EUR / USD: analisi tecnica del 15 Novembre 2018

La coppia EUR / USD scambia intorno a 1,1300, in significativo aumento rispetto ai minimi di 17 mesi di 1,125 registrati martedì. L’incapacità di mantenere i guadagni sopra la media mobile (SMA) di 5 giorni in ribasso (ribassista) conferma l’impostazione ribassista indicata dalla serie di bassi più bassi e minimi bassi e crossover negativo tra le SMA di 5, 10 giorni.

Quindi, sembra sicuro dire che la coppia è in posizione difensiva prima dei dati chiave rilasciati. Quelli sul PIL tedesco, Eurozona e dati CPI USA. In particolare, è probabile che l’economia si contragga dello 0,1 percento trimestre su trimestre nel trimestre di settembre, dopo un’espansione dello 0,5 percento nel secondo trimestre. Una lettura sopra le previsioni può fare un’offerta sotto l’EUR.

I guadagni risultanti, tuttavia, potrebbero essere di breve durata in quanto l’Italia ha sfidato la Commissione europea (CE) attenendosi al suo piano di budget per grandi spese. In risposta, l’UE può avviare la procedura per i disavanzi eccessivi, nel qual caso il debito pubblico italiano i rendimenti potrebbero salire bruscamente nel modo EUR-negativo. Inoltre, la coppia EUR / USD potrebbe calare bruscamente se l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti (CPI), dovuto oggi alle 13:30 GMT, superi le stime con un ampio margine, costringendo i mercati a le prospettive di una politica monetaria restrittiva (sopra-neutrale) negli Stati Uniti.

La pressione ribassista, tuttavia, si indebolirebbe se l’EUR riuscisse in qualche modo a scalare la SMA decrescente di 10 giorni.

EUR / USD, le buone notizie

La svolta sulla Brexit e i colloqui USA-Cina sono dati positivi per il cambio. L’Unione Europea e la Gran Bretagna hanno finalmente concordato un accordo di ritiro o un accordo Brexit. Intensi negoziati hanno portato a un compromesso sulla questione della frontiera irlandese.

L’accordo mantiene una frontiera aperta tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda mentre mantiene il resto del Regno Unito in una sorta di unione doganale. Esiste un meccanismo di revisione incluso in base ai rapporti. Mentre i dettagli devono ancora arrivare, i politici hanno già espresso le loro opinioni, e sembra che il primo ministro Theresa May abbia difficoltà a spingere l’accordo. Il Gabinetto del Regno Unito si riunisce oggi per approvare l’accordo e per assicurare un vertice UE a fine mese. L’ostacolo più significativo si radunerà in Parlamento. La volatilità di Pound è aumentata in modo significativo e l’Euro subisce alcuni degli effetti secondari.

La coppia di valute più popolare al mondo ha altresì goduto del miglioramento dell’atmosfera nei colloqui tra Cina e Stati Uniti. Il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha espresso ottimismo e ha affermato che le discussioni sono aperte a tutti i livelli. I presidenti Donald Trump e Xi Jinping si incontreranno a Buenos Aires alla fine del mese.

L’umore ottimista diminuisce la domanda per il dollaro americano come rifugio sicuro.

EUR / USD, i fattori negativi

Tra i fattori negativi, invece, troviamo il fatto che la crisi italiana continui, mentre continua la contrazione dell’economia tedesca.

Il governo italiano ha deciso di mantenere intatto il proprio budget, con lo stesso deficit di bilancio e previsioni di crescita che la Commissione Europea ha respinto. È probabile che questa sfida sfoci in una procedura disciplinare contro la terza più grande economia della zona euro. Gli spread tra i titoli italiani e i fondi tedeschi sicuri saranno presi in considerazione. La Germania ha dei problemi: l’economia si è ridotta dello 0,2% nel terzo trimestre del 2018, con uno scarto superiore allo 0,1%. Mentre una vera e propria recessione è attualmente scartata, il blocco delle 19 valute sarà difficile da recuperare se la cosiddetta “locomotiva non si muoverà.”

La zona euro pubblicherà i numeri del PIL aggiornati più tardi oggi. Dopo la delusione tedesca, un downgrade da non è possibile escludere un tasso di crescita dello 0,2%. Gli Stati Uniti pubblicano i dati sull’inflazione alle 13:30 GMT. Si prevede che il numero più significativo, Core CPI YoY, rimarrà invariato al 2,2% secondo il calendario economico. La Federal Reserve sta osservando attentamente queste cifre.Il presidente della Fed Jerome Powell parlerà in Texas ed è improbabile che devia dal messaggio centrale: il percorso di graduali rialzi dei tassi continuerà.

EUR / USD analisi tecnica

EUR / USD ha fatto più di un, come si dice in gergo, “dead cat bounce” dai minimi, contrariamente ai precedenti recuperi. Ha anche catturato la linea di supporto persa, ma questo è il fondo di un canale al ribasso, quindi non molto promettente. Inoltre, la coppia fallì nel suo primo tentativo di riconquistare 1.1300.

Il livello non è solo un numero tondo, ma anche una linea critica dopo aver lavorato come doppio fondo. Il Relative Strength Index (RSI) è fuori dal territorio oversold (sotto i 30), ma Momentum punta ancora al ribasso. Il supporto attende a 1.1260, che ha temporaneamente limitato l’EUR / USD martedì. 1.1215 è il minimo di 17 mesi. Più in basso, siamo tornati ai livelli visti l’ultima volta nel 2017: 1.1110 e 1.1000 sono notevoli.

Guardando al di sotto di 1.1300, 1.1320 è stato il punto più alto della ripresa all’inizio della giornata. 1.1355 è stato uno swing basso la settimana scorsa e quasi interamente coincide con il 50 Simple Moving Average sul grafico a quattro ore.

Piattaforme per fare trading sul cambio EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY