eToro Bitcoin: comprare Bitcoin con eToro

Come comprare Bitcoin con eToro? Conviene comprare Bitcoin con eToro? La prima criptovaluta lanciata in assoluto nel 2009, Bitcoin, sta facendo registrare una incredibile cavalcata verso l’alto del proprio valore attirando sempre più l’attenzione degli investitori. I quali si chiedono quale sia il miglior modo per specularci. Quello di comprare Bitcoin tramite eToro può essere una valida alternativa. D’altronde eToro è un Broker che si lascia preferire perché è tra le migliori piattaforme per il trading online in circolazione. Tramite eToro, infatti, è possibile fare trading sugli asset principali (indici azionari, Forex, azioni, materie prime) oltre ovviamente alle criptovalute.

Vediamo dunque di seguito, quali sono i vantaggi e gli svantaggi, e se conviene farlo.

Comprare Bitcoin con eToro è sicuro?

Partiamo da una domanda secca: comprare Bitcoin con eToro è sicuro? La risposta è sì. Intanto diciamo che, a parte il Bitcoin, con questo Broker israelo-cipriota è possibile acquistare anche altre criptovalute:

  • Bitcoin Cash
  • Dash
  • Ethereum
  • Ethereum Classic
  • Litecoin
  • Ripple

Riguardo la sua sicurezza, eToro è una piattaforma autorizzata e regolamentata CySEC (massima autorità di controllo a livello europeo con sede a Cipro, proprio dove essa risiede), regolarmente registrata CONSOB (che invece è la massima autorità in Italia). Questo significa che utilizzare eToro offre la garanzia di non subire truffe o raggiri. eToro rispetta la rigorosa normativa europea che protegge gli interessi degli investitori. Tutt’altra musica rispetto a quelle piattaforme che millantano facili guadagni, tramite fantomatici sistemi automatizzati. Che in teoria vi farebbero diventare milionari mentre voi siete sdraiati su una amaca di una isola deserta o a sciare. Circondati da belle donne e auto di lusso.

Con eToro è possibile comprare Bitcoin o decidere di fare trading di Bitcoin (BTC). In entrambi i casi sarà comunque tutelato e non rischierà di perdere soldi a causa di truffe. Ma sicurezza e trasparenza a parte, il Broker eToro è pure conveniente: di fatti non applica alcun tipo di costo o commissione per ogni operazione eseguita. Bensì solo uno Spread conveniente. Lo Spread non è quello che ci ha fatto impaurire a cavallo degli anni 2011-2012, determinando la caduta del Governo Berlusconi. Bensì la differenza tra il prezzo a cui è possibile comprare un asset finanziario e il prezzo a cui è possibile venderlo.

Comprare Bitcoin con eToro vantaggi

Quali sono i vantaggi di comprare Bitcoin con eToro? Abbiamo detto innanzitutto la sicurezza, essendo eToro registrato presso la CONSOB. E ciò mette i trader a riparo da truffe o raggiri. Cosa ben diversa dalle piattaforme truffaldine prima descritte o dagli Exchange presso cui depositare soldi ma col rischio di non ritrovarseli più. A causa di attacchi Hacker, frodi da parte della società che li gestisce stessa o commissioni prelevate in maniera indebita. Su questo punto, abbiamo invece detto che l’unico costo previsto da eToro è un minimo Spread.

Un altro vantaggio di eToro è il servizio di social trading. Questo Broker è stato il primo a lanciarlo e ora pare stia facendo scuola. Sebbene molte imitazioni in giro siano pure mal riuscite. Cos’è il Social trading eToro?

Per farsi una idea su cosa sia il social trading di eToro, basta semplicemente pensare ad un mix tra una tradizionale piattaforma di trading e un social network. Su eToro è quindi possibile fare trading (come su altre piattaforme) ma si dispone anche di un profilo personale, dove si può persino caricare una foto. Su questo profilo si possono pubblicare anche le proprie considerazioni sui mercati. Ancora più interessante, il fatto che eToro rende pubbliche le performance di trading ottenute in passato dai trader (previo loro consenso).

Oltre alla condivisione di pareri e profili, il vero aspetto più importante del Social trading di eToro è la possibilità di copiare automaticamente e senza nessun costo i trader più bravi. Così facendo, i trader meno esperti otterranno un doppio vantaggio: possono iniziare a ottenere da subito profitti grazie al trading di Bitcoin (o di qualunque altro asset finanziario tra i molteplici previsti) e, allo stesso tempo, imparano a fare trading dai Broker migliori.

Naturalmente, anche i trader di eToro più esperti avranno il loro vantaggio nel rendere pubblico e disponibile il proprio profilo. Essi possono arrivare a superare i 10mila euro che si aggiungono così ai normali profitti che traggono dal loro trading. Il bonus è proporzionato al numero dei follower che riescono a raggiungerli. E ciò non può che spronarli a fare di più e meglio di quanto già fanno. Per sceglierli, il trader meno esperto ha a disposizione un elenco con le loro foto, il nickname, il guadagno. E scegliere un lasso di tempo da analizzare. Fatta la scelta, gli sarà sufficiente pigiare sul bottone “Copia” al fianco del profilo.

Ma i vantaggi di eToro non finiscono qui. La piattaforma prevede anche l’opzione CopyFunds, che raggruppa, seguendo una precisa strategia, vari trader o asset in un unico asset in cui investire. Ciascun CopyFund è assemblato dal Comitato Investimenti di eToro e viene ribilanciato periodicamente. I CopyFund a disposizione dei trader sono tanti e si occupano di più settori, ma quelli riguardanti il Bitcoin e le criptovalute sono due:

  1. Criptovaluta: Questo CopyFund offre ai trader un’esposizione combinata su Bitcoin ed Ethereum. Dalla sua creazione, questo fondo ha generato profitti superiori al 125%. Ma in questo 2017 sicuramente saranno moltiplicati, alla luce della corsa al rialzo del Bitcoin.
  2. CopyFundCripto: è composto da un portafoglio bilanciato di criptovalute, fra cui Litecoin, XRP, Dash, Ethereum Classic, Bitcoin ed Ethereum.

Ultimi vantaggi di fare trading Bitcoin con eToro sono:

  • Spread ridotti
  • Trading 24 ore su 24 e sette giorni su sette
  • Formazione gratuita e inclusa in un nuovo conto eToro
  • Possibilità di fare trading a leva zero

Come comprare Bitcoin con eToro

Possiamo dire che la piattaforma per il trading sul Bitcoin di eToro si distingue nettamente da tutti gli exchange. Come detto, in genere gli exchange sono caratterizzati da una bassa affidabilità, da elevate commissioni e soprattutto da un elevato livello di difficoltà (anche il migliore, Coinbase, che vanta 11,5 milioni di utenti dislocati in 32 Paesi diversi tra cui il nostro, risente di disservizi e lamentele). Utilizzare gli exchange per fare trading di Bitcoin o altre criptovalute non è del resto facile. Anzi, la maggior parte degli utenti non sono assolutamente in grado di comprare Bitcoin su di un exchange. Gli errori che si commettono sono molto comuni e causano perdite ingenti.

Con eToro, invece, abbiamo detto che c’è la garanzia della sicurezza, della trasparenza, zero commissioni, il servizio Social trading e una piattaforma molto semplice ed intuitiva. Un altro grande vantaggio di usare la piattaforma di trading eToro è che consente di speculare sia al rialzo che al ribasso. Infatti, è possibile comprare Bitcoin ma è anche possibile utilizzare uno strumento finanziario, come i CFD, (acronimo di Contract for difference, tradotto letteralmente in contratto per differenza) per speculare al ribasso sul Bitcoin.

Seppur sia straordinariamente al rialzo, sappiamo bene che come ogni asset quotato sul mercato, anche il valore del Bitcoin cade o crolla di tanto in tanto. Grazie a eToro, è invece possibile ottenere un profitto elevato anche sulle cadute del prezzo della criptovaluta lanciata dal misterioso Satoshi Nakamoto. Per di più, CFD sono uno strumento semplice da utilizzare e gratis. Un CFD sul Bitcoin rispecchia fedelmente lo stesso valore del Bitcoin e può essere comprato o venduto allo scoperto. Per vendere allo scoperto il CFD sul Bitcoin, non bisogna averlo già comprato: si tratta di una manovra speculativa che genera un profitto nel caso in cui il prezzo del Bitcoin scende.

Se è vero che ormai esistono molte piattaforme di trading CFD che consentono di operare sul Bitcoin. eToro, è l’unica a permettere sia di speculare tramite i CFD sia di comprare Bitcoin in modo diretto. Grazie a eToro è quindi possibile combinare sia strategie di trading sul breve periodo (utilizzando appunto i CFD) sia strategie di investimento sul lungo periodo (ovvero acquistando direttamente i Bitcoin).

Acquistare Bitcoin con eToro è semplice, veloce e non presenta alcuna difficoltà.

Conto demo eToro per fare pratica su Bitcoin

eToro offre anche l’opportunità di fare pratica sul Bitcoin tramite un Conto demo gratuito. In pratica, è possibile fare pratica sul trading Bitcoin senza rischiare i propri soldi reali. Oltretutto, la piattaforma è uguale a quella reale, il che rende l’esperienza ancora più formativa e realistica. Il Conto demo però non va preso come un gioco, un divertimento. Va utilizzato con tutta l’emotività del caso, come si stessero spendendo soldi veri. Altrimenti, quando si passerà al trading reale, si rischierà di perdere ingenti soldi continuando ad operare come si stesse simulando.

Bitcoin eToro Login

Come fare Login su eToro per acquistare Bitcoin? E’ molto semplice. Basta però ovviamente prima iscriversi. E per farlo è sufficiente inserire i propri dati anagrafici reali, una mail, una password (che va custodita con cura, onde evitare che qualcuno faccia trading al posto vostro) e caricare una foto di un documento di identità. Come prevedono le severe normative anti-riciclaggio della CONSOB.

Bitcon eToro truffa?

Un’altra domanda secca, come la prima postaci è: comprare Bitcoin su eToro è una truffa? Alla luce di quanto detto fino ad ora, la riposta è No. Proprio perché eToro è un Broker regolamentato CONSOB e CySEC. Occhio invece alle tante piattaforme che stanno nascendo, proprio sulla scia del successo del Bitcoin. Inserendo questa parola magica nel proprio nome, attirano migliaia di utenti ignari e speranzosi di guadagnare. Un esempio è Bitcoin Code.

Bitcoin bolla speculativa?

Un’altra domanda che in tanti si stanno ponendo riguarda se Bitcoin sia una bolla speculativa. Qui purtroppo non possiamo dirvi un secco No, in quanto la cosa è indipendente da eToro, ma soprattutto, non può saperlo nessuno. Certo, la storia ci ha già dato qualche esempio in passato. Si pensi alla bolla sui semi di tulipani esplosa in Olanda nel ‘600, quando essi raggiunsero cifre stratosferiche ma di colpo il prezzo crollò. Portando tanta gente sull’astrico, con lo Stato che dovette intervenire per mitigare i danni alla collettività. O il caso dot-com a fine anni ‘90, quando i titoli delle aziende operanti sulla nascente web economy, raggiunsero cifre esorbitanti. Peraltro molte delle quali nacquero proprio in quel momento, con un solo azionista e una bassa capitalizzazione. Nel 2002 però il sentiment sui dot-com crollò e in tanti si ritrovarono con carta straccia in mano. In quegli anni però nacquero anche futuri colossi dell’e-commerce, come Amazon.

Certo, gli esperti sono alquanto scettici su Bitcoin, tra cui il Guru del trading Warren Buffet. Il quale ritiene che il Bitcoin sia un asset artificioso dietro cui non si sa chi ci sia. Il consiglio che vi possiamo dare è quello di acquistare ma di non tenere Bitcoin troppo a lungo, perché il suo prezzo potrebbe crollare da un momento all’altro. D’altronde, le criptovalute sono pure altamente volatili.

Bitcoin cos’è e come funziona

Prima di decidere di provarci con Bitcoin su eToro, è giusto conoscere meglio questa criptovaluta. Essa è nata nel 2009 da una idea di Satoshi Nakamoto, che l’aveva già in realtà pubblicata l’anno precedente. Nakamoto è in realtà uno pseudonimo, dietro il quale non si sa ancora bene chi si nasconda. In questi anni sono stati fatti vari nomi, ognuno dei quali ha però smentito. C’è in realtà chi ritiene che dietro questo pseudonimo ci sia un team di sviluppatori, dato che essendo un sistema molto complesso, difficilmente sarebbe stato impostato da una sola persona. E c’è chi, come un articolo del Newsweek, ritiene che il vero nome sia proprio Satoshi Nakamoto. Un sessantenne di origine giapponese ma residente in Nord America appassionato di trenini elettrici e con un passato nella Silicon Valley.

Bitcoin è nato con l’idea di creare un sistema monetario che sia decentralizzato, ovvero dove ogni utente possa minare monete bitcoin, quindi le monete non sono minate da una Banca centrale come avviene con le valute tradizionali. Nè controllato da governi centrali che impostino politiche monetarie. Tuttavia, la decentralizzazione è venuta meno negli anni, giacché minare Bitcoin è diventato sempre più costoso e difficile. Al punto che sono nati dei monopoli (i cosiddetti mining pool). In effetti, minare Bitcoin richiede molto tempo, e quindi corrente elettrica. Di fatti si stanno creando società che si stanno trasferendo nell’est Europa dove la corrente elettrica è più bassa.

Le transazioni avvengono tramite un codice, nel sistema Blockchain. Basato sulla tecnologica crittografata peer-to-peer. Il tetto massimo di Bitcoin emesso sarà di 21 milioni e sarà raggiunto entro il 2109.

Il crescente successo dei Bitcoin è dovuto che gradualmente sono accettati dai maggiori portali internet, come per esempio Reddit, OkCupid, Foodler, Baidu, Megaupload, WordPress, e pure sul popolare eBay nella sezione annunci, per ora solo nel Regno Unito. Oltre a questi portali è possibile effettuare acquisti anche di abiti, oggetti, o altro; basta andare a vedere quali negozi accettano pagamenti con Bitcoin, e possiamo assicurare che il numero sta gradualmente aumentando. Nel 2014, ad esempio, l’Università di Cipro l’ha accettata come forma di pagamento per le tasse universitarie.

Bitcoin eToro valore

Qual è il valore del Bitcoin su eToro? Riportare una cifra sarebbe inutile, in quanto quella che ha raggiunto mentre vi scriviamo, sarà sicuramente cambiata – verso il basso o verso l’alto – quando leggerete. Si può però tracciare la cronistoria di Bitcoin. La prima vera transazione in Bitcoin è avvenuta nel 2010 per due piatti di pizza, che all’epoca sono costati 10.000 Bitcoin. Oggi, quelle due pizze costerebbero milioni di dollari! Man mano che imprese e attività commerciali hanno iniziato ad accettare pagamenti in Bitcoin, il valore della criptomoneta è andato aumentando. E ovviamente, più il Bitcoin veniva utilizzato e suscitava interesse, più il suo prezzo saliva.

Tuttavia, se dal 2012 al 2016, il Bitcoin ha mantenuto una quotazione di centinaia di dollari, con qualche picco e qualche crollo, è dal 2017 che questa criptomoneta ha visto impennare il proprio valore. Ad inizio anno ha toccato quota mille dollari, in primavera ha raggiunto quota 4mila dollari, per poi arrivare a 6mila dollari in estate e 8mila dollari in autunno. Ad inizio dicembre, ha sfondato quota 10mila dollari, continuando a salire fino ad arrivare in pochi giorni a quota 18mila. Per poi scendere un po’. Per qualche analista potrebbe arrivare a quota 500mila entro la fine del primo semestre 2018.

L’impennata del Bitcoin è stata dovuta anche al lancio di Futures su questa criptovaluta da parte della Borsa più grande del Mondo per quanto concerne i Cfd ed Etf. Quindi una importante riconoscimento. Occorre poi aggiungere che nel 2018 superpotenze che oggi l’hanno messa al bando, come Russia e Cina potrebbero riconoscerla. E ciò potrebbe far impennare ulteriormente il suo valore.

->> Per iniziare a investire sul Bitcoin con eToro clicca qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY