EUR / USD salta al livello di 1,1400, l’attenzione rimane sulla BCE

La coppia EUR / USD alla fine è scoppiata dalla fase di consolidamento delle sessioni asiatiche ed è balzata a 1,1400 nell’ultima ora. L’ultima tappa di uno spike improvviso non ha avuto alcun evidente catalizzatore e potrebbe essere attribuita unicamente a un tono leggermente più soft che circonda il dollaro USA, rimasto sulla difensiva in mezzo ai segnali di allentamento delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti e rallentamento della pressione inflazionistica negli Stati Uniti.

Tuttavia, sembrava mancare di un forte follow-through ed era incappucciato dalle osservazioni del commissario europeo Pierre Moscovici, sollevando preoccupazioni sulle possibilità del disavanzo francese che violava le regole dell’UE. Gli investitori potrebbero anche essere riluttanti a fare qualsiasi scommessa aggressiva prima della chiave odierna rischio evento – l’ultimo aggiornamento della politica monetaria della BCE, che sarà annunciato più avanti durante la sessione di negoziazione europea.

La Banca centrale europea dovrebbe lasciare invariato il tasso di interesse di riferimento e attenersi al piano di chiudere il suo programma di acquisto di attività dopo dicembre. Tuttavia, le aspettative di una revisione al ribasso delle previsioni di crescita e inflazione della banca centrale per il 2019 potrebbero collaborare al raggiungimento di un tetto massimo.

A parte questo, gli investitori esamineranno da vicino i commenti del presidente della BCE Mario Draghi nella conferenza stampa post-incontro, dove uno spostamento dovish potrebbe sollecitare alcuni innescare una nuova gamba di pressione di vendita intorno alla valuta condivisa.

La resistenza immediata è convogliata vicino alla regione 1,1400-1,1410, al di sopra della quale è probabile che la coppia superi l’ostacolo intermedio 1,1440-45 e miri al recupero della chiave 1.1500 psicologica marchio. Il rovescio della medaglia, la regione 1.1350-45 sembra ora proteggere il lato negativo immediato ed è seguita dall’importantissima maniglia da 1.1300, che se rotta dovrebbe aprire la strada alla ripresa della precedente tendenza al ribasso della coppia.

Karen Jones, analista presso Commerzbank, sottolinea che EUR / USD ha testato e rimbalzato dalla linea di supporto a 1,1317 e sta cercando ulteriori guadagni per il massimo di novembre a 1,1500 e 1,1530 / 1,1622 (la tendenza al ribasso 2018 e il massimo del 16 ottobre).

“Questo dovrà essere superato per negare la pressione al ribasso. I punti più bassi saranno idealmente contenuti da 1.1300 e mentre sopra il mercato sarà visto come un’offerta. Questo protegge il minimo di novembre 1,11216.” “Sotto il livello di novembre a 1,1216 si trova il ritracciamento di Fibonacci del 61,8% sull’aumento 2017-18 a 1,1116. In mancanza ci sarebbero i minimi di maggio e giugno 2017 a 1.1119 / 10 sulle carte.”

Karen Jones conclude: “Tendenza a lungo termine (1-3 mesi): un rialzo sopra il recente massimo a 1.1625 confermerebbe un’inversione di tendenza e mette in movimento la 55 settimana medio a 1.1836 di nuovo in carreggiata”.

EUR /USD caratterizzata da una inversione rialzista dopo aver terminato un zig-zag ribassista

L’EUR / USD ha fatto un rimbalzo rialzista dopo aver provato il precedente fondo, che potrebbe completare l’onda Y (blu) di una grande onda correttivaX (viola). Una rottura rialzista sopra 1,14 e 1,15 è ora necessaria prima che l’inizio dell’onda rialzista Y (viola) possa essere confermata.

Gli aggiornamenti dell’indice dei prezzi al consumo (IPC) degli Stati Uniti possono mantenere EUR / USD a galla poiché la lettura dei titoli dovrebbe rallentare al 2,2% dal 2,5% annuo di ottobre, mentre il tasso core dovrebbe salire al 2,2% dal 2,1% durante lo stesso periodo.

Una serie di stampe di dati misti potrebbe produrre venti contrari per il dollaro USA, in quanto incoraggia la Federal Reserve a fare un rialzo del tasso accomodante nell’ultima riunione per il 2018 e la banca centrale potrebbe iniziare a sottoscrivere una linea guida meno aggressiva per la politica monetaria la politica come ‘i partecipanti hanno visto i recenti sviluppi dei prezzi come coerenti con la loro aspettativa che l’inflazione rimanga vicina all’obiettivo simmetrico del 2% del Comitato su base sostenuta’.

A sua volta, i dati aggiornati potrebbero incoraggiare la Fed ad adottare una maggiore tolleranza all’inflazione al di sopra del target e i segnali di una crescita limitata dei prezzi potrebbero in ultima analisi compromettere l’appeal del biglietto verde, dato che il Federal Open Market Committee (FOMC) sembra essere sulla buona strada per concludere il ciclo di escursioni nel 2019.

Tuttavia, una ripresa inattesa sia nel titolo che nell’IPC core potrebbe fare pressione sul presidente Jerome Powell e gli altri responsabili al fine di implementare maggiori costi di indebitamento nei prossimi mesi, con segnali di maggiore inflazione che potrebbero innescare una reazione rialzista nel dollaro USA, poiché stimola la speculazione per tassi di interesse al di sopra della neutralità.

L‘indice dei prezzi al consumo (IPC) degli Stati Uniti è tornato in ottobre, con la lettura del titolo che si è ampliata al 2,5% dal 2,3% annuo di settembre, mentre il tasso core si è improvvisamente ridotto al 2,1% dal 2,2% nello stesso periodo. Uno sguardo più approfondito al rapporto ha mostrato che i prezzi dell’abbigliamento aumentano dello 0,1% dopo l’espansione dello 0,9% a settembre, mentre il costo del cibo si è ridotto dello 0,1% nello stesso periodo, mentre i costi di trasporto sono aumentati dell’1,1% a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Le stampe non sono riuscite a produrre una reazione significativa, con una risalita rapida sopra l’handle di 1.1300 per terminare la giornata a 1.1307.

Le prospettive a breve termine per EUR / USD rimangono non movimentate in quanto monitorano il range del mese precedente, con il fallito tentativo di testare il livello di novembre (1.1500) aumentando il rischio di un pullback più grande, specialmente in quanto il Relative Strength Index (RSI) scatta il rialzo formazione riportata dal mese scorso.

Una rottura / chiusura al di sotto di 1.1290 (espansione del 61,8%) apre la zona di supporto a breve termine intorno a 1,1220 (ritracciamento del 78,6%), che si allinea sostanzialmente con il minimo annuale (1,1216).

EUR / USD: tutti gli occhi dei trader puntano sulla BCE

Il biglietto verde è sceso contro la maggior parte dei suoi principali rivali mercoledì, con titoli azionari mondiali in ripresa in franchi su titoli che indicano il progresso tra Cina e Stati Uniti sul commercio. Il gigante asiatico sembra intenzionato a fare concessioni negli Stati Uniti sostituendo la sua politica industriale.

Il cosiddetto Made in China 2025, un piano per rendere la Cina un leader nelle industrie ad alta tecnologia, è stato rivisto per essere più aperto alla partecipazione di società straniere. E mentre è una scommessa lunga ancora da mettere in pratica, è stato sicuramente sufficiente per aumentare l’umore del mercato. Nel frattempo, il primo ministro italiano Conte ha presentato a Juncker un piano di bilancio 2019 rivisto con un disavanzo target del 2,04%.

Il problema del bilancio italiano è vicino alla fine. Il calendario macroeconomico non ha fatto sobbalzi, poiché l’inflazione di novembre USA ha soddisfatto le aspettative del mercato, con una lettura annua del 2,2% dal 2,5% precedente, ancora superiore al benchmark della Fed del 2,0%. Il fatto che l’inflazione non sia cambiata su base mensile si è aggiunto al declino intraday del dollaro.

Giovedì, la BCE terrà una riunione di politica monetaria, in gran parte dovrebbe porre fine al QE e mantenere i tassi invariati. La banca centrale ha detto che i tassi rimarranno invariati almeno fino al prossimo autunno, e per come le cose si sono evolute ultimamente, le probabilità sono più di una posizione accomodante, prima che di Draghi annunci un ritmo più veloce di inasprimento.

La coppia EUR / USD è rimbalzata dalla linea di tendenza ascendente giornaliera proveniente dal minimo annuale, questo giovedì intorno a 1,1320, ma ha bloccato il recupero ben al di sotto della cifra 1,1400, a metà strada all’interno del triangolo simmetrico che viene dai primi di novembre. Nel grafico a 4 ore, il rally è stato contenuto dalla congestione delle medie mobili senza direzione, tuttora in bilico attorno a loro, mentre gli indicatori tecnici sono avanzati all’interno di livelli negativi, con RSI che ha perso forza direzionale dopo essersi avvicinato alla linea mediana, indicando un limitato interesse all’acquisto.

La coppia potrebbe avanzare fino alla zona di prezzo 1,1420 / 30 con una BCE aggressiva, ma i guadagni sostenuti oltre l’area critica di resistenza a 1,1460 sembrano abbastanza improbabili, poiché non ci sono ragioni reali per l’EUR di apprezzare così tanto.

Broker per fare trading sul cross EUR/USD

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY