurodeputato Alyn Smith e la parlamentare Joanna Cherry dello SNP, e gli eurodeputati laburisti David Martin e Catherine Stihler. Inizialmente l’hanno portato alla Corte di giustizia. Sessione ad Edimburgo, che alla fine ha acconsentito a trasmetterla alla Corte di giustizia.

Due tentativi del governo britannico di appellarsi contro il deferimento alla corte europea sono stati respinti, e il processo è stato osteggiato dal governo e dalle istituzioni dell’UE in un’audizione prima delle 27 I giudici della Corte hanno giudicato la scorsa settimana.Hubert Legal, il principale avvocato del Consiglio europeo, ha affermato che consentire il ritiro unilaterale potrebbe creare “incertezza senza fine” permettendo ai paesi di annunciare che stanno lasciando l’UE nel tentativo di ottenere migliori condizioni di adesione, prima di annullare il loro ritiro.

Gli avvocati del governo britannico hanno sostenuto che il caso è puramente ipotetico in quanto “il Regno Unito non intende revocare la sua notifica”, e i giudici della CGE dovrebbero quindi rifiutarsi di pronunciarsi. Hanno detto che i politici dietro al caso vogliono usarlo come “munizioni politiche da utilizzare e come strumento per esercitare pressioni sul parlamento britannico”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY