Ethereum, arriva interessante progetto da co-fondatore Lubin

Il co-fondatore di Ethereum Joe Lubin ha stretto un’alleanza insolita con DrumG, una startup stealth emergente oggi e fondata da diversi dirigenti di alto livello della R3, uno dei concorrenti più pesantemente finanziati dalla blockchain di ethereum. Fa parte dell’investimento in contanti da 6,5 milioni di dollari della startup blockstar di ConsenSys di Lubin , la compagnia assumerà una partecipazione di minoranza in DrumG e Lubin stesso entrerà a far parte come membro esterno del consiglio di amministrazione.

L’insolita partnership tra individui che hanno investito così tanto tempo e denaro per costruire piattaforme concorrenti è il risultato di una serie di condizioni ugualmente inusuali nell’ecosistema blockchain in rapida evoluzione. In molti casi, i creatori di piattaforme open-source progettate per sostituire gli intermediari in tutti i settori con un libro mastro condiviso e condiviso sono le stesse persone che aiutano le imprese a costruire su quelle piattaforme.

DrumG di Bermuda è l’ultimo di una nuova generazione di società fondata da persone che aiutano a costruire questi blockchain ma che poi sono partiti per aiutare le imprese a costruire applicazioni reali su una vasta gamma di registri interconnessi. “Il Web decentralizzato del Web 3.0, che collega le aziende ai blockchains pubblici, è sicuramente un futuro di interlaccia”, ha detto Lubin, che oltre ad essere CEO di ConsenSys, siede su una serie di consigli per le aziende che sta aiutando a costruire. Saranno centinaia di migliaia di protocolli decentralizzati per transazioni fidate e accordi automatizzati.”

Come parte dell’investimento, per termini sconosciuti, Lubin dice che non solo siederà sulla tavola di DrumG, ma DrumG stesso avrà una “presenza significativa” “all’interno dell’ecosistema della tecnologia finanziaria ConsenSys. Ci sono attualmente più di 50 progetti gestiti da ConsenSys, molti dei quali sono nel settore finanziario.

Lubin dice di aver incontrato il co-fondatore di DrumG Tim Grant quando era ancora l’amministratore delegato del Lab e Research Center di R3, contribuendo a creare casi d’uso aziendali per il nascente consorzio di ledger distribuiti. Nel corso degli anni i due hanno frequentato molti degli stessi eventi, e circa nove mesi fa il potenziale che avrebbero potuto lavorare insieme è stato discusso seriamente. Poi, il 27 agosto 2017, DrumG è stato formalmente incorporato in Bermuda e le conversazioni sono iniziate diventare sempre più serio.

Ad oggi, DrumG prende il nome dalla strada Grant è cresciuto nel West Central Scotland. Ha 20 impiegati a Londra, New York, Singapore e Bermuda e userà l’investimento di oggi per completare ed espandere più strumenti in corso. Come risultato della stretta legami con ethereum e il registro distribuito Corda di R3, DrumG si concentrerà inizialmente sulle due piattaforme, con ben 10 blockchain da aggiungere presto.

Per aiutare le imprese a capire meglio come una tale vasta gamma di blockchain possa aiutarli a creare il sistema più efficiente in in qualsiasi settore, DrumG ha creato un database di ciò che Grant chiama 50 “dimensioni” della blockchain.

Le metriche di queste dimensioni vengono quindi utilizzate per generare benchmark che confrontino il potenziale valore aggiunto o salvato da diverse piattaforme. DrumG ha anche un brevetto provvisorio negli Stati Uniti sulla tecnologia progettato per standardizzare il modo in cui i suoi clienti parlano di flussi di lavoro aziendali, trasformando quei processi standardizzati in ciò che Grant chiama “protocolli aziendali” che possono essere venduti a spera sarà una frazione del totale che gli intermediari attualmente caricano.

DrumG non sta attualmente generando entrate e utilizzerà anche l’investimento per finalizzare due progetti in via di completamento. In particolare, DrumG si sta preparando a lanciare Titanium Network, un database decentralizzato e crittografato per informazioni sul trading over the counter (OTC) delle banche di investimento e valutazioni. Attualmente tale condivisione dei dati OTC richiede che le aziende forniscano le loro informazioni a terze parti fidate che poi la confrontano con aziende concorrenti e generano approfondimenti basati sui dati aggregati. Quelle aziende terze vendono poi le intuizioni di consenso alle stesse società che hanno creato i dati.

Invece, la Titanium Network elimina quegli intermediari spostando i dati delle transazioni anonimizzati su una versione autorizzata della blockchain etherum e generando le stesse intuizioni usando processi automatizzati . Costruita in collaborazione con il gigante bancario svizzero Credit Suisse, la piattaforma sarà demoata alla conferenza Sibos di quest’anno in Australia e dovrebbe entrare in diretta nel secondo trimestre dell’anno prossimo.

Grant dice che DrumG sta anche costruendo una seconda piattaforma senza nome per i clienti compresi i grandi fondi hedge , i primi broker e gli amministratori di fondi che cercano di sostituire i complicati servizi post-negoziazione che utilizzano attualmente per riconciliare i loro portafogli. Invece, la soluzione DrumG si affiderà al registro distribuito Corda di R3 per registrare quasi istantaneamente le negoziazioni di azioni e altro ancora.

Ma uno di questi progetti da solo è solo una mezza soluzione, secondo Grant. “Il vero obiettivo per noi, è che da qualche parte sulla linea quelle reti dovrebbero essere in grado di interoperare. Dovrebbero essere in grado di lavorare insieme. “Abbattere i confini all’interno del panorama blockchain super-competitivo non sarà facile. Sono finiti i primi tempi dell’idealismo blockchain, quando i concorrenti vivevano secondo il mantra “All ships rise” e si concentravano quasi esclusivamente sull’attuale sistema finanziario rotto come il più grande concorrente.

Come dice Grant, il sistema attuale, dominato dagli intermediari finanziari e centralizzato autorità, è “incatenato insieme”, e se i costruttori di blockchain non capiscono come lavorare insieme, corrono il rischio di creare infrastrutture completamente nuove con inefficienze completamente diverse. Con centri finanziari tradizionali come gli Stati Uniti che mostrano una certa riluttanza a creare nuovi paradigmi normativi per la tecnologia, Grant afferma di aver chiesto consiglio al gigante della contabilità globale EY prima di stabilirsi definitivamente a Bermuda.

Per aiutare gli innovatori di blockchain a lavorare in più giurisdizioni concorrenti, il piccolo territorio britannico nel mezzo dell’Oceano Atlantico all’inizio di quest’anno ha promulgato il Digital Asset Business Act per definire esplicitamente i requisiti normativi per un’ampia gamma di casi d’uso blockchain.

Fidelity, il fondo comune di 72 anni famoso sia a Wall Street che nella Silicon Valley, sta cambiando tatto e investendo miliardi di dollari in tecnologie emergenti come Blockchain, ha rivelato un dirigente di Fidelity. Per la sua lunga storia, l’azienda ha in programma di competere con le aziende tecnologiche e di non sovraperformare i concorrenti tradizionali come Charles Swab perché “blockchain è il nuovo cool”.

Nel corso della loro storia, il fondo comune è noto per essere un pioniere della tecnologia. Negli anni ’60, acquistarono il loro primo mainframe. Alcuni anni dopo, il fondo ha venduto i suoi fondi comuni di investimento tramite una linea telefonica gratuita e ha aperto Fidelity Money Line, il primo EFT per i fondi del mercato monetario. La loro tradizione innovativa è il risultato del loro continuo investimento e accettazione di tecnologia. L’azienda spende 2,5 miliardi di dollari l’anno in ricerca e sviluppo attraverso il Fidelity Center for Applied Technology (F-CAT) e Fidelity Labs.

In questi centri, il fallimento è permesso. È qui che i loro dipendenti possono rischiare il loro business di gestione dei fondi che non ha il fattore “molto divertente”. Con un mantra “fail fast and fail early”, Fidelity Labs può risparmiare denaro e concentrare i propri sforzi altrove. Ogni volta che c’è un progetto di successo, l’azienda esegue un test internamente prima di distribuire ai clienti a livello globale. È da questa innovazione che ha visto Fidelity Labs creare applicazioni di machine learning come Cora e Pebble.

Ora, Fidelity Labs fissa gli occhi su Blockchain e “ascolta il mercato”. Sebbene Katie Chase, a capo dell’incubazione di Blockchain presso Fidelity, ritenga che la tecnologia sia ancora nascente e alla prova della fase concettuale, il CEO Abby Johnson non è nuovo alle criptovalute. Quando Bitcoin vendeva al dettaglio a $ 180, lui e il suo collega “si incuriosivano” e iniziarono ad approfondire. Attualmente, Fidelity Labs sta esplorando casi di utenti per applicazioni blockchain pubbliche e private.

Katie ha detto: “È (blockchain) ancora in divenire. Se si scava sotto le coperte è ancora nella fase di prova del concetto. Abbiamo cercato di applicare la blockchain ad alcuni casi d’uso in cui abbiamo appreso molto, ma la tecnologia non è abbastanza matura per risolvere questi problemi. “Con i prezzi dei bitcoin che aumentano e la blockchain sta diventando più diffusa, c’è un cambiamento. I dipendenti di Fidelity ora hanno un club blockchain attivo con oltre 2.600 membri chiamati “bit e blocchi”.

A parte il loro accordo con CoinBase, in cui i clienti di Fidelity possono in qualsiasi momento controllare i loro saldi di criptazione. La natura disgelante delle aziende di Wall Street è decisamente un vantaggio per le criptovalute e le notizie di Fidelity sono un marchio di approvazione.

JP Morgan, Morgan Stanley e altre grandi banche stanno sperimentando la tecnologia blockchain in un modo o nell’altro. Proprio di recente, Google ha annullato il divieto di pubblicità in criptovaluta.

Poi, oggi, il premier delle Bermuda e il ministro delle finanze David Burt si sono uniti a Grant e Lubin sul palco dell’Harbourview Ballroom dell’Hamilton Princess nelle Bermuda per annunciare formalmente la partnership e discutere del suo potenziale impatto sulle economie globali e locali. Un recente rapporto della Bermuda Business Development Agency ha stimato che 286.000 dollari verranno generati sull’isola da ogni lavoro blockchain creato.

“Bermuda sta definendo gli standard per le imprese fintech e offre una giurisdizione sofisticata, moderna e ben regolata in cui gli innovatori possono dare vita alle loro idee”, ha dichiarato il Premier Burt, in una dichiarazione inviata a Forbes. “Non vediamo l’ora di seguire DrumG Technologies mentre è in prima linea.” Mentre DrumG è sicuramente uscito dalla stealth in grande stile con il suo investimento in serie A da un leader blockchain di tutto rispetto, e due progetti dal vivo in fase di completamento, ha una seria concorrenza.

All’inizio di quest’anno, l’ex CEO di Ripple, Stefan Thomas, ha lasciato Ripple per fondare Coil, un’altra casa di produzione distribuita per aiutare le aziende a costruire utilizzando lo strumento di interoperabilità blockchain di Interledger e la criocopia di XRP. Anche quest’anno la società di venture capital Boldstart Ventures ha aiutato a lanciare mState a investire in progetti blockchain aziendali.

Il primo investimento di MState, in Blockdaemon con sede a New York, è progettato per offrire ai suoi clienti la distribuzione point-and-click di applicazioni basate su Bitcoin, Ethereum, Stellar, Aion, Corda, Hyperledger Fabric, Multichain e Quorum. Non è preoccupato per tale competizione, dice che è un aspetto cruciale della sostituzione dell’infrastruttura finanziaria mondiale su una rete di soluzioni blockchain. Se la mentalità “Tutte le navi si alzano” è lasciata ai bidoni della storia della blockchain, Grant spera che ne emerga una nuova, “convergenza”.

“In definitiva, tutto questo convergerà”, ha detto Grant. “Il tribalismo si dissiperà, i giardini murati scenderanno e una grande domanda è chi rimarrà e in quale stato? Ora nessuno conosce la risposta, ma sappiamo che se non si guarda avanti e si inizia a prepararsi in modo significativo, è probabile che rimarrai indietro.”

La ricerca rivela risultati interessanti su oscillazioni dei prezzi di Ethereum correlate all’ICO

Un nuovo rapporto pubblicato da BitMEX ha portato conclusioni interessanti sul bilancio di Ethereum di diversi progetti di ICO. L’analisi dei dati appartenenti a 222 progetti è stata effettuata in collaborazione con TokenAnalyst. Tuttavia, i risultati mostrano che i conti di tesoreria di questi progetti di ICO potrebbero non essere stati esposti ai turni di prezzo di Etherum come si credeva.

L’analisi di MEX è stata eseguita per determinare quanti profitti e perdite hanno sofferto questi progetti durante le variazioni dei prezzi di Ethereum. Tuttavia, i risultati indicano che la maggior parte dei progetti ha venduto il maggior quantitativo di Ethereum che hanno generato, almeno in termini di dollari USA. Ciò significa che i progetti hanno già ottenuto significativi guadagni durante il mercato orso, pur non vendendo tutto il loro Ethereum.

Il prezzo di Ethereum è diminuito di quasi l’85% da quando la valuta ha raggiunto il suo picco nel dicembre 2017. Questo è il momento in cui molti hanno notato che i progetti ICO si concentrano principalmente su Ethereum. Per questo motivo, gli esperti hanno iniziato a chiedersi se questa fosse una mossa saggia e se potesse causare una “spirale al ribasso dei prezzi”. Se il prezzo di Ethereum dovesse diminuire, molti si aspettavano che tutti questi progetti ICO iniziassero a vendere ETH in preda al panico.

Il rapporto di BitMEX mostra che 222 progetti hanno raccolto circa 5,5 miliardi di dollari in Ethereum. Tuttavia, il rapporto afferma che ormai la maggior parte di questi progetti ha già venduto lo stesso importo in dollari USA, mantenendo comunque una quota del 25% di ETH. La maggior parte di questi progetti ha raggiunto questo risultato vendendo la moneta prima il suo prezzo si è schiantato. A causa di previsioni corrette, sono riusciti a evitare le perdite e hanno persino realizzato guadagni per $ 727 milioni.

Inoltre, come accennato in precedenza, possiedono ancora circa 3,8 milioni di Ethereum nei loro bilanci. Sfortunatamente, molti aspetti potrebbero aver interferito con l’ottenimento di dati corretti durante l’analisi. Per questo motivo, la relazione dovrebbe essere considerata una stima alquanto approssimativa. Un progetto che ha avuto un impatto significativo è EOS.

Secondo l’analisi, EOS ha raccolto quasi il 70% di Ethereum rispetto al suo valore in USD. Da allora, il progetto ha venduto regolarmente ETH durante il periodo di ICO. BitMEX è anche riuscito a identificare circa 171 transazioni private EOS che contenevano Ethereum. Le transazioni interne hanno reso l’analisi dei dati molto più complicata. Soprattutto perché c’è la possibilità che Ethereum sul bilancio di EOS sia stato contato due volte. Ma il rapporto afferma che non c’è motivo di credere che l’ETH sia stato riciclato. Se fosse vero, la sola EOS riuscì a raccogliere oltre 7,2 milioni di Ethereum durante l’ICO.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY