EUR / GBP, il cambio prosegue al ribasso causa incertezza Brexit

EUR / GBP ha fatto registrare questa settimana un divario ribassista sulla forza della sterlina iniziale. Ma la notizia che i ministri del Regno Unito si stanno dimettendo, consumando una divisione nel governo britannico riguardo al piano che il Primo Ministro Theresa May ha annunciato a Chequers, ha invertito questi guadagni. L’EUR / GBP è attualmente scambiato a 0,8837 contro un minimo iniziale di 0,8821 e un massimo di 0,8840.

È stato abbastanza difficile cercare di capire come procedevano i negoziati Brexit UK-UE, ma ciò è stato reso ancora più complicato dal fatto che il partito Tory del Regno Unito non poteva decidere da solo quale tipo di ‘Brexit’ voleva, hanno spiegato gli analisti di ANZ Bank New Zealand Limited: “Tuttavia, sembra che almeno questo elemento sia stato risolto (almeno per ora), con il Primo Ministro del Regno Unito che potrebbe ottenere il sostegno del Governo chiave che include un piano per un “Zona di libero scambio per i beni” del Regno Unito. In altre parole, una “Brexit morbida”.

Non solo, ma May ha messo il piede in basso e ha detto ai suoi colleghi che se criticano il governo devono dimettersi. Solo un altro piccolo passo avanti su quella che rimane una strada rocciosa e incerta, ma la sterlina è salita sulle notizie e, con i dati del Regno Unito che mostrano anche segnali di stabilizzazione, forse questa tendenza può continuare”.

I livelli EUR / GBP hanno tracciato un forte rimbalzo sul livello 0,8800 con uno sguardo alla media mobile a 55 settimane a 0,8861, tuttavia, gli analisti di Commerzbank sostengono che avremo bisogno di vedere una chiusura superiore a 0,8861 per confermare la rottura più in alto.

“Attualmente siamo propensi ad andare con questa mossa perché sembra piuttosto direzionale (si noti il segnale di acquisto sulla DMI giornaliera). Ora permetteremo un recupero al massimo recente a 0.8969 e al massimo di 0.9034 di ottobre 2017.”

EUR / GBP, Trump insoddisfatto di come stia andando Brexit

Il Presidente americano Donald Trump si trova nel vecchio continente, dove sta incontrando il primo ministro britannico Theresa May, incontrerà la Regina Elisabetta II che ha già definito una grande donna, mentre lunedì sarà la volta dell’attesissimo incontro con il presidente russo Vladimir Putin.

Nel suo primo incontro con la May, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che non vede l’ora di concludere un accordo commerciale post-Brexit con la Gran Bretagna, segnando un brusco cambiamento da un’intervista a un giornale quando ha detto che la strategia del primo ministro Theresa May avrebbe ucciso un accordo del genere.

In un’intervista pubblicata poche ore prima che i due leader tenessero un discorso, Trump ha rimproverato i risultati “molto sfortunati” delle proposte del premier sulla Brexit e le sue tattiche negoziali mentre la Gran Bretagna si prepara a lasciare l’Unione europea a marzo del prossimo anno. May stava facendo un “lavoro fantastico”. “Una volta concluso il processo Brexit e forse il Regno Unito ha lasciato l’UE, non so cosa faranno, ma qualunque cosa tu faccia è OK con me, questa è la tua decisione”. Trump ha detto a una conferenza stampa con maggio nel giardino della sua residenza di campagna ufficiale Checkers .“Qualunque cosa tu faccia è OK con noi, solo assicurati di poter commerciare insieme, questo è tutto ciò che conta. Questa è un’incredibile opportunità per i nostri due paesi e ce la faremo pienamente “.

Le osservazioni di Trump, rese in un’intervista bomba a The Sun pubblicata giovedì durante la sua prima visita in Gran Bretagna come presidente degli Stati Uniti, sono un intervento esplosivo nella politica britannica che sembra causare caos politico e mettere in pericolo il primo ministro mentre tenta di negoziare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

The Sun è di proprietà di Rupert Murdoch, noto per avere uno stretto rapporto con Trump. La proposta di May è stata finalizzata venerdì e ha suscitato rapidamente una serie di rassegnazioni politiche di alto profilo dal suo Governo, tra cui il Ministro degli Esteri Boris Johnson e il Ministro della Brexit David Davis, preoccupati per la realizzazione di una Brexit soft.

“Se facessero un accordo del genere, avremmo a che fare con l’Unione Europea invece di trattare con il Regno Unito, il che probabilmente ucciderà l’affare”, ha detto Trump, secondo The Sun. Ha aggiunto: “Se lo faranno, il loro accordo commerciale con gli Stati Uniti probabilmente non sarà fatto “. Trump ha criticato personalmente la gestione di Brexit di May, dicendo che il suo cosiddetto approccio Soft-Brexit è andato nella direzione opposta “a ciò che aveva raccomandato e che è stato poi fatto”.

Scrive The Sun: “Trump ha partecipato a una cena con cravatta nera al Blenheim Palace giovedì sera con Theresa May e la rete televisiva ITV segnala che May ha pianificato di presentare il presidente su un accordo di libero scambio tra Regno Unito e Stati Uniti dopo Brexit. Ma l’intervista di Trump a The Sun lascia ora questa prospettiva in dubbio e mette May in una posizione vulnerabile”.

Molti membri conservatori del Parlamento che sostengono la Brexit sono già in aperta rivolta sulle sue proposte, che Johnson ha detto che trasformeranno il Regno Unito in una “colonia europea” “- e le osservazioni di Trump infiammeranno sicuramente le loro preoccupazioni. Si ritiene che May sia pericolosamente vicino al voto di sfiducia del suo partito.

Il piano del primo ministro “inciderà sicuramente sugli scambi con gli Stati Uniti, purtroppo in modo negativo”, ha detto Trump, “Abbiamo abbastanza difficoltà con l’Unione europea, stiamo corrompendo in questo momento sull’Unione europea perché non hanno trattato il problema Gli Stati Uniti sono abbastanza onesti nel trading. No, se lo facessero, direi che probabilmente finirà un importante rapporto commerciale con gli Stati Uniti”.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, la segretaria dell’ufficio stampa della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha dichiarato: “Il Presidente mi piace e rispetta molto il Primo Ministro May. Come ha detto nella sua intervista con TheSun, “è una persona molto buona e lui non ha mai detto nulla di negativo su di lei. Pensava di essere grande alla NATO oggi ed è una persona davvero fantastica. È grato per il meraviglioso benvenuto dal Primo Ministro qui nel Regno Unito”.

Dunque Trump non è molto soddisfatto di come sta andando la Brexit, giacché si auspica che la Brexit sia hard. Del resto, una Europa debole e divisa non fa che il favore dell’America. Il presidente Donald Trump ha affermato come visto in un’intervista al The Sun che l’attuale strategia Brexit del Primo Ministro Theresa May rischia di uccidere un accordo commerciale con gli Stati Uniti. Il presidente ha detto che May ha ignorato il suo consiglio per i negoziati sulla Brexit e invece “probabilmente è andato nella direzione opposta”.

La settimana scorsa, May ha raggiunto un accordo con i suoi ministri che pone le basi per futuri negoziati con l’Unione europea. Il cosiddetto accordo Checkers richiede che il Regno Unito mantenga una relazione commerciale con l’UE che rispecchi il più possibile la relazione esistente.

Il presidente ha fatto un passo avanti e ha detto che l’ex segretario agli Esteri Boris Johnson “sarebbe un grande primo ministro “, sebbene Trump abbia detto che non stava “mettendo uno contro l’altro “. Johnson si è dimesso dal ruolo in segno di protesta contro la decisione del governo di mantenere le sue strette relazioni con l’UE. “Sono rimasto molto sorpreso e rattristato dal fatto che stava uscendo dal governo”, ha detto Trump al quotidiano britannico.

I commenti contraddicono quelli fatti da Robert “Woody” Johnson, ambasciatore USA nel Regno Unito. Ha detto che Trump era imparziale verso il tipo di Brexit che la Gran Bretagna finisce per mettere in atto – se la partenza dall’Unione Europea nota come una “Brexit dura”, o la versione “soft” che preserverebbe alcuni legami tra la Gran Bretagna e l’UE.

EUR / GBP, Boris Johnson potrebbe diventare Primo Ministro?

Come noto lunedì, il deputato conservatore Boris Johnson si è dimesso dalla sua posizione di ministro degli esteri, in un duro colpo per il primo ministro Theresa May. Rifiutò di informare il personale al numero 10 dove si trovava, mentre posava per le foto firmando la sua lettera di dimissioni, per essere distribuito ai giornali per la pubblicazione il giorno successivo.

Il modo in cui Johnson si è dimesso ha fatto arrabbiare Downing Street tanto che preannunciarono le sue dimissioni, dice la sua lettera, istruendo il suo autista sui dettagli della sicurezza su come partire. Le voci provenienti da tutto il mondo si unirono in un coro di disapprovazione delle azioni di Johnson, con il Procuratore Generale di Anguilla che lo descriveva come “il peggior ministro straniero che abbiamo mai avuto, “continuando a essere” disinteressato e fuori dalla sua profondità (…) non gli importava nulla della nostra situazione “. La stampa britannica era quasi schiacciante, con solo i suoi ex datori di lavoro al Telegraph che davano le sue dimissioni in un trattamento comprensivo nei giornali di martedì.

Quindi Boris Johnson ha distrutto il suo sogno di tutta la vita di diventare primo ministro, o potrebbe esserci ancora un percorso per lui al potere? Alcune delle risposte più dure alle dimissioni di Johnson sono provenute da ex colleghi. Il suo ex editore del Telegraph Max Hastings ha scritto in un articolo particolarmente graffiante: “È un errore comune supporre che Johnson sia un bravo ragazzo, in realtà spesso si comporta spiacevolmente.”

Nel frattempo il suo ex spin doctor Guto Harri ha detto alla BBC che il suo ex capo era “molto diminuito in termini di integrità, in termini di coraggio politico e in termini di credibilità”, ha aggiunto: “Pensavo che sarebbe stato fantastico al numero 10, ma a quei tempi sembrava molto tempo fa “Tuttavia, la carriera di Johnson è stata prematuramente dichiarata finita molte volte e fonti del partito conservatore continuano a prepararsi per una gara di leadership, con la sua squadra che già tiene riunioni preparatorie. Conserva anche un certo grado di popolarità tra i membri del partito, con il sondaggio di YouGov questa settimana che lo ha definito “il più simpatico” e più probabile “vicino ala mia visione politica” di tutti i principali contendenti in sostituzione di May.

Tuttavia, i suoi ex alleati e gli organizzatori della sua investitura del 2016 pensano che possa aver perso la sua occasione. Quando gli è stato chiesto da Business Insider riguardo alle sue future ambizioni di leadership, ha risposto semplicemente che “è pieno zeppo”, aggiungendo che il problema principale relativo alla sua campagna del 2016, il mancato sostegno da parte dei nuovi parlamentari dell’ingresso si è solo esasperato da allora.

Un parlamentare ha suggerito che avrebbe faticato per ottenere una nomination unica nel 2015 o nel 2017, che ora costituiscono 98 dei 316 deputati conservatori nel Commons. Parlando con Business Insider, Conservative Lord and Times Columnist Danny Finkelstein, ha detto: “Ha tutti i problemi che ha avuto l’ultima volta. Un appello ai conservatori liberali minato dai suoi legami con il Leave, la mancanza di appello ai nuovi parlamentari e l’incapacità di conquistare i colleghi anziani a causa della mancanza di una comprensione dei dettagli.”

La scarsa attenzione ai dettagli di Johnson è un punto di discussione ricorrente tra i parlamentari conservatori. “Immagina di lavorare nel servizio civile per tutta la vita cercando di creare una politica, poi di essere salutato da lui come tuo ministro”, ha detto un funzionario del ministero alla Bi. I funzionari dell’ufficio del paese sono particolarmente dannosi per la loro esperienza con alcuni che celebrano la partenza di Johnson con champagne, chiamandolo “giorno della liberazione”.

Come un banale parlamentare conservatore disse a BI “c’era una ragione per cui Michael [Gove] lo abbandonò”. Tuttavia, Johnson non è un politico senza aspetti positivi. “È uno dei pochi sostenitori della Brexit dura che è facilmente riconoscibile al grande pubblico, ed è un buon sostenitore, che è una delle maggiori preoccupazioni dei parlamentari conservatori”, ha spiegato una figura conservatrice di primo piano.

Potrebbe anche essere usato come un tappo a una candidatura di Rees-Mogg, e se c’è un ampio campo di più di una dozzina di potenziali candidati per diventare il prossimo Primo Ministro conservatore, allora Johnson potrebbe avere delle chance.

L’immagine pubblica negativa di Rees-Mogg e la mancanza di esperienza governativa, significano che molti parlamentari conservatori sono desiderosi di impedirgli di arrivare alla fase finale delle elezioni per la leadership, a quel punto i due candidati più popolari andrebbero a votare tutti i membri, tra i quali Johnson rimane forte. Il gruppo di ricerca ha avuto oltre 80 partecipanti al loro ultimo incontro di parlamentari, e solo 105 sono necessari per finire tra i primi due ballottaggi di un parlamentare, il che significa che le possibilità di Rees-Mogg di raggiungere le fasi finali di un concorso stanno aumentando.

La campagna di Jonhnson si baserebbe sui soft-Brexiteers vedendolo come il minore dei due mali, e un eccesso di seconde preferenze dai duri candidati alla Brexiteer, e un supporto pragmatico da Brexiteers e Tory Remainers. Tuttavia, con molti membri della sua cerchia ristretta delle campagne precedenti che si sono lasciati conquistare da altri potenziali sfidanti – come il presidente dei Conservatori James Cleverley – la via del ritorno al potere sembra stretta, seppur appena percorribile, per l’ex ministro degli interni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY