Ethereum torna su Facebook e presenta anche nuovo token ERC-1155

Ieri, 26 giugno, il prezzo di Ethereum è stato chiuso al prezzo di $ 459,49 quando si è ritirato dal minimo precedente. Ma la tendenza generale del criptoasset è ribassista e il prezzo di Ethereum sta diminuendo. Tuttavia, il 22 giugno, il prezzo era sceso al minimo di $ 460, e la criptovaluta antagonista di Bitcoin ha ripreso la sua tendenza al ribasso. Comunque, se la tendenza al ribasso continua e il prezzo di Ethereum rompe il precedente minimo a $ 420, troverà supporto a $ 380. Nel frattempo, la linea MACD e la linea del segnale sono sotto la linea zero che indica un segnale di vendita.

Inoltre, l’EMA di 12 giorni e l’EMA di 26 giorni sono superiori al prezzo di Ethereum che indica che la tendenza al ribasso è in corso. Il periodo relativo all’indice di forza 14 è il livello 32 che indica che il mercato è ipervenduto e suggerisce ai tori di prendere il controllo del mercato.

Attualmente, Ethereum scambia a 369,94 euro, in calo a -3,5%.

Sommario

Facebook riabilita Ethereum e le altre cripto

Ma ci sono buone notizie per Ethereum e non solo. A gennaio, come noto, Facebook ha imposto il divieto di pubblicità correlata alla criptovaluta, Sostenendo che le aziende del settore “non operano attualmente in buona fede”. Questa affermazione allude alle innumerevoli truffe viste nello spazio, in particolare l’elevato numero di ICO fraudolenti. E schemi di Ponzi come BitConnect. È probabile che Facebook abbia visto il collasso di BitConnect da oltre $ 1 miliardi all’inizio di gennaio e non volesse avere nulla a che fare con un simile schema.

Ciononostante, il gigante dei social media ha comunque osservato che avrebbe rivisitato la politica nel tempo e avrebbe apportato eventuali modifiche se ritenuto necessario. Altre società di servizi tecnologici, come Google e Twitter, hanno seguito l’esempio introducendo divieti simili nei mesi successivi all’annuncio di Facebook. Sebbene visti da molti come un segno negativo, altri hanno pensato che fosse responsabilità di queste aziende proteggere i propri consumatori.

Tuttavia, con questa recente inversione del divieto, Facebook spera di reintrodurre le società di criptovalute nel suo ampio ecosistema di annunci. Agli inserzionisti sarà richiesto di ottenere l’approvazione dalla piattaforma prima di promuovere i loro prodotti crittografici.

Al momento della scrittura, gli annunci che promuovono le opzioni binarie e le offerte iniziali di monete sono ancora vietati a causa della natura discutibile di alcune di queste operazioni. Tutti gli annunci che non rientrano nella categoria ristretta potranno inviare annunci tramite il sistema di applicazione di Facebook, a partire da oggi. Nella suddetta domanda, Facebook chiederà specificamente ai potenziali inserzionisti informazioni sulla legittimità dell’operazione di criptovaluta.

Un post sul blog della società di social media ha dichiarato:

Gli inserzionisti che desiderano pubblicare annunci per prodotti e servizi di criptovaluta devono presentare una domanda per aiutarci a valutare la loro ammissibilità – comprese le licenze che hanno ottenuto, siano esse negoziate su una borsa pubblica, e altro background pubblico pertinente sulla loro attività”.

Questo sistema dovrebbe consentire ai dipendenti di Facebook di determinare le “mele marce” dalle “mele buone”, consentendo solo alle aziende affidabili e in buona fede di pubblicizzare i propri prodotti o servizi.

Tuttavia, il product manager di Facebook, Rob Leathern ha anche scritto: “Date queste restrizioni, non tutti coloro che vogliono fare pubblicità potranno farlo. Nonostante queste restrizioni, questo sistema migliorato e più robusto dovrebbe consentire società di criptovaluta legittime, come gli scambi ben noti o servizi di infrastruttura consolidati per far conoscere i loro nomi a più consumatori”.

Facebook è la prima azienda a invertire tale divieto, con Google, Twitter e Snapchat che ancora detengono divieti contro l’industria. Google ha cancellato il divieto fino alla natura “non regolamentata” e “speculativa” dei prodotti e servizi pubblicizzati sotto l’ombrello di Google Ads. Non è chiaro se Google o qualsiasi altra società tecnologica cambieranno le loro politiche sugli annunci di criptovaluta in qualsiasi momento presto. Ma molti nel settore si augurano il meglio, poiché il recente annuncio di Facebook mostra come questo problema dovrebbe essere affrontato in modo specifico.

ERC-1155, Ethereum per i videogiochi

Un nuovo tipo di token Ethereum con proprietà specificamente progettate per i videogiochi è stato presentato oggi. Affronta, a quanto si riferisce, i principali problemi di sviluppo con i giochi progettati per funzionare sulla blockchain. Noto come un ERC-1155, ha un processo semplificato per i token swap che riconosce le diverse qualità degli oggetti digitali trovati nei videogiochi. Piuttosto che la rete che deve elaborare e confermano ogni transazione per ogni articolo separatamente, gli ERC-1155 sono progettati in modo tale che qualsiasi numero di articoli possa essere inviato a più destinatari in un’unica transazione, mettendo molto meno a rischio la rete.

Anche gli ERC-1155 sono progettati per distinguere tra i diversi tipi di oggetti di gioco da quelli completamente muniti di intercambiabilità (o fungibili), come munizioni o pacchetti sanitari, a quelli che possono essere personalizzati, come le armi. L’ERC-1155 è stato annunciato da Witek Radomski, CTO per la società di videogiochi Enjin.

Mr. Radomski ha detto che un videogioco che si allontana dalla blockchain è limitato a causa dell’inadeguatezza dei token ERC-20 e 721, il che richiede effettivamente che ogni articolo debba avere un proprio, leggermente diverso, contratto intelligente. In un post sul blog sul sito Web della società, Mr Radomski ha dichiarato: “Il problema più grande con i progetti di token esistenti è che richiedono l’implementazione di un contratto separato per la blockchain per ogni tipo di oggetto! … È come essere costretti a comprare un computer nuovo di zecca per ogni singola app che si desidera utilizzare. ”

I videogiochi basati su blockchain hanno un certo potenziale. Sebbene la simpatia di Crypto Kitties abbia portato la rete Ethereum a un punto morto a dicembre, un numero crescente di aziende sta creando piattaforme per videogiochi decentrati. La rete Loom, unica per non pubblicare un white paper, usa lo stesso architettura come rete Lisk, con singoli giochi in esecuzione come DApp fuori da sidechain, una funzionalità che Loom sostiene può rendere scalabile la piattaforma.

Analogamente, la piattaforma Terra Virtua di Londra, che sta pianificando la vendita pubblica per il prossimo mese, sta creando una piattaforma appositamente progettatq per gli sviluppatori per creare giochi in realtà virtuale. Secondo il sito Web della società, la prima fase della piattaforma verrà lanciata nel primo trimestre del prossimo anno. Crypto Briefing ha precedentemente messo in evidenza le somiglianze tra criptovaluta e videogiochi.

World of Warcraft, il gioco MMORPG più popolare di tutti i tempi, ha rilasciato il proprio gettone WoW per fermare un fiorente mercato nero per i token in-game. Il lancio di un token Ethereum appositamente progettato per l’uso nei videogiochi mette in luce la crescente sofisticazione della blockchain poiché inizia a trovare casi d’uso reali e tangibili.

Sebbene alcuni abbiano sollevato il problema della possibilità che la criptovaluta possa davvero cambiare le principali istituzioni finanziarie del mondo, potrebbe comunque essere in grado di conquistare il mondo dei videogiochi.

Witek Radomski – co-fondatore e CTO di Enjin Coin – ha sviluppato ERC-1155, un nuovo standard per la definizione di token di videogame sulla blockchain di Ethereum. Il viaggio di Romsomski per migliorare l’esperienza di gioco è iniziato 12 mesi fa a giugno 2017, quando ha creato il codice per il primo gettone non fungibile. È stato rilasciato su GitHub due mesi dopo e ha portato alla creazione del token ERC-721, che è ampiamente considerato lo standard per giochi basati su blockchain e arte digitale.

Diverse applicazioni decentralizzate (DApps) hanno implementato l’ERC-721 sulle loro piattaforme per creare una vasta gamma di oggetti da gioco. Sfortunatamente, ERC-721 è stato scoperto presentare diverse limitazioni e Radomski sapeva che doveva portare lo standard al livello successivo.

“I token non-fungibili utilizzati oggi hanno definito una nuova classe di oggetti virtuali di proprietà dell’utente”, ha spiegato. “Tuttavia, ci sono molti problemi con il modello di token esistente. È molto costoso e inefficiente implementare grandi database di oggetti che gli sviluppatori di giochi tradizionali usano “. Radomski spiega in un post sul blog che il nuovo protocollo ERC-1155 consente di distribuire un numero infinito di elementi sia fungibili che non fungibili attraverso un contratto unico. È anche leggero e facile da gestire per la maggior parte delle reti.

“Se questo dovesse decollare, l’industria dei giochi da sola richiederà decine di milioni di nuovi articoli. Ma l’applicazione di questo standard non è affatto limitata al mercato dei giochi”, ha aggiunto. Ha poi commentato: “I token ERC-1155 potevano essere utilizzati per certificare tutte le forme di proprietà, tangibili o digitali.” In passato, i token individuali erano definiti da singoli contratti. Inoltre, lo scambio degli oggetti tra i giocatori di gioco richiederebbe spesso un massimo di quattro passaggi separati perché la rete di Ethereum approva ed elabora separatamente ogni oggetto scambiato.

ERC-1155 potrebbe alleviare i tempi di attesa tra gli swap raggruppando più articoli insieme, quindi diverse operazioni potrebbero potenzialmente verificarsi contemporaneamente e ridurre il processo da quattro passaggi a due passaggi. Ciò ridurrebbe anche i costi sia di congestione che di gas sulla blockchain di Ethereum.

Prima dell’introduzione dei token ERC-721, i token ERC20 sono stati utilizzati principalmente nei giochi, sebbene in seguito siano stati ritenuti inefficienti in quanto coniati da milioni di dollari come valuta. Ogni token era praticamente identico, il che significava che ognuno conteneva dati di ripetizione. Inoltre non è possibile aggiungere una provenienza, una storia o un’identità a qualsiasi moneta.

I token ERC-721 consentono agli utenti di creare monete uniche, uniche nel loro genere, ma ERC-1155 lavora per combinare il meglio di ERC20 e ERC-721 dando agli sviluppatori di giochi la scelta se produrre in serie un determinato tipo di token o creare metadati unici che non possono essere replicati. ER-1155 è stato pubblicato su GitHub di Ethereum come thread di discussione. I dirigenti stanno cercando feedback dagli utenti prima di inviarli come “richiesta di pull”. “Dopo un anno di lavoro per sviluppare ERC-1155, questo è un giorno molto orgoglioso per il mio team”, ha spiegato Radomski. “Speriamo di vedere alcune invenzioni fantastiche nate da questo standard di token, quindi se qualche progetto ha bisogno di assistenza per implementarlo, dovrebbero sentirsi liberi di contattarci a Enjin.”

Fondata nel 2009 e di stanza a Singapore, Enjin è una società di gioco che vanta due prodotti principali: Enjin Coin e la rete Enjin. Enjin Coin è costruita per sviluppare giochi blockchain e criptovalute, mentre il secondo è un sistema di gestione dei contenuti (CMS) incentrato sui giochi e una piattaforma di e-commerce che serve fino a 20 milioni di utenti.

Ethereum, l’unica criptovaluta a restare stabile da inizio 2018

Come noto, Ethereum fa parte del novero di criptovalute che ha conquistato il mondo nel 2017. Ma a differenza delle criptomonete che hanno subito un disastroso incidente all’inizio di quest’anno, Ethereum rimane relativamente stabile. Il suo valore è addirittura aumentato del 4,9% da gennaio. Parte del motivo è perché è più di un sistema di cassa elettronico. Ethereum offre agli utenti una piattaforma per creare app per smart contracts e un linguaggio di programmazione per sviluppare applicazioni.

E ciò ne fa la sua forza, proprio perché trova altri usi oltre a quello meramente economico. Come accade invece per il Bitcoin. Analoga situazione quella di Ripple, diventata un sistema alternativo a quello tradizionale per le transazioni in valute diverse. Anche e soprattutto tra quelle che prima dovevano passare per forza per il Dollaro. Non a caso, sono già una ventina le banche che l’hanno adottato, così come i money transfert più utilizzati.

Ethereum ha perso il 50% di valore rispetto al Bitcoin dall’estate 2017

Ethereum (ETH) non assomiglia a prima, entrando in un vero mercato ribassista, tornando ai livelli più bassi dall’autunno del 2017, con un guadagno netto molto piccolo da giugno 2017, dopo essere salito a oltre $ 1.300 e schiantarsi a quasi $ 400. L’ETH ha anche perso significativamente dai suoi prezzi massimi di BTC la scorsa estate, in calo del 50% da 0,15 BTC a 0,073 BTC. L’ETH si trova in un bivio curioso, sotto pressione a un livello di prezzo basso, ma anche centrale nell’ecosistema di ICO e dApp ancora forte.

La rete Ethereum, nonostante tutti i suoi difetti, attira quasi costantemente nuovi progetti e attualmente ospita alcune delle prime dApp operative. Tutte le altre reti hanno meno progetti e dApp, e la maggior parte si basa su promesse. ETH ha recuperato leggermente a $ 458,56, in calo di circa l’11% netto questa settimana. Nell’ultimo trimestre, l’ETH è andato senza un guadagno netto, nonostante il picco sopra $ 830.

Ma ora si sta verificando una curiosa tendenza, poiché i volumi di scambio stanno tornando e il trading ETH occupa oltre il 22% di tutte le operazioni cripto. Inoltre, l’ETH sta assistendo a una maggiore influenza del trading Tether (USDT), una risorsa che in passato aveva supportato Bitcoin, ma si è trasferita negli altcoin negli ultimi mesi.

Quindi, Ethereum potrebbe essere la prossima moneta ad assumere un’altra tendenza in aumento, spingendo al rialzo dai minimi. Ma la moneta è anche sotto pressione con vendite estremamente attive, aumentando i volumi a un record di tre mesi negli ultimi giorni. La rete Ethereum è ora confrontata con il presunto sistema migliore di EOS. Ma il confronto ha sollevato critiche sul fatto che anche Ethereum sia, in un certo senso, centralizzato, e l’influenza di Vitalik Buterin è troppo significativa.

Buterin è ancora guardato come guida unica del progetto e il progetto Ethereum ha una tempistica centralizzata e pianificata per svilupparsi in un diverso tipo di risorsa digitale, una moneta portante. Tuttavia, la rete ETH finora ha funzionato senza un livello di verifica. L’influenza di Vitalik Buterin è stata avvertita in modo molto significativo dopo l’attacco DAO, quando è stata proposta una forca rigida e un rollback.

Ancora una volta, durante il lancio degli ASIC di Ethash quest’estate, la comunità di Ethereum ha suggerito un cambiamento dell’algoritmo di data mining per disabilitare le macchine. Ma Vitalik Buterin ha parlato a favore della conservazione delle condizioni attuali.

I vantaggi di ERC777

ERC è l’abbreviazione di Ethereum Request for Comments e descrive un certo insieme di standard creati per l’implementazione sulla blockchain di Ethereum. Mentre lo standard ERC20 ha contribuito a facilitare l’esecuzione regolare di molti progetti blockchain, in particolare essendo ampiamente utilizzati e accettati da molte aziende durante la loro Initial Coin Offering (ICO), ha comunque i suoi limiti. Alcuni contratti non supportano ogni tipo di token, quindi se si invia un token ERC20 a un contratto che non supporta tale protocollo sottostante, il token sarebbe bloccato per sempre.

Lo standard ERC777 è completamente retrocompatibile con lo standard ERC20, il che significa che qualsiasi applicazione che supporti ERC20, supporta anche ERC777. Mantiene i punti di forza dell’ERC20 di consentire l’elaborazione decentralizzata, compensando al contempo i pochi problemi riscontrati nel token precedente. Pensa di passare dal vecchio telefono a conchiglia allo smartphone più recente, e alla funzionalità aggiunta e alla riduzione delle limitazioni fornite dall’aggiornamento necessario.

Per dipingere un’immagine più chiara, ecco quattro vantaggi per il token ERC777 rispetto a ERC20:

a) Attrito ridotto nelle transazioni sulla blockchain di Ethereum

Con i token ERC20 è spesso richiesto che gli utenti invochino due transazioni per interagire con i contratti intelligenti. In primo luogo, devono depositare o approvare il contratto intelligente come operatore del token. Solo dopo averlo fatto possono iniziare a richiamare la funzionalità desiderata nel contesto del contratto intelligente. In tal modo, devono quindi creare una seconda transazione, consumando costi aggiuntivi e latenza lungo la strada. Questo non è il modo più efficace per trasferire criptovalute o interagire con la blockchain. Per risolvere questo problema, l’ERC777 consente a una transazione di attivare la funzionalità di un contratto.

Ciò riduce il sovraccarico della transazione sull’intera blockchain di Ethereum. Quindi utilizzando ERC777 si attenuano i problemi di traffico e gli accordi sulle transazioni sulla blockchain di Ethereum, aiutando a risolvere alcuni dei problemi di latenza con blockchains. In altre parole, transazioni avanzate come lo scambio di un token per un altro in un contratto di scambio decentralizzato possono essere eseguite in un’unica transazione di due, rendendo più economico e veloce per gli utenti il trasferimento di token.

b) Abilita l’invio di dati di transazione

L’ERC777 può inviare dati di transazione molto simili a quanto fa attualmente Ether. Questo campo è usato per invocare le funzioni di contratti intelligenti e ciò che rende possibili i token con capacità personalizzabili anche al di là della valuta nativa delle blockchain Ethereum. Questa funzione dell’ERRC777 può anche facilitare l’interazione tra tutti i tipi di applicazioni con l’uso della criptovaluta in il contesto dei contratti intelligenti, dell’identità digitale e dello storage decentralizzato. Una piattaforma di sviluppo software basata su blockchain che utilizza questo token ha il potenziale per sbloccare la prossima ondata di applicazioni, prodotti e servizi che cambiano il gioco in un web decentralizzato.

c) Riduce la possibilità di perdita accidentale di criptovalute

Un vantaggio che l’ERC777 ha rispetto all’ERC20 è che può aiutare a prevenire la perdita inutile di milioni di dollari di criptovalute che l’ecosistema di Ethereum ha già sofferto. Ciò è dovuto al fatto che un indirizzo compatibile ERC777 (e ERC 820) è in grado di rifiutare determinati tipi di transazioni di token in entrata, ad esempio quelli che potrebbero provenire da un indirizzo che è stato inserito nella blacklist. Questi tipi di funzionalità consentono ai nuovi token di iniziare ad affrontare le leggi e i regolamenti di Know Your Customer (KYC) e Anti-Money Laundering (AML) che potrebbero entrare in gioco. Se mai, sono vitali per l’affidabilità e la trasparenza della blockchain di Ethereum.

d) ERC777 è compatibile con le versioni precedenti

ERC777 è compatibile con tutte le applicazioni compatibili con ERC20, come accennato in precedenza nell’introduzione. Ciò significa che può fungere da upgrade allo standard dei token precedente. Queste applicazioni possono includere EtherDelta, IDEX, 0x e altri. Ha le stesse funzionalità di ERC20, ma include anche funzionalità aggiuntive che consentono cose come impedire il trasferimento a un contratto intelligente che può portare a una perdita permanente di token mentre invoca le funzioni nei contratti intelligenti nello stesso modo in cui Ether può farlo. Nel mondo di oggi la criptovaluta può essere trattata in molti contesti, a condizione che l’utente rimanga in una piattaforma.

L’avvertenza arriva quando si tenta di effettuare transazioni tra le applicazioni. Con ERC777 transazioni con più criptovalute possono accadere all’interno di una piattaforma software in cui le varie criptovalute saranno quelle che alimentano queste applicazioni mobili o web, dispositivi IoT e sistemi di point-of-sale per effettuare transazioni tra loro.

In conclusione, questo è il primo token che può fare quasi tutto ciò che Ether può fare, ma è completamente personalizzabile ed estensibile in modo che le aziende possano adattarlo alle proprie esigenze. Attualmente sta lavorando con il team di KryptoPal per costruire una piattaforma di sviluppo software che consenta le persone di costruire applicazioni blockchain senza particolari requisiti di investimento o le barriere tecniche avanzate. Sebbene attualmente ci siano pochi casi di utilizzo di implementazione ERC777 da considerare, non vediamo l’ora di aprire la strada ad altri nell’adozione di questa funzionalità di token espanso.

Malta apre alle criptovalute, ci sarà anche Ethereum?

Molti cuori si sono spezzati – soprattutto degli ambientalisti e degli amanti dei bei panorami – quando la Finestra Azzurra di Malta è crollata a marzo 2017. La causa del crollo è stata una serie di forti tempeste che hanno bombardato il Mar Mediterraneo e il paese dell’isola. Ma Malta non ha lasciato che la tragedia smorzasse i suoi spiriti perché il paese ora sta aprendo la strada per dare chiare linee guida sulla regolamentazione delle criptovalute all’interno delle sue giurisdizioni. Il governo maltese ha approvato tre criptovalute e relative blockchain. Lo sviluppo è stato annunciato dal Ministro del Paese per i servizi finanziari, l’economia digitale e l’innovazione all’interno del Ministero del Primo Ministro di Malta, Silvio Schembri, e tramite Twitter.

Malta ha compiuto un passo importante con i tre disegni di legge che sono i seguenti:

a) Il disegno di legge sull’innovazione digitale di Malta

Questo primo disegno di legge istituisce l’Autorità per l’innovazione digitale di Malta che si concentrerà sulle disposizioni di governance interna attraverso un Consiglio dei governatori. Il disegno di legge evidenzierà anche i doveri dell’Autorità. Uno dei suoi compiti sarà quello di certificare le piattaforme di Distributed Ledger Technology (blockchain) per garantire credibilità e fornire certezza legale ai propri utenti.

b) Progetto di accordi e servizi tecnologici

Questa seconda proposta riguarda la registrazione dei fornitori di servizi tecnologici e la certificazione di accordi tecnologici. Questo disegno di legge è principalmente orientato alla creazione di scambi nel paese e ad altre società che vogliono operare nell’industria della criptazione.

c) La legge sulle attività finanziarie virtuali

Questa terza legge riguarda il quadro normativo per le ICO nel paese.

Il CEO di Changin, Changpeng Zhao, è stato uno dei iprimi a congratularsi con Malta per questo risultato via Twitter.

Il paese di Malta si è ora distinto dal resto, fornendo linee guida chiare verso i regolamenti criptati e rispettando il suo recente soprannome di “Blockchain Island”. Ciò a sua volta significa che ci sarà un afflusso di scambi e di cripto-ditte che installeranno proprie sedi nel paese con Binance in testa. Ma non solo. Approderanno su Malta anche OKEx, altro importante exchange di criptovalute, Tron, la società dietro l’undicesima criptovaluta più capitalizzata, e Neufund, piattaforma che permette alle startup di tokenizzare parte del loro capitale.

Sarà Malta a trainare la ripresa delle criptovalute? Vedremo. A dare un’anteprima ci aveva pensato in mattinata il sottosegretario per l’Economia digitale, Silvio Schembri, in occasione del suo discorso di apertura alla conferenza Cryptocurrency Consideration for Management del Malta Institute of Management. La sera quindi è arrivata l’ufficialità del voto unanime al Parlamento di Valletta.

Per concludere l’iter legislativo dell’Innovative Technology Arrangements and Services Bill resta da validare la terza lettura, oltre alla firma della presidente della Repubblica di Malta, Marie-Louise Coleiro Preca, ma a questo punto sembra proprio che saranno formalità che verranno sbrigate rapidamente.

Bisogna ora capire quali criptovalute approderanno sulla bella isola di Malta. In una selezione che ricorda un po’ quella molto più tragica degli immigrati. Dando per scontato il Bitcoin, quasi sicuramente ci sarà anche Ethereum.

Nuova immissione Tether potrebbe aumentare prezzo criptovalute

Tether ha recentemente affrontato le preoccupazioni della comunità in materia di sostegno finanziario, con il rilascio di un rapporto FSS che afferma che Tether detiene effettivamente un capitale sufficiente per sostenere tutti gli USDT stampati. Il rapporto FSS, pubblicato la scorsa settimana, ha seguito un’indagine pubblicata dai ricercatori dell’Università del Texas rivelando prove che USDT avrebbe potuto essere utilizzato nella manipolazione dei prezzi di Bitcoin.

L’ultima versione della stampa USDT, tuttavia, sembra aver avuto un impatto positivo sul mercato. L’amministratore delegato della Fondazione Litecoin, Charlie Lee, sottolinea che l’emissione di nuovi Tether rappresenta l’ingresso di nuovi capitali sul mercato, e quindi potrebbe segnalare un potenziale aumento dei prezzi.

L’ingresso del nuovo USDT nel mercato delle criptovalute è in genere associato a un movimento di mercato positivo. L’ultima emissione di Tether di 250.000.000 il 19 maggio ha visto i prezzi dei Bitcoin catturare oltre $ 300 in meno di un giorno. La precedente stampa di $ 300.000.000 di Tether il 21 marzo ha visto il Bitcoin salire da $ 8.500 USD a oltre $ 9.000. Il volume degli scambi di Tether di Netne supera ora i $ 4 miliardi di USD, suggerendo gli alti livelli di volatilità presenti all’interno del mercato attuale.

La mossa per stampare ulteriori Tether segue le dimissioni di Phil Potter, Chief Strategy Officer di Bitfinex e Tether, che ha dichiarato che avrebbe cercato nuove opportunità: “Poichè Bitfinex si allontana dagli Stati Uniti, ho sentito che, come statunitense, è giunto il momento per me di ripensare alla mia posizione di membro del team esecutivo”.

Ethereum, co-fondatore Charles Hoskinson resta ottimista

Poiché molti guardano agli avvertimenti che disincentivano nell’investire nella criptovaluta, il co-fondatore di Ethereum Charles Hoskinson non è preoccupato. In effetti, crede che il “futuro sia luminoso”.

Secondo Cryptovest, Hoskinson ha scritto su Twitter il 21 giugno: “I media continuano a dire che dopo la prossima ondata di regolamentazione, Wall Street finirà con tutto il capitale bloccato. Ma ci sarano decine di migliaia di miliardi di dollari che entreranno. Il futuro è luminoso.”

Ci sono alcuni segnali che potrebbero suggerire che “le decine di migliaia di miliardi di dollari” a cui si riferisce Hoskinson potrebbero esistere davvero. Goldman Sachs ha recentemente aperto un banco di negoziazione bitcoin per i suoi clienti, e altre aziende potrebbero presto seguire l’esempio di regolamento sulle criptovalute. Più chiaro questo mese, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha autorità su bitcoin, criptovaluta e offerte di monete iniziali ( Ico) ha stabilito che alcune criptovalute ben note, come bitcoin ed Ethereum, non sono titoli.

Tuttavia, è probabile che le monete offerte durante le ICO siano interamente – o per lo più – titoli. Come tali, possono aspettarsi di venire sotto il controllo regolamentare della SEC e delle pertinenti leggi sui titoli. “La chiave per determinare se un titolo viene venduto è come viene venduto e quali sono le ragionevoli aspettative degli acquirenti”, ha detto William Hinman, responsabile della Divisione di Corporate Finance per la SEC, in un discorso al vertice di Yahoo All Markets: conferenza sulle Crypto a San Francisco.

In aprile, Coinbase ha avviato un nuovo fondo di incubatori chiamato Coinbase Ventures, che è stato progettato per aiutare il lancio di creatori di criptovalute e blockchain: “Investiremo il nostro bilancio in società dell’industria criptata”, ha dichiarato il presidente di Coinbase e Chief Operating Officer Asiff Hirji. “Investiremo in società che si trovano in questo spazio e sono allineate con i nostri valori”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY