Ethereum: arriva una canzone dedicata, mentre continuano gli attacchi su Twitter

Elon Musk, che è indiscutibilmente il principale imprenditore del mondo, ha finalmente fatto menzione di Ethereum (ETH). Mentre questo sarebbe normalmente visto come un potenziale punto di svolta per questa nascente industria, la menzione di Musk sulla popolare criptovaluta è avvenuta attraverso la lente di una possibile truffa. Martedì, Techmeme, un aggregatore di notizie con sede a San Francisco, ha pubblicato un tweet che ha evidenziato la rimozione da parte di Twitter di 486 account che avrebbero partecipato a schemi maligni.

Elon Musk, che è stato oggetto di attacchi tramite account Twitter che agiscono in modo malizioso, ha risposto opportunamente al tweet, sottolineando che si trattava di una “grande azione “Realizzato dal gigante dei social media che” aumenterà l’utilizzo da parte di utenti reali “. Mentre questa dichiarazione originale non faceva menzione di crypto, un altro utente di piattaforma rispose a Musk, prendendo in giro gli scambi di Ethereum nella seguente dichiarazione: “Elon quindi non mi manderai quell’ETH dopo tutto?”

Come riportato da Ethereum World News ai primi di luglio del 2018, il CEO di Tesla e SpaceX (tra gli altri successi) non è estraneo agli scambi di Twitter, poiché ha riconosciuto i robot che hanno tormentato il suo profilo per mesi, chiedendo “chi sta gestendo gli scambi di Ethereium”. Tornando alla questione, Musk, che è chiaramente consapevole di questi robot come stabilito, scherzosamente ha respinto una risposta, aggiungendo che l’ETH che è stato ‘promesso'” sta arrivando, “lo giuro”. “Una risposta non è stata inaspettata dall’uomo stesso, gli utenti di Twitter si sono subito accodati al thread per favorire la conversazione.

Dopo aver probabilmente ricevuto centinaia, se non migliaia di messaggi riguardanti ETH, altre risorse crittografiche e tecnologia blockchain, l’imprenditore di fama mondiale ha fatto un ultimo commento sulla situazione, affermando che “a questo punto, voglio ETH anche se è una truffa“.

Anche se questo è chiaramente uno scherzo, è confortante sapere che Elon Musk, un modello per milioni di persone in tutto il mondo, ha suscitato un certo interesse, anche se piccolo, in questa nascente industria che ha il potenziale per raggiungere un pubblico globale.

Anche se Twitter ha intrapreso azioni contro i suddetti 486 account, come riportato da un articolo tratto dalla colonna crittoguidata di The Next Web, la società di social media di San Francisco potrebbe semplicemente esacerbare il problema. Il ricercatore della sicurezza Troy Mursch ha recentemente rivelato che i conti che impersona l’esecutivo di Tesla erano in realtà “consigliati” da seguire da Mursch. Non erano solo questi account a impersonare Musk, ma non sorprende che stavano anche pubblicizzando link malevoli per un “Giveaway ufficiale da 5.000 ETH” di Elon Musk stesso.

Evidentemente, il tentativo di Twitter di modificare questo problema è stato ampiamente infruttuoso, con Mursch in seguito portato su Twitter per pubblicare ancora più immagini dello stesso problema. Questo problema è diventato così diffuso che il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha persino etichettato Jack Dorsey, CEO di Twitter, chiedendogli di risolvere il problema, chiedendo anche agli sviluppatori di stabilire una soluzione di secondo livello per filtrare questi bot. Finora, nulla sembra essere il risultato delle grida di aiuto di Buterin, in quanto questi robot rimangono una forza rampante da affrontare.

Ethereum, arriva anche una canzone dedicata

La tecnologia blockchain e la criptovaluta hanno portato allo sviluppo di molte cose e l’ultima è la musica. Più recentemente, il produttore electro sloveno Gramatik ha creato una canzone ispirata a Ethereum chiamata Vitalik Buterin. Gramatik ha realizzato la canzone in collaborazione con Kotek in un’intervista a Billboard, Gramatik ha rivelato che la canzone è un tributo a Vitalik Buterin, il fondatore della rete Ethereum. La canzone è anche il seguito dell’altra opera dell’artista, una traccia legata alla blockchain che prende il nome dal creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto.

Kotek ha rivelato di aver incontrato Gramtik nel 2016 mentre lo assisteva con la produzione di un brano precedente. Ha anche affermato di essere un fan di vecchia data di Gramtik e che la canzone è arrivata da lui durante una conversazione via email. Per quanto riguarda Gramtik, ha condiviso che la traccia è un “viaggio strumentale” che ha cinque elementi per tutta la sua durata che sono destinati a rappresentare i diversi stadi dello sviluppo dell’ecosistema di Ethereum.Gramatik è un artista apertamente pro-blockchain che si è “tokenizzato” negli ultimi anni. Durante il lancio, l’artista ha discusso dell’importanza della tecnologia blockchain, di come funziona la tokenizzazione dei progetti creativi e di come tale tokenizzazione consenta a fan e artisti di trarre profitto dal “token dell’artista”.

Ad oggi, il progetto di tokenizzazione di Gramatik è stato un grande successo , generando 7.500 Ethereum che detengono un valore di mercato di $ 2,48 milioni e ha migliaia di fan in tutto il mondo.

Il nuovo indice Morgan Creek esclude pre-mined di Ripple ma non Ethereum

Morgan Creek Capital Management, la casa d’investimento con $ 1,5 miliardi di attivi sotto la sua ala, ha rifiutato di includere Ripple nel suo nuovo fondo indice basato su regole.

Come riporta Forbes nel giorno di lancio di Digital Asset Index Fund il 28 agosto, Morgan Creek ha deciso di escludere qualsiasi criptovaluta con più del 30% di premi. Attualmente include otto criptovalute a cui gli investitori istituzionali e le altre parti possono ora guadagnare esposizione, il fondo Tuttavia, escludiamo anche i rialzi come Stellar $ 0,23231 0,38% e in futuro NEO $ 20,8584 1,24% e EOS $ 6,36748 3,07%. “Se c’è un partito centrale che possiede il 30% o più di offerta, noi tratteniamo quelli dall’indice”, il Morgan Creek Digital partner Anthony Pompliano ha detto alla pubblicazione. Perché pensiamo che questo introduce un sacco di ulteriori rischi che potrebbero non esserci se si trattasse di una rete più decentralizzata.

Le notizie continuano una tendenza problematica per Ripple e il suo gettone XRP attualmente su $ 0,34937. Come riportato da Bitcoinist la scorsa settimana, le polemiche continuano a girare attorno a entrambe le entità dopo i commenti rinnovati dal responsabile delle informazioni David Schwartz, in cui ha definito la rete di Ripple “più decentralizzata” rispetto a Bitcoin ed Ethereum. Precedentemente, Schwartz aveva detto che Ripple non era un “distribuito (…) Inoltre, per l’inclusione di un bene nel fondo, sono necessarie “qualifiche di custodia, limiti di concentrazione commerciale e capacità tecnica da garantire off-line”, aggiunge Forbes, senza rivelare se Ripple non ha soddisfatto altri criteri. Il co-fondatore di Bitwise Asset Management, che gestirà il fondo, nel frattempo ha proseguito con le sue ragioni: “Poiché il decentramento è una pietra angolare della maggior parte delle blockchain, avere una grande porzione di attività detenute centralmente è in contrasto con questo e potrebbe creare complessità diverse da quello che ci aspetteremmo da blockchain pubbliche”, ha aggiunto.

Il co-fondatore di Ethereum crede ancora nelle ICO

Parlando con Bloomberg, il cofondatore di Ethereum, Gavin Wood, ha discusso di Ethereum e di come evolveranno i mercati di ICO. Wood ha anche risposto alle domande degli ospiti dello show riguardo la crisi del mercato, e come questo influisce sullo sviluppo dell’infrastruttura digitale.

Parlando a Joe Weisenthal di Bloomberg “What’d You Miss?” Wood ha spiegato che la crisi del mercato è in realtà una buona cosa come va la produzione e lo sviluppo dei prodotti, dicendo che “quando un ciclo di interessi abbastanza consistente sta andando, scopriamo che c’è molto rumore e non è sempre così facile dire tra le persone che vogliono semplicemente essere nello spazio e persone che sono veramente giù per la tecnologia”.

Weisenthal ha poi accennato al fatto che l’interesse per gli ICO è “collassato” e ha chiesto a Wood ciò che ritiene possa suscitare un interesse continuo nelle offerte iniziali di monete, molte delle quali sono basate sulla rete di Ethereum. Wood ha menzionato in particolare che “gli ICO hanno ancora un po ‘di tempo per funzionare”, ma ha anche osservato che “ci sarà molta evoluzione per gli ICO su tutta la linea.” Nel 2018, gli ICO hanno visto un enorme successo nonostante la crisi generale del mercato della criptovaluta, con raccolta fondi da inizio anno molto superiore a quella degli anni precedenti. Secondo CoinSchedule, nei primi otto mesi del 2018, gli ICO hanno raccolto un totale di oltre $ 18 miliardi, rispetto ai $ 6,2 miliardi raccolti in tutto il 2017.

La maggior parte della raccolta fondi nel 2018 è stata guidata da una manciata di ICO di alto profilo , tra cui EOS, che ha raccolto poco meno di $ 4,2 miliardi, seguita dalla vendita privata di Telegram, che ha raccolto $ 1,7 miliardi. Nonostante il declino del mercato delle criptovalute, la raccolta fondi della ICO non è diminuita con il persistere del mercato degli orsi, con la maggior parte della raccolta di fondi ICO di quest’anno che si è tenuta a giugno.

Un problema che molte persone vedono con Ethereum e l’industria della criptovaluta in generale è la capacità, o la mancanza di ciò, di scalare per soddisfare le crescenti richieste di utilizzo. In particolare, Ethereum ha riscontrato problemi con il ridimensionamento e la rete è stata bloccata da CryptoKitties, l’applicazione virale decentralizzata per il gattino digitale.

Anche se il ridimensionamento è un problema persistente, esistono numerose soluzioni a questo problema, inclusa la liquidità Rete, Plasma, Raiden, OmiseGO, Loom Network, sharding e la stessa rete Polkadot di Wood.When rispondendo a una domanda riguardante i problemi di ridimensionamento, Wood ha dichiarato: “Il ridimensionamento è sicuramente qualcosa su cui le persone hanno lavorato per qualche tempo … e noi siamo iniziando a vedere i primi pezzi di innovazione … Ethereum sta cercando di portare avanti lo spazio di soluzione scalare con questa nozione di sharding, che è una cosa molto comune nelle basi di dati dove fondamentalmente si può dividere la blockchain in diversi bit.”

Wood ha anche discusso della sua società, Parity Technologies, e della loro soluzione al problema del ridimensionamento, una rete chiamata Polkadot. “Polkadot è davvero una piattaforma che porta il ridimensionamento come punto centrale e l’idea è che i singoli frammenti … possono essere essi stessi molto specifici per il dominio o il contesto in cui operano. Quindi possono tutti procedere insieme, e non c’è bisogno di elaborare tutto in linea come in progetti di blockchain quali Ethereum e Bitcoin. “Polkadot ha visto circa 150 milioni di dollari congelati in ETH dopo un bug di rete, a cui Wood ha detto,” ci saranno bug … siamo umani, e tendiamo a farli “, ha aggiunto che ora si sta concentrando maggiormente su come gestire e ridurre la probabilità di bug in futuro, sapendo che esisteranno sempre.

Le 5 più importanti crypto-personalità: c’è anche il fondatore di Ethereum

Il fatto che la criptovaluta sia diventata un fenomeno tanto che le famose personalità della sfera crittografica sono quasi alla pari con la popolarità delle star di Hollywood, ha fatto sì che n Exchange pubblicasse la lista delle 5 personalità più famose di Crypto.

Si tratta di Bithemoth Exchange, che colloca John McAfee in cima a diverse famose personalità crittografiche. John McAfee, il creatore del primo antivirus – McAfee Antivirus, si unì alla comunità cripto e raggiunse il punto di essere un influencer di rilievo. Bithhemoth dice di lui: “I suoi tweet sono non solo influenti ma anche divertenti. È noto per essere diverso e ha già avviato un movimento chiamato “Dichiarazione della libertà di indipendenza della moneta” per distruggere il denaro fiat in tutto il mondo”.

La seconda persona nella lista è Vitalik Buterin. Vitalik Buterin ha iniziato come scrittore per Bitcoin, e questo lo ha reso co-fondatore del famoso Bitcoin Magazine. Mentre scriveva di Bitcoin, pensò di svelare Ethereum. Bithemoth Exchange dice di lui: “No, non è un robot, è un individuo incredibilmente intelligente che ha raggiunto l’apice all’età di soli 24 anni. I suoi tweet sono tecnici e aumentano i dibattiti con gli sviluppatori di criptovalute in tutto il mondo. Non c’è da meravigliarsi se le sue decisioni hanno un impatto, dato il posto di Ethereum nel mercato delle criptovalute piazzato al 2 ° posto.”

Al terzo posto troviamo Roger Ver altrimenti noto come Bitcoin Jesus, che fondò Bitcoin Cash, finanziò l’invenzione di Blockchain.info e BitPay.

Quarto si piazza Changpeng Zhao, creatore dell’Exchange di criptovalute più grande del mondo, Binance. Al quinto posto non poteva che esserci Satoshi Nakamoto, un creatore sconosciuto di Bitcoin. Mentre la comunità della criptovaluta si aspetta di conoscere Nakamoto, il Chief Technical Officer di Ripple è uscito allo scoperto qualche giorno fa per dire che già conosceva la blockchain prima che essa venisse svelata.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY