Ethereum, prossimo ingresso di Google? Ma c’è anche una Hard Fork all’orizzonte

Il gigante della tecnologia, Google, insieme alla sua società madre Alphabet Inc., sta per espandere il suo sviluppo verso la tecnologia blockchain implementando il proprio libro mastro digitale distribuito.

Stanno anche lavorando su una tecnologia basata su blockchain per ravvivare il loro business nel cloud e andare avanti rispetto alle startup che utilizzano attualmente blockchain. Secondo diverse fonti, la multinazionale si sta concentrando sull’acquisizione di startup con competenze di contabilità digitale.

Attualmente stanno esplorando varie aree di blockchain e criptovalute come le strutture crittografiche che supportano monete come Bitcoin [BTC] ed Ethereum [ETH]. Mentre Google sta gradualmente rivelando le proprie mosse sulla tecnologia Blockchain, un recente tweet di Vitalik Buterin, il giovane amministratore delegato di Ethereum, ha lasciato stupefatti i follower della criptovaluta.

Il tweet di Valtalik conteneva uno screenshot di una porzione di un’email inviata dal team di reclutamento di Google, che mostrava il loro interesse per l’onboarding del programmatore. Insieme allo screenshot, ha anche aggiunto un sondaggio su Twitter, alla ricerca di opinioni da parte dei suoi follower. Tuttavia, è stato notato che Vitalik ha cancellato il post di Twitter dopo un po ‘.

Il post ha ricevuto oltre 2200 risposte prima che Vitalik lo rimuovesse. Le discussioni su Reddit e su altre piattaforme di social media continuano ancora allo stesso modo. Alcuni degli appassionati di criptovaluta sembravano essere dalla parte di Vitalik, mentre altri esprimevano la loro opinione negativa di rendere pubblica una conversazione privata.

Un appassionato di criptovaluta scrive: “Spero che abbia avuto il suo consenso per pubblicare quella conversazione privata, o potrebbe essere perseguito perché non si è preoccupato di cancellare il suo nome. Vitalik è di nuovo un maniaco su Twitter.”

Alcuni di loro hanno persino preso la conversazione a un livello diverso, interrogando i prezzi di ETH che vengono colpiti una volta che il CEO si dimette. Un Redditor di nome crypto_kang dice: “Supponendo che questo post sia effettivamente vero, sembra che Vitalik si consumi troppo. In passato ha avuto un momento in cui le persone stavano facendo tutti i meme “sharting”. Spero che si lasci riposare e riorganizzare “.

Un altro Redditor ha commentato:” diamine no, Google dovrebbe chiedere di entrare in Ethereum”. Un Redditor di nome Iruwen dice:” Se il futuro di Ethereum dipende dalle decisioni di un singolo essere, è rotto irreparabilmente“.

Dunque aleggia scetticismo su questo ingresso di Google in Ethereum.

Arriva Tari, Ethereum trema

Riccardo “Fluffy Pony” Spagni e un team di esperti del settore hanno annunciato un nuovo protocollo costruito sulla rete Monero. Progettato con funzionalità mai viste prima, Tari è posizionato per diventare più di un altro protocollo “me-too” che consente la creazione di token. Dal momento che sono entrato in bitcoin, la domanda nella mia mente non è mai stata “la criptovaluta rivoluzionerà il mondo finanziario?”.

Come ho appreso su Bitcoin, la domanda è diventata rapidamente “Il bitcoin è l’iterazione della criptovaluta che rivoluzionerà il mondo finanziario? “E finora lo è stato. Ma altre monete hanno intagliato le nostre significative porzioni della rete. Nessuno di questi è grande e influente come Ethereum.

In alcuni modi, Ethereum è oggettivamente superiore a Bitcoin. È più flessibile e potente del Bitcoin. Ma non ha raggiunto il bitcoin, perché Bitcoin ha i suoi vantaggi. È come un negozio e trasferisce un valore semplice. È semplice e sicuro. Così sono diventate monete diverse progettate per essere diverse cose. E così la domanda è cambiata di nuovo, in due domande: “Bitcoin sarà l’iterazione della criptovaluta che rivoluziona il mondo finanziario?” E “Will Ethereum sarà l’iterazione della criptovaluta che porta alla rivoluzione DApp?”

Il secondo è un po’ semplicistico. Ethereum può fare altre cose e Bitcoin ha ancora un ruolo da svolgere in DApps, e potrebbe persino superare Ethereum, ma questa è l’idea di base. Tari non è solo il primo vero concorrente di Ethereum, ma forse la prossima evoluzione del token economy Tari. Il co-fondatore e sviluppatore Riccardo “Fluffy Pony” Spagni ha incontrato Oliver Carding e Cameron Carpenter di CoinJournal al Consensus per spiegare la sua visione della moneta annunciata oggi. Se quel nome ti sembra familiare, è probabile perché riconosci Spagni come principale sviluppatore di Monero, la principale moneta incentrata sulla privacy.

Tari è costruito sopra Monero, e come Monero, la sua caratteristica più interessante, sono proprio i suoi strumenti per la privacy. Quella opinione potrebbe non essere universale. Spagni ha parlato molto di quanto sia importante l’esperienza dell’utente. Ma c’era una parte particolare dell’intervista ancora più interessante. I token creati su Tari avranno cursori di privacy.

Così Spagni ha presentato Tari: “Hai cose più complesse come il livello di privacy. Qualcosa che potrebbe accadere è un gettone di gioco o una risorsa di gioco. L’emittente potrebbe non volere che il movimento di tali beni sia visibile. Potrebbero non volere che il movimento di quel segnalino sia visibile. Perché sono informazioni private. Così faranno la massima privacy. Ma poi, hai qualcuno che potrebbe usare la piattaforma per emettere un token di sicurezza e il SEC potrebbe avere un mandato che dice: Se lo fai, devi essere rintracciabile. E, si può dire, questa risorsa non ha privacy. La possibilità di impostare il dispositivo di scorrimento della privacy, a seconda di quale esattamente è necessario per il proprio carico normativo regolare come un problema. Penso che sia molto importante, non esiste una taglia adatta a tutti. Penso che sia fondamentale fornire quel livello di funzionalità nel modo più estensivo possibile in modo che il problema non sia mai limitato”.

Poi aggiunge: “E anche il fatto che stiamo costruendo questo e costruendo il proofcase allo stesso tempo e sia lo stesso team che costruisce entrambi, è anche molto importante. La teca attinge fortemente al protocollo e imposta le richieste. Se dici che, come emittente, devo essere in grado di farlo e il team del protocollo può dire “ok, fico. Questa è una parte della funzionalità a cui non pensavamo, ora la stiamo aggiungendo. Al momento del lancio avremo un protocollo in grado di gestire risorse digitali complesse, ma in pratica è così perché abbiamo costruito la piattaforma e abbiamo costruito il protocollo “.

Cosa significa tutto questo? Quali vantaggi comporta nel concreto Tari? In teoria, i creatori di token potrebbero dimenticare di dover creare strati di strumenti che consentano la privacy per proteggere gli utenti o identificare gli strumenti per mantenere la conformità. I due esempi forniti da Spagni incapsulano perfettamente i due diversi estremi dell’emissione di token.

Non tutto in un gioco come CryptoKitties deve essere rintracciabile. Infatti, considerando la loro crescita di valore, potrebbe essere meglio se alcune di quelle informazioni fossero oscurate, per la sicurezza dei suoi proprietari. Qualsiasi menzione della privacy deve venire con la spiegazione obbligatoria sul perché quella privacy dovrebbe essere importante per le persone che non usano esso per comprare droga o finanziare il terrorismo. Se si acquista qualcosa con denaro contante, non esiste una registrazione pubblicamente disponibile di tale transazione.

Anche se acquisti con una carta di credito, ci sarà un record da qualche parte, ma non sarà disponibile pubblicamente. Lo stesso dovrebbe valere per gli oggetti digitali da collezione. Ciò che è importante per tutti i soggetti coinvolti è sapere “quanti di X sono in circolazione”, non chi possiede ognuno di loro. E far sapere al mondo che hai una collezione di CryptoKitties estremamente preziosi potrebbe non essere buono per la tua sicurezza.

Ma spostando oggetti collezionabili, ci sono ragioni per cui vorresti meno privacy, anche senza lo spettro della SEC che vigila su tutto. In una società quotata in borsa, gli investitori potrebbero trovare utile sapere quanti titoli (o in questo caso, quanti token) il consiglio di amministrazione possiedono. Lo scorso anno, Intel ha rivelato che la CPU aveva alcuni importanti difetti di sicurezza, cosa che alla fine avrebbe si chiamano gli exploit Spectre e Meltdown. Quello che è meno noto è che nei mesi precedenti, il CEO di Intel ha venduto un sacco di titoli Intel.

Mentre quella informazione è venuta fuori nei media grazie alle leggi sulla divulgazione delle società pubbliche. Con un token Tari che aveva le sue impostazioni sulla privacy sintonizzate in un certo modo, sarebbe potuto uscire prima e in modo verificabile. Le impostazioni sulla privacy non sono l’unica caratteristica di Tari. Con il coinvolgimento di Spagni, non è una sorpresa che avrebbe le più robuste funzionalità di privacy di tutti i protocolli token.

Detto questo, hanno anche riunito una squadra impressionante. Oltre a Fluffy Pony, i co-fondatori di Tari includono Naveen Jain, che ha costruito diverse compagnie di successo nel settore dell’intrattenimento e che era uno dei primi miners di Monero, e Dan Teree il fondatore di Ticketfly, che è stato acquistato da Pandora per $ 450 milioni.

E il loro focus è davvero sull’esperienza utente. Come Spagni spiega: “La sfortuna è che le persone con talento UX lavorano spesso a progetti abbastanza soft in cui è facile astrarre le cose. Sono sviluppatori incredibili e completamente terribili in UX. Quindi stiamo cercando di trovare un modo per fare entrambe le cose. “

UX e UI di Tari saranno cruciali per il suo successo. Ethereum è decollato quando è diventato significativamente più facile lanciare i propri token. Nient’altro che Tari avrà importanza a meno che l’utente finale non abbia un’esperienza piacevole. Ciò vale per tutto, dall’acquisto, alla vendita e alla navigazione di token fino alla creazione di uno da zero.

Con l’esperienza di Teree è facile immaginare che Tari sia abituato alla vendita di biglietti o al mercato della rivendita. Ma nessuno lo userà per comprare i biglietti per i concerti se devono aprire la linea di comando e inserire una mezza dozzina di comandi per assicurarsi che i loro biglietti siano nei posti che vogliono. Ma con un serio impegno per l’esperienza dell’utente, la sicurezza della blockchain Monero e impostazioni di privacy innovative che vanno al di là di ciò che abbiamo visto nel mondo criptato, ha una reale possibilità di diventare la prossima grande cosa.

Sfortunatamente, è una via d’uscita. La stima del rilascio da parte degli sviluppatori è ancora a due anni di distanza. E il team deve mantenere le sue alte promesse. Spagni ha l’esperienza nel mercato Crypto per prenderlo sul serio. Monero ha già preso la corona della privacy dal suo predecessore CryptoNote, ByteCoin, e ora ha trasformato i suoi punti di vista su Ethereum con un protocollo potenzialmente più robusto.

Basterebbe questo per superare l’effetto di rete di Ethereum? Il tempo lo dirà. Occorre infine dire che il team Tari non sta raccogliendo fondi pubblici. Non sta lanciando un ICO con sconti assurdi o programmi in stile schema Ponzi. Hanno raccolto fondi privati per avviare lo sviluppo, ma il resto di noi dovrà solo aspettare e vedere quale sarà il risultato finale.

Ethereum, occhio anche a Cardano (ADA)

Ci sono stati cambiamenti nel mondo delle criptovalute ed è risaputo che nessuna moneta è incrollabile. Le principali criptovalute Bitcoin [BTC] ed Ethereum [ETH] dovranno prestare la loro posizione eminente alla criptovaluta principale. Attualmente, Cardano [ADA] detiene il settimo posto di negoziazione al prezzo di $ 0,241 con una diminuzione del 6,55% nelle ultime 24 ore come riferisce CoinMarketCap.

Cardano [ADA] si è ripresa dall’azione ribassista della scorsa settimana, ancora salendo i prezzi a un millesimo di secondo nonostante il crollo del mercato. Bitcoin [BTC] detiene la posizione numero 1 nel valore mondiale della criptovaluta con una capitalizzazione di mercato di oltre $ 143 miliardi che è scambiato ad un prezzo di $ 8.307,73. C’è stata una diminuzione del 2,39% nelle ultime 24 ore al momento della scrittura. Il trading di Ethereum [ETH] al prezzo di $ 690,13 con un valore di capitale di mercato di oltre $ 68 milioni detiene la seconda posizione nel mercato globale della criptovaluta.

Ethereum ha registrato un calo del 3,57% nelle ultime 24 ore secondo CoinMarketCap. Charles Hoskinson, l’amministratore delegato di Cardano è pieno di ottimismo per la sua moneta. Crede davvero che Cardano supererà entrambe le principali criptovalute del mondo, Bitcoin [BTC] ed Ethereum [ETH] in un anno. Avendo un volume di trading superiore a $ 116 milioni e un valore di capitalizzazione di mercato di circa $ 6 miliardi con un’offerta circolante di 25.927.070.538 ADA.

Cardano piuttosto giovane rispetto alle altre criptovalute leader, compensa con le sue caratteristiche uniche relative alla sua tecnologia blockchain. Cardano [ADA] è supportato anche da 3 entità, la Fondazione Cardano, Input-Output Hong Kong [IOHK], e Emurgo, una società con sede in Giappone e Hong Kong.

Charles Hoskinson dice fieramente: “Secondo voi qualcuno è degno delle sue posizioni nella capitalizzazione di mercato? Bitcoin è pubblicizzato come un sistema di pagamento e un mezzo di scambio, e quindi chiunque abbia mai provato a usarlo per questo, ha riscontrato un miserabile fallimento. Di solito smettono di prenderlo, o trovano il modo di prendere denaro, e attraverso una struttura creativa come quella che ha fatto Bitpay. Ethereum afferma di essere un computer mondiale, ma poi CryptoKitties lo spezza”.

Guardando l’elenco dei grafici complessivi, Bitcoin è stato il primo token sul mercato, tuttavia, non è stato in grado di gestire la capacità dei dati raccolti, mentre la complessità dell’elaborazione delle informazioni di base è stata lenta. Poi è arrivato Ethereum [ETH], che era una tacca più alta rispetto a Bitcoin poiché utilizzava un deposito di dati contrattuali.

Sebbene più avanzato rispetto al Bitcoin [BTC], Ethereum [ETH] non era superiore in quanto si elabora con un modello a singolo strato per lo storage delle informazioni. Invece [ADA] ha introdotto il suo modello di elaborazione dati di tipo multistrato. L’obiettivo finale di Cardano [ADA] è quello di portare a bordo i clienti commerciali che Bitcoin [BTC] ed Ethereum [ETH] non possono elaborare. Con il rilascio delle sue ultime funzionalità, Cardano [ADA] ha avuto i primi portafogli crittografici sempre funzionanti sul mercato chiamato Daedalus. È facile da usare e semplice da scaricare.

Insomma, Hoskinson è certo che Cardano supererà Bitcoin ed Ethereum entro un anno. Comunque, mentre i tori e gli orsi hanno il loro scontro sul mercato, è giunto il momento per noi di aspettare e vedere chi si leverà e chi si fermerà.

La Cina incorona Ethereum migliore criptovaluta

Il CCID (China Electronic Information Industry Development Institute) ha appena pubblicato la propria valutazione di oltre 20 criptovalute. I maggiori esperti di criptovalute cinesi si sono riuniti per valutare le valute digitali che hanno soddisfatto i loro criteri in cinque punti.

Il rating delle criptovalute scelte si concentrava principalmente sul loro livello di applicazione, sugli indicatori tecnici di base e sull’innovazione. Anche se Ethereum è il più alto nel suo indice totale, Steem viene in primo luogo solo sugli indicatori tecnici di base. Il CCID considera NEO avere la massima applicabilità e Bitcoin come il più innovativo.

  1. Ethereum
  2. Steem
  3. Lisk NEO
  4. Komodo
  5. Stellar
  6. Cardano
  7. IOTA
  8. Monero
  9. Stratis
  10. Qtum
  11. BitShares
  12. Bitcoin
  13. Verge
  14. Waves
  15. Ethereum Classic
  16. Ripple
  17. Dash
  18. Siacoin
  19. Bytecoin
  20. Litecoin
  21. Ark
  22. Zcash
  23. Nano
  24. Bitcoin Cash
  25. Decred
  26. Hshare
  27. Nem

A parte Ethereum, dunque, le big si trovano tutte dal dodicesimo posto in giù. Addirittura anche Bitcoin. Le quali, evidentemente, a differenza di Ethereum, non si sono particolarmente aggiornate. Un’altra cosa poi balza all’occhio: tra tutti i brevetti blockchain, solo una valuta digitale cinese è stata inserita nell’elenco: NEO. L’elenco è popolato da valute estere verso la Cina, provenienti da tutte le diverse parti del mondo.

Il CCID ha anche deciso di rilasciare una valutazione pubblica ogni mese. Non è stato ancora chiarito se rivaluteranno ogni valuta mentre progrediscono, o se tenteranno di valutare tutte le valute esistenti. Come ha fatto recentemente il Wall Street Journal agli ICO. Lo scopo di questa valutazione è di fornire una traccia tempestiva dell’innovazione blockchain, comprendere gli effetti dello sviluppo tecnologico sulla società e contribuire a promuovere l’applicazione blockchain.

Il CCID ha riunito una squadra con le figure più importanti della Cina nel mondo delle criptovalute: Sun Yi della Chinese Academy of Sciences, Prof. Chen Zhong della Peking University, Blockchain expert Li Jiang and Prof. He Rusha of Beijing University of Technology..

Tutte le criptovalute devono soddisfare 5 punti:

  • le criptovalute devono avere una propria blockchain indipendente
  • gli utenti devono poterle estrarre o creare nodi pubblici
  • deve esserci un browser a blocchi aperti
  • il suo codice deve essere open source
  • deve esserci una homepage con i contatti che l’istituto può poter raggiungere

Ethereum è attualmente la seconda più grande criptovaluta disponibile e il numero uno nell’Indice Pubblico stilato da CCID. La sua piattaforma decentralizzata consente agli utenti di creare i propri Smart Contracts e token digitali. CryptoKitties ed EOS sono grandi esempi di token basati su Ethereum.

NEO sembra essere per Ethereum, ciò che Ali Baba è per Amazon. Il più grande vantaggio del progetto cinese su Ethereum è la loro Smart Economy. Questa funzionalità consentirà di digitalizzare le risorse fisiche così protette all’interno della blockchain del NEO. Questo potrebbe essere il motivo per cui NEO si è classificata al primo posto nell’applicabilità.

Streemit è arrivata prima per gli indicatori tecnologici di base. La sua piattaforma è simile a Medium, nel senso che chiunque può candidarsi e diventare un editore. La principale differenza tra loro due è che Steemit monetizzerà tutte le interazioni da tutti i lettori. Medium pagherà i suoi autori solo se ottengono l’impegno dai membri dei pagamenti sulle storie dei loro membri.

Non sorprende che Bitcoin abbia invece vinto il primo posto nell’innovazione. Dopo tutto, se non fosse stato per Bitcoin, probabilmente non ci sarebbe un indice pubblico cinese. Anche se è la prima valuta digitale e il più ampiamente accettato come sistema di pagamento, non può competere con le applicazioni di Ethereum o NEO.

Ico Ethereum nel mirino della SEC?

I prezzi di Ethereum sono stati colpiti martedì dopo un rapporto secondo cui i regolatori stanno valutando se questa e altre criptovalute debbano essere trattate come titoli.

Sia le materie prime statunitensi che gli organismi di sorveglianza dei titoli si stanno chiedendo se le stesse regole per gli stock dovrebbero applicarsi a queste valute digitali, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal martedì. Fino ad ora, le criptovalute non sono state coinvolte in una più ampia repressione da parte della Securities and Exchange Commission quest’anno.

La creazione della criptovaluta nel 2014 è stata “probabilmente una vendita illegale di titoli” agli occhi di alcuni regolatori, afferma il Journal, citando persone che hanno familiarità con la questione.

Ether, che ha una capitalizzazione di mercato di circa 65 miliardi di dollari, è calata di circa il 6% martedì e si trovava vicino a $ 652, secondo i dati di CoinMarketCap.com. L’analisi si basa sul fatto che i fondatori di valute virtuali diverse dai bitcoin hanno alcun controllo sul loro valore. Journal riferisce che due manager federali hanno applicato definizioni diverse a ciò che è esattamente una criptovaluta.

La Commodity Futures Trading Commission li ha etichettati come materie prime, il che significa che sono esenti dalla regolamentazione SEC. D’altro canto, la SEC ha indicato di vedere le criptovalute come titoli. A marzo, l’agenzia ha dichiarato di voler applicare le leggi sui titoli a tutti gli effetti, dagli archivi di criptovaluta alle società di archiviazione di asset digitali note come portafogli.

Secondo quanto riferito dal Journal, i funzionari Senior SEC e CFTC hanno in programma di discutere la questione. La fondazione Ethereum ha raccolto oltre 31.000 bitcoin a luglio 2014, per un valore di circa $ 18,3 milioni al momento, quando ha venduto per la prima volta i primi 60 milioni di etere.

Poiché gli investitori stavano ipotizzando che il lancio avrebbe comportato un aumento del valore delle attività, l’accordo assomigliava a una sicurezza, ha affermato il Journal. Ethereum è il nome della società che ha creato l’ether token digitale. La società ha creato una piattaforma per applicazioni basate su blockchain, la stessa tecnologia alla base del bitcoin.

Ether è stato lanciato per la prima volta tramite uno sforzo di raccolta fondi per sviluppare la piattaforma. Un consorzio chiamato Enterprise Ethereum Alliance, che comprende aziende come Microsoft e J.P. Morgan, sta sviluppando gli usi per la blockchain di Ethereum.

Ethereum, EIP 999 in arrivo?

Ethereum sembra essere ad un bivio importante per la sua direzione tecnica. Almeno, ciò è quanto si evince da una riunione dei migliori sviluppatori di Ethereum alla fine della scorsa settimana, dove una discussione su una proposta di codice controversa chiamata EIP 999 ha portato alcuni a ipotizzare che lo scenario sia ora una possibilità.

In effetti, ora si ritiene che la proposta, che cerca una soluzione tecnica che restituisca 264 milioni di dollari in fondi persi, sia così controversa, alcuni utenti potrebbero scegliere di optare per una nuova versione del codice. A favore della proposta quanti puntano a risolvere le frequenti perdite di ether a causa di contratti con bug, sostenendo che la piattaforma dovrebbe garantire gli utenti contro tali errori evitabili.

Dall’altra parte, molti avvertono che la modifica del codice dopo la distribuzione potrebbe danneggiare non solo la sicurezza ma anche l’integrità della piattaforma. “È chiaro, indipendentemente da dove la si veda, che il problema sia abbastanza discutibile che se EIP 999 va avanti rischia di comportare una fork difficile e controversa” sostiene lo sviluppatore del browser Mist di Ethereum, Alex Van de Sande, durante l’incontro del 20 aprile.

“È inevitabile che si crei una scissione”, ha continuato. Ancora, è importante notare la dimensione e l’influenza dei suoi sostenitori. A guidare la modifica del codice, ad esempio, è Parity Technologies, la società di software ethereum dietro il portafoglio che è stata colpita dal congelamento del fondo.

Fondata dal co-fondatore di Ethereum Dr. Gavin Wood nel 2015, Parity è il secondo software ethereum più popolare, utilizzato da quasi un terzo della rete. Durante la riunione, due rappresentanti di Parity, l’addetto alle comunicazioni Afri Schoedon e il co-fondatore e CEO della società Jutta Steiner, hanno invitato gli sviluppatori clienti ad andare avanti con le versioni del software equipaggiate con EIP. “Per me, il passo più logico da fare è implementare EIP 999, e non vedo perché aspettano altre quattro settimane per concludere”, ha detto Schoedon.

Stephen ha fatto eco a ciò, sottolineando che l’implementazione del codice non lo fa e necessita di una divisione. Tuttavia, c’era notevole disaccordo sull’affermazione. Péter Szilágyi, il principale sviluppatore di Geth, il software ethereum guidato da Ethereum Foundation che serve la maggior parte degli utenti, non è d’accordo, affermando che se il codice è reso disponibile è probabile che crei una divisione controversa.

Szilagyi sostiene: “Stiamo parlando delle stesse reti e stiamo iniziando fondamentalmente una guerra tribale, non credo che raggiungeremo un consenso”.

E la discussione, anche se informale, mostra che i due più grandi software concorrenti di ethereum sono disposti a confrontarsi sulla questione, uno sviluppo che potrebbe rivelarsi notevole in futuro. Tornando indietro, però, è importante capire come Parity e Geth lavorino insieme.

Ogni software comunica direttamente con la macchina virtuale ethereum, che prende il linguaggio del contratto intelligente e lo traduce in codice più generale, ma Parity e Geth lo fanno in diversi linguaggi di programmazione. Tenendo il passo con lo sviluppo dell’altro, entrambi i software rimangono sincronizzati e attivi la stessa blockchain non solo l’una con l’altra ma anche con ethereum in senso più ampio. Come tale, è fondamentale che Geth e Parity contengano lo stesso codice.

Se, ad esempio, un team implementa EIP 999 e l’altro no, la blockchain potrebbe fratturarsi in due gruppi divergenti. Quindi due ethereum. E proprio come gli sviluppatori delle implementazioni software sono divisi, così gli utenti di ethereum. Un recente voto di ether ha mostrato che una maggioranza di persone era contraria al cambiamento di codice, ma che il metodo di voto è stato oggetto di molte critiche.

Altri sviluppatori stanno contattando i social media per aiutarli a valutare il consenso della comunità, ma fino ad ora, la ricerca rimane inconcludente. Perciò, Parity Steiner ha detto che la società “non aveva ancora deciso” se implementare il cambiamento. Ma i rappresentanti dell’azienda hanno detto a CoinDesk che pubblicherebbe una dichiarazione nei prossimi giorni. Quello che è noto, però, è che senza Parity, Ethereum avrebbe perso un bel po’. Non solo la società fornisce una porzione significativa del potere del mining che protegge le transazioni sulla rete, ma rappresenta anche una grande porzione della comunità di sviluppatori di ethereum.

Parlando di questo e della spinta di Parity verso l’hard fork in modo da recuperare i fondi degli utenti, Van de Sande ha detto a CoinDesk: “La Parity è un prezioso team di sviluppatori e hanno un grande incentivo a creare una fork e supportarla”.

Ma anche con un incentivo ad andare avanti con l’implementazione, ci sono molti disincentivi. Il primo, se si verifica una spaccatura su ethereum, non avrà un impatto solo sulle transazioni, ma anche sulle migliaia di token e imprese costruite sulla cima della blockchain, riferisce Van de Sande in un post sul blog. Seguendo una divisione, ogni contratto ethereum coesisterà simultaneamente su entrambe le blockchain, o come descritto metaforicamente da Van de Sande: “Se possiedi rari gatti online, ora ognuno di loro avrà un gemello malvagio in una universo parallelo.”

Parlando con CoinDesk, Van de Sande ha detto: “Il caso migliore per uno split è quello in cui la minoranza fork è una community molto piccola e la maggior parte delle app sa da che parte andare, ma potrebbe comunque creare una comunità contraddittoria. “Tuttavia, c’è la speranza di disincentivare la Parity di andare avanti senza il pieno consenso, ha detto. Se si verifica una divisione, è probabile che entrambe le blockchain ethereum perderanno valore mentre la comunità si divide in due gruppi. Ciò significa che i soldi persi a causa del congelamento del fondo Parity diminuiranno di valore. “Dato che c’è così tanto ether bloccato, questo può ammontare a milioni di dollari”, ha detto Van de Sande.

“Quindi potrebbero non essere così incentivati a concretizzare la Fork”. Tuttavia, ciò non elimina ancora il problema che centinaia di milioni di dollari di ether siano bloccati (compresi alcuni emittenti ICO di alto profilo). Van de Sande sta lavorando su un metodo per rimborsare le perdite di Paruty con lo stesso valore di quanto perso nel congelamento del fondo, anche se non entra nei dettagli.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY