Ethereum, crollo dell’11% ma arrivano interessanti novità

I mercati criptografici hanno visto un forte calo il 18 settembre, con Bitcoin (BTC) in calo di $ 200 e capitalizzazione di mercato in calo a $ 192 miliardi in poche ore. Al momento della scrittura, 93 su 100 top criptovalute per capitalizzazione di mercato sono in rosso, mentre le perdite tra le prime 20 monete raggiungono oltre il 10 percento, secondo CoinMarketCap.

Bitcoin (BTC) è in calo di circa il 3,5% nelle ultime 24 ore, non avendo mantenuto il supporto di $ 6,500, con il suo prezzo in calo di quasi $ 200 entro cinque ore. Al momento della scrittura, la principale criptovaluta è scambiata a $ 6,283.

Ethereum (ETH) ha subito la maggior parte delle perdite tra le prime 10 monete per capitalizzazione di mercato, in calo di quasi l’11% nel corso delle 24 ore, scendendo al di sotto del prezzo di $ 200 in un’ora. L’altcoin più importante è scambiato a $ 197 al momento della scrittura, perdendo i guadagni settimanali, in calo di circa lo 0,6 percento negli ultimi 7 giorni.

La capitalizzazione totale è di nuovo scesa sotto i $ 200 miliardi, attualmente pari a $ 192 miliardi dopo un massimo intraday di oltre $ 204 miliardi. Il dominio di Bitcoin come percentuale della capitalizzazione di mercato ha visto un aumento dal 55,5% a 56,4 al momento della scrittura.

Tra gli altcoins, EOS e VeChain (VET) hanno visto alcune delle maggiori perdite nelle ultime 24 ore, in calo del 10,29 e del 10,47%. La quinta top criptovaluta per capitalizzazione di mercato, EOS è ora scambiata a $ 4,88, l’IFP, l’ultimo nella top 20 delle monete, è scambiato a $ 0,0127. Recentemente, il tenente generale del governo di Dubai, Dhahi Khalfan Tamim, ha suggerito che le valute digitali ” presto “rimpiazzeranno il contante, sostenendo che l’unico ostacolo all’adozione tradizionale del settore è la mancanza di consapevolezza pubblica e politiche di prevenzione di attività illecite.

Con questo, il capo delle relazioni regolatorie di Ripple per le aree Asia-Pacifico e Medio Oriente ha dichiarato oggi che i beni crittografici e la tecnologia blockchain viene ora affrontata in modo più olistico dai responsabili politici globali.

Ethereum, Bitfinex lancia la versione definitiva di Ethfinex

Dopo essere stato in fase beta per oltre un anno, Ethfinex, il portale ibrido di Ethereum, ha annunciato il lancio ufficiale in un comunicato stampa. Ethfinex è una piattaforma on-chain che consente il trading istantaneo di oltre 57 token basati su Ethereum senza fare affidamento su un intermediario centralizzato. “Introduciamo Ethfinex Trustless, una soluzione commerciale basata su Ethereum che mette la sicurezza, la privacy e il controllo nelle mani dell’utente”, ha annunciato Ethfinex oggi.

Parlando della questione, Will Harborne – Direttore delle operazioni di Ethifinex – ha dichiarato: “Oggi rappresenta il culmine di una fase prolungata di duro lavoro e dedizione alimentata dalla nostra visione di una piattaforma commerciale decentralizzata e governata dalla comunità. Siamo oltremodo entusiasti di sfruttare Ethereum per offrire agli utenti di tutto il mondo un’esperienza di trading sofisticata e senza troppa fiducia e per estendere ulteriormente i confini dello scambio decentralizzato”.

Secondo quanto riferito, la piattaforma ibrida vede già un volume scambiato giornalmente di $ 70 milioni. Ethfinex consente il trading attraverso soluzioni come MetaMas, Trezor, Keystore e altri. È una piattaforma su blockchain che, presumibilmente, elimina le preoccupazioni associate agli scambi centralizzati.

A luglio, Vitalik Buterin ha criticato ampiamente gli scambi centralizzati di criptovalute, dicendo, senza mezzi termini, che spera che “brucino all’inferno il prima possibile”.

Secondo Harborne, la nuova piattaforma on-chain introdotta da Bitfinex tenta di affrontare tali preoccupazioni: “eliminando la serie di preoccupazioni associate alle attuali entità centralizzate, Ethfinex mira a potenziare una nuova era del commercio di beni digitali che dà la priorità ai controlli che gli individui hanno su sicurezza, privacy e liquidità della loro esperienza di trading. Siamo impegnati a mostrare il potere di soluzioni di trading decentrate e senza fiducia come questo entusiasmante viaggio continua”.

Ethereum, singolare incontro tra Elon Musk e Jackson Palmer

Come probabilmente saprai, gli scambi di criptovaluta sono diventati un problema dilagante nei canali dei social media di questo settore, con migliaia di account Twitter fraudolenti che fanno del loro meglio per mettere le mani su una crittografia di proprietà dei consumatori. Questo problema ha persino spinto Elon Musk a discutere apertamente questi “Etherio scambots”, come li chiama in diverse occasioni.

Più recentemente, domenica sera, il CEO di Tesla e SpaceX ha etichettato Jackson Palmer, il creatore di Dogecoin e un noto commentatore di sviluppatori e criptovaluta, in un tweet relativo al problema dello scambio.

Il noto imprenditore ha scritto: “@ummjackson se puoi aiutare a sbarazzarti dei noiosi spammer truffatori, sarebbe molto apprezzato”.

In altre parole, Musk essenzialmente ha rincusato Palmer per chiedergli di sviluppare una soluzione per sbarazzarsi dei “fastidiosi truffatori di spam”, che hanno preso di mira i tweet di Musk in massa negli ultimi mesi. Rispondendo immediatamente, come si farebbe se il CEO di Tesla ti taggasse, lo sviluppatore di Adobe chiese a Musk di contattarlo direttamente per ulteriori informazioni. Palmer ha anche accennato al fatto che ha già creato uno script che dovrebbe risolvere completamente il problema ed è “breve, semplice, e basta eseguirlo con cron da qualche parte”.

Dopo una breve discussione a porte chiuse tra i due, Palmer è tornato su Twitter per dare un aggiornamento sulla situazione. Il creatore di Dogecoin ha notato che Elon aveva ricevuto lo script, il che ha scatenato una conversazione su come Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter, insieme al team della società di social media di San Francisco, potesse automatizzare le soluzioni anti-scambot e risolvere il problema alla loro fine.

Anche se questo potrebbe non indicare che Musk sta facendo un’incursione nelle criptovalute, è stato comunque un evento interessante, poiché è probabile che sia stata la prima volta che il CEO di Tesla è entrato in contatto con uno di loro. Speriamo solo che ci sia stata una discussione riguardo a criptovalute e blockchain tra Musk e Palmer. Seguendo questo evento inaspettato, la comunità di criptovaluta ha avuto una giornata campale con quello che era appena successo, con molti che esprimevano la loro eccitazione, incredulità e confusione.

LauraCrypto ha scritto: “Non tutti i giorni puoi ottenereil supporto IT di Elon Musk!” Un altro utente di Twitter ha approfittato per fare una battuta sull’argomento, scrivendo: “In celebrazione di questo grande exchange, sto dando via il Bitcoin gratuito alle prime 10 persone che mi danno i loro dettagli bancari, il nome dell’animale domestico e il nome da nubile della madre.” Scherzi a parte, è chiaro che questo calo di nome è stato una sorpresa per Jackson Palmer e per la comunità di criptovalute, visto che non tutti i giorni Elon Musk, l’imprenditore leader a livello mondiale, ti contatta e chiede il tuo aiuto.

SEC cambierà parere su Ethereum?

Una nuova dichiarazione è stata rilasciata dal presidente della Securities and Exchange Commission (SEC), Jay Clayton, ad alcuni all’interno della comunità della criptovaluta che si chiedevano se l’agenzia potrebbe cambiare la sua opinione su Ether – la valuta nativa di Ethereum – dato che un alto funzionario in precedenza ha detto che non dovrebbe essere regolamentata come security.

Clayton, un responsabile di Trump che ha guidato la SEC dal 2017, ha scritto in un avviso pubblicato sul sito web dell’agenzia la settimana scorsa che mentre i dipendenti della SEC sono autorizzati a fornire indicazioni alle parti interessate del settore su come le normative si applicano a circostanze specifiche, questa guida non è vincolante e crea “Nessun diritto legale applicabile”.

“La posizione di vecchia data della Commissione è che tutte le dichiarazioni del personale non sono vincolanti e non creano diritti o obblighi esecutivi della Commissione o di altre parti.” Clayton ha inoltre dichiarato di aver comunicato con i direttori di varie divisioni della SEC a comunicano che dovrebbero sottolineare questa distinzione al loro personale, e ha aggiunto che i funzionari rivedranno se le dichiarazioni precedenti del personale debbano essere modificate o annullate.

Ha detto: “Più in generale, le nostre divisioni e uffici, inclusi ma non limitati alla divisione delle finanze della corporation , la divisione di gestione degli investimenti e la divisione di trading e mercati, sono stati e continueranno a riesaminare se dichiarazioni del personale e documenti dello staff precedenti debbano essere modificati, revocati o integrati alla luce di sviluppi di mercato o di altro genere.”

Il fattore più immediato per la dichiarazione di Clayton sembra essere stata la decisione della divisione SEC della gestione degli investimenti di annullare originariamente le linee guida del personale emesso nel 2004 attraverso il ritiro formale delle lettere rilasciate a due ditte di consulenza per procura. La dichiarazione di Clayton è stata rilasciata poco prima che l’agenzia annunciasse di aver ritirato le lettere di orientamento e, nello stesso giorno, ha affrontato la questione durante le osservazioni preparate fornite al Comitato consultivo degli investitori.

Tuttavia, gli osservatori all’interno dell’industria della criptovaluta hanno rapidamente iniziato a chiedersi se la dichiarazione del presidente Clayton abbia implicazioni più ampie, inclusa l’etere, la seconda più grande criptovaluta, che un funzionario della massima agenzia ha dichiarato all’inizio di quest’anno non è una sicurezza sotto la legge degli Stati Uniti.

Il Direttore della SEC Corporation Finance William Hinman ha dichiarato a giugno al vertice di Yahoo Finance All Markets: Crypto che, mentre opera attualmente, ether è “altamente decentralizzato”. Di conseguenza, ha affermato: “Nel suo stato attuale, non vediamo valore che lo regola” come una security.

In precedenza, Clayton aveva affermato in più occasioni che bitcoin non portava i segni distintivi di una security, ma un funzionario dell’agenzia non aveva fatto affermazioni simili su Ethereum o su qualsiasi altra criptovaluta. Di conseguenza, l’annuncio di Hinman fu considerato un evento monumentale, sia per Ethereum che per il più ampio ecosistema di criptovalute, in particolare dal momento che suggeriva che una risorsa inizialmente distribuita attraverso una prevendita potesse evolvere oltre una classificazione di titoli.

Tuttavia, la nuova affermazione di Clayton sottolinea la realtà spesso trascurata che, sebbene la guida di Hinman possa riflettere la sua opinione come direttore della divisione finanziaria di SEC, non rappresenta necessariamente la posizione ufficiale della SEC – o, soprattutto, la sua divisione di controllo – e potrebbe essere revocata in futuro.

Ethereum Dapp Bancor si sta espandendo su EOS per transazioni veloci e gratuite

Bancor, una delle applicazioni decentralizzate più famose e apprezzate su ethereum, si sta espandendo sulla blockchain EOS. Secondo un annuncio della società, la “rete di liquidità decentralizzata”, che consente agli utenti di negoziare una serie di token basati su etere senza depositare fondi in uno scambio o scambi di corrispondenza in un portafoglio ordini, porteranno tale capacità a EOS.

Il nuovo prodotto cross-chain, denominato BancorX, consentirà agli utenti di scambiare tra determinati token basati su EOS – che devono ancora essere specificati – e tra Token basati su EOS ed ethereum. “Bancor si sta ora trasformando in un protocollo di liquidità cross-chain”, ha spiegato l’azienda nell’annuncio, aggiungendo che ha pubblicato il codice per i contratti intelligenti open source su EOS, consentendo agli utenti di sperimentare protocollo in un ambiente di test.

Non è stata fissata una scadenza per il lancio di BancorX sulla blockchain live di EOS. Spiegando la decisione di lanciare su EOS, l’annuncio di Bancor ha citato le velocità di transazione della rete blockchain, che a più veloce di quella di ethereum, così come la sua mancanza di tasse – in contrasto con le tasse “gas” spesso costose che gli utenti devono pagare per chiamare contratti intelligenti.

Come corollario alla mancanza di tasse, Bancor ha detto che EOS elimina “il rischio operativo”, poiché le transazioni non sono prioritarie in cambio del pagamento di commissioni più alte. Vale la pena notare, tuttavia, che mentre le transazioni EOS sono gratuite per gli utenti, l’implementazione di dapps sulla blockchain può essere costosa per gli sviluppatori, a meno che non scelgano di passare i costi agli utenti.

Una caratteristica di EOS che l’annuncio di Bancor non ha citato, ma che può essere rilevante per l’offerta di Bancor, è la capacità di una maggioranza dei produttori di blocchi della rete – che mantengono la blockchain EOS in un modo analogo ai minatori di ethereum – per invertire efficacemente le transazioni. Mentre i produttori di block non possono cancellare transazioni completate, possono trasferire forzatamente token da un indirizzo all’altro.Nate Hindman, il direttore delle comunicazioni di Bancor, ha negato che questa funzione di EOS abbia influenzato la decisione di espansione di Bancor a quella rete, ribadendo invece i benefici menzionati nell’annuncio della società : transazioni più veloci, zero tasse e resistenza al front-running.

Il congelamento e l’inversione delle transazioni EOS si sono rivelate controverse, poiché molti membri della comunità di criptovaluta considerano l’incapacità di fare queste cose come un nucleo di attrazione dei blockchain. In effetti, molti commentatori hanno reagito negativamente alla decisione dei produttori di blocchi EOS di bloccare le transazioni da un certo numero di account compromessi subito dopo il lancio della rete. Successivamente, l’organismo arbitrale della rete ha ordinato ai produttori di blocchi di congelare ancora più account.

Bank, in modo analogo, è noto per la sua decisione di scrivere la possibilità di bloccare e invertire determinate transazioni nel suo contratto smart ethereum, come lo sviluppatore di criptovaluta Udi Wertheimer in dettaglio in Eyal Hertzog, cofondatore e architetto di prodotto di Bancor, ha difeso queste scelte progettuali, citando il famigerato trucco DAO, che ha visto milioni di fondi sottratti a contratti intelligenti senza alcun modo di fermare il furto. L’incidente alla fine ha portato la comunità ethereum a sborsare la catena per invertire il danno. La Bancor ha sfruttato queste capacità a seguito di una violazione della sicurezza a luglio, quando ha bloccato il trasferimento di 2,5 milioni di token BNT, per un valore di circa $ 10 milioni al tempo.

La compagnia non è stata in grado di prevenire il furto di circa 12,5 milioni di dollari di ether, tuttavia. EOS, al contrario di Ethereum, offre la possibilità di riferire presunti furti all’arbitrato e di far bloccare ai produttori di blocchi il danno attraverso metodi accettati – se controversi – Il protocollo di Bancor è già in uso sulla rete EOS per governare il mercato della RAM, una risorsa necessaria per la creazione di account EOS. Bancor gestisce anche un produttore di blocchi: LiquidEOS.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY