Ethereum cede il secondo posto a Ripple, crolla Bitcoin

Per la prima volta da quanto è nata, Ethereum perde il suo secondo posto come anti-Bitcoin in favore di Ripple. In questo crollo generale che sta colpendo le criptovalute, la creatura di Vitalik Buterin cede così il passo alla criptovaluta considerata più insolita di tutte. Per essere centralizzata e adottata da banche e servizi di money transfer.

Negli ultimi 7 giorni, infatti, Ethereum ha perso il 24% del proprio valore. Mentre Ripple “solo” il 2,5%. Male anche Bitcoin, con un -19%. e così, se Bitcoin mantiene ancora saldamente il primato con una capitalizzazione di mercato di 90.223.611.271 USD e un valore di 5.195,11 USD, Ripple vanta una cdm di 19.976.050.072 USD ed un valore di 0,498889 USD. Ethereum chiude quindi il podio con una capitalizzazione di mercato pari a 16.146.957.269 USD e un valore di 156,30 USD.

Nella Top 10, la criptovaluta che nell’ultima settimana ha patito il crollo maggiore è stata Bitcoin Cash, di quasi il 55%. Pur preservando un buon quinto posto. La causa del crollo è da attribuire all’Hard fork della scorsa settimana, che ha visto nascere, come vedremo, altre due criptovalute.

Sommario

Piattaforme per investire in criptovalute

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Criptovalute in discesa

Bitcoin, insieme ad altre importanti ondate di criptovalute (XRP), ethereum, bitcoin cash, stellar e litecoin, sono tornate a cadere nelle ultime 24 ore quando investitori e trader si preoccupano di un flusso di avvertimenti sul futuro delle criptovalute.

Bitcoin si avvicina rapidamente a $ 5,000 per la prima volta quest’anno, in base ai recenti scambi sulla borsa Bitstamp con sede a Lussemburgo, alimentando i timori che il mercato delle criptovalute sia destinato al collasso. Bitcoin è sceso brevemente a $ 5,050 prima di oggi, prima di rimbalzare un po’ per scambiare intorno a $ 5,100. La capitalizzazione di mercato di Bitcoin è scesa sotto i $ 90 miliardi, in calo da oltre $ 110 miliardi solo due settimane fa. Il prezzo del bitcoin ha perso circa $ 1.500 in termini di valore nelle ultime 24 ore.

Bitcoin è rimasto bloccato in una tendenza al ribasso per tutto l’anno e la guerra civile in contanti bitcoin ha ulteriormente testato il supporto. Il prezzo del bitcoin è sceso da quando una guerra civile in un fork interna, bitcoin cash, ha portato alla criptovaluta più piccola. La quale a sua volta si è scissa nuovamente in due la scorsa settimana. Il bitcoin cash cosiddetto hard fork, una conseguenza degli sviluppatori e dei minatori della moneta non essendo in grado di concordare una direzione per prendere la criptovaluta, ha portato alla creazione di bitcoin ABC e bitcoin SV.

I due continuano a lottare per il dominio, scatenando quella che è nota come una guerra hash, poiché ognuno cerca di prendere il sopravvento nella potenza di calcolo e prendere il controllo della rete di bitcoin. Il bitcoin cash è stato bocciato la settimana scorsa per l’iniziale sell-0ff, cancellando miliardi dal valore di bitcoin, ripple (XRP) ed ethereum, ma ha portato a molti analisti e gruppi che denunciano la natura caotica delle criptovalute e la loro inadeguatezza come valuta e riserva di valore.

La fila ha portato a scambi di bitcoin e criptovaluta che hanno preso decisioni affrettate su come gestire la scissione, con OKEx di Hong Kong, che sostiene di gestire più di $ 1 miliardo di criptovalute al giorno, modificando i termini su $ 135 milioni di contratti derivati senza preavviso, lasciando diversi con perdite secondo Bloomberg e mettendo in evidenza i rischi di utilizzare piattaforme di valuta virtuali non regolamentate.

Scambio di criptovaluta basato su US Kraken nel frattempo ha avvertito gli utenti contro i potenziali rischi del trading di bitcoin SV, scrivendo in un post sul blog che “non soddisfa i soliti requisiti di Kraken” e “deve essere considerato come estremamente elevato- investimento di rischio.

“Dopo il sell-off della scorsa settimana, il prezzo del bitcoin ha trovato supporto a circa $ 5.500, ma ora si è eroso, con bitcoin in calo del 3% nelle ultime 24 ore a $ 5.380, il prezzo più basso dall’ottobre dello scorso anno, secondo CoinDesk tracker dei prezzi bitcoin. Lo scorso dicembre, il bitcoin è stato scambiato a quasi $ 20.000, la scorsa settimana il bitcoin è calato bruscamente, scendendo del 70% circa dal suo picco. L’improvvisa instabilità è stata un duro colpo per coloro che speravano che il bitcoin si stia diffondendo nel mainstream.

Nel frattempo, il ripple, il nome comune per il token digitale XRP, è sceso di oltre il 6%, cancellando i suoi guadagni nelle ultime settimane. Il prezzo ethereum è sceso ulteriormente, perdendo l’8% e rafforzando la posizione di ripple come seconda criptovaluta più grande al mondo, con bitcoin ancora in svantaggio.

Per KPMG criptovalute non ancora pronte per essere classificate valute reali

Il prezzo del bitcoin è scivolato nuovamente nelle ultime 24 ore ai minimi annuali. Del resto, il gigante KPMG la settimana scorsa ha avvertito che bitcoin e altre criptovalute non sono pronte per essere classificate come valute reali e che usare bitcoin come riserva di valore è una “scusa sbagliata”. KPMG ha scoperto che criptovalute e risorse correlate per prosperare hanno bisogno di “istituzionalizzazione”. Qualcosa che molti si aspettano accada quest’anno, ma finora non è riuscito a concretizzarsi, visto che le banche e le istituzioni finanziarie mondiali attendono in prima linea per vedere come si muoveranno le autorità di regolamentazione.

L’istituzionalizzazione è, secondo KPMG, la partecipazione su larga scala di aziende fintech, banche, istituti di pagamento, scambi , broker-dealer e altre entità in un settore. “Una maggiore partecipazione da parte dell’ecosistema dei servizi finanziari più ampi contribuirà a stimolare la fiducia a scala per l’economia tokenizzata e aiutare il mercato criptato a crescere e maturare”, ha detto il capo economista di KPMG, Constance Hunter.

“Considerate per un momento di estendere a una persona o entità un prestito in una criptovaluta”, ha aggiunto Hunter. “Il valore è troppo instabile al momento per garantirne il rimborso, in queste condizioni né i creditori né i mutuatari sarebbero disposti a correre il rischio di effettuare transazioni in criptovalute.” Aggiungendo il sentimento negativo del bitcoin, gli analisti interpellati da Bloomberg hanno previsto che il prezzo del bitcoin potrebbe scendono a $ 1.500, una diminuzione di oltre il 70% rispetto ai livelli attuali. “Ieri sera non ho dormito bene”, ha detto al newswire Travis Kling, fondatore dell’hedge fund Ikigai.

“C’è una piccola possibilità che, è difficile stimare, che qualcosa di veramente brutto possa accadere in relazione a Bitcoin Cash che potrebbe quindi avere un impatto sull’intero mercato della crittografia.” a dirlo è l’analista di Bloomberg Mike McGlone del “mercato orso duraturo” di bitcoin, aggiungendo: “Il recente pump di alcune settimane fa ha ottenuto un po’ troppo il margine del mercato con i lunghi speculativi che giocavano per i bei vecchi tempi.”

In una storia intitolata “Bitcoin’s repeated splits undermine its long-term value”, la giornalista del Financial Times Jemima Kelly, da lungo tempo critica delle criptovalute, ha scritto: “Sotto le leggi della domanda e dell’offerta: qualcosa che può essere replicato all’infinito non deve avere valore a lungo termine. Tuttavia, molte nuove campane e fischietti che hanno messo su di esso, stanno essenzialmente cercando di vendere l’aria calda”. Insomma, per la Kelly, le criptovalute sono sostanzialmente fuffa.

Ethereum, ultimi andamenti prezzo

Le ultime sedute erano per la maggior parte al ribasso sotto i 185 dollari al prezzo ETH rispetto al dollaro USA. In precedenza, la coppia ETH / USD ha recuperato alcuni punti dall’ultimo minimo di $ 165. Il prezzo è stato scambiato sopra i livelli di resistenza $ 175 e $ 178. Si è inoltre spostato al di sopra del livello di ritracciamento di Fib 23,6% del calo recente da $ 205 in alto a $ 165 in basso. Tuttavia, la mossa al rialzo è stata limitata dall’area di resistenza $ 179-180.

Il prezzo è sceso di nuovo sotto $ 175, ma in seguito ha fatto un altro tentativo di cancellare $ 179. Tuttavia, gli acquirenti non sono riusciti a guadagnare forza oltre il livello $ 179 e la media mobile semplice da 100 ore. Inoltre, c’è una chiave che collega la linea di tendenza al ribasso formata con resistenza a $ 178 sul grafico orario dell’Eth / USD. La coppia si sta attualmente spostando più in basso e scambia sotto il livello di $ 170. Al ribasso, un supporto iniziale è di $ 165, al di sotto del quale potrebbe esserci un forte calo verso i $ 160 o $ 158 livelli.

Al rialzo, una rottura superiore a $ 179 potrebbe spingere il prezzo verso $ 185. Rappresenta il livello di ritracciamento del 50% di Fibra del recente calo dal minimo di $ 205 a $ 165. Guardando il grafico, il prezzo ETH è chiaramente in una zona al ribasso sotto $ 175 e $ 179. I venditori potrebbero presto ottenere il controllo al di sotto del livello di supporto di $ 165 per un calo prolungato. Il MACD, infine, sta attualmente guadagnando terreno nella zona ribassista.

Ripple supera Ethereum, ma era prevedibile

La predominanza di XRP su Ethereum [ETH] non è nuova. Nel mese di ottobre, un rapporto pubblicato da Bloomberg Galaxy Crypto ha dichiarato che l’XRP esa più di Ethereum dell’1,08%. Ciò è stato dimostrato dai pesi costituenti dell’Indice inclusi nel rapporto. Inoltre, XRP è stato anche notato che pesava solo il 6% in meno rispetto al bitcoin [BTC].

CoinMarketCap, il portale online che aggrega i dati relativi alla criptovaluta ha finalmente mostrato che l’XRP ha superato l’etereum [ETH] quando la moneta è stata spostata da un punto per spingere verso il basso Ether. All’inizio, i limiti di mercato di entrambe le monete erano alla pari, in lizza per il secondo posto. Tuttavia, questa volta, XRP ha mantenuto la sua posizione e ha lasciato la concorrenza. ETH ha perso la sua gloria quando la capitalizzazione di mercato ha iniziato a diminuire da $ 22 miliardi [circa].

Similmente, la capitalizzazione di mercato di XRP ha continuato ad apprezzare, allargando il divario tra le due monete e rendendo difficile per Ethereum riconquistare la sua gloria perduta. XRP è , mentre scriviamo, l’unico token che guida il toro. Il token è aumentato dell’1,6%, scambiato a $ 0,47 con una capitalizzazione di mercato di $ 19,3 miliardi. Il volume di trading totale di 24 ore è stato registrato a 535,2 milioni di dollari.

Ethereum, dal progetto Kin altre brutte notizie

Il progetto Kin, lanciato dagli sviluppatori dell’applicazione di messaggistica cross platform Kik, ha annunciato che si allontanerà completamente dalla blockchain di Ethereum a favore di Stellar. In un post sul blog pubblicato il 14 novembre 2018, il team Blockchain del progetto conduce Gadi Srebnik ha scritto: “Le app arrivano online con migliaia di consumatori che guadagnano e spendono Kin ogni giorno. Per continuare ad accelerare questa crescita stiamo spostando i Kin dall’Ethereum Blockchain e andando all in sulla Blockchain dei Kin.”

Kin è stato lanciato per la prima volta sulla blockchain di Ethereum come un gettone ERC20 dopo un’offerta di gettoni iniziali piuttosto soddisfacente (ICO). Nel dicembre 2017, tuttavia, il CEO di Kik Messenger Ted Livingston ha criticato Ethereum per essere inaffidabile e lo ha definito “un’era dial-up della blockchain”. In particolare, al momento di questa affermazione, la piattaforma dApp stava vivendo una congestione di rete imprevista simile a Bitcoin a causa di aumento del carico transazionale.

Le commissioni di transazione sulla rete Ethereum sono aumentate da pochi centesimi a diversi dollari, soprattutto dopo che il gioco da collezione CryptoKitties ha guadagnato popolarità universale. Dopo che le tariffe delle transazioni di Ethereum sono diminuite ei suoi sviluppatori hanno compiuto notevoli progressi verso il prossimo aggiornamento di scalabilità della piattaforma, Kin ha annunciato una migrazione pianificata verso la blockchain stellare nel 2018.

Dal momento che la piattaforma di Stellar è saldamente costruita attorno a un modello di pagamento, i suoi principali vantaggi includono scalabilità, velocità di transazione, basso costo ed efficienza energetica. A differenza di Ethereum, che processa solo da sette a 15 transazioni al secondo, la rete Stellar afferma di essere in grado di confermare oltre 1.000 al secondo. Tuttavia, Kin ha cambiato rotta ancora una volta nel marzo 2018 e ha deciso di coesistere su entrambe le piattaforme, Ethereum e Stellar.

L’annuncio ufficiale diceva: “Mentre Ethereum fornisce liquidità ai titolari di Kin, i tempi di caricamento e le tariffe non possono supportare le nostre esigenze di utilizzo quotidiano dei consumatori. L’aggiunta di Stellar come seconda blockchain ci consentirà di gestire il Kin Ecosystem su una base più veloce e più efficiente, con bassi costi di transazione, necessari per raggiungere la velocità e la scalabilità richieste dai servizi digitali nell’ecosistema. ”

A maggio del 2018, i limiti di un design a doppia blockchain iniziarono a diventare evidenti agli sviluppatori di Kin. In un post pubblicato l’8 maggio, hanno annunciato la loro convinzione che la creazione di una blockchain personalizzata sarebbe la migliore linea d’azione. Kin VP Netanel Lev ha spiegato che, poiché gli blockchain di generazione corrente non erano in grado di scalare in misura sufficiente, bisognava crearne uno nuovo e adattarlo specificatamente.

Il risultato si rivelò essere una fork senza fine della blockchain Stellar, chiamata Kin Blockchain. Il “Kin Blockchain” secondo Kin’s Gadi Srebnik, “The Kin Blockchain è una blockchain federata e decentralizzata basata sul protocollo Stellar, su cui Kin essere comprati, venduti, guadagnati e spesi.” Andando avanti, sarà anche l’unica fonte di token Kin.

In altre parole, i token Kin sulla blockchain di Ethereum verranno gradualmente eliminati.

Srebnik crede che questo approccio elimini l’inutile complessità degli scambi atomici e non costringa un utente a scegliere una particolare blockchain quando viene avviato con Kin. Mentre i dettagli tecnici del processo di migrazione non sono ancora stati rivelati, gli utenti che attualmente detengono i token Kin su Ethereum.

A quanto pare, la blockchain sarà presentata con “un modo semplice” per migrare alla Kin Blockchain. Le app sviluppate sull’infrastruttura Kin continueranno a funzionare come fanno oggi senza ulteriori interventi di sviluppo necessari. Tuttavia, con la blockchain di Kin, gli sviluppatori della piattaforma potrebbero finalmente aver soddisfatto il loro requisito elusivo di una catena scalabile.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY