Ethereum, 250 milioni di euro immessi nel mercato immobiliare tedesco

L’Autorità federale di vigilanza finanziaria tedesca (BaFin) ha approvato un’obbligazione immobiliare a base di Ethereum per la società emittente di security Fundament Group.

La società ha annunciato la notizia in un comunicato stampa condiviso con Cointelegraph il 23 luglio. Il prestito obbligazionario garantito da un portafoglio di proprietà nelle principali città tedesche con un volume emesso di 250 milioni di euro. Secondo quanto riferito, la soluzione della società sfrutta strumenti finanziari standardizzati e regolamentati per costruire un’attività supportata da beni immobili che può essere negoziata in tutto il mondo indipendentemente dalle banche.

La società spera che il progetto porti più liquidità nel settore immobiliare tradizionalmente un mercato illiquido. Inoltre, questo è anche il primo token di sicurezza supportato da proprietà immobiliari approvato da BaFin.

Florian Glatz, cofondatore del Fundament Group, ha commentato lo sviluppo, dicendo: “Come prima società a ricevere l’approvazione da parte dell’autorità tedesca dei mercati finanziari per un’obbligazione immobiliare basata su blockchain, siamo entusiasti di entrare nel processo di vendita per la sicurezza immobiliare Token, mentre già sta preparando la tokenizzazione di altre attività altamente interessanti.”

La società presumibilmente consente ai suoi clienti di prelevare e depositare fondi in Ether (ETH) ed euro. Infine, il comunicato specifica che l’azienda si concentra su proprietà situate nei principali centri urbani in Germania, tra cui Berlino, Amburgo, Rostock, Jena e Fulda.

Le autorità tedesche hanno anche mostrato apertura verso blockchain e criptovaluta. In una recente dichiarazione, la banca centrale ha osservato che i potenziali benefici di Libra di Facebook non dovrebbero essere soppressi nonostante l’incertezza normativa e i potenziali rischi.

Piattaforme migliori per investire in Ethereum

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>

Ethereum, aumento tasso di inflazione divide comunità

Una nuova proposta per finanziare lo sviluppo di Ethereum aumentando temporaneamente il suo tasso di inflazione ha incontrato una forte resistenza da parte degli sviluppatori della comunità.


L’idea, avanzata nell’EIP-2025 il mese scorso, è stata discussa nella riunione degli sviluppatori centrali di Ethereum del 18 luglio. L’idea propone più ether creato per blocco per un periodo di 18 mesi, con l’aumento progettato per confluire in un’organizzazione di finanziamento.

Ciò a sua volta alimenterebbe lo sviluppo dell’ecosistema Ethereum. Ma è stato ampiamente criticato dai membri di alto profilo della comunità. Il CEO di Spankchain, Ameen Soleimani, che gestisce un meccanismo di finanziamento alternativo (in entrambi i significati della parola) chiamato MolochDAO, è stato tra i detrattori di più alto profilo.

Ritiene che aumentare le ricompense dei blocchi per questo scopo indebolirà la nascita di Ethereum come store di valore. Ryan Adams, fondatore della società di investimento crittografica Mythos Capital, Anthony Sassano, marketing presso SetProtocol, e David Hoffman, capo delle operazioni presso la piattaforma RealT hanno espresso opposizione alla proposta.

Andrew Redden, CTO di Groundhog Pay, ha riassunto il consenso generale della comunità, chiamandolo “Il disastro dell’EIP-2025”. Il principale punto di contesa tra la comunità si concentra su chi ottiene i premi e chi li gestisce per usarli.

Secondo EIP-2025, i premi extra verrebbero prodotti per 18 mesi e poi si fermerebbero. Tuttavia, a differenza dei premi del blocco, i fondi extra non andrebbero ai minatori che proteggono la rete ma a un’organizzazione separata. Ma chi si occuperebbe dei fondi? “Non mi sento di conoscere il modo migliore di organizzare questi fondi”, ha ammesso James Hancock, che ha presentato la proposta.

Ha suggerito di creare un DAO per distribuire i fondi ai progetti giusti, suggerendo che il modo in cui non conta davvero. Purché sia trasparente. La proposta è stata portata all’attenzione di tutti dal ricercatore di prodotti Gnosis Eric Conner. “Sembra che l’EIP-2025 sia seriamente considerato come un EIP per Istanbul”, ha aggiunto. Poi ha dichiarato: “Assolutamente assurdo! Questo non può accadere.”

Ma c’è un altro fronte: un nuovo DAO per risolvere Ethereum, ma sembra tutto tanto rumore per nulla. Osservando le note della riunione dei principali sviluppatori di Ethereum, la proposta non è stata anccora discussa.

Il richiamo dello sviluppatore era solo quello di rimuovere i progetti che non avevano un client di riferimento (il che aiuta a implementarlo) – o per una buona ragione – al fine di restringere l’elenco delle proposte.

“Non c’è nulla nelle note per suggerire che ciò sia preso in seria considerazione. L’unico riferimento ad esso è assolutamente neutro e fatto dall’autore della proposta”, ha sottolineato lo sviluppatore Udi Wertheimer, aggiungendo: “Anche io so che questa proposta non ha alcuna possibilità di essere accettata”.

Il browser mobile di MetaMask ci offre un assaggio del futuro di Ethereum

Il wallet Ethereum MetaMask ha rilasciato ieri una versione beta privata del suo prossimo browser mobile, dando agli sviluppatori la possibilità di fornire feedback. Il browser mobile consentirà agli utenti di accedere alla blockchain di Ethereum, archiviare fondi e utilizzare applicazioni decentralizzate o dapps.

Questa è una versione mobile del portafoglio MetaMask desktop, che consente allo stesso modo agli utenti di interagire con la blockchain di Ethereum.

Attualmente la versione desktop ha oltre 1,3 milioni di utenti e registrato 1 milione di transazioni nel solo aprile 2019. Ma i critici del browser – e di Ethereum – spesso indicano rallentamenti delle transazioni e costi elevati, soprattutto quando si effettuano grandi quantità di transazioni.

Sebbene non sia univoco per MetaMask, ha portato a un minor utilizzo dapp attraverso la rete, spingendo gli sviluppatori di Ethereum a iniziare un percorso di 5-10 anni verso la creazione di una rete più scalabile. Ma MetaMask pensa di avere una soluzione.

Come sottolineato dal ricercatore di prodotti Eric Conner su Twitter, il browser mobile di MetaMask utilizzerà la Dai Card di Connext Network per offrire un servizio chiamato InstaPay, per transazioni veloci e gratuite.

Connext Network è quella che viene chiamata infrastruttura di secondo livello ed è progettata per rendere Ethereum più scalabile senza modificare il codice sottostante della rete. Utilizza i canali di stato per effettuare transazioni più veloci ed economiche, in modo simile a come funziona Lightning per la rete Bitcoin.

InstaPay verrà eseguito utilizzando i canali di pagamento della rete Connext. I pagamenti saranno immediati, soprattutto rispetto ai 14 secondi necessari per il completamento delle transazioni su Ethereum, e saranno gratuiti. Il denaro sarà detenuto in DAI, uno stablecoin ancorato al dollaro USA ma sostenuto da riserve di ether. Allo stesso modo in cui funziona MetaMask, gli utenti avranno il controllo delle proprie chiavi private, quindi avranno il controllo sui propri soldi.

I trasferimenti possono essere effettuati ad altri indirizzi DAI, incluso chiunque utilizzi anche il browser mobile di MetaMask o la scheda DAI (come si chiama il servizio autonomo). Al momento, la carta DAI e IntsaPay consentono solo una partecipazione massima di $ 30 e un valore di pagamento massimo di $ 10: questi verranno aumentati una volta usciti dalla modalità di test. Ma c’è un leggero inconveniente.

Connext Network è un portafoglio non detentivo, il che significa che controlli le chiavi dei tuoi fondi, ma non è ancora decentralizzato. Mentre Connext. che gestisce l’unico nodo pubblico, rendendo difficile per l’azienda effettuare transazioni false, può censurarle.

Sebbene non sia perfetto, fornisce un assaggio di come Ethereum potrebbe funzionare nel prossimo futuro: la blockchain principale funge da strato sicuro per transazioni di grandi dimensioni mentre i pagamenti più piccoli, gestiti da aziende come InstaPay, siederanno al secondo livello. Ciò ridurrebbe il carico su una blockchain principale già in difficoltà , aprendo allo stesso tempo le applicazioni finanziarie decentralizzate o DeFi. Cioè, se qualcosa esce dalla modalità beta.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY