Ethereum sfiora i 1.500 dollari: i motivi e dove può arrivare

Ethereum non si ferma più e macina record su record. Ma c’è anche un’altra notizia da tenere presente: il team di ricerca della Fondazione Ethereum sta lavorando ad una modifica che risulterebbe poi incompatibile con le versioni precedenti di metà 2021 alla Beacon Chain.

Non si tratterebbe di un vero e proprio hard fork nel senso tradizionale. Almeno stando a quanto dice Ben Edgington, project manager del cliente di Teku. Piuttosto, è un antipasto dello sharding e una fusione di Eth 1.xe Beacon Chain.

Queste le sue parole eloquenti:

“La parola”fork”è pesantemente sovraccarica nell’uso della blockchain. In effetti, non dovrebbe esserci nemmeno un fork quando questo aggiornamento è fatto, nel senso che la rete finisce con più catene concorrenti”.

È probabile che l’aggiornamento includa le seguenti modifiche al codice, sebbene queste modifiche debbano ancora essere completamente concordate:

Infrastruttura per il supporto ai “light client” tramite comitati di sincronizzazione. Essi consentono la verifica della catena senza bisogno di overhead come accade con un tipico rig di validazione.

Si tratterebbe quindi di una nuova funzione, chiamata balance_denominator, che modifica le penalità in attività contro i validatori non partecipanti. L’attuale metodo di penalizzazione è un vettore di denial-of-service (DOS) mentre la nuova funzione aumenta l’efficienza della catena. Ciò è quanto dichiarato a GitHub il ricercatore di Eth 2.0 Danny Ryan.

I premi verranno calcolati su una epoch (simile a un blocco) invece che dopo la chiusura di un blocco come avviene attualmente. Egington osserva che la modifica dovrebbe aiutare a limitare il numero di attestazioni errate.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin.Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Verso l’Era glaciale di Eth 2.0

Una caratteristica aggiuntiva che viene presa in considerazione è la difficulty bomb, nota anche come “era glaciale”. Si tratta di una funzione che subentra ad altezze di blocco preimpostate. Quindi, un meccanismo di regolazione del mining originariamente aggiunto alla blockchain di Eth 1.x nel 2015. Rende il mining progressivamente più difficile nel tempo nel tentativo di mantenere gli sviluppatori motivati a costruire Eth 2.0.

Ad oggi, l’Era glaciale di Eth 2.0 è stata rinviata tre volte sulla blockchain Ethereum proof-of-work (PoW) negli hard fork di Bisanzio (2017), Costantinopoli (2019) e Muir Glacier (2020).

La difficuly bomb è un punto fermo di Ethereum in quanto spinge gli economic client a continuare a innovare sul livello di base. Tuttavia, è improbabile che venga incluso in Eth 2.0 poiché esiste già una forza economica che spinge lo sviluppo di Beacon Chain. Stando a quanto afferma sempre Ryan a CoinDesk in un podcast Mapping Out Eth 2.0 ancora da pubblicare.

“Non c’è una Era glaciale sulla Beacon Chain, ma essenzialmente ha una funzione di forzatura perché in questo momento ci sono 2,5 milioni di ETH bloccati nel sistema”, ha detto Ryan. “Non è possibile che gli sviluppatori della comunità di quell’ordine di grandezza le permettano di vivere in parallelo e non le facciano fare altro”.

La decisione di includere o meno una funzione di regolazione della difficoltà come l’era glaciale in Eth 2.0 dipende dal modo in cui vedi la blockchain di Ethereum progredire dopo che Eth 2.0 è completo, ha detto. Alcuni vogliono ulteriori innovazioni mentre alcuni pensano che l’ossificazione simile alla blockchain di Bitcoin sia la strada da percorrere.

“Alcuni vogliono continuare ad aggiornare, iterare e portare l’ultima crittografia nel Livello 1. Sono sicuro che il dibattito sull’opportunità di esistere un’era glaciale in Ethereum 2.0 sarà incentrato su alcune di quelle idee di ossificazione rispetto agli aggiornamenti continui”, ha detto Ryan .

Per approfondimenti: Come funziona Ethereum.

Migliori piattaforme per investire in Ethereum

Ecco alcune piattaforme regolate dove poter fare trading di Ethereum:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFD su Bitcoin e CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
Social trading
*75% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Prezzo di ETH: aumenta anche il compenso dei validatori

La rete Ethereum 2.0 continua a crescere a un ritmo costante e a livelli di partecipazione degli utenti quasi perfetti. Sabato 23 gennaio, Eth 2.0 ha raggiunto il tasso medio giornaliero di partecipazione alla rete più alto al 99,46%. Ciò indica che, nonostante un numero crescente di partecipanti, i validatori su Eth 2.0 sono ampiamente impegnati nella protezione della rete e nell’ottenere ricompense.

Come sfondo, l’economia di Ethereum 2.0 opera su una scala mobile di ricompense che si adatta dinamicamente in base al numero totale di validatori attivi. Maggiore è il numero di validatori puntati su Eth 2.0, minore sarà la quantità totale di premi emessi sulla rete.

La media giornaliera dei premi guadagnati per validatore è scesa al minimo di sette settimane giovedì 21 gennaio a 0,007235 ETH. Tuttavia, a causa dell’attività rialzista dei prezzi dell’etere nei mercati criptati, il valore dei premi guadagnati sulla rete è aumentato dell’81,47% nello stesso periodo di tempo. In altre parole, poiché il prezzo ETH è aumentato, i validatori guadagnano in media di più al giorno in termini di dollari USA (USD).

Un altro parametro utile per valutare lo stato di salute e il decentramento della rete in corso è la ripartizione dei depositi degli utenti su Eth 2.0. Secondo uno strumento ancora in fase di beta test dell’esploratore di blockchain Etherscan, circa il 50% di tutti i depositi di ETH sono effettuati da scambi di criptovaluta e pool di staking.

Ethereum prezzo record: sfiora i 1.500 dollari

Non solo Bitcoin. Come si conviene, anche la sua principale seppur a debita distanza, il prezzo di Ethereum (seconda moneta digitale per capitalizzazione a 132,6 miliardi di dollari) sta macinando record su record. Superando abbondantemente quota 1400 dollari (1.474 dollari) superando il precedente massimo a quota 1.423 toccato il 13 gennaio 2018. Il prezzo è dunque più che raddoppiato da inizio 2021.

Questi alcuni motivi del rally Ethereum:

  1. incremento dell’utilizzo della piattaforma Ethereum da parte degli sviluppatori, al fine di realizzare le cosiddette Dapp: applicazioni decentralizzate sulla blockchain
  2. gli investitori puntano sempre più sui token di ethereum: gli ether
  3. gli investitori istituzionali si stanno sempre più interessando alle criptovalute come asset class ed Ethereum è ovviamente capofila di questo interesse

Simon Peters, analista di eToro (qui trovi il sito ufficiale), ritiene che Ethereum potrebbe arrivare a toccare i 2.500 dollari entro la fine del 2021.

Rispetto al Bitcoin, Ethereum ha il vantaggio di essere anche un vero e proprio ecosistema. Oltre che un token per i pagamenti o un asset su cui investire tramite CFD. Infatti, il nucleo base della sua blockchain sono gli smart contracts.

Prezzo Ethereum verso i 1500 dollari

Tradotti in italiano contratti intelligenti, dei semplici codici che però potrebbero rivoluzionare la burocrazia e gli scambi commerciali del futuro. Grazie alla loro flessibilità di utilizzo. Tramite essi è possibile:

  • creare marketplace
  • spostare fondi
  • archiviare dati
  • creare sistemi elettorali
  • stipulare contratti commerciali
  • realizzare atti notarili
  • ecc.

Per saperne di più su Ethereum visita la sezione del nostro sito.